ACCERTAMENTO E CONTENZIOSO

La rilevanza penale delle fatture soggettivamente inesistenti

“Ai fini della configurabilità del reato di cui all’articolo 2 del D.Lgs. n. 74/2000, in ordine all’evasione delle imposte sui redditi, rilevano solo le operazioni oggettivamente inesistenti, ovvero quelle relative alla diversità, totale o parziale, tra costi indicati e costi sostenuti, e non anche le operazioni soggettivamente inesistenti, quando cioè l’operazione oggetto di imposizione fiscale…

Continua a leggere...

Verso il processo tributario telematico: le notifiche a mezzo pec

Ultime settimane per gli appassionati del rito cartaceo e poi comincerà l’era dei giudizi tributari esclusivamente telematici. È noto infatti che l’articolo 16, comma 5, D.L. 119/2018 ha stabilito che le disposizioni del processo tributario telematico (P.T.T.) si applicano ai giudizi instaurati, in primo e in secondo grado, con ricorso notificato a decorrere dal 1°…

Continua a leggere...

Gli appunti extracontabili possono essere utilizzati per l’accertamento

La verifica fiscale viene definita come un’indagine di polizia amministrativa finalizzata a: prevenire, ricercare e reprimere le violazioni alle norme tributarie e finanziarie; qualificare e quantificare la capacità contributiva del soggetto che ad essa viene sottoposto. La stessa può essere eseguita nei confronti di qualunque persona fisica o giuridica o società di persone o ente…

Continua a leggere...

I bonifici esteri sono ricavi neri se non smentiti analiticamente

In materia di indagini finanziarie, la disponibilità di ingenti somme derivanti da bonifici esteri fa presumere l’esistenza di un reddito imponibile in capo al contribuente, soggetto al quale è demandata la prova contraria dell’irrilevanza fiscale, ai sensi dell’articolo 32 D.P.R. 600/1973. È questo il principio ribadito dalla Corte di Cassazione con ordinanza 6 maggio 2019,…

Continua a leggere...

Niente sanzioni in caso di giurisprudenza discordante

In tema di sanzioni amministrative, la formazione di orientamenti giurisprudenziali discordanti rappresenta un fatto indice rivelatore di incertezza normativa oggettiva, come tale idoneo ad escludere l’irrogazione della sanzione ex articolo 10, comma 3, L. 212/2000, concretandosi in una situazione giuridica caratterizzata dalla impossibilità di individuare con sicurezza ed univocamente, al termine di un procedimento interpretativo…

Continua a leggere...

Fatture per operazioni inesistenti: va valutato il codice attività

La contabilizzazione in bilancio e l’indicazione nella relativa dichiarazione dei redditi di fatture per operazioni inesistenti, può comportare anche sanzioni penali, in applicazione delle disposizioni contenute nell’articolo 2 D.Lgs. 74/2000. Nello specifico, il legislatore ha introdotto una norma che punisce con la reclusione da un anno e sei mesi a sei anni chiunque, al fine…

Continua a leggere...

Nelle indagini finanziarie il contraddittorio è sempre obbligatorio?

A mente dell’articolo 32, comma 1, n. 2), D.P.R. 600/1973 gli uffici delle imposte possono invitare i contribuenti, indicandone il motivo, a comparire di persona o per mezzo di rappresentanti per fornire dati e notizie rilevanti ai fini dell’accertamento nei loro confronti, anche con riguardo ai rapporti ed alle operazioni bancarie acquisiti da parte dell’Amministrazione…

Continua a leggere...

La natura del pegno determina la sequestrabilità del conto corrente

In materia di reati tributari, la sequestrabilità dei conti correnti bancari, che risultino gravati da pegno, dipende dalla natura regolare o irregolare di quest’ultimo, la quale deve essere vagliata dal giudice facendo riferimento al contratto concluso fra il presunto evasore e l’istituto di credito. È questo l’interessante principio sancito dalla Corte di Cassazione con sentenza…

Continua a leggere...

La diserzione del contraddittorio non pregiudica la sospensione dei 90 giorni

In tema di accertamento con adesione, la sospensione del termine di impugnazione dell’atto impositivo continua ad operare anche in ipotesi di abbandono del contraddittorio con diserzione delle successive convocazioni, cessando solo in caso di formale ed irrevocabile rinuncia al procedimento di concordato. È questo il principio ribadito dalla Corte di Cassazione con ordinanza n. 8643…

Continua a leggere...

Abuso del diritto e onere della prova

Le disposizioni in tema di elusione fiscale sono attualmente contenute nell’articolo 10-bis L. 212/2000, a mente del quale configurano abuso del diritto una o più operazioni prive di sostanza economica che, pur nel rispetto formale delle norme fiscali, realizzano essenzialmente vantaggi fiscali indebiti che, come tali, sono disapprovati dall’ordinamento giuridico. Tali operazioni non sono opponibili…

Continua a leggere...