PATRIMONIO E TRUST

Profili fiscali del passaggio generazionale d’impresa

L’espressione “passaggio generazionale”, ove riferita all’impresa, sta ad indicare una serie di operazioni idonee a garantire la successione, inter vivos o mortis causa, nell’esercizio di una realtà imprenditoriale. A ben vedere, si tratta di una prima definizione alquanto generica, dalla quale emerge immediatamente che il perimetro delle fattispecie giuridiche interessate è assai ampio. Invero, esso…

Continua a leggere...

Regime di tassazione delle liberalità indirette e informali

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 7442/2024, ha fornito importanti chiarimenti sul regime di tassazione delle “liberalità diverse dalle donazioni formali”. La pronuncia indicata ha suscitato molto interesse tra gli operatori del diritto, poiché ha escluso la sussistenza di un “generalizzato” obbligo di tassazione di tutte le donazioni indirette, evidenziando altresì alcuni concetti fondamentali…

Continua a leggere...

Pericolo sanzioni per la comunicazione di titolari effettivi in cciaa

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale n. 236 del 9.10.2023 del provvedimento del Ministero delle Imprese e del Made in Italy emesso in pari data, il legislatore ha attestato l’operatività dei sistemi di comunicazione del Titolare Effettivo, come stabilito dal decreto interministeriale n. 55 dell’11.3.2022. Entro 60 giorni a partire dalla richiamata data di pubblicazione…

Continua a leggere...

Non è ancora detta l’ultima sul registro dei titolari effettivi

L’articolo 20, D.Lgs. 231/2007 (c.d. decreto Antiriciclaggio), ha recepito la direttiva (UE) 2015/849 (c.d. IV direttiva Antiriciclaggio), che ha sancito l’obbligo per ciascuno Stato membro di modificare il proprio impianto normativo, affinché le società e le altre entità giuridiche forniscano e conservino informazioni relative alla “proprietà effettiva” in registri centrali. L’individuazione del titolare effettivo risponde…

Continua a leggere...

L’erede trust non paga imposta di successione

La recente risposta ad interpello n. 90/2024 ha affrontato l’interessante caso di un trust erede di una signora. Nel nome del file pdf della risposta (e nell’oggetto dell’interpello) si legge “trust testamentario”, ma l’indicazione non appare pertinente, atteso che il trust testamentario è quello che nasce con il testamento del de cuius, mentre in questo…

Continua a leggere...

La residenza del trust dopo la Riforma

Introduzione L’articolo 2, D.Lgs. 209/2023 è intervenuto sul tema della residenza fiscale dei soggetti Ires e quindi anche dei trust. Il punto di partenza è rappresentato dalla soggettivizzazione ai fini della fiscalità diretta che il Legislatore ha fatto del trust, inserendolo tra i soggetti Ires dell’articolo 73, Tuir. Ciò ha comportato, come diretta conseguenza, l’applicazione…

Continua a leggere...

Non agevolabili i trasferimenti di partecipazioni ai discendenti che già controllano la società

L’articolo 1, comma 78, L. 296/2006, recante “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato” (c.d. “Legge finanziaria 2007”), ha aggiunto il comma 4-ter, all’articolo 3, TUS. Con la norma in commento, il legislatore, sollecitato dalla Commissione Europea, dispone l’esenzione dall’imposta di donazione e successione ai trasferimenti di partecipazioni, aziende o rami…

Continua a leggere...

La tassazione dei beneficiari del trust nel modello redditi 2024

Si sta avvicinando la nuova campagna dichiarativa e con essa la necessità di dichiarare, in capo ai beneficiari residenti, i redditi prodotti dal trust residente o non residente. Il primo punto di partenza è quello di valutare se il trust risulta essere fiscalmente rilevante o piuttosto un soggetto interposto. Qualora vi sia un soggetto come…

Continua a leggere...

Niente reverse charge per gli immobili strumentali acquistati da trust e società semplici

La detenzione di un immobile strumentale da parte di una società semplice di godimento o da parte di un trust ente non commerciale, ovverosia che non svolge nemmeno in modo marginale una attività di impresa commerciale, presenta dei profili di interesse, in quanto consente di gestire un compendio immobiliare costituito da uffici, negozi e capannoni,…

Continua a leggere...

Iva sugli immobili in caso di trust e società semplici

Non è infrequente, in questi tempi, l’uso di un trust o di una società semplice di godimento, magari nata a seguito di una trasformazione agevolata, per la gestione di beni immobili. Volendo circoscrivere la nostra analisi ad un compendio di immobili a destinazione abitativa, ci si può chiedere come si debba applicare l’iva in questi…

Continua a leggere...