OPERAZIONI STRAORDINARIE

Le azioni proprie complicano l’applicazione dell’articolo 177 del Tuir

Nella novellata disciplina del bilancio d’esercizio dei soggetti OIC Adopter, ai sensi dell’articolo 2424-bis, comma 6-bis, cod. civ., l’acquisto di azioni proprie è rappresentato mediante l’iscrizione di una riserva negativa nel patrimonio netto (comma 3 dell’articolo 2357-ter, cod. civ.), così che le azioni proprie non figurano più iscritte nell’attivo dello stato patrimoniale della società emittente….

Continua a leggere...

La valutazione della partecipazione in caso di recesso del socio

In caso di recesso da società per azioni, ai sensi dell’articolo 2437-ter, comma 2, cod. civ., quando non si ha a disposizione un valore di mercato delle azioni, il valore di liquidazione delle azioni del socio receduto deve tener conto della “consistenza patrimoniale della società e delle sue prospettive reddituali”. Il caso in esame si…

Continua a leggere...

Ancora sui premi e sconti nella valutazione di partecipazioni

In un precedente contributo si è trattato dei premi e degli sconti applicati in esito del processo valutativo da parte dell’esperto incaricato di esprimere il valore di mercato di una partecipazione nell’ambito di un’operazione straordinaria. Ora, prendendo spunto dalla prassi in materia, vediamo di analizzarne alcune possibili modalità di applicazione pratica. L’interrogativo di fondo quindi…

Continua a leggere...

Premi e sconti nella valutazione di partecipazioni

I “premi” e gli “sconti” entrano sovente nei processi valutativi di partecipazioni nell’ambito di operazioni straordinarie. I Principi Italiani di Valutazione (PIV) definiscono premi e sconti come “rettifiche, rispettivamente in aumento e in diminuzione, da applicare (eventualmente) ad una stima di valore ottenuta sulla base delle metodiche dei risultati attesi o del costo per tradurla…

Continua a leggere...

La difficile valutazione delle piccole attività commerciali

Quando nell’ambito di operazioni straordinarie, come può essere il caso della cessione di un’azienda, l’oggetto del negozio giuridico è un’attività di piccole dimensioni quale può essere un esercizio commerciale al dettaglio, può risultare arduo approcciare la valutazione sulla base dei metodi classici normalmente proposti dalla dottrina per la valutazione d’azienda. In queste circostanze mancano infatti…

Continua a leggere...

Conferimento d’azienda: regime opzionale di tassazione

L’operazione di conferimento d’azienda, ovverosia l’operazione in cui un’azienda/ramo aziendale viene apportato ad un ente (conferitaria) giuridicamente diverso dall’impresa conferente, che riceve come contropartita le relative partecipazioni, è regolata dal punto di vista delle imposte sui redditi dall’articolo 176 del Tuir. Tale norma prevede: quale regime ordinario, quello della neutralità fiscale: l’operazione di conferimento non…

Continua a leggere...

Scissione e successiva cessione delle partecipazioni non abusiva

La scissione parziale proporzionale seguita dalla cessione delle partecipazioni nella società scissa sono riqualificabili, ai fini dell’imposta di registro, come cessione d’azienda quando l’operazione nel suo complesso è riconducibile a una causa concreta unitaria. A differenza di quanto accade per le imposte dirette, la valutazione circa la bontà dell’operazione complessiva non poggia sui principi dell’abuso…

Continua a leggere...

Rivalutazione dei beni d’impresa: affitto e conferimento di azienda

La recente circolare 14/E/2017 con cui l’Agenzia delle Entrate tratta della rivalutazione dei beni d’impresa i cui termini sono stati riaperti dai commi da 556 a 563 della L. 232/2016 e che, per i soggetti solari, interessa il bilancio chiuso al 31 dicembre 2016 per i beni che risultavano già posseduti e iscritti nel bilancio…

Continua a leggere...

Fusione e relazione degli amministratori

L’operazione di fusione societaria è regolata dagli articoli 2501 e seguenti del codice civile, in cui sono contenute le regole civilistiche sottostanti all’operazione stessa, che deve essere proposta all’assemblea dei soci da parte dell’organo amministrativo. In linea generale, è possibile scomporre l’operazione in quattro fasi: fase progettuale, di competenza del CDA, composta dalla predisposizione del…

Continua a leggere...

Scissione asimmetrica senza variazioni nella scissa

Deve ritenersi legittima la scissione parziale di una società a favore di più società beneficiarie con attribuzione ai soci della scissa dell’intero capitale sociale delle beneficiarie a ciascuno dei soci, senza tuttavia alcuna variazione delle quote di partecipazione nella società scissa. È quanto emerge dalla lettura della Massima n. 28 del Consiglio notarile della Campania,…

Continua a leggere...