OPERAZIONI STRAORDINARIE

Articoli 175 e 177, comma 2, Tuir: quale prevale fra i due?

L’Agenzia delle Entrate, in occasione della lunga risposta ad istanza di interpello n. 552/2021 riferita ad una complessa operazione di riorganizzazione partecipativa e aziendale di un gruppo imprenditoriale familiare, ha incidentalmente affrontato un tema tecnico di assoluta rilevanza, su cui mancava sinora una prassi amministrativa, a fronte invece del formarsi di un orientamento dottrinario. Ci…

Continua a leggere...

Cessione di azienda “estera” con marchio “italiano”

L’Agenzia delle Entrate, in occasione della risposta all’istanza di interpello n. 536/2021 ha affrontato il caso di una cessione di azienda intervenuta fra due soggetti – cedente e cessionario – entrambi non residenti in Italia (si tratta di soggetti residenti in Svizzera), e senza stabile organizzazione nel territorio italiano. La particolarità della fattispecie è rappresentata…

Continua a leggere...

Senza certificato responsabilità senza limiti del cessionario d’azienda

L’ordinanza della Corte di Cassazione n. 18117/2021, che già ha formato oggetto di commento nel precedente contributo “Limiti alla responsabilità tributaria del cessionario di un ramo d’azienda”, come si era anticipato, propone diversi spunti di riflessione sulla questione della responsabilità del cessionario di azienda nell’ambito della disciplina regolata dall’articolo 14 D.Lgs. 472/1997. Un aspetto di…

Continua a leggere...

Limiti alla responsabilità tributaria del cessionario di un ramo d’azienda

La recente Ordinanza della Corte di Cassazione n. 18117/2021 ha affrontato il tema della responsabilità del cessionario di un ramo di azienda nell’ambito della disciplina regolata dall’articolo 14 D.Lgs. 472/1997 ed ha proposto diversi spunti di interesse. Uno di essi riguarda la circostanza in cui oggetto del trasferimento non sia l’intera azienda appartenente al cedente,…

Continua a leggere...

Scissione asimmetrica e valutazioni anti-abuso

Nell’ambito delle operazioni di scissione societaria si qualifica come “non proporzionale” la scissione – che trova la propria disciplina nell’articolo 2506-bis, comma 4, secondo periodo, cod. civ. – in cui si prevede una assegnazione delle partecipazioni ai soci in misura non proporzionale rispetto a quella esistente in capo alla scissa, senza compensazione con conguaglio in…

Continua a leggere...

Conferimento d’azienda e opzione per il regime dell’imposta sostitutiva

L’articolo 176, comma 2-ter, Tuir disciplina la procedura messa a disposizione delle imprese per far emergere i valori latenti nelle operazioni straordinarie di conferimento. In alternativa al regime ordinario di cui all’articolo 176 Tuir, in base al quale i conferimenti di aziende si considerano effettuati in neutralità fiscale, ossia non comportano il realizzo né di…

Continua a leggere...

Delibera di aumento di capitale al servizio di clausole di earn-out

Nelle operazioni di compravendita di partecipazioni e di aziende sono piuttosto frequenti le clausole che vanno sotto il titolo comune di “earn-out”, le quali si sostanziano in forme di riconoscimento di una maggiorazione del prezzo di cessione al raggiungimento di determinati obiettivi. Tali clausole possono presentarsi, seppure meno di frequente, anche nelle operazioni che si…

Continua a leggere...

È possibile fissare un orario di decorrenza degli effetti della fusione?

Nella pratica professionale, quando ci si imbatte in una fusione fra società “operative”, risulta spesso assai utile poter predeterminare la data di decorrenza degli effetti civilistici dell’operazione, stabilendo in sede di atto di fusione che questi decorrano da un preciso giorno spesso collocato ad inizio, oppure a fine, mese. Nella prassi, per molto tempo era…

Continua a leggere...

La scissione negativa

La scissione negativa è un’operazione caratterizzata dall’assegnazione alla società beneficiaria di un netto patrimoniale di valore negativo. Come peraltro evidenziato anche nel documento di ricerca della Fondazione Nazionale dei Commercialisti del 19 luglio 2018 “trattasi di un’operazione atipica con la quale viene assegnato a una o più società beneficiarie un insieme di elementi patrimoniali attivi…

Continua a leggere...

Retrodatazione contabile “allargata” per la fusione

Secondo l’Oic 4 esiste un collegamento diretto fra gli effetti contabili e fiscali (ai fini delle imposte sul reddito) della fusione: la data alla quale può esser fatta risalire la retroattività contabile della fusione “non può essere anteriore a quella di chiusura del precedente esercizio dell’incorporante”, e questo limite l’Oic 4 la trae dal comma…

Continua a leggere...