BILANCIO

La “qualificazione” contabile segue gli effetti sostanziali

L’articolo 83 Tuir, così come modificato dall’articolo 13-bis, comma 2, D.L. 244/2016, prevede che per i soggetti, diversi dalle micro-imprese, che redigono il bilancio in conformità alle disposizioni del codice civile, valgono, anche ai fini fiscali, i criteri previsti dai principi contabili in materia di: qualificazione delle operazioni aziendali (ovvero i criteri per l’interpretazione dei…

Continua a leggere...

Il leasing nel consolidato redatto in base ai principi contabili italiani

Il nuovo Principio contabile OIC 17, pur senza introdurre modifiche al trattamento dei contratti di locazione finanziaria nel bilancio consolidato rispetto a quanto previsto dalla precedente versione, ha specificato che il passaggio dalla metodologia patrimoniale a quella finanziaria – e viceversa – costituisce una modifica di principio contabile; pertanto, deve essere trattata in base a…

Continua a leggere...

La bozza dell’OIC 11 “Finalità e postulati del bilancio d’esercizio”

Le modifiche apportate agli articoli 2423 e 2423-bis del codice civile dal D.Lgs. 139/2015 hanno reso necessario l’aggiornamento dell’OIC 11 “Finalità e postulati del bilancio d’esercizio”, la cui bozza, pubblicata lo scorso 13 ottobre, resterà in consultazione fino al prossimo 13 novembre. In particolare: nell’articolo 2423 è stato introdotto il seguente nuovo comma: “Non occorre…

Continua a leggere...

In consultazione gli emendamenti ai principi contabili nazionali

Il Consiglio di Gestione dell’OIC ha recentemente approvato la pubblicazione in consultazione della bozza dell’OIC 11 “Finalità e postulati del bilancio d’esercizio”, proseguendo così nell’aggiornamento dei principi contabili nazionali, e di alcune proposte di emendamenti ad alcuni principi contabili pubblicati nel 2016. Gli emendamenti sono stati approvati dal Consiglio di Gestione del 9 ottobre 2017 e hanno…

Continua a leggere...

Le modifiche al bilancio impattano sullo studio degli indici

Lo studio degli indici rappresenta uno dei metodi più utilizzati in dottrina per l’analisi del bilancio di esercizio. Analisi che, alla luce delle modifiche apportate dal D.Lgs. 139/2015, richiede oggi un riesame degli schemi di conto economico e stato patrimoniale, in alcuni casi anche dei precedenti esercizi, allo scopo di rendere omogeneo il periodo di…

Continua a leggere...

Fatti intervenuti dopo la chiusura non sempre rilevanti

Il documento OIC 29 si occupa, tra le tante cose, anche del trattamento contabile dei fatti intervenuti dopo la chiusura dell’esercizio, e prima dell’approvazione del bilancio, distinguendo tra quelli che devono aver impatto già nel bilancio chiuso al 31 dicembre e quelli per i quali invece si rende necessaria solamente un’informativa in Nota integrativa. Più…

Continua a leggere...

Analisi del bilancio d’esercizio: riclassificazione del conto economico

Le novità in materia di bilancio introdotte con il D.Lgs. 139/2015 assumono rilevanza non solo in sede di redazione del bilancio, ma anche, ovviamente, in occasione dell’analisi dello stesso. D’altra parte molti degli interventi del legislatore hanno semplicemente “consolidato” quella che era già una prassi nell’analisi del bilancio di esercizio. Ci si riferisce, in particolar…

Continua a leggere...

Il primo bilancio consolidato nel caso di un gruppo preesistente

A differenza di quanto previsto nelle preesistenti versioni, il principio contabile OIC 17 in vigore dal 1° gennaio 2016 non dedica paragrafi specifici alla redazione del primo bilancio consolidato di un gruppo preesistente: sarà, pertanto, il solo riferimento ai suoi principi generali quello che potrà orientare il trattamento delle problematiche tipiche riconducibili a questa fattispecie….

Continua a leggere...

La svalutazione delle immobilizzazioni materiali

In tema di svalutazione di immobilizzazioni materiali l’articolo 2426, comma 1, n. 3, del cod. civ., stabilisce che “l’immobilizzazione che, alla data di chiusura dell’esercizio, risulti durevolmente di valore inferiore a quello determinato secondo i nn. 1 e 2 deve essere iscritta a tale minore valore. Il minor valore non può essere mantenuto nei successivi…

Continua a leggere...

L’ammortamento dei beni materiali: aspetti civilistici

La norma di riferimento in materia di ammortamento è rappresentata dall’articolo 2426, comma 1, n. 2, cod. civ., il quale stabilisce che il costo delle immobilizzazioni materiali (e immateriali), la cui utilizzazione è limitata nel tempo, deve essere sistematicamente ammortizzato in ogni esercizio in relazione alla loro residua possibilità di utilizzazione. La tecnica dell’ammortamento permette…

Continua a leggere...