ACCERTAMENTO

Concordato biennale: quando la scelta sull’adesione o meno può essere modificata?

Il D.Lgs. 13/2024 ha introdotto il nuovo istituto del “concordato preventivo biennale”, al fine di favorire l’adempimento spontaneo degli obblighi dichiarativi. Esso si rivolge ai contribuenti di minori dimensioni, che siano titolari di reddito d’impresa e di lavoro autonomo derivante dall’esercizio di arti e professioni, residenti nel territorio dello Stato. Nello specifico, possono fruire del…

Continua a leggere...

Concordato preventivo biennale al via per i contribuenti forfetari: comunicato stampa ADE del 16.7.2024

Con il comunicato stampa di ieri, 16.7.2024, l’Agenzia delle entrate ha reso noto che imprenditori e professionisti in regime forfetario possono prendere conoscenza della proposta di concordato preventivo formulata dall’Agenzia delle entrate, compilando i campi presenti nel quadro LM del modello Redditi 2024 (anno d’imposta 2023) tramite il servizio RedditiOnline, oppure tramite l’applicativo della dichiarazione precompilata.  Viene, inoltre,…

Continua a leggere...

La Cassazione consolida l’irretroattività dei nuovi principi di governo del redditometro

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 18030 dell’ 1.7.2024, è tornata a ribadire che l’articolo 22, comma 1, D.L. 78/2010, e la norma di diritto transitorio in esso contenuta, rendono irretroattive le modifiche previste per gli accertamenti fondati sul redditometro. Tali modifiche operano solo in ordine agli accertamenti relativi ai redditi, per i…

Continua a leggere...

Concordato biennale: “incertezze” sulle ipotesi di cessazione

Il D.Lgs. 13/2024 ha introdotto il “concordato preventivo biennale”, con l’intento di favorire l’adempimento spontaneo degli obblighi dichiarativi. Tale istituto si rivolge ai contribuenti di minori dimensioni, che siano titolari di reddito d’impresa e di lavoro autonomo derivante dall’esercizio di arti e professioni, residenti nel territorio dello Stato. Più precisamente, possono fruire del concordato biennale,…

Continua a leggere...

Adempimento collaborativo: al via il Codice di condotta e novità in arrivo

Il Codice di Condotta del regime di adempimento collaborativo, reso effettivo con la pubblicazione del D.M. 29.4.2024 in Gazzetta Ufficiale del 7.6.2024, rappresenta un ulteriore passo avanti nel rafforzare il nuovo rapporto tra Fisco e contribuente. Tale Codice, previsto dal D.Lgs. 221/2023, è finalizzato a indicare e definire gli impegni che, reciprocamente, dovranno essere assunti…

Continua a leggere...

Concordato biennale: le prescrizioni del Garante Privacy

Il procedimento di accertamento è stato oggetto di una rilevante modifica ad opera del D.Lgs. 13/2024, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 43 del 21.2.2024. Nello specifico, in attuazione della legge delega per la riforma fiscale (L. 111/2023), è stata introdotta la procedura di “concordato preventivo biennale”. Tale istituto, finalizzato a razionalizzare gli obblighi dichiarativi e…

Continua a leggere...

L’accertamento con adesione ri-apre ai parziali automatizzati

Nonostante la disciplina dell’accertamento con adesione non preveda eccezioni, la possibilità di avanzare istanza di adesione – ad oggi – non è contemplata nelle istruzioni poste in calce agli accertamenti parziali automatizzati, di cui all’articolo 41-bis, D.P.R. 600/1973, fondati sull’incrocio dei dati ed informazioni in possesso dell’anagrafe tributaria, che consentono di stabilire l’esistenza di un…

Continua a leggere...

Redditometro: nuovi indici subito in stand by

Con D.M. 7.5.2024, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 116 del 20.5.2024, il Ministero dell’economia e delle finanze, definendo i nuovi indici di capacità contributiva (contenenti, rispetto al passato, le medie ISTAT), ha “riattivato” il cd. redditometro. Come noto, si tratta di uno strumento attraverso cui il Fisco può determinare il reddito presunto del contribuente, al…

Continua a leggere...

Contraddittorio preventivo e atti di recupero del superbonus 110%

La riforma fiscale (vedi, l’articolo 1, comma 1, lett. e), D.Lgs. 219/2023), apportando rilevanti modifiche allo Statuto dei diritti del contribuente (L. 212/2000), ha introdotto in modo espresso, per la prima volta nel nostro ordinamento, una forma di contraddittorio preventivo, a far data dallo scorso 18.1.2024. In particolare, tale previsione è contenuta nell’articolo 6-bis, L….

Continua a leggere...

Considerazioni sulla riforma dello Statuto del Contribuente

Il D.Lgs. 219/2023 ha apportato modificazioni allo Statuto dei diritti del contribuente, contenuto nella L. 212/2000, attraverso una serie di aggiunte e sostituzioni ai relativi articoli. Ciò conformemente ai principi e criteri direttivi per la revisione dello Statuto dei diritti del contribuente e l’applicazione in via generalizzata del principio del contraddittorio. Il comma 3-bis, dell’articolo…

Continua a leggere...