ACCERTAMENTO

Il legittimo metodo per ricostruire i ricavi nelle pizzerie

Premessa È legittima la ricostruzione dei ricavi di un’impresa di ristorazione sulla base del consumo di materie prime, quando queste costituiscano gli ingredienti fondamentali, se non addirittura indispensabili ai fini della preparazione degli alimenti offerti, o del servizio che si accompagna alla consumazione effettuata. Nel caso di specie, nella dettagliata ricostruzione dei ricavi della pizzeria/tavola…

Continua a leggere...

Ispezione fiscale conseguente a denuncia anonima

L’attività istruttoria ha la finalità di indagare per acquisire la conoscenza dei fatti rilevanti ai fini dell’esercizio della funzione impositiva. L’obiettivo è portare alla luce pratiche di evasione fiscale, operazioni elusive e, più in generale, la falsità di una dichiarazione fiscale o, addirittura, la sua omissione. L’esercizio di tale attività non è prerogativa esclusiva dell’Agenzia…

Continua a leggere...

Notifica agli ex soci dell’atto impositivo intestato alla società

Il tema dell’estinzione di società e, soprattutto, delle conseguenze sulla intestazione e notifica degli atti impositivi, impegna da molti anni la Corte di Cassazione, la quale è intervenuta, in più occasioni, per cercare di chiarire la corretta interpretazione delle norme di legge in materia. La disciplina di riferimento è contenuta nell’articolo 2495 cod. civ. (ai…

Continua a leggere...

Autotutela sostitutiva e accertamento integrativo

Rimessa alle Sezioni Unite la questione relativa all’ammissibilità dell’esercizio del potere di autotutela in peius per il contribuente, per vizi di carattere sostanziale. Con l’ordinanza n. 33665/2023, la Cassazione solleva un problema di rilevante interesse sia pratico che teorico. Il caso all’esame del giudice di legittimità riguarda un accertamento da indagini finanziarie, emesso in un…

Continua a leggere...

Il termine di decadenza dell’accertamento sull’indebita compensazione

Sovente accade che il contribuente chieda il rimborso dell’Iva esposta nella dichiarazione di un determinato anno di imposta e che l’amministrazione finanziaria richieda la documentazione contabile relativa all’anno in questione, onde verificare la legittimità del rimborso. È noto, infatti, come, da un lato, i soggetti passivi Iva possano chiedere il rimborso dell’eccedenza detraibile d’imposta risultante…

Continua a leggere...

La disciplina del c.d. “prezzo valore”: ultimi riferimenti giurisprudenziali

Premessa A decorrere dal 1° gennaio 2006, l’articolo 1, comma 497, L. 266/2005, ha introdotto, nell’ambito dei trasferimenti immobiliari, una deroga al criterio generale di determinazione della base imponibile, stabilendo che, in presenza di determinati requisiti (soggettivi e oggettivi) e di specifiche condizioni, la base imponibile, ai fini delle imposte di registro, deve essere costituita…

Continua a leggere...

Irrilevante l’accertamento sul titolare dell’impresa familiare per i suoi collaboratori

Con la sentenza n. 33149/2023, la Corte di cassazione si è recentemente espressa in riferimento alle ricadute dell’accertamento fiscale sull’impresa familiare nei confronti dei familiari collaboratori. Prima di entrare nel merito del richiamato arresto giurisprudenziale, è opportuno ricordare che l’impresa familiare trova una propria disciplina compiuta, a seguito della Riforma del diritto di famiglia (L….

Continua a leggere...

Consegna dell’avviso di accertamento a familiare del contribuente

In materia di accertamento delle imposte sui redditi, la notificazione degli avvisi e degli altri atti che per legge devono essere notificati al contribuente è regolata dall’articolo 60, D.P.R. 600/1973. La disposizione citata stabilisce che la notifica degli atti è eseguita secondo le norme stabilite dagli articoli 137 e seguenti c.p.c, ivi comprese, quindi, in…

Continua a leggere...

Indagini finanziarie: come fornire la prova contraria sui prelevamenti?

Nel corso di una verifica fiscale, le indagini finanziarie consentono di individuare la reale capacità contributiva del soggetto ispezionato e, simmetricamente, ricostruire il volume d’affari del soggetto passivo. A livello normativo, il potere di effettuare le indagini bancarie e finanziarie è disciplinato dall’articolo 51, comma 2, n. 7), D.P.R. 633/1972 e dall’articolo 32, comma 1,…

Continua a leggere...

La proroga dei termini di decadenza per la contestazione dell’abuso del diritto

Il D.Lgs. 128/2015 ha previsto delle disposizioni in relazione alla disciplina dell’abuso del diritto o elusione fiscale. In particolare, l’articolo 1 del citato decreto legislativo ha introdotto nell’ambito della L. 212/2000, l’articolo 10-bis – rubricato “Disciplina dell’abuso del diritto o elusione fiscale” – unificando i concetti di “elusione” e “abuso del diritto”, e contestualmente ha…

Continua a leggere...