ISTITUTI DEFLATTIVI

Divieto di commercio delle c.d. bare fiscali: disapplicazione della disciplina

L’articolo 84, comma 3, Tuir prevede che le disposizioni in materia di riporto delle perdite fiscali (articolo 84, comma 1, Tuir) non si applicano nel caso in cui “la maggioranza delle partecipazioni aventi diritto di voto nelle assemblee ordinarie del soggetto che riporta le perdite venga trasferita o comunque acquisita da terzi, anche a titolo…

Continua a leggere...

Dichiarazione dei redditi e ravvedimento: le Entrate rispondono ai quesiti

Con la risoluzione 82/E/2020, pubblicata il 24 dicembre, l’Agenzia delle entrate ha risposto ad alcuni quesiti in materia di ravvedimento operoso. Nello specifico le problematiche affrontate risultano essere le seguenti: la corretta determinazione delle sanzioni da versare, ai fini del ravvedimento operoso, in caso di tardiva trasmissione delle dichiarazioni da parte dei soggetti incaricati alla…

Continua a leggere...

Gli effetti delle risposte alle istanze di interpello

L’ordinamento riconosce al contribuente il diritto di presentare un’istanza di interpello per venire preventivamente a conoscenza del parere dell’Amministrazione finanziaria in relazione all’interpretazione di fattispecie concrete e personali che lo riguardano (articolo 11 L. 212/2000). La risposta fornita all’istanza di interpello vincola l’operato, in relazione al medesimo soggetto e in relazione a quella determinata fattispecie,…

Continua a leggere...

I requisiti dell’interpello antielusivo

Ai sensi dell’articolo 10-bis, comma 1, L. 212/2000, recante la “Disciplina dell’abuso del diritto o elusione fiscale”, configurano abuso del diritto una o più operazioni prive di sostanza economica che, pur nel rispetto formale delle norme fiscali, realizzano essenzialmente vantaggi fiscali indebiti. Tali operazioni non sono opponibili all’Amministrazione finanziaria, la quale ridetermina i tributi sulla…

Continua a leggere...

Sospensione dei termini e accertamenti con adesione: i chiarimenti delle Entrate

Con la circolare 6/E/2020, pubblicata ieri, 23 marzo, l’Agenzia delle entrate ha fornito i primi chiarimenti con riferimento ai procedimenti di accertamento con adesione, alla luce della sospensione dei termini disposta con il D.L. 18/2020 (c.d. decreto “Cura Italia”). Il decreto “Cura Italia” ha introdotto, tra le varie misure urgenti connesse all’emergenza epidemiologica da Covid-19,…

Continua a leggere...

Termini sospesi fino al 31 maggio per gli interpelli

Con la circolare 4/E/2020, del 20 marzo scorso l’Agenzia delle entrate ha fornito chiarimenti in merito alla disposizione di cui all’articolo 67 D.L. 18/2020 sulla sospensione dei termini relativi all’attività degli uffici. In particolare, il comma 1, secondo periodo di tale articolo, prevede che “sono, altresì, sospesi, dall’8 marzo al 31 maggio 2020, i termini…

Continua a leggere...

La sottile differenza tra l’interpello “ordinario” e l’interpello “qualificatorio”

Nell’ambito del rinnovato rapporto tra Fisco e contribuente si è reso necessario effettuare un’opportuna rivisitazione dell’istituto dell’interpello quale strumento giuridico con cui il contribuente può venire a conoscenza del parere dell’Amministrazione finanziaria su determinate tematiche di carattere fiscale. Il D.L. 156/2015, in attuazione della Legge delega 23/2014, ha riordinato l’intera disciplina dell’istituto dell’interpello che, oltre…

Continua a leggere...

Ravvedimento lungo esteso ai tributi comunali

Il ravvedimento operoso dei tributi locali non è più soggetto a limitazioni temporali. A seguito della soppressione dell’articolo 13, comma 1- bis, D.Lgs. 472/1997 ad opera del Decreto Fiscale collegato alla Legge di Bilancio 2020 (articolo 10-bis D.L. n.124/2019), il ravvedimento ultrannuale trova applicazione a prescindere dalla natura del tributo violato. Il Legislatore, tutt’altro che…

Continua a leggere...

Decreto Crescita: limitata rottamazione delle ingiunzioni di pagamento

Il D.L. 34/2019 (c.d. Decreto crescita), convertito con modificazioni in legge lo scorso 29 giugno, estende, seppur con limiti, alle ingiunzioni di pagamento quanto previsto dall’articolo 3 D.L. 119/2018, al fine di equiparare il trattamento riservato a coloro che sono soggetti a riscossione mediante ruolo e a coloro che sono soggetti al metodo dell’ingiunzione, nonché…

Continua a leggere...

Il ravvedimento parziale diventa legge

L’articolo 4-decies D.L. 34/2019 (cd. Decreto crescita), con l’introduzione dell’articolo 13-bis D.Lgs. 472/1997, estende l’ambito operativo della disciplina del ravvedimento operoso contenuta nel precedente articolo 13. In sostanza, per effetto della novella normativa, vengono recepiti in una norma primaria alcuni orientamenti espressi in passato dall’Agenzia delle entrate in materia di versamento frazionato dell’imposta o di…

Continua a leggere...