ACCERTAMENTO E CONTENZIOSO

Fatture false e ripartizione dell’onere probatorio

In tema di ripartizione dell’onere probatorio nelle contestazioni di fatture per operazioni inesistenti, all’Agenzia delle Entrate spetta la prova, anche in forma presuntiva piuttosto che indiziaria, della circostanza che l’operazione riportata in fattura non è in realtà stata – in tutto o in parte – effettuata; dopodiché l’onere di dimostrare l’effettività dell’operazione – così contestata…

Continua a leggere...

Sì al giudicato favorevole per il condebitore non opponente

In tema di contenzioso tributario, l’annullamento della pretesa impositiva ottenuto dal condebitore opponente esplica i suoi effetti verso tutti i condebitori rimasti processualmente inerti, in quanto tale annullamento colpisce l’unico atto impositivo notificato a tutti i condebitori. È questo il principio statuito dalla Corte di Cassazione con ordinanza 9 febbraio 2018, n. 3204. Nel caso…

Continua a leggere...

False fatture infragruppo, rilevano le dichiarazioni delle consolidate

Il presente intervento analizza la particolare ipotesi in cui i reati di emissione e di utilizzo di fatture per operazioni inesistenti siano commessi da un medesimo soggetto nella qualità di rappresentante legale di distinte persone giuridiche che abbiano optato per il consolidamento ex articolo 117 Tuir. Giova ricordare che, ai sensi della predetta norma, società…

Continua a leggere...

Nuova apertura sul giustificato mancato pagamento delle imposte

Non sussiste il reato di omesso versamento di ritenute certificate per carenza dell’elemento soggettivo, qualora la condotta omissiva dell’imputato sia dipesa da una crisi di liquidità dell’impresa che lo abbia obbligato, tra pagamento degli stipendi dovuti ai lavoratori dipendenti e versamento delle ritenute fiscali, ad optare per la prima, trovando il diritto al lavoro ed…

Continua a leggere...

Notifica della sentenza e decorrenza del termine di impugnazione

È inidonea a far decorrere il termine breve di impugnazione la notificazione della sentenza eseguita direttamente presso la sede della parte indicata nell’elezione di domicilio, ma a difensore diverso da quello costituito in giudizio. È questo il principio affermato dalla Corte di Cassazione con sentenza 17 gennaio 2018, n. 1047. Il caso affrontato dai Giudici…

Continua a leggere...

La notifica dell’atto può essere effettuata anche ai vicini di casa

Nell’ipotesi di assenza del soggetto passivo presso il proprio domicilio fiscale, la notifica dell’atto impositivo può essere effettuata anche nei confronti di una persona diversa dal contribuente, che si dichiara idonea al ritiro accettando il plico e firmando la ricevuta di avvenuta consegna. Tale importante principio è stato espresso da parte della suprema Corte di…

Continua a leggere...

Termini per l’impugnazione

Ai sensi del combinato disposto degli articoli 51, comma 1, e 38, comma 3, D.Lgs. 546/1992, nel processo tributario è previsto, come per il processo civile, un doppio termine di impugnazione delle sentenze: un termine breve e un termine lungo. Al fine di approfondire i diversi aspetti della materia, è stata pubblicata in Evolution, nella…

Continua a leggere...

Dove deve essere effettuata la verifica fiscale?

Con l’obiettivo di regolamentare i rapporti Fisco – contribuente il legislatore, con la L. 212/2000, ha introdotto lo “Statuto dei diritti del contribuente”, ovvero un vademecum che contiene le disposizioni di riferimento in tema di verifiche e controlli fiscali, dettando precise regole a garanzia del contribuente. Anzitutto, gli accessi, ispezioni e verifiche fiscali nei locali…

Continua a leggere...

Errori su compensazioni: l’Ufficio corre ai ripari con la prevenzione

La Legge di Bilancio 2018 al fine di contrastare indebite compensazioni nei modelli F24 ha previsto la possibilità per l’Agenzia delle Entrate di sospendere, per un massimo di 30 giorni, le deleghe di pagamento delle imposte in caso di compensazioni che presentano “profili di rischio”. Al fine di approfondire i diversi aspetti della materia, è…

Continua a leggere...

La Cassazione apre al ravvedimento sulle frodi

Il ravvedimento operoso, disciplinato all’articolo 13 D.Lgs. 472/1997, è un istituto del diritto tributario che nel corso del tempo ha assunto progressivamente maggior rilievo nel rapporto tra fisco e contribuente, improntato sempre più a meccanismi di regolarizzazione spontanea delle violazioni fiscali. Tale evoluzione è sospinta dalla ratio legis di privilegiare la repressione ex ante degli…

Continua a leggere...