CRISI D'IMPRESA

La ricorribilità del decreto di esecutività del piano di riparto

Con l’interessante sentenza n. 24068 del 26.09.2019, la Cassazione a Sezioni Unite ha affrontato il tema dell’impugnabilità del decreto di esecutività del piano di riparto fallimentare. Nel caso specifico, il Commissario straordinario di una S.p.a. aveva depositato un piano di riparto parziale tra i creditori ammessi al concorso che veniva poi reclamato dalla Presidenza del…

Continua a leggere...

Ambito di applicazione degli istituti dell’allerta: esclusioni soggettive

Il Titolo II del “Codice della Crisi di impresa e dell’insolvenza” (D.Lgs. 14/2019) intitolato “Procedure di allerta e di composizione assistita della crisi”, al Capo I, disciplina gli “strumenti di allerta”, i quali sono definiti come “gli obblighi di segnalazione posti a carico dei soggetti di cui agli articoli 14 e 15 finalizzati (…) alla…

Continua a leggere...

Perdita di continuità aziendale, crisi e insolvenza

Il “Codice della Crisi di impresa e dell’insolvenza” (D.Lgs. 14/2019) parte dalla constatazione di tre stadi in cui può manifestarsi la condizione di difficoltà dell’impresa; precisamente: la perdita della continuità aziendale; la crisi; l’insolvenza. L’obiettivo che permea l’impianto normativo del Codice è rappresentato dalla emersione anticipata della crisi, prevedendo, in primo luogo, specifici obblighi organizzativi…

Continua a leggere...

Sovraindebitamento: liquidazione del patrimonio anche solo con redditi futuri

La procedura di liquidazione del patrimonio prevista dalla L. 3/2012 in tema di sovraindebitamento può essere esperita anche in assenza di beni da liquidare, facendo affidamento soltanto sui redditi futuri del debitore. È questo il principio espresso dal Tribunale di Pordenone, in composizione collegiale, il 14 marzo 2019 in accoglimento del reclamo proposto. La questione,…

Continua a leggere...

L’attività agricola non sempre salva dal fallimento

Come noto, l’imprenditore agricolo soggiace a un regime particolare in ragione del quale, tra l’altro, non può essere soggetto a fallimento. Tale affermazione deriva dalla lettura dell’articolo 1 L.F.. L’infallibilità dell’imprenditore agricolo deriva dalla convinzione del Legislatore del ’42 per cui un’eventuale insolvenza non avrebbe arrecato gravi ripercussioni economiche in ragione dei ridotti capitali necessari…

Continua a leggere...

Lo stato d’insolvenza è desumibile da un unico inadempimento

Con l’ordinanza n. 15572 depositata in data 10 giugno 2019, la Suprema Corte ha affrontato il tema della dichiarazione dello stato di insolvenza, quale noto presupposto per la pronuncia di fallimento, e si è interrogata in ordine alla possibilità che essa possa essere emessa anche in caso di inadempimento di un’unica obbligazione da parte del…

Continua a leggere...

Cancellazione della società fallita e rinuncia ai crediti non azionati

Nel rammentare che l’estinzione della società si verifica anche a seguito di cancellazione obbligatoria dal registro delle imprese dovuta alla chiusura del fallimento per insufficienza dell’attivo, con la sentenza n. 13921 del 22.05.2019, la Cassazione ha stabilito che da detto fenomeno sono esclusi quei rapporti il cui mancato recupero giudiziale consenta di ritenere che la…

Continua a leggere...

La governance delle società alla luce del codice della crisi

La raccomandazione 2014/135/UE ha indicato al Legislatore italiano uno dei principi ispiratori del nuovo codice della crisi e dell’insolvenza ovvero quello di “consentire alle imprese sane in difficoltà finanziaria di ristrutturarsi in una fase precoce, per evitare l’insolvenza e proseguire l’attività”. Per tale motivo il Legislatore della riforma ha riformulato l’articolo 2086, comma 2, cod….

Continua a leggere...

Amministratori: azione di responsabilità e quantificazione del danno

Il novellato articolo 378 D.Lgs. 14/2019 ha introdotto nell’articolo 2486 cod. civ., il comma 3, contenente l’indicazione dei criteri che devono essere adottati per la quantificazione del danno risarcibile, allorquando la mala gestio degli amministratori abbia condotto alla liquidazione della società. Nell’azione di responsabilità nei confronti degli amministratori, sicuramente il punto dolente è rappresentato dal…

Continua a leggere...

Responsabilità degli amministratori delle Srl nel nuovo codice della crisi

L’articolo 378 del nuovo codice della crisi e dell’insolvenza (D.Lgs. 14/2019) contiene due commi che hanno modificato rispettivamente gli articoli 2476 e 2486 cod. civ.. In particolare, nell’articolo 2476 cod. civ., è stato aggiunto il comma 6 che prevede una maggiore responsabilità degli amministratori rispetto agli obblighi di conservazione del patrimonio sociale, in quanto prevede…

Continua a leggere...