ACCERTAMENTO

Reddito da lavoro dipendente: accertamenti bancari legittimi

L’Agenzia delle Entrate può utilizzare i dati risultanti dalle indagini finanziarie per l’accertamento fiscale senza che alcuna rilevanza assuma la qualifica soggettiva del contribuente quale lavoratore dipendente, lavoratore autonomo o imprenditore, in quanto la norma contenuta nella prima parte dell’articolo 32, comma 1, n. 2), D.P.R. 600/1973, secondo cui i dati e gli elementi acquisiti…

Continua a leggere...

Motivazione light negli accertamenti doganali

In tema di accertamento di dazi doganali preferenziali, l’obbligo di motivazione degli avvisi di rettifica è da ritenersi assolto con la mera indicazione dell’invalidazione, da parte dell’autorità emittente, del certificato EUR1, attestante l’origine delle merci, a ciò essendo irrilevanti le ragioni che hanno condotto al suo annullamento. È questo il principio sancito dalla Corte di…

Continua a leggere...

Accertamento sintetico: coltivatore diretto a rischio

La Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 3260 del 05.02.2019, uniformandosi a un filone giurisprudenziale consolidato (cfr. sentenze n. 27140/2016, n. 19557/2014, n. 10707/2014, n. 6952/2006 e n. 7005/2003) ha confermato l’applicabilità dell’accertamento sintetico in capo agli imprenditori agricoli che dichiarano il solo reddito fondiario. Il reddito fondiario, come noto, si compone di due elementi:…

Continua a leggere...

La definizione del Pvc non è preclusa dall’accertamento

Non ha alcun effetto preclusivo sulla definizione agevolata del processo verbale di constatazione la notifica al contribuente, successivamente alla data del 24.10.2018, dell’avviso di accertamento avente ad oggetto le medesime violazioni constatate nel processo verbale. È questo il chiarimento offerto dall’Agenzia delle Entrate con la risposta n. 19 del 30 gennaio 2019 alla domanda di…

Continua a leggere...

I conti correnti dei terzi nel mirino del Fisco

Anche i conti correnti intestati a terzi possono essere acquisiti dal Fisco ai fini del controllo nei confronti del soggetto sottoposto ad indagini finanziarie, a condizione che tali rapporti bancari siano nella disponibilità del contribuente. Questo principio è stato ribadito dalla Corte di Cassazione anche con l’ordinanza n. 32974 del 20.12.2018, che, dopo aver rilevato…

Continua a leggere...

Gli atti compiuti post PVC sono rilevanti per il termine dei 60 giorni?

Come noto, l’articolo 12, comma 7, L. 212/2000, recante disposizioni in materia di Statuto dei diritti del contribuente prevede che, nel rispetto del principio di cooperazione tra amministrazione e contribuente, dopo il rilascio della copia del processo verbale di chiusura delle operazioni da parte degli organi di controllo, il contribuente può comunicare, entro sessanta giorni,…

Continua a leggere...

Utile imputato ai soci: presunzione valida con sentenza definitiva

La Corte di Cassazione è tornata ad affrontare i profili processuali inerenti l’automatica attribuzione ai soci del maggior reddito accertato in capo alla società di capitali a ristretta compagine sociale, focalizzando l’attenzione sui rapporti tra i contenziosi derivanti dall’impugnazione dei distinti atti impositivi destinati, rispettivamente, alla società ed ai soci. Al riguardo giova ricordare che…

Continua a leggere...

La condotta commerciale anomala giustifica l’accertamento analitico-induttivo

In tema di imposte dirette, è legittimo procedere alla rettifica delle componenti reddituali sulla base di un accertamento analitico-induttivo anche quando si sia in presenza di scritture contabili regolarmente tenute, purché le medesime siano contestabili in forza di valutazioni condotte sulla base di presunzioni gravi, precise e concordanti che facciano dubitare della veridicità e correttezza…

Continua a leggere...

Sanatoria delle irregolarità formali: novità del D.L. 119/2018

L’articolo 9 D.L. 119/2018, nella sua versione definitiva a seguito della conversione operata L. 136/2018, prevede la possibilità di aderire ad una sanatoria degli errori formali commessi dai contribuenti sino alla data del 24 ottobre 2018 (data di entrata in vigore del decreto-legge). Giova da subito evidenziare che il testo definitivo della norma che ci…

Continua a leggere...

Procedure di accertamento su reddito d’impresa

L’attività di controllo dell’Amministrazione finanziaria in capo ai contribuenti è sempre preceduta da una fase istruttoria svolta all’interno dell’ufficio e della quale non viene data notizia al contribuente, al fine di verificare se vi sia la possibilità, con gli strumenti a disposizione, di individuare la causa delle «anomalie» rilevate. Al fine di approfondire i diversi…

Continua a leggere...