PENALE TRIBUTARIO

L’amministratore giudiziario e il sequestro preventivo

La Corte di Cassazione, Terza Sezione Penale, con la sentenza n. 6742 del 12.02.2018, ha rilevato che la nomina di un amministratore giudiziario rappresenta il necessario ed imprescindibile presupposto, in caso di sequestro preventivo, per garantire l’esercizio della continuità e dello sviluppo dell’attività aziendale, che rischierebbe, altrimenti, di venire paralizzata dalla misura cautelare in parola….

Continua a leggere...

Omesso versamento Iva e abolitio criminis

La Corte di Cassazione, Sezione Terza Penale, con la sentenza n. 15172 del 05.04.2018, è tornata ad esprimersi in materia di omesso versamento dell’imposta sul valore aggiunto, reato previsto e punito dall’articolo 10 ter D.Lgs. 74/2000. In particolare, nel caso di specie la Suprema Corte è stata chiamata a pronunciarsi, a seguito di ricorso proposto…

Continua a leggere...

Bancarotta fraudolenta e scissione societaria

Gli atti di riorganizzazione aziendale possono, in linea di principio, presentare particolari profili di interesse operativo e alcune criticità, in quanto è necessario garantire e preservare l’integrità patrimoniale dei soggetti coinvolti. Sotto il profilo penale tributario, ad esempio, l’articolo 11 D.Lgs. 74/2000 sanziona il soggetto attivo del reato che aliena simulatamente o compia atti fraudolenti…

Continua a leggere...

Documenti fittizi allegati al modello 730 e falsa fatturazione

L’articolo 2 D.Lgs. 74/2000 (rubricato dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti) sanziona con la reclusione da un anno e sei mesi a sei anni chiunque, al fine di evadere le imposte sui redditi o sul valore aggiunto, avvalendosi di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti indica, in una…

Continua a leggere...

Legittime le soglie penali differenziate per gli omessi versamenti

L’omesso versamento delle imposte configura fattispecie di reato al superamento delle soglie di tolleranza fissate dagli articoli 10-bis e 10-ter, D.Lgs. 74/2000. Le suddette norme sono state rivisitate dal D.Lgs. 158/2015 recante revisione del sistema sanzionatorio, il quale ha innalzato l’importo penalmente rilevante, con riferimento all’omesso versamento dell’Iva, da 50.000 a 250.000 euro e, relativamente…

Continua a leggere...

La responsabilità per l’omesso versamento dell’Iva

La Corte di Cassazione, Sezione Terza Penale, è tornata ad occuparsi dell’annosa questione relativa alla rilevanza penale dell’omesso versamento dell’Iva, reato previsto e punito dall’articolo 10-ter D.Lgs. 74/2000. In particolare, con la sentenza n. 8040 del 2018, il Giudice di legittimità è stato chiamato a pronunciarsi in ordine ad un ricorso proposto dall’imputato che era…

Continua a leggere...

La bancarotta nella cessione del ramo d’azienda

Con la sentenza n. 11053 del 13 marzo 2018, la Quinta Sezione Penale della Corte di Cassazione ha stabilito che l’imprenditore può essere punito per bancarotta per distrazione del ramo d’azienda solo qualora il trasferimento riguardi fattori produttivi che rappresentano una posta attiva del bilancio. Nel caso specifico, la Corte di Appello di Lecce aveva…

Continua a leggere...

False fatture infragruppo, rilevano le dichiarazioni delle consolidate

Il presente intervento analizza la particolare ipotesi in cui i reati di emissione e di utilizzo di fatture per operazioni inesistenti siano commessi da un medesimo soggetto nella qualità di rappresentante legale di distinte persone giuridiche che abbiano optato per il consolidamento ex articolo 117 Tuir. Giova ricordare che, ai sensi della predetta norma, società…

Continua a leggere...

Nuova apertura sul giustificato mancato pagamento delle imposte

Non sussiste il reato di omesso versamento di ritenute certificate per carenza dell’elemento soggettivo, qualora la condotta omissiva dell’imputato sia dipesa da una crisi di liquidità dell’impresa che lo abbia obbligato, tra pagamento degli stipendi dovuti ai lavoratori dipendenti e versamento delle ritenute fiscali, ad optare per la prima, trovando il diritto al lavoro ed…

Continua a leggere...

La Cassazione apre al ravvedimento sulle frodi

Il ravvedimento operoso, disciplinato all’articolo 13 D.Lgs. 472/1997, è un istituto del diritto tributario che nel corso del tempo ha assunto progressivamente maggior rilievo nel rapporto tra fisco e contribuente, improntato sempre più a meccanismi di regolarizzazione spontanea delle violazioni fiscali. Tale evoluzione è sospinta dalla ratio legis di privilegiare la repressione ex ante degli…

Continua a leggere...