ACCERTAMENTO

Illegittimo l’accertamento da studi di settore senza un grave scostamento

L’Amministrazione finanziaria non è legittimata a procedere all’accertamento analitico-induttivo allorché si verifichi un mero scostamento non significativo tra i ricavi, i compensi e i corrispettivi dichiarati e quelli fondatamente desumibili dagli studi di settore, ma solo quando venga ravvisata una grave incongruenza, trovando riscontro la persistenza di tale presupposto – nel quadro di una lettura…

Continua a leggere...

No alla notifica diretta per l’accertamento esecutivo

A differenza degli atti impoesattivi c.d. secondari, per i quali è ammessa la notificazione diretta anche a mezzo del servizio postale, gli avvisi di accertamento esecutivi, in considerazione dell’attitudine ad acquisire efficacia esecutiva, possono essere notificati solo tramite un agente notificatore, che deve redigere e sottoscrivere la relativa relata. È questo l’innovativo, e sicuramente interessante,…

Continua a leggere...

L’attività di controllo sulle piccole e medie imprese

In un precedente contributo sono stati evidenziati gli indirizzi operativi, contenuti nella circolare n. 19/E/2019 e rivolti agli uffici presenti sul territorio, per le attività di prevenzione e contrasto all’evasione. Con specifico riferimento alle piccole e medie imprese, che rappresentano i contribuenti con la più alta numerosità tra i soggetti titolari di partita Iva, la…

Continua a leggere...

Gli indirizzi operativi per le attività di prevenzione dell’evasione fiscale

Con la circolare 19/E/2019, l’Agenzia delle entrate – Divisione contribuenti ha definito gli indirizzi operativi, rivolti agli Uffici presenti sul territorio, per le attività di prevenzione e contrasto all’evasione, coerentemente con le linee strategiche 2019-2021 fissate nell’atto di indirizzo del Mef. Al di là delle attività ex post di controllo e accertamento, l’Agenzia delle entrate…

Continua a leggere...

Modelli Isa: a cosa serve il campo “note aggiuntive”?

Alcuni professionisti che nelle scorse settimane hanno provveduto alla compilazione dei modelli Isa per conto dei propri clienti si sono chiesti quale sia il reale significato da attribuire al campo “note aggiuntive” e per quali situazioni sia opportuno evidenziare in esso situazioni di anomalia. Le perplessità circa l’opportunità/necessità di compilazione del richiamato campo derivano non…

Continua a leggere...

Linee guida sui controlli: la circolare dell’Agenzia delle entrate

È stata emanata nella giornata di ieri, 8 agosto, la circolare 19/E/2019 avente ad oggetto “Indirizzi operativi e linee guida sulla prevenzione e contrasto dell’evasione fiscale e sull’attività relativa alla consulenza, al contenzioso e alla tutela del credito erariale”. Nella circolare si recepiscono alcune rilevanti novità, come, ad esempio, quelle in materia di fatturazione elettronica…

Continua a leggere...

Disallineamento tra saldi bancari e dati fiscali: società nel mirino del Fisco

Con il provvedimento prot. n. 669173/2019 pubblicato ieri, 8 agosto, il Direttore dell’Agenzia delle entrate ha disposto la sperimentazione di una procedura di analisi del rischio di evasione per le società, la quale prevede l’utilizzo delle informazioni comunicate all’Archivio dei rapporti finanziari. Più precisamente, la procedura di analisi del rischio di evasione, di cui è…

Continua a leggere...

Isa: benefici premiali esclusi se il periodo dura meno di 12 mesi

Diversamente da quanto previsto nell’ambito della disciplina di studi di settore e parametri, le situazioni nelle quali si determina un periodo d’imposta di durata inferiore ai 12 mesi è sempre causa di esclusione dall’applicazione della disciplina degli indicatori sintetici di affidabilità (di seguito Isa). Il principio viene chiaramente ribadito dall’Agenzia delle entrate nell’attesa circolare 17/E/2019,…

Continua a leggere...

Le cause di esclusione dagli Isa precludono i benefici premiali

Per i soggetti che esercitano sia un’attività d’impresa che un’attività di lavoro autonomo l’accesso ai benefici premiali richiede un punteggio di affidabilità fiscale almeno pari a 8 per una delle due attività esercitate, ferma restando l’inesistenza di cause di esclusione. È questo uno dei numerosi chiarimenti che emergono dalla lettura della circolare 17/E/2019 pubblicata nei…

Continua a leggere...

Coordinamento tra la disciplina degli Isa e gli abrogati studi di settore

Con l’articolo 9-bis, comma 18, D.L. 50/2017, convertito con modificazioni dalla L. 96/2017 e modificato da ultimo con l’articolo 4-quinquies D.L. 34/2019, vengono disciplinati i rapporti tra gli abrogati studi di settore e i nuovi indicatori sintetici di affidabilità fiscale (di seguito Isa). In particolare la richiamata previsione stabilisce, al primo periodo, che “Le disposizioni…

Continua a leggere...