OPERAZIONI STRAORDINARIE

Non si ha cessione di azienda se il trasferimento spezzettato non include elementi determinanti

La Commissione Tributaria Provinciale di Vicenza con la sentenza n. 118 del 12 settembre 2013 ha affrontato un caso piuttosto controverso che vede contrapposti da una parte l’Amministrazione Finanziaria, la quale ha intravvisto in una serie di operazioni compiute da una società in liquidazione nei confronti di una medesima controparte una “camuffata” cessione d’azienda e,…

Continua a leggere...

Assonime spiega l’iscrizione in bilancio del conferimento d’azienda

Nel Caso n. 4/2014 Assonime affronta il tema dei criteri in base ai quali è possibile rilevare un conferimento di azienda nel bilancio della società conferitaria che applica i principi contabili nazionali; l’argomento, infatti, non è trattato da alcun principio contabile o documento OIC, per cui si riscontrano nella prassi comportamenti diversificati che sono spesso…

Continua a leggere...

Possibili le modifiche al progetto di fusione dopo la sua pubblicazione

  L’articolo 2502, comma 2, Cod.civ., consente che la delibera con cui l’assemblea dei soci approva la fusione possa apportare al progetto di fusione solamente le modifiche che non incidono sui diritti dei soci o dei terzi. Per quanto attiene ai “diritti dei soci”, nel contesto in oggetto si tende a farli corrispondere a quelle…

Continua a leggere...

Aumenti di capitale sempre possibili nelle società in concordato

L’Orientamento n. 32/2013 del Consiglio Notarile dei Distretti riuniti di Firenze Pistoia e Prato affronta il tema delle operazioni di aumento del capitale sociale nelle more dell’omologazione del concordato preventivo. Operazioni di questo tipo possono infatti presentare talvolta delle opportunità sia per consentire l’ingresso in società di cd. “cavalieri bianchi”, e sia per dare corpo…

Continua a leggere...

Trasformazione progressiva e riduzione del capitale sociale

Si ipotizzi la seguente fattispecie: una Snc operativa desidera trasformarsi in una Srl per limitare la responsabilità patrimoniale dei soci, per una migliore immagine sul mercato e per favorire il successivo passaggio generazionale ai figli. Il capitale sociale della Snc ammonta a 150.000 Euro e i soci desiderano ridurre lo stesso a 30.000 Euro. Come…

Continua a leggere...

Scissione non proporzionale di immobiliare a rischio

La scissione è un’operazione che presenta notevoli profili di interesse anche per lo scopo di ripianare i dissidi tra i soci. Quando la convivenza diventa difficile, l’implementazione di una scissione non proporzionale o asimmetrica è un valido strumento per evitare reciproche ingerenze: ciascuno proseguirà per la propria strada. Secondo l’Agenzia delle Entrate, le criticità emergono…

Continua a leggere...

Tempo di crisi: il conferimento “abbellisce” il bilancio

Il conferimento d’azienda o ramo d’azienda è l’operazione mediante la quale un soggetto (conferente) apporta beni o diritti a titolo di capitale in una società (conferitaria) ricevendone in cambio azioni o quote rappresentanti il capitale sociale della stessa. L’operazione in esame consente di “abbellire” il bilancio della società conferente ma anche quello della conferitaria la…

Continua a leggere...

E’ destinato a complicarsi il pagamento del prezzo nei trasferimenti di azienda

Con i commi dal 63 al 67 la Legge di Stabilità 2014 interviene in modo radicale sulle modalità di pagamento del prezzo, fatta esclusione della parte di esso oggetto di dilazione, nei contratti che implicano il trasferimento della proprietà di aziende o la costituzione ed estinzione di diritti reali sulle medesime. La disposizione non è…

Continua a leggere...

Quale sorte per i fondi tassati nelle operazioni societarie straordinarie?

Nei bilanci delle società è frequente riscontrare la presenza di fondi tassati, ovvero di fondi iscritti al passivo e creati mediante accantonamenti transitati negli esercizi precedenti nel conto economico annuale ed oggetto di variazione in aumento ai fini Ires e, spesso, anche ai fini Irap. Si tratta di posizioni che determinano le cd. “differenze temporanee…

Continua a leggere...

Non basta la volontà delle parti per configurare come ramo d’azienda l’oggetto della cessione

Con la sentenza n. 10740 del 8 maggio 2013 la Cassazione ha trattato dell’ennesimo caso di riqualificazione ai fini della imposizione Iva / imposta di registro di una cessione che le parti contraenti avevano ritenuto configurare trasferimento di un ramo di azienda. In particolare, la Cassazione ha affermato che ai fini della qualificazione come cessione…

Continua a leggere...