IVA

Senza immissione in libera pratica la merce resta extra-unionale

La posizione doganale di “merci unionali” è riconosciuta solo alle merci che siano state oggetto delle procedure per l’immissione in libera pratica nel territorio doganale dell’Unione. Ne discende che le Autorità doganali possono presumere che le merci siano state introdotte irregolarmente nel territorio dell’Unione se l’importatore non è in grado di dimostrare il regolare espletamento…

Continua a leggere...

Obblighi Iva degli eredi del professionista

Gli eredi del professionista possono tenere aperta la partita Iva del de cuius anche oltre il termine di sei mesi dal decesso al fine di adempiere agli obblighi Iva per le prestazioni non ancora incassate alla data del decesso stesso. È quanto chiarito dall’Agenzia delle entrate con la recente risoluzione 34/E/2019 in cui è stata…

Continua a leggere...

Locazione immobiliare: esenzione Iva indipendente dall’attività del conduttore

L’esenzione Iva prevista dalla normativa unionale per l’affitto e la locazione di beni immobili si applica ad un contratto di cessione dello sfruttamento agricolo di fondi rustici adibiti a vigneto a favore di una società operante nel settore della viticoltura, stipulato per un periodo di un anno, soggetto a rinnovo automatico e che prevede in…

Continua a leggere...

Non residenti identificati esclusi dalla fatturazione elettronica

Gli obblighi collegati alla fatturazione elettronica non riguardano i soggetti non residenti ancorché identificati in Italia. È questo, in sintesi, il principio ribadito dalla risposta all’istanza di interpello n. 26 pubblicata sul sito dell’Agenzia delle entrate in data 26 febbraio 2019 e fornita a fronte della presentazione di un interpello ordinario. Nell’occasione l’istante, una società…

Continua a leggere...

Sotto la lente l’Iva ridotta per le banche dati elettroniche

L’Agenzia delle Entrate, con la risposta all’interpello n. 69, pubblicata il 1° marzo 2019, ha chiarito che, nonostante le novità introdotte dalla Direttiva 2018/1713/UE, l’aliquota Iva ridotta del 4% di cui al n. 18) della Tabella A, Parte II, allegata al D.P.R. 633/1972 non è applicabile ai prodotti editoriali digitali privi di codice ISBN e…

Continua a leggere...

Limiti all’applicazione retroattiva dell’autorizzazione UE al reverse charge

La decisione del Consiglio europeo che autorizza uno Stato membro ad introdurre il meccanismo del reverse charge per una determinata operazione non può essere applicata retroattivamente, nella specie prima della data di notifica dell’atto allo Stato membro interessato, laddove tale atto nulla disponga in merito alla sua entrata in vigore o alla sua data iniziale…

Continua a leggere...

La modifica del plafond assegnato al fornitore – II° parte

Nel precedente contributo è stata esaminata la disciplina delle lettere d’intento comunicate ai fornitori e, in particolare, le modalità attraverso le quali gestire l’attribuzione ad un fornitore di un ulteriore plafond rispetto a quello originariamente concesso. Ora occorre verificare il caso contrario, quello in cui l’esportatore abituale intenda ridurre il plafond assegnato al singolo fornitore:…

Continua a leggere...

La modifica del plafond assegnato al fornitore – I° parte

Per gli esportatori abituali risulta di particolare interesse la possibilità di effettuare acquisti, che ordinariamente sconterebbero l’Iva, con la soluzione della non imponibilità offerta dall’articolo 8, comma 1, lett. c), D.P.R. 633/1972. La richiesta al fornitore viene veicolata attraverso una lettera d’intento, normalmente al termine del periodo d’imposta precedente ovvero nei primi giorni di quello…

Continua a leggere...

Triangolari comunitarie ed esterometro

Il primo cedente di una triangolare comunitaria emette fattura elettronica non imponibile nei confronti del proprio cessionario nazionale e non deve compilare l’esterometro, mentre per il promotore della triangolazione non sussiste l’obbligo di fatturazione elettronica con conseguente compilazione della comunicazione delle operazioni transfrontaliere. Si ricorda che, nella prassi operativa delle aziende, è diffusa l’operazione di…

Continua a leggere...

Obbligazione doganale distinta dall’obbligo di assolvere l’Iva all’importazione

Di interesse le conclusioni dell’Avvocato generale presso la Corte di giustizia UE presentate il 27 febbraio 2019 nella causa C-26/18 (Federal Express Corporation Deutsche Niederlassung), aventi per oggetto l’individuazione del Paese UE in cui è dovuta l’Iva all’importazione per i beni di provenienza extra-UE introdotti in un primo momento in Germania per via aerea, per…

Continua a leggere...