13 Ottobre 2021

Verza stufata in padella: un contorno a tutto gusto

di Niva Florio – Foodblogger e Copywriter Scarica in PDF

La verza stufata in padella è un contorno ricco di gusto adatto ad accompagnare le pietanze invernali a base di carne, ma non solo. Infatti è un piatto vegano che si sposa bene anche tutti i piatti principali a base vegetale. Insomma, la ricetta della verza stufata è un piatto gustoso, veloce e facile da preparare che accontenterà davvero tutti.

Vediamo insieme come preparare la verza in padella, scopriamo qualche curiosità su questo ortaggio e qualche consiglio per gustare al meglio questo contorno invernale.

 

Ingredienti per la verza stufata in padella

  • Per 6 persone:
  • 1 cavolo verza;
  • 2 spicchi d’aglio;
  • 2 foglie di alloro;
  • mezzo bicchiere di olio extra vergine di oliva;
  • 1 bicchiere di acqua;
  • 1 bicchiere di vino bianco;
  • sale qb.

 

Procedimento

Per cucinare la verza stufata in padella:

  1. Eliminate le foglie esterne e più dure del cavolo verza.
  2. Lavate le foglie rimaste sotto acqua fredda corrente in maniera accurata.
  3. Tagliatele a listarelle mettetele da parte.
  4. Versate l’olio in una padella dai bordi piuttosto alti.
  5. Aggiungete gli spicchi d’aglio precedentemente sbucciati e fateli soffriggere nell’olio ben caldo.
  6. Versate il vino e l’acqua nella padella.
  7. Quando i liquidi saranno giunti ad ebollizione, aggiungete la verza e il sale.
  8. Coprite con un coperchio e fate cuocere per una ventina di minuti mescolando di tato in tanto. 
  9. A questo punto aggiungete le foglie di alloro.
  10. Lasciate cuocere per altri venti minuti, finché il cavolo verza risulterà tenero e l’acqua sarà completamente evaporata.
  11. Se preferite mangiare della verza più croccante, diminuite il tempo di cottura.

 

Curiosità sul cavolo verza

Le origini del cavolo verza sono molto antiche e viene coltivato in tutta Italia, soprattutto nella parte centro-settentrionale. Questo ortaggio viene chiamato con diversi nomi: verza, verzotto, cavolo sabaudo, cavolo lombardo e cavolo di Milano sono solo alcuni. Spesso viene confuso con il cavolo cappuccio. I due ortaggi però presentano numerose differenze tra cui le foglie: la verza presenta foglie grinzose e rugose, con una nervatura importante.

Il cavolo verza ha poche calorie (circa 25 per 100 gr di verza) ed è un prezioso alleato per il nostro benessere. È ricco di acqua, fibre, fluoro, calcio, magnesio e potassio. È un vero concentrato di vitamina C e contiene anche le vitamine A, E, K e le vitamine del gruppo B.

 

Con cosa abbinare questo contorno

La verza stufata in padella è un contorno perfetto per accompagnare ogni secondo di carne, come ad esempio uno spezzatino, una bistecca o delle salsicce cotte sulla brace. I vegani e i vegetariani potranno affiancare alla verza stufata qualsiasi piatto principale a base vegetale, quali le polpette di tofu, i burger di ceci o lo spezzatino di seitan. 

Questo contorno ha un sapore piuttosto deciso ed è ottimo da gustare come piatto unico aggiungendo delle patate lesse tagliate a tocchetti. Gli amanti dei sapori forti saranno appagati dall’aggiunta di peperoncino che darà ancora più carattere a questo gustoso piatto invernale.

Se decidiamo di consumare la verza come piatto unico o come contorno per un piatto vegano, possiamo gustarla con un bel bicchiere di vino bianco fermo come un Trebbiano d’Abruzzo. Se invece accompagniamo questo contorno con un secondo di carne, è meglio scegliere un vino rosso strutturato come il Nero d’Avola

LeROSA ENOGASTRONOMIA RICETTE