RISCOSSIONE

Pace fiscale: primi chiarimenti dalle Entrate

Nella giornata di ieri l’Agenzia delle entrate ha diffuso i primi chiarimenti riguardo alla definizione agevolata degli avvisi di accertamento. Si ricorda, sul punto, che, ai sensi dell’articolo 2 D.L. 119/2018, è consentita la definizione degli atti del procedimento di accertamento mediante il solo pagamento delle somme dovute a titolo di imposta, senza le sanzioni,…

Continua a leggere...

Decreto fiscale: stralcio dei debiti fino a 1.000 euro

Con riferimento alle novità introdotte con il D.L. 119/2018 (c.d. “Decreto fiscale”) molti dubbi si concentrano sul previsto stralcio dei debiti fino a 1.000 euro affidati agli agenti della riscossione dal 01.01.2000 al 31.12.2010. A quale importo è necessario far riferimento per valutare il raggiungimento del limite massimo di 1.000 euro? come si coordina questa…

Continua a leggere...

Decreto fiscale: previsto lo stralcio delle cartelle

Sabato 20 ottobre il Consiglio dei Ministri ha riesaminato e approvato il decreto-legge recante disposizioni urgenti in materia fiscale. Oggetto di discussione sono state, tra l’altro, anche le norme in tema di pacificazione fiscale, essendosi resi necessari degli interventi finalizzati a escludere qualsiasi forma di non punibilità dei reati fiscali, di riciclaggio e di autoriciclaggio,…

Continua a leggere...

Sospensione dei modelli F24: l’accertamento con adesione è a rischio

L’articolo 1, comma 990, L. 205/2017 ha introdotto un nuovo strumento di contrasto all’utilizzo di crediti tributari “inesistenti”. A partire dal 29 ottobre 2018, l’Agenzia delle Entrate può disporre la sospensione del pagamento di modelli F24 ove sono indicate delle compensazioni d’imposta giudicate “rischiose”. Sotto il profilo oggettivo e procedurale l’Agenzia seleziona i crediti da…

Continua a leggere...

Istanza di rimborso degli acconti versati e decorrenza del termine

Il termine per la presentazione delle istanze di rimborso degli acconti versati deve essere individuato verificando l’esistenza o meno dell’obbligo di versamento nel momento in cui lo stesso è effettuato: è questo quanto ha chiarito l’Agenzia delle entrate con la risposta all’istanza di consulenza giuridica n.1, pubblicata ieri, 4 ottobre. La risposta in esame è…

Continua a leggere...

Un lieve ritardo nel pagamento della rata non è sanzionabile

L’articolo 15 ter D.P.R. 602/1973 disciplina gli inadempimenti nei pagamenti delle somme dovute a seguito dell’attività di controllo dell’Agenzia delle Entrate. Nello specifico, in caso di rateazione ai sensi dell’articolo 3 bis D.Lgs 462/1997, il mancato pagamento della prima rata entro il termine di trenta giorni dal ricevimento della comunicazione, ovvero di una delle rate…

Continua a leggere...

Cartella nulla in caso di mancata allegazione dell’atto richiamato

In tema di riscossione, va dichiarata la nullità per difetto di motivazione della cartella di pagamento che faccia rinvio ad un altro atto costituente il presupposto dell’imposizione senza indicarne i relativi estremi in modo esatto, allorché tale atto non sia stato previamente allegato e comunicato al contribuente. È questo il principio di diritto sancito dalla…

Continua a leggere...

Gli interessi non si applicano sulle sanzioni in caso di dilazione

La dilazione di pagamento è una modalità di adempimento dell’obbligazione concessa dal creditore al debitore e consistente in un maggior periodo rispetto alla scadenza predeterminata per assolvere all’impegno assunto. In ambito tributario non esiste una normativa che disciplina il diritto di dilazione ma le norme di riferimento sono quelle previste per la dilazione della cartella…

Continua a leggere...

Notifica delle cartelle a mezzo pec: i chiarimenti della giurisprudenza

Che l’utilizzo delle pec avrebbe creato problemi era facile immaginarlo. Che i problemi fossero così complessi un po’ meno. Rilevano, a tal proposito, sia profili procedimentali, come la notifica di questionari a società che non consultano le pec, per poi incorrere nelle preclusioni di cui all’articolo 32 D.P.R. 600/1973 (con buona pace della imparzialità e…

Continua a leggere...

Interessi fiscali: non sono tutti uguali

Nel nostro codice civile gli interessi sono di due tipi: quelli corrispettivi di cui agli articoli 1282 ss. cod. civ., posti a carico del debitore come corrispettivo per il godimento di una somma di danaro, e quelli moratori di cui agli articoli 1224 ss. cod. civ., dovuti in caso di inadempimento di una obbligazione pecuniaria…

Continua a leggere...