CONTENZIOSO

Giudizio di ottemperanza

Il giudizio di ottemperanza è lo strumento riservato al contribuente per ottenere il rimborso da parte dell’Amministrazione finanziaria delle somme risultanti dalle sentenze delle Commissioni tributarie. Come definito dalla circolare AdE 38/E/2015, il giudizio di ottemperanza è il rimedio tramite cui il contribuente può richiedere l’esecuzione della sentenza a fronte dell’inerzia degli Uffici dell’amministrazione. Al…

Continua a leggere...

L’istituto della sostituzione processuale a vantaggio del contribuente

Secondo un principio generale stabilito dall’articolo 81 c.p.c. “Fuori dai casi espressamente previsti dalla legge, nessuno può far valere nel processo in nome proprio un diritto altrui”. In base al tenore letterale della norma, solamente il soggetto titolare del diritto è dunque “legittimato” ad agire in giudizio per la tutela di tale diritto, salvo che…

Continua a leggere...

Efficacia del giudicato

La sentenza del giudice ai sensi dell’articolo 324 c.p.c. diventa irrevocabile a seguito del passaggio in giudicato, ovvero quando non può più essere impugnata, quando è decorso il termine di impugnazione previsto dalla legge e/o sono stati esperiti tutti i mezzi di impugnazione, salvo la revocazione straordinaria. Al fine di approfondire i diversi aspetti della…

Continua a leggere...

Il litisconsorzio necessario e facoltativo

Il litisconsorzio è il processo caratterizzato dalla presenza di una pluralità di parti, sia in qualità di attori-ricorrenti che di convenuti-resistenti. Al fine di approfondire i diversi aspetti della materia, è stata pubblicata in Evolution, nella sezione “Contenzioso”, una apposita Scheda di studio. Il presente contributo analizza l’istituto del litisconsorzio descrivendo le modalità di classificazione…

Continua a leggere...

L’autonoma impugnabilità del ruolo secondo la Cassazione

Con l’ordinanza n. 12894 del 24.05.218 la Corte di Cassazione, richiamando la giurisprudenza delle Sezioni Unite (sentenza n. 19704/2015), ha ribadito che “il ruolo è atto che deve essere notificato e la sua notificazione coincide con la notificazione della cartella di pagamento; è atto impugnabile; … il debitore, giusta i principi generali, a seconda del…

Continua a leggere...

L’omessa pronuncia sui motivi di appello

Con l’interessante sentenza n. 10036 del 24.04.2018, la Suprema Corte si è occupata del tema dell’omessa pronuncia su alcuni dei motivi di appello, e, in generale, su una domanda, eccezione od istanza ritualmente introdotta in giudizio, chiarendo come tale circostanza integri una violazione dell’articolo 112 c.p.c. determinante la nullità della sentenza. Nel caso specifico, l’Agenzia…

Continua a leggere...

Esecuzione della sentenza di accoglimento

Con l’introduzione dell’articolo 67-bis D.Lgs. 546/1992, ad opera del D.Lgs. 156/2015, è stato sancito il principio della immediata esecutività delle sentenze, secondo cui le sentenze delle Commissioni tributarie depositate dal 1° giugno 2016 sono esecutive. Al fine di approfondire i diversi aspetti della materia, è stata pubblicata in Evolution, nella sezione “Contenzioso”, una apposita Scheda…

Continua a leggere...

Valida l’elezione del domicilio fiscale nella dichiarazione Iva

Con il termine residenza fiscale si intende il “luogo in cui la persona ha la sua dimora abituale”, mentre per  domicilio fiscale si intende “il luogo stabilito dalla persona, come sede principale dei suoi affari e interessi”, così come previsto dall’articolo 43 cod. civ.. Il domicilio fiscale di una persona fisica residente in Italia coincide…

Continua a leggere...

Le differenze tra la firma digitale e a mezzo stampa – II° parte

Proseguendo con l’analisi iniziata con il contributo pubblicato nella giornata di ieri, è opportuno concludere l’illustrazione delle caratteristiche della firma digitale, chiarendo che essa può avere più formati. Nella pratica le tipologie di firma digitale più diffuse sono la struttura CADES e quella PADES. La struttura CADES “imbusta” il file da firmare attraverso la creazione…

Continua a leggere...

Le differenze tra la firma digitale e a mezzo stampa – I° parte

Sovente si assiste a una certa confusione, a volte perfino da parte dei giudici tributari, nell’individuazione delle differenze tra la firma “digitale” e la firma “a mezzo stampa” degli atti tributari. Non di rado, parlando con i funzionari dell’Amministrazione finanziaria o tra professionisti, ci si accorge che tali tipologie di sottoscrizione vengono erroneamente considerate analoghe,…

Continua a leggere...