IVA

Via libera all’Iva ridotta per le pubblicazioni on line

Il 2 ottobre 2018 il Consiglio europeo ha approvato la proposta di Direttiva che, nel modificare la Direttiva n. 2006/112/CE, consente agli Stati membri di estendere l’applicazione dell’aliquota ridotta o super-ridotta ai prodotti editoriali in formato elettronico, con effetto dal ventesimo giorno successivo alla pubblicazione della Direttiva nella GUUE. Secondo le regole attuali, i prodotti…

Continua a leggere...

Fattura elettronica: avvio senza sanzioni

Per il primo semestre 2019 il decreto fiscale approvato dal Governo conferma l’inapplicabilità di sanzioni per la tardiva emissione delle fatture elettroniche purché siano emesse entro il termine di liquidazione dell’imposta periodica in cui è avvenuta l’effettuazione dell’operazione. È quanto emerge dalla lettura del decreto collegato alla Legge di Bilancio 2019 in cui si è…

Continua a leggere...

Servizi di accoglienza migranti resi da cooperative con Iva al 5%

La norma che all’interno del decreto Iva contiene la disciplina sulle aliquote dell’imposta è l’articolo 16 che si struttura in tre commi (il comma 4 è stato abrogato già dal 1997). Al fine di approfondire i diversi aspetti della materia, è stata pubblicata in Evolution, nella sezione “Iva”, una apposita Scheda di studio. Il presente…

Continua a leggere...

Plafond Iva trasferibile alla affittuaria anche senza comunicazione

L’articolo 8, comma 4, D.P.R. 633/1972 dispone che, in caso di affitto di azienda, il plafond Iva relativo allo status di esportatore abituale della società affittante è trasferibile alla affittuaria, se tale condizione è espressamente prevista nel contratto di affitto di azienda e se ne viene data “comunicazione con lettera raccomandata entro trenta giorni all’ufficio…

Continua a leggere...

Triangolazione intra-UE con intervento di soggetto extra-UE

Nella prassi delle operazioni con l’estero può accadere che i beni acquistati dal destinatario italiano siano oggetto di triangolazione tra il fornitore di altro Paese UE e il cliente di un Paese extra-UE, con destinazione finale dei beni in Italia, a soggetto che può acquistare in qualità di operatore economico o di privato consumatore. Consideriamo,…

Continua a leggere...

Servizi relativi a beni immobili in occasione di eventi sportivi

Nella disciplina della territorialità IVA delle prestazioni di servizi applicabile dal 1° gennaio 2010, si distinguono le prestazioni rese nei confronti di committenti soggetti passivi IVA da quelle rese nei confronti di committenti non soggetti passivi IVA. Al fine di approfondire i diversi aspetti della materia, è stata pubblicata in Evolution, nella sezione “Iva”, una…

Continua a leggere...

Il regime Iva dei servizi di accoglienza ai migranti

Sollecitata da un’istanza di interpello presentata dal competente Ministero, l’Agenzia delle entrate, con la risoluzione 74/E/2018, è intervenuta sul regime Iva applicabile alle prestazioni di servizi rese nei centri di accoglienza ai migranti e ai richiedenti asilo. Tali centri sono attivati dagli organi periferici del Ministero istante i quali, con gare a evidenza pubblica, affidano…

Continua a leggere...

Preliminare e rogito con trattamento Iva differenziato – II° parte

Come visto nella prima parte del contributo, il costruttore che cede un immobile è sottoposto ad un trattamento Iva differenziato in base a quanto tempo è trascorso dalla fine dei lavori di costruzione. Esaminiamo ora le conseguenze fiscali nel caso in cui gli acconti pagati sulla base del preliminare presentino un trattamento Iva diverso rispetto…

Continua a leggere...

Reverse charge allargato per combattere le frodi Iva

Il 2 ottobre 2018, il Consiglio europeo ha approvato la proposta di Direttiva che consentirà agli Stati membri maggiormente colpiti dalle frodi carosello di applicare, fino al 30 giugno 2022, il meccanismo del reverse charge per tutte le cessioni di beni e le prestazioni di servizi di valore unitario superiore a 17.500 euro. L’autorizzazione sarà…

Continua a leggere...

Preliminare e rogito con trattamento Iva differenziato – I° parte

Il regime Iva per la cessione dei fabbricati da parte del soggetto costruttore/ristrutturatore ruota attorno al termine quinquennale, superato il quale si passa dal regime di obbligatoria imponibilità a quello di imponibilità opzionale; può capitare che preliminare e atto di compravendita si pongano sui due versanti, con la conseguenza che gli acconti ed il saldo…

Continua a leggere...