PENALE TRIBUTARIO

Omessa dichiarazione anche in presenza di comunicazione dati Iva

Nella platea dei c.d. “evasori totali” rientrano i soggetti passivi d’imposta che, pur svolgendo un’attività economica potenzialmente produttiva di un reddito imponibile, non presentano le prescritte dichiarazioni dei redditi. Per arginare tale fenomeno, ai fini penali-tributari l’articolo 5 D.Lgs. 74/2000, rubricato “omessa dichiarazione”, prevede la reclusione da un anno e sei mesi a quattro anni…

Continua a leggere...

Dichiarazione fraudolenta della Snc: sequestrabili i beni dei soci

Sebbene i soci si limitino a recepire il reddito dichiarato dalla società di persone si ritiene comunque integrato il dolo specifico del fine di evadere le imposte di cui all’articolo 2 D.Lgs. 74/2000, che punisce la dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti. Può essere quindi disposto il sequestro delle…

Continua a leggere...

La speciale tenuità non scrimina l’evasione di poco superiore alla soglia di punibilità

Nel 2015 il legislatore ha introdotto, con l’articolo 131-bis c.p., la causa di non punibilità per tenuità del fatto in ossequio ai principi di proporzionalità della pena e di economia processuale. Tale disposizione prevede che, nei reati per i quali è prevista la pena detentiva non superiore nel massimo a cinque anni (ovvero la pena…

Continua a leggere...

La crisi di liquidità non scrimina il reato di omesso versamento Iva

La fattispecie delittuosa prevista dall’articolo 10-ter D.Lgs. 74/2000 prevede la pena detentiva della reclusione da sei mesi a due anni per chiunque non versi “entro il termine per il versamento dell’acconto relativo al periodo d’imposta successivo, l’imposta sul valore aggiunto dovuta in base alla dichiarazione annuale, per un ammontare superiore a euro duecentocinquantamila per ciascun…

Continua a leggere...

Sulla causa di non punibilità per pagamento del debito tributario

La sentenza della Corte di Cassazione n. 2279, depositata ieri, 20 gennaio rappresenta un utile spunto per tornare ad analizzare le cause di non punibilità richiamate dall’articolo 13 D.Lgs. 74/2000. Il caso riguarda cinque imputati ai quali venivano contestati diversi reati tributari e che avevano avanzato richiesta di patteggiamento con la prospettazione di vedersi applicato…

Continua a leggere...

Il luogo di consumazione del reato: il principio di effettività

L’articolo 18, comma 2, D.Lgs. 74/2000, dettando i principi della legge penaltributaria nello spazio, definisce il luogo in cui si considerano commessi i delitti dichiarativi. In particolare, viene previsto che: “il reato si considera consumato nel luogo in cui il contribuente ha il domicilio fiscale”; “se il domicilio fiscale è all’estero è competente il giudice…

Continua a leggere...

Omesso versamento Iva: il mancato incasso non esclude il reato

La mancata riscossione delle fatture non esclude la sussistenza del dolo richiesto dall’articolo 10-ter D.Lgs. 74/2000, ai fini del reato di omesso versamento Iva. Sono queste le conclusioni ribadite dalla Corte di Cassazione con la sentenza n. 1768, depositata ieri, 18 gennaio. Il caso riguarda il legale rappresentante di una società, condannato per il reato…

Continua a leggere...

Omesso versamento Iva: responsabili tutti i membri del C.d.A.

Gli amministratori ai quali sono riconosciuti gli ordinari poteri di gestione devono e possono adempiere all’obbligazione tributaria, ragion per cui possono essere condannati per il reato di omesso versamento dell’Iva e delle ritenute, anche se le dichiarazioni sono state firmate soltanto dal Presidente del C.d.A.. Correttamente, dunque, è stata disposta la confisca per equivalente del…

Continua a leggere...

Bancarotta “riparata” se si reintegra il patrimonio ante-fallimento

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 34290 depositata ieri, 2 dicembre, ha confermato il principio in base al quale per la configurazione della c.d. “bancarotta riparata” non è sufficiente la restituzione del bene sottratto ante-dichiarazione di fallimento, ma si rende necessario reintegrare il patrimonio dell’impresa evitando che il pericolo per la garanzia dei…

Continua a leggere...

Escluso l’occultamento delle scritture contabili con assoluzione da bancarotta fraudolenta

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 33820 depositata ieri, 30 novembre, ha confermato il consolidato principio in base al quale il reato tributario ex articolo 10 D.Lgs. 74/2000, ossia “occultamento o distruzione di documenti contabili”, non è configurabile in caso di assoluzione da bancarotta fraudolenta. Nel caso di specie, l’amministratore di una società…

Continua a leggere...