REDDITO IMPRESA E IRAP

No Irap per l’attività di sindaco svolta dal commercialista

Il commercialista non è soggetto ad Irap in relazione ai compensi che derivano dall’attività di sindaco quando le relative fatture sono emesse a titolo personale. A nulla rileva il sostenimento di spese per prestazioni direttamente afferenti ulteriori attività svolte dal professionista. Lo ha stabilito la CTP di Milano con la sentenza n. 3543/22/19 del 6…

Continua a leggere...

Perdite fiscali non riportabili in caso di azzeramento dell’attività d’impresa

L’Agenzia delle entrate, con la risposta n. 367/2019, ha fornito alcuni chiarimenti in merito alla nozione di “modifica” dell’attività principale di fatto esercitata, contenuta all’articolo 84, comma 3, Tuir, nota disposizione normativa con cui il Legislatore ha inteso contrastare il fenomeno elusivo del cd. “commercio delle bare fiscali”. La vicenda rappresentata nell’istanza trae origine dall’intenzione…

Continua a leggere...

Il regime fiscale delle commesse

In data 9 agosto 2019 la Fondazione Nazionale Commercialisti e il CNDCEC hanno pubblicato un nuovo Documento di ricerca – IV° versione – sulla fiscalità delle imprese Oic Adopter. Nell’elaborato, dopo una sintesi delle principali novità in ambito civilistico recate dal D.Lgs. 139/2015, sono analizzati gli effetti fiscali derivanti dalla recente riforma che ha riguardano…

Continua a leggere...

Perdite su crediti: periodo di competenza

Ai fini della determinazione del reddito d’impresa dei soggetti diversi da banche, altre società finanziarie e imprese di assicurazione, il trattamento fiscale degli oneri derivanti dalla inesigibilità dei crediti divenuta “definitiva”(c.d. perdite su crediti) risulta disciplinato dall’articolo 101, comma 5, Tuir, secondo cui le perdite su crediti sono deducibili dal reddito d’impresa (senza limiti e…

Continua a leggere...

Riserva di rivalutazione “targata” nell’anno di distribuzione

La distribuzione della riserva di rivalutazione in sospensione d’imposta nel corso del 2018 deve considerarsi una riserva di utili formata in detto periodo d’imposta con conseguente tassazione dell’utile in capo al socio con l’imposta sostitutiva del 26%. È quanto precisato dall’Agenzia delle entrate con la risposta all’istanza di interpello n. 332, pubblicata ieri, in relazione…

Continua a leggere...

Il credito prescritto è deducibile solo se il creditore si è prodigato nel recupero

La prescrizione del credito costituisce elemento certo e preciso legittimante la deduzione della perdita su crediti, sempreché l’inattività del creditore nel suo recupero non abbia corrisposto ad una effettiva volontà liberale, la quale va desunta dai fatti e dalle circostanze del caso concreto. È questo l’indirizzo espresso l’Agenzia delle Entrate nella risposta all’istanza di interpello…

Continua a leggere...

Profili fiscali dell’Ifrs 16 ancora incerti per il locatario

Ad oggi non è stato ancora pubblicato un decreto ministeriale dedicato a regolamentare gli effetti fiscali della adozione dello Ifrs 16 per il locatario. A questo riguardo, si prospettano due possibili soluzioni: l’applicazione del principio di derivazione rafforzata; oppure la prevalenza, ai fini fiscali, delle modalità di rappresentazione su base giuridico-formale, e quindi la realizzazione…

Continua a leggere...

Saldo attivo tassato anche in caso di utilizzo per la copertura perdite

L’utilizzo a copertura di perdite è evento che comporta la necessità di tassare il saldo attivo di rivalutazione: questa è l’opinabile posizione sostenuta dall’Agenzia delle Entrate nella risposta all’istanza di interpello n. 316 del 24.07.2019. Si tratta di una posizione che lascia oltremodo perplessi, in quanto la dottrina si è sempre spesa nel senso di…

Continua a leggere...

La complessa deduzione del Tfr per le imprese Ias Adopter

Nella circolare 15/2019 dedicata alle dichiarazioni dei redditi e Irap 2019 delle società di capitali, Assonime dedica un paragrafo alla questione sempre complicata della deduzione fiscale del Tfr per i soggetti Ias Adopter, con particolare riguardo anche agli effetti sul calcolo della base imponibile Irap. È noto che le imprese Ias Adopter, con riguardo alla…

Continua a leggere...

Trasferimento interessi passivi nel consolidato fiscale

Nella risoluzione 67/E/2019 l’Agenzia delle Entrate ritorna, fornendo una importante ed apprezzabile apertura interpretativa, sul tema della trasferibilità, all’interno del consolidato fiscale, delle eccedenze di interessi passivi non deducibili, ai sensi dell’articolo 96 Tuir, da parte di una società aderente alla fiscal unit, ma che trovano capienza in corrispondenti eccedenze di Rol di altre società…

Continua a leggere...