IMU E TRIBUTI LOCALI

La locazione dell’abitazione principale non fa scattare Imu e Tasi

Non è raro che il contribuente conceda in locazione alcuni locali della propria abitazione principale, anche solo per una parte dell’anno. Atteso che le abitazioni principali – sempreché non classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9 – sono esentate dall’assoggettamento all’Imu e alla Tasi, viene da chiedersi se l’esclusione dai tributi locali continua a…

Continua a leggere...

Seconda autorimessa tassata ai fini Imu

Non è raro il caso in cui un contribuente si trovi a versare imposte in relazione ad un fabbricato ritenuto pertinenziale; si tratta di una diretta conseguenza della definizione di fabbricato pertinenziale stabilita ai fini Imu (e, conseguentemente, ai fini Tasi). L’esenzione prevista per le abitazioni destinate a residenza e dimora del contribuente si estende…

Continua a leggere...

Acconto Imu/Tasi 2019: gli immobili locati a canone concordato

Il prossimo 17 giugno – il 16 giugno cade di domenica – scade il termine per il versamento dell’acconto dell’Imu e Tasi relative all’anno 2019. Per il calcolo delle imposte dovute va considerato quanto deliberato per l’anno 2018, anche se “nulla vieta … che, nel caso in cui il Comune abbia già deliberato in materia…

Continua a leggere...

Immobili locati: Imu sempre dovuta dal locatore

L’Imu viene versata interamente dal titolare del diritto reale sull’immobile, mentre la Tasi viene divisa tra possessore ed utilizzatore secondo determinate misure stabilite nel regolamento comunale (in un range compreso tra il 10% ed il 30%); eventuali accordi previsti nel contratto di locazione che traslano sull’inquilino il carico di tali tributi hanno esclusivamente una valenza…

Continua a leggere...

Coadiuvanti esentati da Imu solo a partire dal 2019

La Legge di bilancio, tramite un blocco di disposizioni poste in favore del comparto agricolo, interviene anche a dirimere una questione riguardante l’applicazione delle agevolazioni Imu sui terreni edificabili posseduti da Iap e coltivatori diretti, quando il possesso del terreno sia allocato in capo al coadiuvante dell’impresa agricola. Si trattata di una previsione a cui…

Continua a leggere...

Imu: i valori deliberati dal Comune sono autolimitanti

Altro tassello sul tema dei valori che devono essere assunti quale base imponibile per le aree fabbricabili e, soprattutto, sul delicato aspetto della valenza da attribuire alle delibere comunali che fissano tali valori per zone omogenee. Dopo l’ordinanza n. 4969 del 02.03.2018, commentata in un precedente intervento, pubblicato sul presente quotidiano telematico, nella quale la…

Continua a leggere...

Accatastamento imposto dal comune con retroattività limitata

La nuova rendita attribuita a seguito dell’attivazione, da parte del comune di ubicazione dell’immobile, della procedura di cui all’articolo 1, comma 336, L. 311/2004, esplica efficacia retroattivamente, ovvero dal momento in cui tale accatastamento doveva essere realizzato; la retroattività è però subordinata al fatto che il comune abbia indicato, nell’atto di richiesta di variazione catastale,…

Continua a leggere...

La Cassazione conferma le agevolazioni Imu alle società agricole

Con la sentenza n. 28062 del 02.11.2018 la Cassazione conferma la possibilità di applicare anche alle società le agevolazioni previste per gli Imprenditori Agricoli professionali quando siano soddisfatti i requisiti in capo ai soci di questa. Se la società agricola coltiva un terreno che lo strumento urbanistico qualifica edificabile, esso dovrà quindi scontare la tassazione…

Continua a leggere...

Versamento saldo Tasi 2018 entro il prossimo 17 dicembre

Entro il prossimo 17 dicembre i soggetti passivi della Tasi, ovvero coloro che possiedono (a titolo di proprietà, usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi o superficie) o detengono fabbricati (compresa l’abitazione principale se accatastata nelle categorie catastali A/1, A/8 o A/9) e aree edificabili come definiti ai sensi dell’imposta municipale propria, devono provvedere al versamento della rata…

Continua a leggere...

Area edificabile ai fini Imu anche con utilizzo edificatorio precluso

I vincoli di inedificabilità specifici non riqualificano l’area ai fini Imu: pertanto, se in base allo strumento urbanistico, il lotto di terreno risulta collocato in zone teoricamente edificabili, comunque la base imponibile deve essere determinata facendo riferimento al valore venale, non a quello catastale, valorizzandolo sulla base dei parametri di cui all’articolo 5, comma 5,…

Continua a leggere...