CONTENZIOSO

Irreperibilità relativa del destinatario e validità della notifica

La notificazione di un atto tributario deve essere effettuata con le modalità previste dall’articolo 140 c.p.c. (deposito presso la casa comunale dell’atto, affissione dell’avviso alla porta del destinatario in busta chiusa e sigillata, invio della raccomandata con avviso di ricevimento), quando siano conosciuti la residenza e l’indirizzo del destinatario ma non si sia potuto eseguire…

Continua a leggere...

Omessa sottoscrizione del ricorso: niente rimessione in CTP

Il giudice tributario, ove la procura alle liti, le modalità di conferimento della quale seguono le regole generali dettate dall’articolo 83 cp.c., manchi o sia invalida, prima di dichiarare l’inammissibilità del ricorso, a norma degli articoli 12, comma 5, e 18, commi 3 e 4, D.Lgs. 546/1992, deve invitare la parte a regolarizzare la situazione,…

Continua a leggere...

Le tipologie di procura

La procura è un negozio giuridico unilaterale con cui il difensore viene investito del potere di rappresentare e difendere la parte in giudizio. Si tratta di una facoltà di proporre domande in giudizio (c.d. ius postulandi) viene conferita al difensore prevista dal codice di procedura civile, all’articolo 83. Al fine di approfondire i diversi aspetti…

Continua a leggere...

Riscossione in pendenza di giudizio

L’articolo 68 del D.Lgs. 546/1992 regola la fattispecie del pagamento del tributo in pendenza di giudizio ed è stato modificato, da ultimo, dall’articolo 9, comma 1, lettera f), del D.Lgs. 156/2015. La disposizione, di fatto, introduce un disincentivo all’impugnazione degli atti, quando l’unico scopo sia quello di differire il pagamento delle somme eventualmente dovute al…

Continua a leggere...

I poteri di disapplicazione del giudice tributario – II° parte

Per quanto riguarda la disapplicazione delle sanzioni non penali, l’esercizio di tale potere è disciplinato dal dall’articolo 8 D.Lgs. 546/1992 rubricato “Errore sulla norma tributaria”, secondo cui “La commissione tributaria dichiara non applicabili le sanzioni non penali previste dalle leggi tributarie quando la violazione è giustificata da obiettive condizioni di incertezza sulla portata e sull’ambito…

Continua a leggere...

I poteri di disapplicazione del giudice tributario – I° parte

Nell’ambito dei poteri attribuiti dalla legge al giudice tributario, un ruolo senz’altro non secondario lo hanno i poteri di disapplicazione. Tale potestà consiste nel potere del giudice di “non applicare”, ricorrendone i presupposti di legge, i regolamenti, gli atti amministrativi generali, le sanzioni non penali e perfino le norme di diritto interno ove siano in…

Continua a leggere...

I poteri istruttori del giudice tributario

Nel D.Lgs. 546/1992 (recante le disposizioni sul processo tributario), la disciplina dei poteri relativi all’istruzione probatoria del giudice tributario è “principalmente” contenuta nell’articolo 7, commi 1, 2 e 4. Si può dire “principalmente” in quanto essa è in realtà integrata anche da altre norme del suddetto D.Lgs. (ad esempio da quelle inerenti la produzione documentale…

Continua a leggere...

Perfezionamento della definizione delle liti

La definizione agevolata delle controversie tributarie pendenti, comporta il pagamento di tutti gli importi dovuti, esclusi le sanzioni collegate al tributo e gli interessi di mora. Ai fini della definizione delle liti pendenti occorre procedere al versamento degli importi di cui all’atto impugnato e degli interessi da ritardata iscrizione a ruolo. Al fine di approfondire…

Continua a leggere...

La notifica con modalità telematiche

L’articolo 16-bis del D.Lgs. 546/1992 introduce la possibilità di effettuare le comunicazioni e le notificazioni tramite posta elettronica certificata (PEC), per tale motivo l’indirizzo PEC del difensore o delle parti deve essere indicato nel ricorso o nel primo atto difensivo e l’indicazione dello stesso per le comunicazioni e le notificazioni equivale alla elezione di domicilio…

Continua a leggere...

La Cassazione conferma il no al raddoppio dei termini all’Irap

Con l’ordinanza n. 1425 del 19.01.2018, la Corte di Cassazione ha ribadito che, non essendo l’Irap un’imposta per la quale sono previste sanzioni penali, è evidente che in relazione alla stessa non può operare la disciplina del raddoppio dei termini di accertamento prevista, per i periodi di imposta sino al 2015, dall’articolo 57, commi 1…

Continua a leggere...