CONTENZIOSO

“Diniego di autotutela”: non sempre inammissibile l’impugnazione nel merito

Le riflessioni che seguono traggono spunto dalla sentenza n. 4335/19 del 16.07.2019 emessa dalla Commissione Tributaria Regionale del Lazio, nella quale si è escluso che il contribuente, nel ricorso avverso il diniego di autotutela opposto su una non impugnata “comunicazione di irregolarità” (c.d. “avviso bonario”) ex articolo 36 bis D.P.R. 600/1973, possa sindacare la legittimità…

Continua a leggere...

Sospensione delle udienze tributarie e sorti delle sentenze

Le misure di contenimento dell’emergenza sanitaria in corso prevedono il rinvio d’ufficio di tutte le udienze dei procedimenti pendenti a data successiva al 15 aprile 2020, nonché, successivamente a tale data e fino al 30 giugno 2020, l’adozione di misure organizzative ad hoc per lo svolgimento dell’attività giudiziaria. Infatti, ai sensi dell’articolo 83, comma 6,…

Continua a leggere...

Termini processuali sospesi dal 9 marzo al 15 aprile

Tra le varie misure adottate dal D.L. 18/2020, con specifico riferimento al processo tributario, l’articolo 83, comma 1 prevede, innanzitutto, il rinvio d’ufficio delle udienze a data successiva al 15 aprile. Appare evidente come la disposizione citata, giustamente, non operi alcuna distinzione tra trattazione in camera di consiglio (come quella di sospensione dell’esecuzione dell’atto) e…

Continua a leggere...

Decreto Cura Italia: sospensione dei versamenti per i terzi pignorati

Tra le misure maggiormente richieste al legislatore dell’emergenza v’era senza dubbio la sospensione dei termini per il versamento dei carichi affidati alla riscossione, in ragione delle necessità di fornire liquidità ad un sistema posto pressoché al collasso. La risposta è debitamente giunta con l’articolo 68 D.L. 18/2020, lasciando tuttavia aperte alcune zone d’ombra sulla concreta…

Continua a leggere...

La notifica dell’avviso di accertamento e l’urgenza motivata

In ambito tributario, particolare interesse riveste l’articolo 12 L. 212/2000, che disciplina le garanzie e i diritti del contribuente sottoposto a verifiche fiscali. In particolare, il comma 7 del citato articolo prevede che “nel rispetto del principio di cooperazione tra amministrazione e contribuente, dopo il rilascio della copia del processo verbale di chiusura delle operazioni…

Continua a leggere...

I provvedimenti sull’esecuzione provvisoria in appello

Nel processo tributario, il giudizio di appello è regolato dalle norme contenute negli articoli 323 e ss. c.p.c., fatto salvo quanto previsto dalle specifiche disposizioni di cui al D.Lgs. 546/1992. Secondo quanto disposto dall’articolo 4, comma 2, D.Lgs. 546/1992, la competenza del giudice di appello si radica in base a quella del giudice di primo…

Continua a leggere...

Le notifiche ad Ader vanno effettuate presso l’avvocatura generale a Roma

Come è noto, il ricorso per Cassazione deve, a pena di inammissibilità, essere proposto entro termini perentori. In particolare, ai sensi dell’articolo 325, comma 2, c.p.c., l’impugnazione deve essere notificata alla controparte entro il termine di 60 giorni, decorrenti dalla notifica della sentenza della Commissione tributaria regionale. Inoltre, la notifica del ricorso per Cassazione deve…

Continua a leggere...

Rinviate le udienze e sospesi i termini anche per i processi tributari

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, Serie Generale, n. 60 di domenica 8 marzo il D.L. 11/2020, recante “Misure straordinarie ed urgenti per contrastare l’emergenza epidemiologica da COVID-19 e contenere gli effetti negativi sullo svolgimento dell’attività giudiziaria”. Particolare rilievo assumono le previsioni di cui all’articolo 1 del citato D.L., in forza del quale: sono rinviate…

Continua a leggere...

Annullamento dell’accertamento e illegittimità della cartella

In tema di riscossione dei tributi, l’iscrizione a ruolo e la cartella di pagamento divengono illegittime a seguito della sentenza che, accogliendo il ricorso proposto dal contribuente, annulla l’atto impositivo da esse presupposto, poiché tale pronuncia fa venir meno, indipendentemente dal suo passaggio in giudicato, il titolo sul quale si fonda la pretesa tributaria, privandola…

Continua a leggere...

L’onere della prova nella contestazione di indeducibilità dei costi

Nell’ambito dell’accertamento tributario un posto senza dubbio rilevante lo assumono le contestazioni degli Uffici fiscali aventi per oggetto gli elementi passivi che concorrono a determinare l’imposta dovuta, sia, ai fini Iva, in relazione al regime di detrazione dell’imposta pagata ai fornitori, sia, ai fini delle imposte dirette, in ragione della deduzione dei costi per la…

Continua a leggere...