IMU E TRIBUTI LOCALI

Le esenzioni Imu e Tasi

Al di là degli immobili assimilati all’abitazione principale per Legge o per regolamento, la discipline Imu e Tasi prevedono un elenco esaustivo di fabbricati esenti dal pagamento dell’imposta. In particolare, ai sensi dell’articolo 9, comma 8, D.Lgs. 23/2011, sono esenti dal pagamento dell’Imu e, ai sensi dell’articolo 1, comma 3, D.L. 16/2014, della Tasi: gli…

Continua a leggere...

La casa coniugale assegnata al coniuge è esente da Imu e Tasi

La casa coniugale assegnata al coniuge, con provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio, rientra nel novero, ai fini Imu, delle abitazioni assimilate alla principale per legge. Infatti, ai sensi dell’articolo 4, comma 12-quinquies, del D.L. 16/2012, “l’assegnazione della casa coniugale al coniuge, disposta a seguito di provvedimento di…

Continua a leggere...

Tari: rimborso da parte dei Comuni e modalità di copertura dei costi

Con la circolare n. 3 dello scorso 22 novembre il Dipartimento delle Finanze ha fornito chiarimenti in ordine alle soluzioni che, in caso di rimborso della tassa sui rifiuti (Tari), i Comuni possono adottare per rispettare i principi relativi all’integrale copertura del costo del servizio di gestione dei rifiuti nonché quelli concernenti la corretta predisposizione…

Continua a leggere...

Il saldo Imu e Tasi 2019 in scadenza il 16 dicembre

È noto a tutti che la tassazione locale sugli immobili dovrebbe (finalmente) subire la tanto attesa riunificazione di Imu e Tasi, tributi che sono nati con diverse prerogative ma che nel tempo (con l’estensione alla Tasi dell’esenzione sull’abitazione principale) sono divenuti molto simili e, in molti casi, risultano del tutto allineati. In attesa di tale…

Continua a leggere...

La verifica incrociata delle aliquote Imu e Tasi

Mentre l’acconto è stato determinato sulla scorta di aliquote e detrazioni previste per l’anno precedente, nel calcolo del saldo entrano in campo i nuovi parametri deliberati dai Comuni per il 2019, a patto che le relative deliberazioni siano state pubblicate sul sito del MEF entro lo scorso 28 ottobre; in caso contrario, anche il saldo…

Continua a leggere...

Intervenuta edificabilità: omessa comunicazione senza conseguenze per il Comune

Non capita di rado che i contribuenti si vedano recapitare dal Comune avvisi di accertamento Imu e Tasi riguardanti omessi versamenti relativi a terreni edificabili; terreni che i contribuenti ipotizzavano non avere potenzialità edificatorie. Il problema si pone relativamente a tale fattispecie in quanto la nozione di edificabilità è legata allo strumento urbanistico, che viene…

Continua a leggere...

Non retroattiva la correzione della rendita per errore del contribuente

Le variazioni catastali non possono considerarsi retroattive, anche se le situazioni di fatto che le hanno prodotte già erano presenti precedentemente alla richiesta di accatastamento presentata dal contribuente, quando l’errore di classamento è stato commesso dal contribuente: la nuova rendita, in questo caso, produrrà effetti solo per il futuro. Questa è la posizione espressa dalla…

Continua a leggere...

Imu dovuta per i contitolari di coltivatori diretti e Iap

Il trattamento agevolato Imu nella tassazione dei terreni agricoli previsto a favore dei coltivatori diretti (Cd) e degli imprenditori professionali (Iap), non si estende a favore degli altri contitolari del terreno che non svolgono attività agricola su di esso. Diversa è invece la fattispecie dei terreni edificabili: per quest’altra fattispecie, le agevolazioni sono di tipo…

Continua a leggere...

Ruralità: la richiesta di classamento in D/10 non è retroattiva

La tassazione di un fabbricato provvisto di rendita può apparire elemento scontato quasi banale; in realtà occorre valutare quale sia l’efficacia di questa rendita, per stabilire in quale momento essa produca i propri effetti, prima di tutto, dal punto di vista fiscale. Nella recente sentenza della Corte di Cassazione n.21097 del 07.08.2019, dopo aver analizzato…

Continua a leggere...

Il nuovo termine per la dichiarazione Imu non interessa la Tari

Il nuovo termine del 31 dicembre per la presentazione della dichiarazione dell’imposta municipale propria (Imu) e della tassa per i servizi indivisibili (Tasi) non può trovare applicazione anche ai fini della tassa sui rifiuti (Tari), sebbene la norma oggetto di modifiche sia quella che ha introdotto la Iuc (imposta municipale unica), la quale, appunto, disciplina…

Continua a leggere...