CONTENZIOSO

Contraddittorio dal 1° luglio: l’Agenzia delle Entrate non convince

Il “nuovo” contraddittorio endoprocedimentale, introdotto oltre un anno fa dal D.L. 34/2019 (c.d. Decreto Crescita), che ha inserito nel D.Lgs. 218/1997 l’articolo 5-ter, avrà concreta applicazione, per la prima volta, a partire dal 1° luglio 2020. Ottime le intenzioni della norma. Tuttavia, in considerazione delle numerose esclusioni, all’esito delle quali l’obbligo di invito al contraddittorio…

Continua a leggere...

L’utilizzabilità dei documenti in appello da parte del Fisco

In ambito tributario, particolare interesse riveste l’articolo 58 D.Lgs. 546/1992, che disciplina la produzione di nuove prove nel giudizio di appello avanti alla Commissione Tributaria Regionale. In particolare, il comma 1 del citato articolo prevede che “il giudice d’appello non può disporre nuove prove, salvo che non le ritenga necessarie ai fini della decisione o…

Continua a leggere...

D.L. Rilancio: dalla digitalizzazione degli atti una chance per il contribuente

L’articolo 157 D.L. 34/2020 (c.d. Decreto Rilancio) prevede per tutti gli atti accertativi in scadenza tra il 9 marzo e il 31 dicembre 2020 (quindi, relativi al periodo di imposta 2015 o 2014) una proroga dei termini di decadenza al 31 dicembre 2021. Più precisamente, viene operata una scissione tra emissione e notifica dell’atto, nel…

Continua a leggere...

Decreto Rilancio: sospesi i termini per il calcolo delle sanzioni relative al CUT

L’articolo 135 D.L. 34/2020 (c.d. Decreto legge Rilancio) introduce specifiche misure in materia di giustizia tributaria, prevedendo sia la sospensione del termine per il calcolo delle sanzioni relative al contributo unificato sia la partecipazione alle udienze con modalità telematiche. In linea con le disposizioni che hanno previsto un generale rinvio dei versamenti fiscali, il legislatore…

Continua a leggere...

La nuova stagione delle azioni cautelari

Come noto, l’articolo 83, comma 1, D.L. 18/2020 (Decreto Cura Italia) ha previsto la sospensione del decorso dei termini per il compimento di qualsiasi atto dei procedimenti civili e penali (nonché tributari, in forza del comma 21 che ne estende l’applicazione), per il periodo intercorrente dal 9 marzo 2020 al 15 aprile 2020. Per espressa…

Continua a leggere...

La notifica in caso di errata indicazione del domicilio

In ambito tributario, questione di peculiare interesse riguarda la notificazione degli atti processuali e il rispetto dei termini perentori entro cui le medesime debbano essere eseguite. Anche le Sezioni Unite si sono occupate dell’argomento cercando di fare chiarezza sul punto, soprattutto nel caso in cui il procedimento di notificazione di un atto di impugnazione non…

Continua a leggere...

Rinvio delle udienze e sospensione dei termini: la circolare delle Entrate

Con la circolare 10/E/2020, di ieri, 16 aprile, l’Agenzia delle entrate si è soffermata sulle novità in materia di rinvio delle udienze e sospensione dei termini processuali previste dal Decreto Cura Italia (D.L. 18/2020) e dal Decreto Liquidità (D.L. 23/2020). Con specifico riferimento al rinvio delle udienze, giova ricordare che l’articolo 83 D.L. 18/2020 ha…

Continua a leggere...

Processo tributario: termini sospesi per tutti sino all’11 maggio

Come noto, dal combinato disposto degli articoli 67 e 83 D.L. 18/2020 (c.d. Decreto Cura Italia), con specifico riferimento al processo tributario, emergeva la previsione di un c.d. doppio binario, atteso che i termini venivano sospesi, per il contribuente, sino al 15 aprile e, per gli enti impositori, fino al 31 maggio. Con il D.L….

Continua a leggere...

Condizioni per la celebrazione dell’udienza da remoto

Le esigenze di contenimento dell’emergenza epidemiologica impongono l’adozione, a cura dei capi dei singoli uffici giudiziari, ex articolo 83, comma 6, D.L. 18/2020, di misure organizzative per la trattazione delle controversie al fine di evitare assembramenti e contatti ravvicinati, tra le persone nel periodo compreso tra il 16 aprile ed il 30 giugno 2020 (giunge,…

Continua a leggere...

“Diniego di autotutela”: non sempre inammissibile l’impugnazione nel merito

Le riflessioni che seguono traggono spunto dalla sentenza n. 4335/19 del 16.07.2019 emessa dalla Commissione Tributaria Regionale del Lazio, nella quale si è escluso che il contribuente, nel ricorso avverso il diniego di autotutela opposto su una non impugnata “comunicazione di irregolarità” (c.d. “avviso bonario”) ex articolo 36 bis D.P.R. 600/1973, possa sindacare la legittimità…

Continua a leggere...