RISCOSSIONE

Sì al rilascio del DURC in caso di accesso alla rottamazione-bis

Con Messaggio 23 gennaio 2018 n. 322 l’Inps ha fornito interessanti chiarimenti in merito all’alveo applicativo dell’articolo 1 D.L. 148/2017, soprattutto per quanto concerne gli effetti della definizione agevolata dei crediti contributivi ai fini del rilascio del DURC. In particolare, è stato chiarito che la presentazione dell’istanza di accesso alla definizione agevolata dei debiti contributivi…

Continua a leggere...

Negato l’accollo del debito d’imposta in compensazione

Con risoluzione AdE 140/E/2017, l’Agenzia delle Entrate ha fornito una interpretazione alquanto “bizzarra” in tema di accollo del debito d’imposta in compensazione, di cui all’articolo 8, comma 2, L. 212/2000 (c.d. Statuto dei diritti dei contribuenti) secondo cui “… è ammesso l’accollo del debito d’imposta altrui senza liberazione del contribuente originario”. Nel citato documento di…

Continua a leggere...

Nulla la notifica della cartella “pdf”

È nulla la notifica della cartella di pagamento inviata al contribuente a mezzo pec, ma con un file in formato “pdf” allegato. È questo il principio stabilito dalla Commissione Tributaria Regionale della Campania, che ha confermato quanto già deciso dai giudici di primo grado di Napoli. Questi i fatti. Un contribuente impugnava in Commissione Tributaria…

Continua a leggere...

Rottamazione-bis: modalità di pagamento più chiare

Con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n. 284/2017 della L. 172/2017 di conversione del D.L. 148/2017 è stata introdotta una nuova possibilità di rottamare le cartelle di pagamento. Si ricorda che la cosiddetta rottamazione-bis consente di definire in via agevolata: i carichi affidati all’Agente della riscossione dal 2000 al 2016 per i quali non è…

Continua a leggere...

Il pagamento parziale non interrompe la prescrizione

In tema di riscossione, il pagamento parziale delle somme iscritte a ruolo, se non accompagnato dalla precisazione della sua effettuazione in acconto, non può valere come riconoscimento del debito e, come tale, non è idoneo ad interrompere il corso della prescrizione. È questo il principio sancito dalla Corte di Cassazione con ordinanza del 3 gennaio…

Continua a leggere...

Compensazioni sospette e pagamenti delle PA: le novità

In materia di accertamento e riscossione, tra le novità residuali apportate dalla L. 205/2017 (c.d. Legge di bilancio 2018), si segnala la possibilità, per l’Agenzia delle Entrate, di bloccare preventivamente le compensazioni sospette e, per le Pubbliche Amministrazioni, di bloccare i pagamenti di importo superiore ad euro 5.000. Per quanto concerne il blocco delle compensazioni…

Continua a leggere...

Il procedimento di riscossione

La cartella di pagamento, disciplinata dall’articolo 25 D.P.R. 602/1973, è un atto impositivo emesso dall’Agente della Riscossione territorialmente competente, a seguito di iscrizione a ruolo da parte dell’ente impositore delle somme dovute dal contribuente. Al fine di approfondire i diversi aspetti della materia, è stata pubblicata in Dottryna, nella sezione “Riscossione”, una apposita Scheda di…

Continua a leggere...

La rottamazione-bis per i ritardatari

Come noto, l’articolo 1 D.L. 148/2017, c.d. collegato alla legge di Bilancio 2018, ripropone una nuova versione della rottamazione delle cartelle di pagamento, dopo quella introdotta dall’articolo 6 D.L. 193/2016. Sotto il profilo sostanziale, la citata disposizione normativa non si limita a un mero aggiornamento temporale delle disposizioni contenute nell’articolo 6 D.L. 193/2016, bensì aggiorna…

Continua a leggere...

La rottamazione-bis non chiarisce i dubbi sulla sospensione

Con la pubblicazione dei modelli sul portale istituzionale dell’Agenzia delle entrate-Riscossione, viene “ufficializzata” la riapertura della definizione agevolata dei carichi iscritti a ruolo. L’articolo 1 del D.L. 148/2017 offre tre nuove opportunità per rottamare le somme affidate all’Agente della riscossione. In particolare, le novità riguardano: la proroga dei termini di pagamento delle prime due rate…

Continua a leggere...

Presupposti per il rimborso dei tributi erroneamente pagati

Gli articoli 37 e 38 del D.P.R. 602/1973 dettano le regole per recuperare, rispettivamente, ritenute erroneamente subite oppure tributi erroneamente versati. Al fine di approfondire i diversi aspetti della materia, è stata pubblicata in Dottryna, nella sezione “Riscossione”, una apposita Scheda di studio. Il presente contributo analizza le patologie che ammettono il rimborso di quanto…

Continua a leggere...