IMU E TRIBUTI LOCALI

Il nuovo termine per la dichiarazione Imu non interessa la Tari

Il nuovo termine del 31 dicembre per la presentazione della dichiarazione dell’imposta municipale propria (Imu) e della tassa per i servizi indivisibili (Tasi) non può trovare applicazione anche ai fini della tassa sui rifiuti (Tari), sebbene la norma oggetto di modifiche sia quella che ha introdotto la Iuc (imposta municipale unica), la quale, appunto, disciplina…

Continua a leggere...

Tari ancora dovuta sulla superficie calpestabile

Sino all’emanazione del provvedimento che stabilisce l’interscambio dei dati tra Agenzia delle Entrate e Comuni, la superficie su cui computare la tassazione ai fini dell’imposta sui rifiuti non può riferirsi al dato catastale, ma occorre continuare a riferirsi alla superficie calpestabile: questa è la posizione espressa dall’Amministrazione finanziaria attraverso la risposta all’istanza di interpello n….

Continua a leggere...

Imu e leasing: il pensiero altalenante della Cassazione

Il tema della soggettività passiva del bene condotto in forma di contratto di leasing, al momento della risoluzione, è un tipico esempio di come la Cassazione riesca ad esprimersi in maniera opposta sul medesimo problema. A distanza di meno di due mesi da un precedente pronuncia (Cassazione n. 13973 del 22.05.2019), nella quale si è…

Continua a leggere...

Leasing: Imu dovuta dal concedente dalla data della risoluzione

La risoluzione del contratto di leasing comporta il trasferimento della soggettività passiva Imu in capo al concedente sin dalla data della risoluzione, senza che una eventuale ritardata restituzione da parte dell’utilizzatore possa ritardarne gli effetti fiscali: questo il pensiero della Cassazione, espresso nella sentenza n. 13973 del 23.05.2019. Secondo i giudici della Suprema corte deve…

Continua a leggere...

La locazione dell’abitazione principale non fa scattare Imu e Tasi

Non è raro che il contribuente conceda in locazione alcuni locali della propria abitazione principale, anche solo per una parte dell’anno. Atteso che le abitazioni principali – sempreché non classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9 – sono esentate dall’assoggettamento all’Imu e alla Tasi, viene da chiedersi se l’esclusione dai tributi locali continua a…

Continua a leggere...

Seconda autorimessa tassata ai fini Imu

Non è raro il caso in cui un contribuente si trovi a versare imposte in relazione ad un fabbricato ritenuto pertinenziale; si tratta di una diretta conseguenza della definizione di fabbricato pertinenziale stabilita ai fini Imu (e, conseguentemente, ai fini Tasi). L’esenzione prevista per le abitazioni destinate a residenza e dimora del contribuente si estende…

Continua a leggere...

Acconto Imu/Tasi 2019: gli immobili locati a canone concordato

Il prossimo 17 giugno – il 16 giugno cade di domenica – scade il termine per il versamento dell’acconto dell’Imu e Tasi relative all’anno 2019. Per il calcolo delle imposte dovute va considerato quanto deliberato per l’anno 2018, anche se “nulla vieta … che, nel caso in cui il Comune abbia già deliberato in materia…

Continua a leggere...

Immobili locati: Imu sempre dovuta dal locatore

L’Imu viene versata interamente dal titolare del diritto reale sull’immobile, mentre la Tasi viene divisa tra possessore ed utilizzatore secondo determinate misure stabilite nel regolamento comunale (in un range compreso tra il 10% ed il 30%); eventuali accordi previsti nel contratto di locazione che traslano sull’inquilino il carico di tali tributi hanno esclusivamente una valenza…

Continua a leggere...

Coadiuvanti esentati da Imu solo a partire dal 2019

La Legge di bilancio, tramite un blocco di disposizioni poste in favore del comparto agricolo, interviene anche a dirimere una questione riguardante l’applicazione delle agevolazioni Imu sui terreni edificabili posseduti da Iap e coltivatori diretti, quando il possesso del terreno sia allocato in capo al coadiuvante dell’impresa agricola. Si trattata di una previsione a cui…

Continua a leggere...

Imu: i valori deliberati dal Comune sono autolimitanti

Altro tassello sul tema dei valori che devono essere assunti quale base imponibile per le aree fabbricabili e, soprattutto, sul delicato aspetto della valenza da attribuire alle delibere comunali che fissano tali valori per zone omogenee. Dopo l’ordinanza n. 4969 del 02.03.2018, commentata in un precedente intervento, pubblicato sul presente quotidiano telematico, nella quale la…

Continua a leggere...