IMPOSTE SUL REDDITO

Principio di competenza economica e valore delle rimanenze

Le regole di corretta imputazione temporale dei costi e dei ricavi nella determinazione del reddito d’impresa sono inderogabili e tale principio non può essere attenuato dalla circostanza che tali componenti economici siano stati dichiarati in un diverso esercizio. In effetti, nonostante la recente evoluzione normativa che in modo assolutamente sensato ha da una parte, consentito…

Continua a leggere...

Estensione della cedolare secca troppo “stretta”

L’estensione della cedolare secca anche alle locazioni commerciali è limitata ai contratti di locazione stipulati nel 2019 ed aventi ad oggetto immobili iscritti nella categoria catastale C/1, di superficie fino a 600 mq (senza tener conto delle pertinenze), ed alle relative pertinenze. È quanto emerge dal contenuto del comma 59 dell’articolo 1 L. 145/2018 dopo…

Continua a leggere...

Estensione della cedolare secca ai negozi: libera la natura del locatario

Il recente ampliamento dell’ambito oggettivo di applicazione, operato dalla Legge di bilancio 2019, della cedolare secca alle locazioni dei negozi ha implicitamente eliminato la precedente interpretazione, offerta dall’Agenzia delle Entrate nella circolare 26/E/2011, secondo la quale il locatario deve essere persona fisica, al pari di quanto richiesto per il locatore: trattandosi infatti di locazione di…

Continua a leggere...

La nuova cedolare secca “commerciale”

L’articolo 1, comma 59, L. 145/2018 (c.d. “Legge di stabilità 2019”) ha introdotto la possibilità di applicare (sempre su opzione del proprietario) la cedolare secca, nella misura del 21%, ad alcune tipologie di contratti di locazione commerciale, finora esclusi da tale possibilità. In particolare, la nuova normativa prevede l’applicabilità della cedolare secca al 21% relativamente…

Continua a leggere...

Il servizio fatturato dal socio alla STP genera reddito professionale

In occasione della risposta all’istanza d’interpello n. 128/2018 l’Agenzia delle entrate ha fornito chiarimenti sul tema delle società tra professionisti. In particolare, nel caso specifico, la STP istante era costituita nella forma della società a responsabilità limitata e aveva per oggetto sociale l’esercizio dell’attività professionale di dottore commercialista. Alla base dell’interpello c’era l’intenzione della società…

Continua a leggere...

La dismissione di opere d’arte per necessità non è attività d’impresa

La dimissione del patrimonio artistico di proprietà del collezionista, avvenuta in modo massiccio molto tempo dopo l’acquisizione delle opere d’arte e dovuta a necessità personali, non è sottoponibile a tassazione a differenza dei proventi dell’attività d’impresa. Lo ha stabilito la CTR Piemonte con la sentenza n. 1412 del 18.09.2018. La vicenda riguarda la sottile linea…

Continua a leggere...

Plusvalenza da cessione box pertinenziale

L’articolo 67, comma 1, lett. b, Tuir disciplina la rilevanza fiscale delle plusvalenze derivanti dalla cessione degli immobili ai fini Irpef. Accanto al criterio temporale, che esclude da tassazione le plusvalenze realizzate senza un intento speculativo (che si presume nel caso in cui tra l’acquisto e la rivendita dell’immobile siano decorsi non meno di cinque…

Continua a leggere...

Passaggio dai minimi al forfetario sempre possibile dal 2018

I contribuenti che hanno avviato un’attività adottando il regime dei minimi potevano, in ogni caso, passare al regime forfettario a partire dal 1° gennaio 2018, continuando a fruire dell’aliquota super ridotta del 5% per i periodi che residuano al compimento del primo quinquennio. È quanto emerge dalla risposta n. 72 pubblicata sul sito dell’Agenzia delle…

Continua a leggere...

Permuta di “bene esistente” con “bene futuro”

L’ordinanza della Corte di Cassazione n. 27058/2017 offre l’occasione per ritornare su di una operazione abbastanza diffusa nella pratica professionale, in modo particolare nel settore immobiliare: si tratta della permuta di un “bene esistente” – il terreno edificabile di proprietà di una persona – con un “bene futuro” – normalmente una abitazione facente parte dell’edificio…

Continua a leggere...

Ecobonus e sismabonus: cessione del credito senza imposta di registro

Con la risoluzione 84/E/2018 l’Agenzia delle entrate è tornata a fornire chiarimenti in materia di cessione del credito corrispondente alle detrazioni spettanti per interventi di riqualificazione energetica degli edifici nonché per quelli finalizzati alla riduzione del rischio sismico. Giova a tal proposito ricordare che, ai sensi degli articoli 14 e 16 D.L. 63/2013, i singoli…

Continua a leggere...