ACCERTAMENTO

Gli appunti extracontabili possono essere utilizzati per l’accertamento

La verifica fiscale viene definita come un’indagine di polizia amministrativa finalizzata a: prevenire, ricercare e reprimere le violazioni alle norme tributarie e finanziarie; qualificare e quantificare la capacità contributiva del soggetto che ad essa viene sottoposto. La stessa può essere eseguita nei confronti di qualunque persona fisica o giuridica o società di persone o ente…

Continua a leggere...

I bonifici esteri sono ricavi neri se non smentiti analiticamente

In materia di indagini finanziarie, la disponibilità di ingenti somme derivanti da bonifici esteri fa presumere l’esistenza di un reddito imponibile in capo al contribuente, soggetto al quale è demandata la prova contraria dell’irrilevanza fiscale, ai sensi dell’articolo 32 D.P.R. 600/1973. È questo il principio ribadito dalla Corte di Cassazione con ordinanza 6 maggio 2019,…

Continua a leggere...

Niente sanzioni in caso di giurisprudenza discordante

In tema di sanzioni amministrative, la formazione di orientamenti giurisprudenziali discordanti rappresenta un fatto indice rivelatore di incertezza normativa oggettiva, come tale idoneo ad escludere l’irrogazione della sanzione ex articolo 10, comma 3, L. 212/2000, concretandosi in una situazione giuridica caratterizzata dalla impossibilità di individuare con sicurezza ed univocamente, al termine di un procedimento interpretativo…

Continua a leggere...

Nelle indagini finanziarie il contraddittorio è sempre obbligatorio?

A mente dell’articolo 32, comma 1, n. 2), D.P.R. 600/1973 gli uffici delle imposte possono invitare i contribuenti, indicandone il motivo, a comparire di persona o per mezzo di rappresentanti per fornire dati e notizie rilevanti ai fini dell’accertamento nei loro confronti, anche con riguardo ai rapporti ed alle operazioni bancarie acquisiti da parte dell’Amministrazione…

Continua a leggere...

Abuso del diritto e onere della prova

Le disposizioni in tema di elusione fiscale sono attualmente contenute nell’articolo 10-bis L. 212/2000, a mente del quale configurano abuso del diritto una o più operazioni prive di sostanza economica che, pur nel rispetto formale delle norme fiscali, realizzano essenzialmente vantaggi fiscali indebiti che, come tali, sono disapprovati dall’ordinamento giuridico. Tali operazioni non sono opponibili…

Continua a leggere...

Le gravi incongruenze mutano a seconda del soggetto accertato

In tema di accertamento mediante studi di settore, la nozione di grave incongruenza non ha rilevanza assoluta e ricavabile da soglie fisse di scostamento, ma ha natura relativa e mutevole a seconda dei plurimi fattori propri della singola situazione economica, del periodo di riferimento, della storia commerciale del contribuente accertato e del segmento di mercato…

Continua a leggere...

Abitazione e sede societaria nello stesso immobile: regole per la verifica fiscale

L’articolo 52 D.P.R. 633/1972 rubricato “Accessi, ispezioni e verifiche”, detta le regole giuridiche da seguire nel corso di una verifica fiscale, prevedendo specifiche disposizioni nelle ipotesi in cui l’accesso da parte dei funzionari del Fisco avvenga nei locali aziendali, ovvero in altri luoghi utilizzati come abitazione del soggetto ispezionato. In particolare, per espressa disposizione normativa,…

Continua a leggere...

Documenti utilizzabili per ritardo non imputabile al contribuente

L’omessa esibizione dei documenti richiesti dall’Amministrazione finanziaria in sede amministrativa non causa la loro successiva inutilizzabilità in sede contenziosa da parte del contribuente, qualora costui provi di essersi ritrovato nella impossibilità di presentarli a causa di un ritardo nella consegna imputabile a un terzo. È questo il principio statuito dalla Corte di Cassazione con ordinanza…

Continua a leggere...

Accertamento: utilizzabili gli appunti riportati su un “post-it”

Al momento dell’avvio di una verifica fiscale, l’articolo 52 D.P.R. 633/1972 rubricato “accessi, ispezioni e verifiche” richiamato – ai fini delle imposte sui redditi – dall’articolo 33 D.P.R. 600/1973, disciplina il potere di accesso e ricerca all’interno dei locali nella disponibilità del contribuente ispezionato. In particolare, nel luogo ove il contribuente esercita un’attività commerciale, agricola,…

Continua a leggere...

Attività di accertamento: nuovi chiarimenti dalle Entrate

Con la circolare 4/E/2019, pubblicata ieri, 21 marzo, l’Agenzia delle entrate si è soffermata su due particolari questioni che sovente emergono a fronte dell’attività accertativa degli Uffici: lo scomputo delle perdite pregresse nell’ambito dell’accertamento, in ipotesi di utilizzo in sede dichiarativa in misura inferiore all’80% per usufruire di crediti d’imposta, ritenute, acconti o eccedenze; la…

Continua a leggere...