FISCALITÀ INTERNAZIONALE

Treaty shopping: la Cassazione traccia l’onere della prova

Il “treaty shopping” o “treaty abuse” può essere definito come un fenomeno di elusione fiscale internazionale finalizzato ad ottenere, indebitamente, le agevolazioni previste da un trattato internazionale contro le doppie imposizioni sui redditi con il precipuo scopo di ridurre, o nei casi estremi azzerare, la ritenuta alla fonte a titolo di imposta prevista sui flussi…

Continua a leggere...

Ampliata la platea dei contribuenti soggetti ad Ivie e Ivafe

A partire dal 2020 si amplia la platea dei contribuenti soggetti ad Ivie e Ivafe, rispettivamente sugli investimenti esteri immobiliari e sui prodotti finanziari. Infatti, l’articolo 1, comma 710, lett. b), della Legge di Bilancio 2020 (L. 160/2019), ha modificato l’articolo 19 D.L. 201/2011 in relazione ai soggetti obbligati al versamento delle imposte patrimoniali estere…

Continua a leggere...

CFC: nuovi criteri previsti per il calcolo del tax rate

L’ordinamento giuridico nazionale contiene specifiche norme che intendono contrastare la fittizia localizzazione all’estero di strutture di puro artificio, costituite all’estero al solo scopo di evadere le imposte nell’ambito di insidiosi schemi di pianificazione fiscale aggressiva. In tale contesto, spicca la normativa prevista in materia di imprese estere controllate (c.d. “CFC legislation”) la quale prevede, al…

Continua a leggere...

Tassazione delle multinazionali: accordo sulla global minimum tax

All’esito della riunione economica tenutasi a Londra lo scorso 5 giugno, i Ministri delle Finanze del G7 (Stati Uniti, Regno Unito, Germania, Francia, Canada, Italia e Giappone) hanno raggiunto un accordo finalizzato alla riforma della tassazione delle imprese multinazionali nella più ampia prospettiva di una complessiva rivisitazione del sistema della fiscalità internazionale. Lo schema di…

Continua a leggere...

I titolari effettivi del trust al nodo del quadro RW

Il trust residente in Italia, in qualità di ente non commerciale, è tenuto a compilare il quadro RW in relazione agli investimenti di natura finanziaria e patrimoniale detenuti all’estero. Sotto questo profilo non vi sono particolarità da segnalare, trattandosi di un adempimento ormai di lunga data, se non il fatto che, a partire dal 2020,…

Continua a leggere...

Trasferimento della holding all’estero ed exit tax

Il trasferimento all’estero di una holding determina il versamento della exit tax ai sensi dell’articolo 166 Tuir, calcolata sulla plusvalenza unitariamente determinata. Il Principio di diritto n. 10 del 11.05.2021 ha affermato che la determinazione unitaria della plusvalenza comporta l’inapplicabilità del regime di partecipation exemption previsto dall’articolo 87 Tuir. Al riguardo, viene richiamata la circolare…

Continua a leggere...

L’esterovestizione può avere anche rilevanza penale

Il nostro ordinamento giuridico contiene specifiche disposizioni che consentono di individuare correttamente la residenza fiscale delle persone fisiche e delle società. In particolare: l’articolo 2 Tuir prevede che un soggetto passivo è residente in Italia se, per la maggior parte del periodo d’imposta (183 giorni): è iscritto nell’anagrafe della popolazione residente; ha il domicilio nel…

Continua a leggere...

Il trust interposto quale veicolo nella pianificazione fiscale aggressiva

Come noto, le società, gli enti ed i trust sono considerati residenti in Italia quando, per la maggior parte del periodo d’imposta (183 giorni), hanno stabilito la sede legale o la sede dell’amministrazione o l’oggetto principale nel territorio dello Stato. Quindi per effetto dell’articolo 1, commi da 74 a 76, L. 296/2006, che ha modificato…

Continua a leggere...

Spetta la retribuzione convenzionale al dipendente in smart working?

Come noto, l’articolo 2 Tuir prevede che un soggetto passivo è residente in Italia se, per la maggior parte del periodo d’imposta (183 giorni o 184 in caso di anno bisestile): è iscritto nell’anagrafe della popolazione residente; ha il domicilio nel territorio dello Stato, definito come la sede principale degli affari e interessi (articolo 43,…

Continua a leggere...

In ambito transfer price è possibile concedere finanziamenti infruttiferi

L’ordinamento giuridico domestico contiene specifiche norme antielusive, introdotte dal legislatore con il precipuo scopo di contrastare fenomeni di pianificazione fiscale internazionale. In tale senso, l’articolo 110, comma 7, Tuir contiene le disposizioni in materia di transfer price, prevedendo che: “I componenti del reddito derivanti da operazioni con società non residenti nel territorio dello Stato, che…

Continua a leggere...