CONTENZIOSO

La validità della notifica a mezzo posta nel processo tributario

Nel nostro ordinamento, in materia di notificazione, coesistono diverse norme, applicabili a seconda dell’ambito di riferimento. In via generale, sotto il profilo disciplinato dal codice di procedura civile, l’articolo 137, comma 1, c.p.c. prevede che le notificazioni, quando non è disposto altrimenti, debbano essere eseguite dall’ufficiale giudiziario, su istanza di parte o su richiesta del…

Continua a leggere...

Violazioni dei principi europei: procedure e conseguenze

In via generale, il contrasto di una norma interna con una norma o un principio di diretta applicabilità del diritto europeo può condurre all’annullamento di un atto di accertamento o anche solo ad una parte di esso. Sul punto, è opportuno evidenziare che le contestazioni relative alle violazioni dei principi europei devono essere avanzate secondo…

Continua a leggere...

La validità della notifica via pec della cartella cartacea

Nell’ambito tributario, la notifica della cartella di pagamento è disciplinata dall’articolo 26 D.P.R. 602/1973, il quale prevede che la cartella venga portata alla notifica dagli ufficiali della riscossione o da altri soggetti abilitati dal concessionario nelle forme previste ex lege, ovvero dai messi comunali o dagli agenti della polizia municipale. La cartella può essere notificata…

Continua a leggere...

Abuso del processo e condanna per responsabilità aggravata

L’articolo 45, comma 12, L. 69/2009 (legge di riforma 2009), ha inserito nell’articolo 96 c.p.c., rubricato “Responsabilità aggravata” (pacificamente applicabile anche nel contenzioso tributario, in forza del richiamo di cui all’articolo 1, comma 2, D.Lgs. 546/1992 alle norme del Codice di procedura civile), secondo il quale “In ogni caso, quando pronuncia sulle spese ai sensi…

Continua a leggere...

La competenza territoriale del giudice tributario

La competenza territoriale nel processo tributario è disciplinata dall’articolo 4, comma 1, D.Lgs. 546/1992, così come modificato dall’articolo 9, comma 1, lettera b), D.Lgs. 156/2015, secondo cui è competente la Commissione Tributaria “nella cui circoscrizione ha sede l’ufficio al quale spettano le attribuzioni sul tributo controverso”. Premesso ciò, la Corte di Cassazione con l’ordinanza n….

Continua a leggere...

L’efficacia espansiva del giudicato esterno

In materia tributaria, opera l’efficacia espansiva del giudicato esterno in relazione al rapporto ad esecuzione prolungata, avente ad oggetto la realizzazione, in più anni, delle medesime opere di urbanizzazione primaria e secondaria, non venendo in rilievo ipotesi eccezionali di incompatibilità con il diritto comunitario che ne imporrebbero la disapplicazione da parte del giudice nazionale. È…

Continua a leggere...

La difesa dell’AeR nei giudizi tributari di merito e di legittimità

Come noto, l’articolo 4-novies D.L. 34/2019, nell’introdurre una norma di interpretazione autentica dell’articolo 1, comma 8, D.L. 193/2016, aveva chiarito che nessuna delibera specifica e motivata è richiesta all’Agenzia delle entrate-Riscossione (AeR) per avvalersi degli avvocati del libero foro, al di fuori dei casi riservati all’Avvocatura dello Stato su base convenzionale o, perfino, pure in…

Continua a leggere...

Notifica irrituale di un atto: il ruolo del giudice tributario

La notificazione è uno strumento utilizzato dal diritto sostanziale e da quello processuale per portare l’oggetto di essa a legale conoscenza di un altro soggetto. Non solo. La notifica è un atto fondamentale per l’instaurazione del contraddittorio e al conseguente esercizio del diritto di difesa. Premesso ciò, la Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 26940…

Continua a leggere...

Difesa di Agenzia delle entrate-Riscossione: il punto della Cassazione

La Corte di cassazione, con la sentenza SS.UU. n. 30008/2019, ha ricostruito il regime giuridico della rappresentanza in giudizio dell’Agenzia delle Entrate-Riscossione (AdER). I giudici di legittimità hanno superato il precedente orientamento in base al quale l’AdER, quale successore ope legis di Equitalia, ove si costituisca formalmente in giudizio (in un nuovo processo o in…

Continua a leggere...

La validità delle notifiche tributarie via pec

In tema di notifica degli atti tributari, si applica il principio del tempus regit actum, pertanto le notifiche effettuate via pec in data successiva all’introduzione del processo tributario telematico, in relazione alla commissione di competenza, sono valide anche se il giudizio era stato originariamente incardinato mediante modalità cartacea. È quanto stabilito dalla Corte di Cassazione…

Continua a leggere...