IMPOSTE SUL REDDITO

Diritti patrimoniali rafforzati redditi finanziari per presunzione

Con la circolare 25/E di ieri l’Agenzia delle Entrate fornisce i primi chiarimenti sulle disposizioni contenute nell’articolo 60 del D.L. 50/2017 (cd. Manovra correttiva), il quale prevede che, al verificarsi di determinate condizioni, i proventi derivanti dagli strumenti finanziari aventi diritti patrimoniali rafforzati (cd. carried interest) percepiti da manager e dipendenti sono in ogni caso…

Continua a leggere...

Indennità per perdita di avviamento: il punto sulla giurisprudenza

Ai sensi dell’articolo 34 L. 392/1978, in caso di cessazione del rapporto di locazione di immobili ad uso non abitativo – che non sia dovuta a risoluzione per inadempimento o disdetta o recesso del conduttore o a procedura concorsuale – il conduttore ha diritto alla c.d. “indennità per perdita di avviamento”. È tuttavia da precisare…

Continua a leggere...

Deducibili i compensi erogati al coniuge professionista

Con la sentenza n. 93/2/17 del 20 aprile 2017 la C.T.P. di Cremona ha ritenuto “deducibile” dal reddito professionale il compenso erogato al coniuge per le prestazioni rese nello svolgimento della propria attività di lavoro autonomo artistico o professionale. Il caso esaminato dalla commissione tributaria ha riguardato un contribuente (ingegnere) che ha proposto ricorso avverso…

Continua a leggere...

Rimborsi spese esclusi dal reddito di lavoro autonomo

L’articolo 8 della Legge 81/2017 interviene in materia di determinazione del reddito di lavoro autonomo modificando il regime fiscale dei rimborsi spese addebitati dai professionisti ai propri clienti. L’articolo 54, comma 5, del Tuir prevede quale regola generale che le spese di vitto ed alloggio sostenute dai professionisti sono soggette ad un duplice limite di…

Continua a leggere...

Spese di formazione professionali: nuove regole, nuovi dubbi

La L. 81/2017 (il cd. Jobs Act del lavoro autonomo), recante “Misure per la tutela del lavoro autonomo non imprenditoriale e misure volte a favorire l’articolazione flessibile nei tempi e nei luoghi del lavoro subordinato”, ha introdotto nuove disposizioni relative alla deducibilità dal reddito di lavoro autonomo delle spese di formazione. Per effetto delle modifiche,…

Continua a leggere...

La verifica dei requisiti di accesso al regime dei neo domiciliati

L’articolo 24-bis D.P.R. 917/1986 ha introdotto un regime opzionale di imposizione sostitutiva dell’Irpef, cui possono accedere le persone fisiche (e, su loro richiesta, uno o più familiari di cui all’articolo 433 cod. civ.) che trasferiscono la residenza in Italia, dopo almeno nove periodi d’imposta sui dieci che precedono l’inizio del periodo di validità dell’opzione, in…

Continua a leggere...

Omessa denuncia della variazione dei redditi fondiari

In caso di variazioni che comportino l’aumento o la diminuzione dei redditi fondiari è obbligatorio denunciare la modifica al competente ufficio tecnico erariale. Al fine di approfondire gli aspetti sanzionatori connessi all’adempimento, è stata pubblicata in Dottryna, nella sezione “Sanzioni”, una apposita Scheda di studio. Qui di seguito se ne riporta una parte. L’articolo 3…

Continua a leggere...

Terreno lottizzato anche senza firma della convenzione urbanistica

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 19175 del 2 agosto 2017, torna nuovamente, confermando il filone giurisprudenziale ormai consolidatosi nel tempo, a occuparsi delle plusvalenze derivanti dalla cessione di terreni lottizzati e tassate, nell’ipotesi di cessione da parte di persone fisiche, quali redditi diversi ai sensi dell’articolo 67, comma 1, lettera a), Tuir. Come…

Continua a leggere...

Buoni pasto: dal 9 settembre via libera alle nuove regole

A partire dal prossimo 9 settembre sarà possibile “cumulare” fino a un massimo di otto buoni pasto (ad oggi vietato, almeno sul piano normativo). È questa una delle novità previste dal D.M. 122/2017 (pubblicato in G.U. 186 del 10/08/2017) con cui il legislatore ha “ampliato” la platea degli esercizi presso i quali può essere erogato…

Continua a leggere...

Precedenza al calcolo quantitativo nella prevalenza

La Corte di Cassazione con la sentenza n. 18071 del 21 luglio 2017 è tornata ad affrontare l’elemento centrale nell’esercizio delle attività agricole connesse: il calcolo della prevalenza nell’utilizzo di prodotti propri, offrendo un’interpretazione coerente con l’interpretazione dell’Agenzia delle Entrate. Come noto, con la riforma del 2001, si è assistito a una ridefinizione dell’imprenditore agricolo…

Continua a leggere...