CONTABILITÀ

Il trattamento contabile dell’anticipazione del TFR

Durante il rapporto di lavoro subordinato, il dipendente ha la facoltà, una sola volta e per determinati motivi, di chiedere e ottenere una anticipazione sul proprio TFR. La richiesta può essere avanzata solo dal dipendente che ha maturato almeno 8 anni di servizio presso lo stesso datore di lavoro, ove per servizio prestato presso la…

Continua a leggere...

Il Terzo settore e i relativi obblighi contabili

Le recenti novità in tema di Terzo settore introdotte dal D.Lgs. 117/2017 sono ormai note e conosciute. Quello che in questo contributo si vuole aggiungere alla già appresa riforma è un riesame degli obblighi contabili del Terzo settore assolutamente diversi dalle previsioni legislative vigenti per altri soggetti. In particolare, l’articolo 13 del citato decreto si…

Continua a leggere...

In scadenza la richiesta del rimborso dell’Iva assolta in Paesi Ue

Come ogni anno il 30 settembre – quindi per quest’anno il termine slitta al 2 ottobre – scade il termine per richiedere da parte delle aziende il rimborso dell’Iva assolta in altri Stati membri della Comunità. Ci riferiamo al disposto della Direttiva 2008/9/UE e dell’articolo 38-bis.1 D.P.R. 633/1972 che, unitamente al correlato provvedimento direttoriale datato…

Continua a leggere...

La rilevazione contabile delle provvigioni a cavallo d’anno

Con riferimento al rapporto di agenzia, si pone il problema della individuazione del momento: in cui l’agente deve assoggettare a tassazione le provvigioni maturate; in cui la casa mandante può dedurre dal proprio reddito le provvigioni maturate in capo all’agente medesimo. Può capitare, infatti, che il diritto alla provvigione sorga: alla conclusione del contratto tra…

Continua a leggere...

La rilevazione della destinazione del risultato d’esercizio

La delibera con la quale l’assemblea dei soci approva il bilancio contiene anche la destinazione del risultato di esercizio, che deve essere rilevata contabilmente trattandosi di una disposizione che ha riflessi contabili. La data di registrazione della delibera è la medesima in cui l’assemblea si è svolta. Le scelte operate dai soci possono essere molteplici,…

Continua a leggere...

Cosa rilevare contabilmente in caso di prelievo sugli utili

È uso frequente nelle società di persone prelevare acconti sugli utili in corso di formazione. Prima di effettuare il prelievo, occorrerebbe però chiedersi se tale usanza possa costituire una corretta pratica. Questa consuetudine lecita ed ammessa per le società di capitali i cui bilanci siano assoggettati a revisione legale dei conti trova non poche problematiche…

Continua a leggere...

Caparre confirmatorie e penitenziali

Gli articoli 1385 e 1386 del cod. civ. attengono alla disciplina delle caparre. In particolare il codice distingue tra caparra confirmatoria e caparra penitenziale. Sostanzialmente scopo della caparra è quello di garantire l’eventuale inadempimento del contratto e di incentivare le parti alla sottoscrizione del contratto definitivo, tuttavia esiste una netta differenza tra le due tipologie…

Continua a leggere...

Perdite d’esercizio: riporto e utilizzo

Qualora l’esercizio si chiuda con la produzione di una perdita, l’assemblea dei soci può scegliere alternativamente il riporto a nuovo o la copertura della stessa. Nel primo caso, riporto a nuovo, la scrittura contabile da eseguire sarà la seguente: Perdite d’esercizi precedenti                    a                             Perdita d’esercizio La voce “Perdita d’esercizi precedenti” andrà rilevata in A.VIII…

Continua a leggere...

Partecipazioni: imputazione a bilancio

Secondo il disposto dell’articolo 2424-bis, comma 2, cod. civ., le partecipazioni sulle quali è esercitata un’influenza dominante si intendono immobilizzazioni. Trattasi di una presunzione relativa che può essere facilmente superata anche con la delibera dell’organo amministrativo con la quale si asserisca che tali partecipazioni sono destinate alla negoziazione. Al fine dell’iscrizione in bilancio possono essere…

Continua a leggere...

Ritenute a garanzia nei lavori in corso su ordinazione

Capita sovente che nell’ambito dei contratti di appalto aventi ad oggetto la realizzazione di opere e, in generale, nei contratti di durata pluriennale il committente trattenga una parte del dovuto a garanzia del buon risultato della commessa richiesta. Sostanzialmente nel corso del rapporto di appalto il committente, anziché corrispondere la somma dovuta al singolo SAL,…

Continua a leggere...