DIRITTO SOCIETARIO

L’adeguato assetto organizzativo, amministrativo e contabile nelle Pmi – III° parte

L’organo amministrativo, al fine di adeguarsi alle condizioni di cui all’articolo 2086, comma 2, cod. civ., deve strutturare anche un sistema di controllo interno composto dalle direttive, procedure e prassi operative da adottare, allo scopo di raggiungere, attraverso un adeguato processo di identificazione, misurazione, gestione e monitoraggio dei principali rischi, una serie di obiettivi, quali:…

Continua a leggere...

L’adeguato assetto organizzativo, amministrativo e contabile nelle Pmi – II° parte

Nel predisporre gli adeguati assetti organizzativi, l’organo amministrativo deve definire: i processi aziendali, intesi come l’insieme delle attività poste in essere con ordine logico ed una sequenza temporale ben definita per il raggiungimento di un obiettivo specifico; le procedure aziendali intese come regole da seguire per lo svolgimento, durante i processi, di determinate attività; la…

Continua a leggere...

L’adeguato assetto organizzativo, amministrativo e contabile nelle Pmi – I° parte

Il nuovo codice della crisi di impresa, con l‘introduzione dell’articolo 2086, comma 2, cod. civ., ha introdotto l’obbligo per tutti gli imprenditori che operano in forma societaria o collettiva di istituire un assetto organizzativo, amministrativo e contabile adeguato alla natura e alle dimensioni dell’impresa, anche in funzione della rilevazione tempestiva della crisi dell’impresa e della…

Continua a leggere...

L’adeguata organizzazione nella società semplice agricola

La società semplice rappresenta la forma elementare di esercizio in forma congiunta di un’attività che, in ragione del divieto di svolgimento di attività commerciali, ha trovato largo sviluppo in agricoltura. Anzi, a bene vedere, è lo stesso Legislatore che, con la L. 662/1996, la c.d. Prodi – bis, ha agevolato la riconduzione dell’esercizio congiunto delle…

Continua a leggere...

Che cosa si intende per unità locale?

Nel caso in cui l’impresa intenda svolgere la sua attività in un luogo diverso rispetto alla sede principale o legale, entro trenta giorni dall’inizio dell’attività, deve inviare una comunicazione all’Agenzia delle entrate ai sensi dell’articolo 35, comma 2, lett. d), D.P.R. 633/1972. Non possono essere accettate le denunce relative a variazioni solo programmate ma non…

Continua a leggere...

Interpretazione restrittiva per la clausola di prelazione

La clausola di prelazione inserita nello statuto di una società per azioni, volta a regolamentare il trasferimento dei titoli rappresentativi del capitale sociale della società ceduta, non può essere oggetto di una interpretazione estensiva o analogica; essa deve invece essere interpretata in modo tendenzialmente restrittivo, in quanto ha l’effetto di derogare al generale principio della…

Continua a leggere...

Il Notariato di Milano legittima la clausola della “roulette russa”

Il Consiglio Notarile di Milano ha pubblicato la Massima n. 181/2019 con cui si esprime a favore della legittimità dell’inserimento nello statuto societario di Spa e di Srl di una clausola avente un contenuto rispondente a quello che nella prassi va sotto il nome comune di “clausola della roulette russa”. Lo scopo di una simile…

Continua a leggere...

Situazione patrimoniale di fusione e scissione: esenzione ampia

Il Consiglio Notarile di Milano ha pubblicato la Massima n. 180/2019 in materia di esonero degli amministratori dalla redazione della situazione patrimoniale aggiornata (di cui all’articolo 2501-quater cod. civ.) in tutti i casi di fusioni e di scissioni riconducibili indirettamente alla fattispecie, normata dall’articolo 2505 cod. civ. (il quale tratta della incorporazione di società interamente…

Continua a leggere...

I limiti all’azione risarcitoria del socio contro gli amministratori

Con la sentenza n. 14778 pubblicata in data 30.05.2019, la Terza Sezione della Corte di Cassazione si è pronunciata in ordine alla proposizione dell’azione di responsabilità da parte del socio di S.r.l. nei confronti dell’organo amministrativo e ha ritenuto che la stessa possa essere esperita dalla società o dalla curatela fallimentare, ma non anche dal…

Continua a leggere...

Il nudo proprietario non ha diritto di partecipare all’assemblea dei soci

Il Tribunale di Firenze, con una Ordinanza del 27 aprile 2019 emessa nell’ambito di un procedimento cautelare, prende posizione con riferimento ad un argomento abbastanza dibattuto in dottrina e giurisprudenza: il diritto del titolare della nuda proprietà di partecipazioni societarie di partecipare all’assemblea dei soci, seppure senza poter esercitare il diritto di voto che compete…

Continua a leggere...