FISCALITÀ INTERNAZIONALE

Covid-19: nuove regole in ambito transfer price

Allo scopo di determinare correttamente le politiche societarie relative ai di prezzi di trasferimento infragruppo e la correlata governance fiscale, le imprese ad ampio respiro internazionale dovranno approntare nuove strategie e, simmetricamente, valutare bene l’impatto derivante dall’attuale periodo di crisi correlato all’emergenza epidemiologica derivante dal Covid-19, più comunemente conosciuto come “Coronavirus”. A livello domestico giova…

Continua a leggere...

Paradisi fiscali 2019 tra disciplina Cfc e rimpatrio di utili

Il periodo di imposta del 2019, oggetto di dichiarazione in scadenza il prossimo 30 novembre, presenta per la prima volta una chiara scollatura tra il principio di individuazione dei paradisi fiscali ai fini della disciplina sulle controlled foreign companies, e quello di individuazione dei paradisi fiscali ai fini della valutazione degli utili percepiti. Ai fini…

Continua a leggere...

Le istruzioni infrangono il sogno del credito di imposta sui dividendi soggetti al 26%

Esiste un problema spinoso che coinvolge la tassazione dei dividendi percepiti da persone fisiche fiscalmente residenti in Italia soggetti alla tassazione del 26%. Ipotizziamo il caso di una persona fisica residente fiscalmente in Italia che percepisce dividendi da una società estera che non è considerata paradisiaca. Si ipotizzi, per fare un esempio, il caso di…

Continua a leggere...

La compliance del quadro RW per i conti chiusi in Austria nel 2015 e 2016

La detenzione da parte di persone fisiche fiscalmente residenti in Italia di conti all’estero è oggetto di monitoraggio nel quadro RW. In questi ultimi periodi sono giunti a diversi contribuenti italiani un invito alla presentazione di documenti in relazione a posizioni detenute in Austria nelle annualità 2014, 2015 e 2016. L’elemento comune a queste richieste…

Continua a leggere...

Le pensioni private tassate talora anche alla fonte

Le pensioni private a livello internazionale sono quelle che derivano da un cessato privato impiego. Per intenderci, il dipendente di una azienda privata percepirà una pensione privata, mentre il dipendente pubblico percepirà una pensione pubblica. La norma di riferimento, a livello di Modello di convenzione Ocse 2017, è rappresentata dall’articolo 18, il quale stabilisce espressamente…

Continua a leggere...

La tassazione dei flussi convenzionali al nodo delle ritenute alla fonte

Le convenzioni contro le doppie imposizioni prevedono generalmente una tassazione alla fonte sui flussi transnazionali come dividendi, interessi e canoni. Esaminando il modello Ocse 2017, ad esempio, possiamo rilevare come l’articolo 10, relativo ai dividendi, preveda la tassazione nel Paese del percettore ma ammetta anche una tassazione nel Paese della fonte che, a seconda dei…

Continua a leggere...

I dividendi tassati al 26% al nodo del credito per le imposte estere

Lo scomputo delle ritenute subite all’estero, sui flussi di dividendi non paradisiaci percepiti da privati e soggetti alla tassazione sostitutiva del 26%, si scontra con la tesi negazionista da sempre propugnata dall’Amministrazione finanziaria. L’Agenzia, infatti, ha, a più riprese, affermato che il credito non è concesso in quanto il dividendo, essendo assoggettato ad una tassazione…

Continua a leggere...

Lavoro all’estero e retribuzioni convenzionali

Esaminiamo il caso di un soggetto fiscalmente residente in Italia che svolge una attività di lavoro dipendente all’estero per un datore di lavoro estero. Il reddito di lavoro dipendente, ancorché derivante da un rapporto di lavoro con un soggetto non residente, sarà tassato in Italia secondo il principio dell’articolo 3 Tuir, che prevede una tassazione…

Continua a leggere...

Esenzione dalla ritenuta per gli interessi corrisposti alla controllante estera

Nella letteratura internazionale-tributaria, il “Treaty shopping” è conosciuto tra gli addetti ai lavori come un meccanismo elusivo che sfrutta le agevolazioni fiscali previste dagli accordi internazionali che, come noto, sono finalizzate a prevenire fenomeni di doppia imposizione economica. Il disegno evasivo in rassegna ha la chiara finalità di ridurre o, in alcuni casi azzerare, la…

Continua a leggere...

Chiarimenti dell’Agenzia sulla flat tax del 7% per i titolari di pensione estera

L’articolo 24 ter Tuir ha introdotto, a partire dal 2019, un nuovo regime fiscale, per i titolari di pensione estera che trasferiscono la loro residenza nel Mezzogiorno, che consiste nell’applicazione della di un flat tax del 7% su tutti i redditi prodotti all’estero. L’opzione dura 10 anni ma può essere revocata anticipatamente dal contribuente. L’Agenzia…

Continua a leggere...