ACCERTAMENTO

La notifica dell’atto può essere effettuata anche ai vicini di casa

Nell’ipotesi di assenza del soggetto passivo presso il proprio domicilio fiscale, la notifica dell’atto impositivo può essere effettuata anche nei confronti di una persona diversa dal contribuente, che si dichiara idonea al ritiro accettando il plico e firmando la ricevuta di avvenuta consegna. Tale importante principio è stato espresso da parte della suprema Corte di…

Continua a leggere...

Dove deve essere effettuata la verifica fiscale?

Con l’obiettivo di regolamentare i rapporti Fisco – contribuente il legislatore, con la L. 212/2000, ha introdotto lo “Statuto dei diritti del contribuente”, ovvero un vademecum che contiene le disposizioni di riferimento in tema di verifiche e controlli fiscali, dettando precise regole a garanzia del contribuente. Anzitutto, gli accessi, ispezioni e verifiche fiscali nei locali…

Continua a leggere...

Errori su compensazioni: l’Ufficio corre ai ripari con la prevenzione

La Legge di Bilancio 2018 al fine di contrastare indebite compensazioni nei modelli F24 ha previsto la possibilità per l’Agenzia delle Entrate di sospendere, per un massimo di 30 giorni, le deleghe di pagamento delle imposte in caso di compensazioni che presentano “profili di rischio”. Al fine di approfondire i diversi aspetti della materia, è…

Continua a leggere...

Le anomalie sul materiale di consumo legittimano l’accertamento

Fra gli elementi presuntivi semplici utilizzabili ai fini accertativi, purché gravi, precisi e concordanti, rientrano quelli relativi all’impiego di materiale di consumo, ove indicativi di rilevanti incongruenze tra costi e ricavi e, quindi, di attività non dichiarate o di passività dichiarate, secondo canoni di ragionevole probabilità. È questo il principio ribadito dalla Corte di Cassazione,…

Continua a leggere...

L’accertamento analitico è valido per tutti i contribuenti

L’accertamento analitico ha come punto di partenza il confronto tra le dichiarazioni e le liquidazioni del tributo, per verificare se esistono incongruenze. Come precisato dalla Guardia di Finanza nella recente circolare n. 1/2018, tale tipologia di accertamento deve essere utilizzata per riscontrare situazioni di fatto diverse da quelle attestate dai documenti contabili e dalla dichiarazione,…

Continua a leggere...

Accertamento presuntivo: attenzione ai costi irragionevoli

L’avere una contabilità formalmente corretta e regolarmente tenuta potrebbe non bastare a porre l’imprenditore o il lavoratore autonomo al riparo da una rettifica del proprio reddito imponibile dichiarato. Di fatti, oltre al corretto assolvimento degli obblighi contabili, è altresì opportuno chiedersi se vi siano elementi di irragionevolezza o di antieconomicità nelle proprie scelte gestionali, anche…

Continua a leggere...

L’onere probatorio delle indagini finanziarie

L’articolo 32 del Dpr 600/11973 disciplina il cd. accertamento bancario, quale potere istruttorio dell’Amministrazione finanziaria. I versamenti e i prelevamenti non giustificati, infatti, possono essere utilizzati per rettificare i redditi in sede di accertamento, qualora il contribuente non dimostri che tali elementi siano irrilevanti ai fini fiscali o che siano già stati inclusi nella determinazione…

Continua a leggere...

Contraddittorio preventivo obbligatorio per l’accertamento unitario

L’obbligo di contraddittorio per i tributi armonizzati attrae l’accertamento unitario che contiene anche l’iva

Continua a leggere...

Le conseguenze delle irregolarità nell’esercizio dei poteri ispettivi

In materia di Iva e di imposte sui redditi, gli articoli 51, 52 e 63 D.P.R. 633/1972 e 32 e 33 D.P.R. 600/1973 individuano rispettivamente un articolato e differenziato quadro di poteri ispettivi che gli Uffici finanziari possono esercitare per la prevenzione e la repressione delle violazioni fiscali. La generale estensione alla Guardia di Finanza…

Continua a leggere...

Le “Fiamme Gialle” a Telefisco: la competenza territoriale

Una novità dell’ultimo appuntamento annuale di Telefisco 2018 è stato il primo intervento assoluto dei funzionari della Guardia di Finanza che hanno risposto ai quesiti loro posti, chiarendo alcuni aspetti della corposa circolare GdF 1/2018. Uno di questi ha riguardato la competenza territoriale dei Reparti delle “Fiamme Gialle”; nella summenzionata circolare si afferma che la…

Continua a leggere...