IVA

La prescrizione del rimborso del credito Iva erroneamente compensato

In materia di Iva, l’articolo 30, D.P.R. 633/1972, stabilisce che l’eccedenza di imposta risultante dalla dichiarazione annuale deve essere utilizzata dal contribuente in detrazione dell’imposta dovuta per i periodi successivi, ovvero può essere richiesta a rimborso, ma solamente nelle ipotesi indicate dalla legge (articolo 30, commi 2 e 3, D.P.R. 633/1972) e, in ogni caso,…

Continua a leggere...

Prassi ministeriale non utilizzabile per le operazioni triangolari

Con l’avvento del mercato comune nel 1993, in Italia fu fatto uno sforzo per recepire le nuove norme comunitarie ed illustrarle in maniera quanto più semplice agli operatori. Nonostante si dovette attendere il 1994 per avere una circolare organica che spiegasse il funzionamento dei nuovi meccanismi di scambio ed il nuovo adempimento legato al modello…

Continua a leggere...

Responsabilità per la corretta individuazione dell’Iva in edilizia

Un aspetto di fondamentale importanza, trattando dell’Iva in edilizia, riguarda l’individuazione del soggetto responsabile per la corretta applicazione dell’aliquota Iva. Nella pratica di tutti i giorni, si assiste sovente al rilascio di “dichiarazioni” o di documenti con i quali l’acquirente/committente chiede di poter usufruire di una determinata aliquota ridotta. In linea generale, è necessario premettere…

Continua a leggere...

Disciplina Iva degli acquisti di crediti da superbonus

Dopo la pubblicazione di circa 150 risposte ad interpello sul superbonus (delle oltre 24.000 istanze ricevute) ancora dubbi rimangono su alcuni aspetti Iva legati a tali operazioni quali, ad esempio, la rilevanza Iva del comma 13-ter, dell’articolo 119 , D.L. 34/2020 (il quale equipara ai fini urbanistici i lavori sui quali su può fruire del…

Continua a leggere...

Novità in materia Iva e dichiarazione Iva 2024

Il modello Iva 2024 – pubblicato in bozza a fine dello scorso mese di dicembre 2023 – non presenta rilevanti novità dal punto di vista “estetico”. È piuttosto probabile, tuttavia, che nella versione definitiva troveranno collocazione alcune delle previsioni contenute nel decreto razionalizzazione e semplificazioni adempimenti collegato alla riforma fiscale (atto 93 approvato – sembra…

Continua a leggere...

Caparre e acconti: disciplina Iva nelle operazioni immobiliari

È prassi nel settore immobiliare la stipula di accordi preliminari con cui le parti si impegnano a formalizzare il successivo accordo definitivo di trasferimento della proprietà del bene. In tale contesto, la parte promissaria acquirente, al fine di garantire il proprio impegno, versa alla parte promissaria venditrice una somma di denaro, la cui natura può…

Continua a leggere...

Meno esclusione da Iva per le associazioni sportive

Dal prossimo 1.7.2024, salvo nuovi rinvii, le cessioni di beni e le prestazioni di servizi poste in essere nei confronti degli associati o tesserati, a fronte del pagamento di un corrispettivo specifico, in conformità alle finalità istituzionali, non saranno più escluse dal campo di applicazione dell’Iva (per carenza del presupposto soggettivo), bensì attratte nell’ambito delle…

Continua a leggere...

Ricariche auto elettriche: trattamento Iva e deducibilità

Il mercato delle auto elettriche, seppur non affiancato da una rapida crescita delle infrastrutture ad esse dedicate, ha subito una forte accelerazione grazie anche agli incentivi offerti dai Governi europei e dalla rapida conversione delle principali case automobilistiche. Nel presente contributo analizziamo il trattamento Iva e delle imposte dirette dei costi sostenuti per l’acquisto e…

Continua a leggere...

I nuovi obblighi di fattura elettronica per forfettari ed enti non commerciali

Il prossimo 1.1.2024 scatterà l’obbligo generalizzato di emissione di fattura elettronica, anche per i soggetti ad oggi ancora esclusi, quali soggetti minimi, forfettari, ed enti non commerciali che applicano le disposizioni della L. 398/1991. Tali soggetti, lo ricordiamo, sono stati esclusi dall’obbligo di emissione della fattura elettronica fino alla fine del 2023, se l’ammontare dei…

Continua a leggere...

Iva agevolata per le cessioni di beni finiti

Nell’ambito del settore edile vi sono numerose operazioni per le quali il legislatore ha previsto l’applicazione di un’aliquota Iva agevolata (4% o 10%). In tale contesto, il n. 24) della Tabella A, parte II, allegata al D.P.R. 633/72, prevede l’applicazione dell’aliquota Iva agevolata del 4% alle cessioni di beni, escluse le materie prime e semilavorate,…

Continua a leggere...