CRISI D'IMPRESA

Predisposizione del progetto di riparto parziale e collocazione sussidiaria sugli immobili

Il curatore può trovarsi a dover predisporre dei progetti di riparto parziale nel corso della sua attività, quando sussistano sufficienti liquidità che, detratte le spese di procedura sostenute e da sostenere, oltreché gli accantonamenti opportuni, consentano la soddisfazione anche solo parziale dei creditori concorrenti. Nel momento in cui il curatore predispone il progetto di riparto,…

Continua a leggere...

Sovraindebitamento: L. 3/2012 e codice della crisi a confronto

Con il presente contributo si vuole evidenziare come, con il codice della crisi della crisi d’impresa e dell’insolvenza (D.Lgs. 14/2019), siano state apportate modifiche sostanziali alla possibilità di accesso alle procedure di composizione da sovraindebitamento, rispetto a quanto attualmente previsto nella L. 3/2012. Con la L. 3/2012, per la prima volta ha trovato regolamentazione la…

Continua a leggere...

La lunga marcia verso il nuovo Codice della crisi

Con l’approvazione alla Camera della legge di conversione del Decreto Milleproroghe, avvenuta lo scorso 19 febbraio e la assai probabile approvazione definitiva in Senato con “testo blindato” entro il 29 febbraio si completerà una nuova modifica al tormentato articolo 379 del Codice della Crisi e dell’Insolvenza delle Imprese (D.Lgs. 14/2019). L’articolo in questione, nel testo…

Continua a leggere...

I contratti preliminari di vendita immobiliare nella liquidazione giudiziale

Il titolo V sezione V del CCII si occupa del particolare aspetto dei contratti pendenti nella liquidazione giudiziale, e una volta delineata la regola generale di applicazione, con l’articolo 172 CCII, identifica una disciplina specifica per alcune tipologie di contratti. In questo contributo ci soffermeremo sull’articolo 173 CCII, rubricato “Contratti preliminari”, che si occupa dei…

Continua a leggere...

Crisi d’impresa: rapporti giuridici pendenti e specifici contratti

Il CCII, all’interno del quadro giuridico di riferimento della sospensione automatica sui rapporti giuridici pendenti, previsto dall’articolo 172 CCII, riserva una disciplina specifica per determinati contratti, quali la locazione finanziaria, la vendita con riserva di proprietà e i contratti d’affitto d’azienda. In merito alla disciplina dei contratti di locazione finanziaria, se il curatore decide di…

Continua a leggere...

La disciplina dei contratti pendenti nel nuovo CCII

Gli effetti della liquidazione giudiziale sui rapporti giuridici pendenti sono regolati, nel nuovo CCII, da una serie di disposizioni che ne delimitano il perimetro di applicazione generale. La disciplina è dettata dall’ articolo 172 CCII, che regola la sospensione dei rapporti contrattuali pendenti, dall’articolo 175 CCII che disciplina lo scioglimento automatico dei contratti “intuitus personae”,…

Continua a leggere...

Il fallimento del socio illimitatamente responsabile

L’articolo 147 L.F. stabilisce che il fallimento di una società in nome collettivo, società in accomandita semplice e società in accomandita per azioni produce anche il fallimento per estensione dei soci illimitatamente responsabili, anche se non persone fisiche. La dichiarazione di fallimento coinvolge non solo i soci esistenti a quella data, ma anche quelli il…

Continua a leggere...

La continuità aziendale come finalità del concordato preventivo

Il nuovo codice della crisi e dell’insolvenza interviene in modo organico sulla disciplina del concordato preventivo, con lo scopo di rendere chiara la finalità di attuazione dell’istituto, ribadendo la centralità del concordato in continuità rispetto a quello liquidatorio. L’innovazione legislativa iniziata nel 2012 con l’introduzione dall’articolo 186-bis L.F., mutava la finalità del concordato fino ad…

Continua a leggere...

Contenuto e criticità del concordato di gruppo

L’articolo 284 CCII stabilisce che la domanda di accesso al concordato preventivo di gruppo o di accordo di ristrutturazione può prevedere la predisposizione o di un unico piano, oppure di piani distinti per ciascuna società del gruppo che siano comunque reciprocamente collegati. A tal proposito è ragionevole domandarsi quale debba essere il contenuto del piano…

Continua a leggere...

Procedura di esdebitazione e pagamento parziale dell’Iva

Con ordinanza depositata il 14 maggio 2018, il Tribunale di Udine sollevava, in relazione agli articoli 3 e 97 della Carta, questioni di legittimità costituzionale dell’articolo 7, comma 1, terzo periodo, L. 3/2012 (Disposizioni in materia di usura e di estorsione, nonché di composizione delle crisi da sovraindebitamento), limitatamente alle parole «all’imposta sul valore aggiunto»….

Continua a leggere...