ACCERTAMENTO

Indagini finanziarie: presunzioni legali estese anche alle valute virtuali

Nell’ambito di una qualsiasi attività di verifica fiscale e al ricorrere di particolari alert di pericolosità fiscale, è possibile ricorrere allo strumento delle indagini finanziarie. Ai sensi dell’articolo 32, comma 1, n. 2), D.P.R. 600/1973, gli uffici delle imposte possono invitare i contribuenti, indicandone il motivo, a comparire di persona o per mezzo di rappresentanti…

Continua a leggere...

Il rispetto del principio di proporzionalità delle sanzioni doganali

Una sanzione amministrativa pari a 33.000 euro per violazione della normativa doganale per aver erroneamente dichiarato, ai fini della classificazione in dogana, la voce doganale relativa alle calzature con tomaia in cuoio (cui corrisponde un dazio dell’8%) anziché calzature con tomaia in materia tessile (cui corrisponde un dazio del 17%) a fronte di un diritto…

Continua a leggere...

Escluso il concorso di terzi nella violazione della contribuente persona giuridica

Ai sensi dell’articolo 7 D.L. 269/2003 le sanzioni amministrative relative al rapporto fiscale proprio di società o enti con personalità giuridica sono esclusivamente a carico della persona giuridica. Anche la considerazione di un diverso trattamento riservato ai terzi concorrenti esterni nelle violazioni commesse da un contribuente che non sia una persona giuridica non può condurre…

Continua a leggere...

Anche un elemento unico può fondare la presunzione, purché preciso e grave

La sentenza n. 14493 della Corte di Cassazione, depositata ieri, 9 maggio, costituisce un utile spunto per tornare a soffermare l’attenzione sul riparto degli oneri probatori nell’ambito dell’accertamento tributario. Una società veniva raggiunta da due diversi avvisi di accertamento, relativi alle annualità 2005 e 2006. Tra le operazioni contestate vi era l’acquisto di due unità…

Continua a leggere...

Residenza estera incontestata: competente è l’Ufficio del luogo di produzione del reddito

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 13983 depositata ieri 3 maggio, ha affermato un nuovo principio in materia di competenza territoriale all’accertamento nel caso di contribuente residente in un Paese a fiscalità privilegiata. La fattispecie in esame prende le mosse dalla notifica ad una contribuente, iscritta all’Aire e residente nel Principato di Monaco, di…

Continua a leggere...

Il cd rom con la contabilità in nero costituisce confessione stragiudiziale

In tema di accertamento delle imposte sui redditi, il cd rom reperito in sede di verifica fiscale presso la sede della società, sulla base del quale venga rilevata l’illegittima contabilizzazione di costi ritenuti indeducibili perché non inerenti, rientra nella nozione di scritture contabili ove di pacifica provenienza di tale società; conseguentemente, tale documentazione extracontabile assume…

Continua a leggere...

Accertamento sintetico: va dimostrata la “durata” del possesso dei redditi esenti

La Corte di Cassazione, con ordinanza n. 12600, depositata ieri 20 aprile, è tornata ad affrontare il tema della prova contraria in caso di accertamento sintetico, con specifico riferimento, però, all’ipotesi in cui questo sia stato emesso prima che l’articolo 38 D.P.R. 600/1973 venisse modificato dal D.L. 78/2010. Più precisamente, la vicenda in esame trae…

Continua a leggere...

Il termine di sessanta giorni post-PVC si applica anche per l’imposta di registro

“Il termine dilatorio di sessanta giorni previsto dall’articolo 12, comma 7, della L. 212/2000, la cui violazione determina la nullità dell’accertamento, si applica anche nel caso di contestazione di violazioni in tema di imposta di registro, giusta il richiamo di cui all’articolo 53 bis del D.P.R. 131/1986”. È questo il principio di diritto statuito dalla…

Continua a leggere...

Applicazione delle sanzioni tributarie e definizione di “forza maggiore”

“In tema di sanzioni tributarie, posto che il diritto sanzionatorio ha natura punitiva, la forza maggiore va intesa secondo la sua accezione penalistica e va quindi riferita ad un avvenimento imponderabile che annulla la signoria del soggetto sui propri comportamenti, elidendo il requisito della coscienza e volontarietà della condotta; con la conseguenza che la crisi…

Continua a leggere...

Il Fisco può agire nei confronti degli ex soci della Srl anche in assenza di riparto

A seguito della cancellazione della società dal registro delle imprese i rapporti obbligatori facenti capo ad essa si trasferiscono ai soci, che ne rispondono nei limiti di quanto riscosso a seguito della liquidazione, oppure illimitatamente, a seconda del regime giuridico dei debiti sociali cui erano soggetti in vigenza del vincolo societario. Anche se non vi…

Continua a leggere...