IVA

Anticipi su forniture: la gestione ai fini Iva e contabile

Nel caso in cui siano pagati oppure si ricevano acconti di natura commerciale, occorre tenere in considerazione gli obblighi ai fini Iva e la giusta esposizione in bilancio a seconda della tipologia di operazione. Il versamento di un acconto, rappresentando l’anticipazione del corrispettivo pattuito, assume in linea generale rilevanza ai fini Iva con il conseguente…

Continua a leggere...

Effetti dell’omesso reverse charge al vaglio della Corte di giustizia

La sentenza resa dalla Corte di giustizia nella causa C-691/17 dell’11 aprile 2019 (PORR) conferma l’orientamento giurisprudenziale in base al quale l’erronea applicazione dell’Iva ad una operazione soggetta al meccanismo del reverse charge non consente al cliente di esercitare la detrazione, potendo quest’ultimo chiedere il rimborso dell’imposta al fornitore o, se insolvente, direttamente all’Autorità fiscale….

Continua a leggere...

Servizi resi a soggetti comunitari e assolvimento imposta di bollo

Le operazioni effettuate nei confronti di controparti non residenti, non stabilite in Italia (comunitari o extra-comunitari), come noto, non sono soggette all’obbligo di fatturazione elettronica; resta una facoltà del soggetto passivo nazionale scegliere, per le sole operazioni attive, di emettere una fattura elettronica in formato xml da trasmettere al Sistema di Intercambio (con codice destinatario…

Continua a leggere...

Nell’esterometro solo le operazioni soggette all’obbligo di registrazione

A pochi giorni dalla scadenza per la presentazione della comunicazione delle operazioni transfrontaliere di cui all’articolo 1, comma 3-bis, D.Lgs. 127/2015 (c.d. “esterometro“), gli operatori economici sono ancora alle prese con alcuni dubbi da risolvere. Si ricorda che, a seguito della proroga disposta a gennaio, entro il prossimo 30 aprile è necessario presentare la comunicazione…

Continua a leggere...

Esterometro sotto la lente di Assonime

I soggetti stabiliti all’estero, ma identificati in Italia, possono esercitare la detrazione dell’Iva con la fattura elettronica depositata nell’area riservata del sito internet dell’Agenzia delle Entrate, mentre vanno comunicate con l’esterometro soltanto le fatture soggette a registrazione. Sono queste le principali indicazioni che Assonime, nella circolare n. 10/2019, ha fornito nell’analizzare alcuni chiarimenti resi dall’Agenzia…

Continua a leggere...

Prestazioni sanitarie e estrazioni dai depositi Iva con fattura cartacea

Con le risposte alle istanze di interpello n. 103 e 104 l’Agenzia delle entrate ha fornito ulteriori chiarimenti in relazione agli obblighi di emissione della fattura elettronica. La risposta n. 103 riguarda le prestazioni poste in essere da uno studio associato medico odontoiatrico che svolge, oltre all’attività tradizionale di dentista, anche quella di chirurgia e…

Continua a leggere...

Estrazione dei beni dai depositi Iva “in chiaro”

Gli operatori non stabiliti in Italia che estraggono i beni da un deposito Iva non sono obbligati ad emettere autofattura in formato elettronico mediante Sistema di Interscambio e sono esonerati anche dal cd. “esterometro”. È il chiarimento fornito dall’Agenzia delle Entrate nella risposta all’interpello n. 104 del 9 aprile 2019 sugli obblighi di fatturazione elettronica…

Continua a leggere...

Liquidazione Iva ultimo trimestre 2018 e rettifiche

Scade oggi, 10 aprile 2019, il termine per comunicare i dati delle liquidazioni Iva del quarto trimestre 2018 (modello Lipe), di cui all’articolo 21-bis D.L. 78/2010. Con il D.P.C.M. 27.02.2019 è stato prorogato, oltre al termine di invio dello spesometro (secondo semestre 2018) e dell’esterometro (mesi di gennaio e febbraio) al 30 aprile 2019, anche…

Continua a leggere...

Per l’Agenzia plafond precluso per gli appalti immobiliari

L’esportatore abituale non può avvalersi del plafond Iva in relazione ai servizi di appalto relativi alla costruzione di un immobile. È quanto affermato dall’Agenzia delle entrate nel principio di diritto n. 14 pubblicato ieri sul proprio sito internet, confermando quanto già in passato sostenuto in relazione ai limiti per l’utilizzo del beneficio del plafond da…

Continua a leggere...

Destinazione doganale “a posteriori” anche per i servizi internazionali

In un precedente articolo, è stata commentata la sentenza resa nella causa C-275/18 del 28 marzo 2019 (Milan Vinš), con la quale la Corte di giustizia UE ha fornito la propria interpretazione dell’articolo 146, par. 1, lett. a), Direttiva 2006/112/CE, che impone agli Stati membri di esentare da Iva “le cessioni di beni spediti o…

Continua a leggere...