BILANCIO

Le modifiche al bilancio impattano sullo studio degli indici

Lo studio degli indici rappresenta uno dei metodi più utilizzati in dottrina per l’analisi del bilancio di esercizio. Analisi che, alla luce delle modifiche apportate dal D.Lgs. 139/2015, richiede oggi un riesame degli schemi di conto economico e stato patrimoniale, in alcuni casi anche dei precedenti esercizi, allo scopo di rendere omogeneo il periodo di…

Continua a leggere...

Fatti intervenuti dopo la chiusura non sempre rilevanti

Il documento OIC 29 si occupa, tra le tante cose, anche del trattamento contabile dei fatti intervenuti dopo la chiusura dell’esercizio, e prima dell’approvazione del bilancio, distinguendo tra quelli che devono aver impatto già nel bilancio chiuso al 31 dicembre e quelli per i quali invece si rende necessaria solamente un’informativa in Nota integrativa. Più…

Continua a leggere...

Analisi del bilancio d’esercizio: riclassificazione del conto economico

Le novità in materia di bilancio introdotte con il D.Lgs. 139/2015 assumono rilevanza non solo in sede di redazione del bilancio, ma anche, ovviamente, in occasione dell’analisi dello stesso. D’altra parte molti degli interventi del legislatore hanno semplicemente “consolidato” quella che era già una prassi nell’analisi del bilancio di esercizio. Ci si riferisce, in particolar…

Continua a leggere...

Il primo bilancio consolidato nel caso di un gruppo preesistente

A differenza di quanto previsto nelle preesistenti versioni, il principio contabile OIC 17 in vigore dal 1° gennaio 2016 non dedica paragrafi specifici alla redazione del primo bilancio consolidato di un gruppo preesistente: sarà, pertanto, il solo riferimento ai suoi principi generali quello che potrà orientare il trattamento delle problematiche tipiche riconducibili a questa fattispecie….

Continua a leggere...

La svalutazione delle immobilizzazioni materiali

In tema di svalutazione di immobilizzazioni materiali l’articolo 2426, comma 1, n. 3, del cod. civ., stabilisce che “l’immobilizzazione che, alla data di chiusura dell’esercizio, risulti durevolmente di valore inferiore a quello determinato secondo i nn. 1 e 2 deve essere iscritta a tale minore valore. Il minor valore non può essere mantenuto nei successivi…

Continua a leggere...

L’ammortamento dei beni materiali: aspetti civilistici

La norma di riferimento in materia di ammortamento è rappresentata dall’articolo 2426, comma 1, n. 2, cod. civ., il quale stabilisce che il costo delle immobilizzazioni materiali (e immateriali), la cui utilizzazione è limitata nel tempo, deve essere sistematicamente ammortizzato in ogni esercizio in relazione alla loro residua possibilità di utilizzazione. La tecnica dell’ammortamento permette…

Continua a leggere...

Micro imprese escluse dalla derivazione rafforzata

Le società che presentano i parametri dimensionali di cui all’articolo 2435-ter codice civile sono sempre escluse dall’applicazione della derivazione rafforzata di cui all’articolo 83 del Tuir anche se per opzione presentano il bilancio in forma abbreviata. È questa la conclusione (a parere di chi scrive corretta) cui giunge Assonime nella circolare n. 14 del 2017…

Continua a leggere...

OIC 16 e capitalizzazione degli interessi passivi

Il costo delle immobilizzazioni materiali può comprendere anche gli interessi passivi sostenuti per la costruzione anche se riferiti ad un finanziamento generico e non di “scopo”. Questa è uno degli aspetti più interessanti del documento OIC 16, ricordando che l’articolo 2426, comma 1, n. 1, stabilisce che “il costo di produzione comprende tutti i costi…

Continua a leggere...

Costo ammortizzato per crediti e debiti commerciali

Si è talvolta indotti a pensare, erroneamente, che il criterio del costo ammortizzato rappresenti una metodologia di rilevazione in bilancio dei soli crediti (e debiti) di natura finanziaria, quando invece il n. 8) dell’articolo 2426, cod. civ., prescrive che il criterio del costo ammortizzato deve essere applicato per la rilevazione in bilancio dei debiti e…

Continua a leggere...

Nuove indicazioni per i bilanci delle cooperative

Una nota del Ministero dello Sviluppo Economico e un documento del Consiglio Nazionale Dottori Commercialisti contribuiscono a fare chiarezza sull’impatto delle novità introdotte dal D.Lgs. 139/2015, sui bilanci delle cooperative. La materia, ha suscitato numerose perplessità tra gli operatori in ordine alle modifiche all’articolo 2425 cod. civ. riguardanti l’esonero per le cosiddette “microimprese” dall’obbligo di…

Continua a leggere...