ACCERTAMENTO

Verifiche vecchie, verifiche nuove

Prima ancora che indagare, ed indugiare, sul contenuto della corposa quanto interessante “Direttiva” contenuta nella circolare 1/2018 del Comando Generale della Guardia di Finanza, sarà bene, almeno dal mio punto di vista, riflettere con attenzione sugli scenari che si prospettano nei rapporti tra contribuente ed Amministrazione finanziaria. La mia sensazione è che, a dispetto dei…

Continua a leggere...

Omessa dichiarazione contributiva: reato a prescindere dalla retribuzione

Con la sentenza n. 56077 dello scorso 15/12/2017, la Cassazione ha statuito che il “presupposto” del reato di omessa presentazione di dichiarazioni contributive da parte del datore di lavoro (di cui all’articolo 37 della L. 689/1981) è da ricercarsi nel rapporto di lavoro da cui deriva l’obbligo contributivo e non nell’effettiva corresponsione della retribuzione ai…

Continua a leggere...

La nozione di abuso del diritto – II° parte

Il Governo con il D.Lgs. 128/2015 (approvato in attuazione della delega contenuta nella Legge 23/2014) ha proceduto alla revisione delle vigenti disposizioni antielusive (ex articolo 37-bis del D.P.R. 600/1973) e con il nuovo articolo 10-bis della L. 212/2000 ha introdotto una clausola generale in materia di abuso del diritto. Al fine di approfondire i diversi…

Continua a leggere...

L’accertamento con la cassa in rosso

Con l’ordinanza n. 25289 del 25.10.2017 la Corte di Cassazione ha sancito il principio secondo cui il conto cassa rientra tra le scritture contabili, ancorché non obbligatorie, astrattamente idonee ad essere utilizzate dall’Ufficio, ai fini dell’accertamento, quale documento dell’impresa e, pertanto, un eventuale saldo negativo può fondare legittimamente l’accertamento in rettifica con metodo induttivo, facendo…

Continua a leggere...

La nozione di abuso del diritto – I° parte

Il Governo con il D.Lgs. 128/2015 (approvato in attuazione della delega contenuta nella Legge 23/2014) ha proceduto alla revisione delle vigenti disposizioni antielusive (ex articolo 37-bis del D.P.R. 600/1973) e con il nuovo articolo 10-bis della L. 212/2000 ha introdotto una clausola generale in materia di abuso del diritto. Al fine di approfondire i diversi…

Continua a leggere...

Definizione agevolata delle sanzioni in mancanza dell’avviso bonario?

Ai sensi dell’articolo 36-bis del D.P.R. 600/1973, l’Amministrazione finanziaria, avvalendosi di particolari procedure automatizzate, può procedere, entro l’inizio del periodo di presentazione delle dichiarazioni relative all’anno successivo, alla liquidazione delle imposte, dei contributi e dei premi dovuti, nonché dei rimborsi spettanti in base alle dichiarazioni presentate dai contribuenti e dai sostituti d’imposta. Tale forma di…

Continua a leggere...

Ancora sul principio di inerenza

Proseguendo nella disamina di recenti orientamenti in materia di inerenza ai fini della determinazione del reddito di impresa, vengono in evidenza ulteriori pronunce, sicuramente molto interessanti anche dal punto di vista pratico. La sentenza della Cassazione n. 12532 del 2015 si occupa della deducibilità di spese relative alla realizzazione di una superficie da adibire ad…

Continua a leggere...

Accertamento induttivo per le società a ristretta base familiare

Ai fini delle imposte sui redditi, ai sensi dell’articolo 39, primo comma, lett. d) del D.P.R. 600/1973, nell’ambito del c.d. accertamento analitico – induttivo, l’ufficio procede alla rettifica del reddito d’impresa delle persone fisiche se l’incompletezza, la falsità o l’inesattezza degli elementi indicati nella dichiarazione e nei relativi allegati risulta dall’ispezione delle scritture contabili o…

Continua a leggere...

Accertamento immobili: lo scostamento irrilevante esclude la sanzione

“Nell’ambito dei processi estimativi, le quotazioni OMI non possono intendersi sostitutive della stima puntuale, in quanto forniscono indicazioni di valore di larga massima. Solo la stima effettuata da un tecnico professionista può rappresentare e descrivere in maniera esaustiva e con piena efficacia l’immobile e motivare il valore da attribuirgli”. Ciò è quanto si evince dal…

Continua a leggere...

L’accertamento unico nel consolidato fiscale

La particolare disciplina concernente l’accertamento nei confronti dei soggetti aderenti al consolidato nazionale è stata introdotta dall’articolo 35 del D.L. 78/2010 (convertito, con modificazioni, nella L. 122/2010) al fine di coordinare le norme fiscali applicabili all’area del consolidamento, con quelle generali stabilite in tema di accertamento, irrogazione delle sanzioni e contenzioso. Al fine di approfondire…

Continua a leggere...