IVA

Locazioni Brevi: quando è necessaria la partita Iva?

Circa tre anni fa il legislatore, con D.L. 50/2017, estese il regime della cedolare secca alle locazioni brevi, consentendo a coloro che affittavano i propri immobili abitativi, per periodi inferiori ai 30 giorni, di godere della tassazione del reddito in misura agevolata del 22%, anziché far concorrere il reddito degli immobili alla formazione di quello…

Continua a leggere...

Procedure concorsuali: ammesso il recupero dell’Iva anche senza nota di credito

Non è necessario attendere la fine della procedura fallimentare per poter emettere la nota di variazione, in quanto la procedura potrebbe durare anche più di dieci anni e questo metterebbe in una posizione di svantaggio gli imprenditori italiani rispetto ai concorrenti degli altri Stati membri; inoltre, a fronte di procedure concorsuali infruttuose, non è necessario…

Continua a leggere...

La mancanza del vincolo finanziario “allontana” la branch dal gruppo Iva

La risposta all’istanza di interpello n. 539 di ieri ci consente di ricapitolare le regole per la partecipazione al cosiddetto gruppo Iva. Il caso rappresentato è quello di un gruppo Iva di cui è rappresentante la capogruppo Alfa S.p.A., che ha presentato l’istanza di interpello finalizzata all’esclusione della branch italiana, istituita a seguito di un’operazione…

Continua a leggere...

Le fatture elettroniche in reverse charge attive e passive

L’emissione di fatture elettroniche assoggettate ad inversione contabile con il codice “Natura operazione” N6, richiede un maggior dettaglio delle tipologie di operazioni poste in essere. Nell’ultima versione 1.6.1 del 1° ottobre 2020 delle specifiche tecniche della fatturazione elettronica, è stata indicata la data di fine validità del codice generico. La Natura N6 inversione contabile (per…

Continua a leggere...

I rifiuti della fattura elettronica da parte delle PA vanno motivati

Il D.M. 132/2020, pubblicato nella GU Serie Generale n.262 del 22 ottobre 2020 ed in vigore dall’11 novembre, interviene sulle cause che consentono alle amministrazioni pubbliche destinatarie di rifiutare le fatture elettroniche, affinché venga regolato tale strumento. Il legislatore ha infatti voluto assicurare che non si verifichino rigetti impropri delle fatture elettroniche da parte delle…

Continua a leggere...

La territorialità dei servizi fieristici nei rapporti BtoB

Dal punto di vista Iva, le prestazioni di servizi legate all’organizzazione di eventi fieristici sono territorialmente rilevanti nel Paese in cui risiede il committente del servizio. Ciò in quanto tale tipologia di servizio non è espressamente richiamata dagli articoli 7-quater e 7-quinquies D.P.R. 633/1972 e di conseguenza si applica la regola generale contenuta nell’articolo 7-ter,…

Continua a leggere...

Numerazione delle fatture: non consentita la sequenzialità in base al giorno

La consecutività della numerazione della fattura basata sulla data di emissione non è idonea a garantire la sequenzialità richiesta dalla norma: questo è il chiarimento contenuto nella risposta all’istanza di interpello n. 505, pubblicata ieri, 29 settembre 2020. Tale metodo, infatti, non consentirebbe ai verificatori di riscontrare l’esistenza di buchi nella sequenza e di conseguenza…

Continua a leggere...

Schede telefoniche prepagate: Iva detraibile (parzialmente?) e recupero per il passato

Con la risoluzione 69/E/2020 l’Agenzia delle Entrate, su indicazioni del Ministero delle Finanza, chiarisce che le spese di ricarica dei telefoni mobili fatturate ai soggetti passivi, con distinta indicazione dell’imposta, direttamente dagli operatori telefonici, sono con Iva detraibile, e di fatto smentisce l’indicazione fornita nel passato da Direzioni Regionali della stessa Agenzia, allo scopo interpellate,…

Continua a leggere...

Società non operative: legittimo il diniego al rimborso del credito Iva

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 23655, depositata ieri, 28 ottobre, ha confermato il principio in base al quale è legittimo il diniego al rimborso del credito Iva da parte dell’Amministrazione Finanziaria alla società di comodo, anche senza l’attivazione del contradditorio endoprocendimentale, se questa non ha presentato apposito interpello preventivo. Si premette che ai…

Continua a leggere...

Regole Iva per le opere rese in ambito portuale

A livello normativo i criteri di tassazione previsti per talune tipologie di servizi sono contenuti nell’articolo 9 D.P.R. 633/1972, il quale, tra le altre tipologie indicate dal legislatore, prevede che costituiscono servizi internazionali o connessi agli scambi internazionali non imponibili ai fini Iva anche i servizi prestati nei porti, autoporti, aeroporti e negli scali ferroviari…

Continua a leggere...