FISCALITÀ INTERNAZIONALE

Esterovestizione di una società cinese

Con specifico riferimento alle persone giuridiche residenti, l’ordinamento tributario domestico, in attuazione del principio della tassazione del reddito mondiale, prevede che le stesse siano assoggettate ad imposizione in Italia per tutti i redditi ovunque prodotti c.d. worldwide taxation principle. Di contro, le società e gli enti non residenti sono assoggettati ad imposizione in Italia solo…

Continua a leggere...

Esterovestizione societaria: come eliminare la doppia imposizione

Sulla base di un ormai consolidato orientamento espresso da parte della Corte di cassazione, per “esterovestizione” si intende la fittizia localizzazione della residenza fiscale di una società all’estero, in particolare in un Paese con un trattamento fiscale più vantaggioso di quello nazionale. Quindi, l’esterovestizione (c.d. “Foreign-dressed companies”) è un termine che si riconduce a particolari…

Continua a leggere...

Il quadro RW 2022 per il 2021: particolarità e stranezze

Il quadro RW 2022 per il 2021 non presenta elementi di novità rispetto all’anno precedente nel senso che il modello e le istruzioni non hanno subito variazioni. È però sempre interessante segnalare alcune particolarità e stranezze connesse alla compilazione. La casella 1, relativa al codice titolo di possesso, deve sempre essere compilata se è presente…

Continua a leggere...

Treaty shopping: regime fiscale dei dividendi infragruppo

Come noto, la clausola antiabuso del beneficiario effettivo è contenuta nei trattati internazionali contro le doppie imposizioni sui redditi stipulati dall’Italia con altri Paesi, nelle direttive comunitarie (es. n. 2003/49/CE – interessi canoni) e nelle disposizioni domestiche (es. articolo 26-quater D.P.R. 600/1973). Tale disposizione ha il precipuo scopo di arginare artificiose triangolazioni nei flussi reddituali…

Continua a leggere...

Lettere di compliance delle Entrate sul monitoraggio fiscale: che fare?

Come noto, diverse lettere di compliance in tema di investimenti esteri stanno pervenendo ai contribuenti e quindi, di riflesso, giungono sulle scrivanie dei professionisti che li seguono. Quale approccio è opportuno seguire in questi casi? La prima via, assolutamente sconsigliata, è quella di ignorare l’avviso. È evidente che in questi casi l’Ufficio provvederà successivamente ad…

Continua a leggere...

Residenza fiscale per il cittadino con legami personali o interessi economici in Italia

In tema di soggettività fiscale del cittadino italiano residente all’estero, ai sensi del combinato disposto dell’articolo 2 Tuir e dell’articolo 43 cod.civ., deve considerarsi soggetto passivo il cittadino italiano che, pur risiedendo all’estero, stabilisca in Italia, per la maggior parte del periodo di imposta, il suo domicilio, inteso come la sede principale degli affari e…

Continua a leggere...

Transfer price e onere della prova: analisi della recente giurisprudenza

Come noto, l’articolo 110, comma 7, Tuir stabilisce la normativa sostanziale di riferimento in ambito transfer pricing, prevedendo che: “I componenti del reddito derivanti da operazioni con società non residenti nel territorio dello Stato, che direttamente o indirettamente controllano l’impresa, ne sono controllate o sono controllate dalla stessa società che controlla l’impresa, sono determinati con…

Continua a leggere...

Le criptovalute al varco della segnalazione

Negli ultimi anni è sempre più cresciuto l’interesse per le valute virtuali e molti hanno impiegato una parte dei loro risparmi in questo tipo di investimento con risultati variabili. Il mondo delle valute virtuali è stato spesso ritenuto un’area grigia non regolamentata in cui ci si può muovere senza particolari vincoli. A breve non sarà…

Continua a leggere...

La disciplina CFC si inceppa sulle attività passive

Come noto, la disciplina controlled foreign companies di cui all’articolo 167 Tuir prevede che la tassazione per trasparenza dei redditi della società estera controllata si verifica in capo al soggetto controllante italiano, solamente al verificarsi delle due condizioni congiunte di cui al comma 4, ossia l’assoggettamento della società estera ad un livello effettivo di tassazione…

Continua a leggere...

Esterovestizione societaria: rileva il luogo di sede di direzione effettiva

Con il termine “esterovestizione” si intende un fenomeno di evasione fiscale internazionale che realizza una dissociazione tra residenza reale (italiana) e residenza fittizia (estera) del soggetto passivo d’imposta (persona fisica o giuridica). Quindi, in un’ottica di pianificazione fiscale aggressiva, l’obiettivo perseguito è quello di usufruire di un regime fiscale più vantaggioso. In buona sostanza, la…

Continua a leggere...