RISCOSSIONE

Gli effetti del perfezionamento della rottamazione sulle pronunce giurisdizionali

L’ultima edizione della definizione agevolata – di cui all’articolo 1, commi 231–252, L. 197/2022 – prevede la rottamazione dei debiti contenuti nei carichi affidati all’Agente della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 30 giugno 2022, anche se ricompresi in precedenti misure agevolative di cui si è determinata l’inefficacia, con il solo versamento delle somme do­vute a…

Continua a leggere...

Al via le domande per la rottamazione quater

È disponibile da venerdì scorso la procedura per trasmettere la domanda di adesione alla nuova Definizione agevolata (c.d. “Rottamazione quater”), che dovrà essere inviata, dai soggetti interessati, entro il 30 aprile 2023. La domanda può essere presentata soltanto telematicamente. Ciò significa, quindi, che, a differenza delle precedenti “rottamazioni” non vi sono modelli da compilare, firmare,…

Continua a leggere...

La notifica della cartella al coobbligato impedisce la decadenza

La questione relativa alla valenza della tempestiva notifica di una cartella di pagamento ad una società, quale soggetto obbligato, rispetto alla eventuale interruzione dei termini decadenziali anche nei confronti dei soci in veste di coobbligati, è stata negli ultimi anni oggetto di contrasti in giurisprudenza. Preliminarmente si ricorda che l’articolo 25 D.P.R. 602/1073 prevede che…

Continua a leggere...

Decreto Aiuti: la compensazione dei crediti nei confronti della PA

L’articolo 20-ter del Decreto Aiuti (D.L. 50/2022, recante “Misure urgenti in materia di politiche energetiche nazionali, produttività delle imprese e attrazione degli investimenti, nonché in materia di politiche sociali e di crisi ucraina”, convertito, con modificazione, dalla L. 91/2022, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 164 dello scorso 15 luglio), amplia la platea dei soggetti che…

Continua a leggere...

Riscritte le regole sulla rateizzazione delle somme iscritte a ruolo

Il cd. Decreto Aiuti (D.L. 50/2022), così come modificato dalla legge di conversione (L. 91/2022) pubblicata in Gazzetta Ufficiale in data 15.07.2022, è intervenuta in materia di rateizzazione delle somme iscritte a ruolo, apportando alcune rilevanti novità. In particolare, l’articolo 15-bis L. 91/2022, rubricato “Disposizioni urgenti in materia di liquidità”, ha la finalità di agevolare…

Continua a leggere...

La rateizzazione del debito interrompe la prescrizione e prova la notifica della cartella

La Corte di Cassazione, con ordinanza n. 19401 depositata ieri 16 giugno, è tornata ad affrontare il caso in cui il contribuente abbia presentato un’istanza di rateizzazione degli importi iscritti a ruolo e, successivamente alla notifica di un avviso propedeutico alle procedure cautelari, lamenti l’omessa notifica delle cartelle di pagamento o intenda far valere l’intervenuta…

Continua a leggere...

Rimborso del credito Iva con interessi anche nel periodo di fermo sui controcrediti

In tema di rimborso dell’eccedenza detraibile dell’Iva, qualora l’amministrazione si sia avvalsa del fermo amministrativo ex articolo 69 R.D. 2440/1923, l’accertata insussistenza dei controcrediti a cautela dei quali il fermo era stato disposto, comporta che il credito richiesto a rimborso, anche nel periodo di vigenza del fermo, produce interessi, con decorrenza dal momento in cui…

Continua a leggere...

Scudo fiscale: due anni per il rimborso dell’imposta straordinaria

In tema di rimborso, la domanda di restituzione dell’imposta straordinaria per l’adesione allo scudo fiscale disciplinato dall’articolo 12, comma 1, D.L. 350/2001, deve essere presentata, in mancanza di una disposizione specifica, nel termine di due anni dal pagamento ovvero, se posteriore, dal giorno in cui si è verificato il presupposto per la restituzione, ai sensi…

Continua a leggere...

Limite delle compensazioni fissato a due milioni

Il limite massimo dei crediti di imposta e dei contributi compensabili con altre somme a debito nel modello F24 (ai sensi dell’articolo 17 D.Lgs. 241/1997) ovvero rimborsabili ai soggetti intestatari di conto fiscale, era fissato in 516.456,90 euro per ciascun anno solare, dall’articolo 34, comma 1, L. 388/2000. Con appositi decreti del Ministro dell’economia e…

Continua a leggere...

Illegittimi il ruolo e la cartella successivi alla sospensione giudiziale dell’accertamento

Nella ipotesi in cui il contribuente ottenga la sospensione giudiziale dell’esecuzione dell’avviso di accertamento impugnato, ai sensi dell’articolo 47 D.Lgs. 546/1992, sono inibiti, dopo tale pronuncia, alla Amministrazione finanziaria la formazione del ruolo e la successiva iscrizione “provvisoria”, rispettivamente ex articoli 12 e 15 D.P.R. 602/1973; pertanto, sussiste l’interesse ad agire della società che svolge…

Continua a leggere...