PATRIMONIO E TRUST

La dichiarazione di successione e il versamento dell’imposta

La dichiarazione di successione deve essere presentata entro 12 mesi dalla data di apertura della successione che, di norma, coincide con la data del decesso del de cuius. I soggetti obbligati alla presentazione della dichiarazione sono: gli eredi, i chiamati all’eredità e i legatari, purché non vi abbiano espressamente rinunciato o, non essendo nel possesso…

Continua a leggere...

Le aliquote e le franchigie applicabili per l’imposta di successione

Una volta individuata la base imponibile, si veda il precedente contributo, l’imposta di successione viene determinata applicando le aliquote e le eventuali franchigie che dipendono dal rapporto di coniugio o parentela esistente fra il de cuius e l’erede o legatario. Nel caso in cui l’avente causa sia il coniuge o un parente in linea retta,…

Continua a leggere...

Il regime di esenzione per il passaggio generazionale di aziende e partecipazioni

Il comma 4-ter dell’articolo 3 del TUS prevede un importante regime agevolativo per favorire il passaggio generazionale delle aziende di famiglia, anche quando questo si realizza in via “indiretta”, attraverso il trasferimento delle partecipazioni nei veicoli societari che le detengono. La norma stabilisce che siano esenti dall’imposta sulle successioni i trasferimenti di aziende o rami…

Continua a leggere...

La determinazione della base imponibile dell’imposta di successione

In un precedente contributo abbiamo esaminato le situazioni in cui deve essere corrisposta l’imposta di successione. Soffermiamoci oggi sulle regole da seguire per determinarne la base imponibile. Questa è data dalla differenza, alla data di apertura della successione, fra il valore complessivo dei beni e dei diritti che compongono l’attivo ereditario, e quello delle passività…

Continua a leggere...

Imposta di successione: ambito di applicazione e trasferimenti esclusi

Dopo esserci soffermati in precedenti contributi sugli aspetti giuridici della successione, analizziamo quelle che sono le implicazioni di carattere fiscale, legate all’applicazione dell’imposta di successione e donazione. Prima soppressa nel 2001 dal Governo Berlusconi, quindi reintrodotta nel 2006 dal Governo Prodi, l’imposta di successione e donazione, garantendo un gettito annuo “modesto”, quantificabile in 500 milioni…

Continua a leggere...

I rimedi a disposizione del legittimario leso nei propri diritti

Nel precedente contributo abbiamo visto come l’ordinamento, attraverso la c.d. successione necessaria, intenda tutelare i parenti più prossimi del defunto, che hanno diritto a ricevere parte del patrimonio, a prescindere dalla volontà del congiunto. Nel caso in cui il de cuius, contravvenendo a quanto previsto dal codice civile in materia di quota di legittima, con…

Continua a leggere...

La successione necessaria

Dopo aver affrontato nei precedenti contributi la successione testamentaria e quella legittima, soffermiamoci sulla successione necessaria, che è funzionale a tutelare i familiari più prossimi del de cuius, che, anche contro la volontà di questi, hanno diritto a ricevere parte del patrimonio. A coniuge e figli e, in mancanza di figli e loro discendenti, agli…

Continua a leggere...

L’accettazione e la rinuncia all’eredità

Come abbiamo evidenziato nel contributo pubblicato giovedì, in considerazione del fatto che l’erede subentra non solo nelle posizioni patrimoniali attive facenti capo al de cuius, ma anche in quelle passive, con il conseguente rischio di compromettere il proprio originario patrimonio, la legge prevede che il soggetto chiamato all’eredità, per effetto di un testamento piuttosto che…

Continua a leggere...

La successione testamentaria e la successione legittima

Nel contributo pubblicato martedì, abbiamo evidenziato come un soggetto – che naturalmente deve essere maggiorenne, non interdetto e capace di intendere e di volere – possa stabilire la ripartizione del patrimonio dopo la propria morte attraverso la redazione di un testamento: si parla in questo caso di successione testamentaria. Il testamento è un atto unilaterale,…

Continua a leggere...

La successione mortis causa

Nel momento in cui un soggetto decede, si apre la sua successione nel luogo in cui vi è stato l’ultimo domicilio, che determina così la competenza del tribunale e degli uffici chiamati a gestire gli adempimenti correlati. La morte del de cuius rappresenta il momento al quale vengono correlati gli effetti della trasmissione dei diritti…

Continua a leggere...