FISCALITÀ INTERNAZIONALE

Spese per servizi infragruppo e rilevanza della certificazione del revisore

La sentenza della Commissione Tributaria Regionale della Lombardia n. 4813/2018 ha riportato in evidenza un tema già affrontato in alcune circostanze anche dalla giurisprudenza della Cassazione: la rilevanza della relazione del revisore indipendente rispetto alla deduzione fiscale dei costi sostenuti per la prestazione di servizi infragruppo (fattispecie spesso tuttora indicata con il termine, per la…

Continua a leggere...

Telefisco 2019: idoneità del set documentale ai fini del transfer price

Sempre più spesso, nel corso delle verifiche fiscali eseguite nei confronti di Gruppi multinazionali, emergono importanti criticità in ordine alla corretta determinazione dei prezzi di trasferimento, in linea con le disposizioni previste dall’articolo 110, comma 7, Tuir recentemente modificato dal D.L. 50/2017. Per stessa ammissione delle Linee guida Ocse, nel recente rapporto del 2017, la…

Continua a leggere...

La verifica fiscale finalizzata a determinare la residenza fiscale

Ai fini delle imposte sui redditi si considerano residenti le persone che per la maggior parte del periodo d’imposta sono iscritte nelle anagrafi della popolazione residente o hanno nel territorio dello Stato il domicilio o la residenza ai sensi del codice civile. Di conseguenza, ai sensi dell’articolo 2, comma 2, Tuir qualora il contribuente, per…

Continua a leggere...

Nuova disciplina per le Cfc con il recepimento della Direttiva Atad

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale n. 300 del 28 dicembre 2018 del D.Lgs. 142/2018 è stata data attuazione alla Direttiva UE 2016/1164 (c.d. “Anti Tax Avoidance Directive” – in sigla “Atad”). Fra le varie modifiche contenute nel provvedimento legislativo vi è anche la revisione integrale della disciplina in materia di “imprese estere controllate” (c.d….

Continua a leggere...

Confermato l’obbligo di individuare la provenienza dei dividendi black list

Come noto gli utili distribuiti, in qualsiasi forma e sotto qualsiasi denominazione, sono esclusi dalla formazione del reddito della società o dell’ente ricevente per il 95% del loro ammontare. Tuttavia, ai sensi dell’articolo 89, comma 3, Tuir tale parziale esclusione da tassazione si applica solo agli utili provenienti dalle società e gli enti di ogni…

Continua a leggere...

I nuovi criteri di individuazione dei dividendi paradisiaci

Le regole impositive previste in tema di dividendi black list hanno subito, in rapida scansione temporale, radicali modifiche. Anzitutto, con il D.Lgs. 147/2015, noto come decreto per la crescita e l’internazionalizzazione delle imprese, il legislatore ha tracciato le condizioni al ricorrere delle quali si applicano le disposizioni antielusive previste in subiecta materia. Nello specifico, dal…

Continua a leggere...

Intermediari e disclosure obbligatoria delle operazioni fiscali sospette

La lotta alla pianificazione fiscale aggressiva sta, oramai da qualche anno a questa parte, impegnando congiuntamente OCSE e Unione europea. Tra le iniziative di maggior rilievo si segnala in particolare la spinta verso una maggiore trasparenza confluita: a livello OCSE nelle Mandatory Disclosure Rules del progetto BEPS (Base Erosion and Profit Shifting) Action12, recepite nel…

Continua a leggere...

Gli interessi economici e professionali determinano la residenza fiscale

La normativa sostanziale di riferimento che consente, a livello domestico, di determinare la residenza fiscale di una persona fisica, è contenuta nell’articolo 2, comma 2, Tuir, a norma del quale il soggetto passivo è considerato fiscalmente residente in Italia se, per la maggior parte del periodo d’imposta: è iscritto presso l’anagrafe della popolazione residente; ha…

Continua a leggere...

Treaty shopping: la Cassazione impone nuovi oneri probatori

Il “treaty shopping” può essere definito come un fenomeno di elusione fiscale internazionale attuato mediante l’interposizione di una o più società (c.d. conduit company) nelle transazioni economiche intercorse, in realtà, tra altri soggetti. L’obiettivo finale è quello di sfruttare le migliori condizioni previste dagli accordi internazionali contro le doppie imposizioni sui redditi e, simmetricamente, ottenere…

Continua a leggere...

Libertà di stabilimento ed esterovestizione

Come noto, ai sensi dell’articolo 73, comma 3, Tuir, le società, gli enti ed i trust sono considerati fiscalmente residenti in Italia, quando per la maggior parte del periodo d’imposta (183 giorni) hanno la sede legale o la sede dell’amministrazione o l’oggetto principale nel territorio dello Stato. Al fine di evitare fenomeni di doppia imposizione…

Continua a leggere...