17 Settembre 2019

Innovation manager: l’iter procedurale dell’agevolazione

di Debora Reverberi Scarica in PDF La scheda di EVOLUTION

In considerazione dell’approssimarsi dell’apertura delle iscrizioni all’apposto elenco Mise degli “innovation managers”, nel precedente contributo abbiamo delineato le caratteristiche principali dell’agevolazione.

In questo articolo ci soffermeremo, invece, sull’iter procedurale del voucherinnovation manager, il quale si articola in 4 fasi fondamentali, tutte integralmente supportate dalla piattaforma informatica realizzata e gestita da Invitalia.

In base alle informazioni rese da Mise ed Invitalia nella presentazione del 26.07.2019, pubblicata sul sito istituzionale del Ministero, le seguenti 4 fasi saranno realizzate nell’ultimo trimestre 2019 con avvio delle concessioni dei voucher a dicembre.

 

 

 Fase 1: formazione dell’elenco degli “innovation managers

Per quanto concerne la Fase 1 dell’iter, modalità e termini di presentazione delle domande di iscrizione all’elenco Mise degli innovation managers sono contenuti nel Decreto direttoriale 29.07.2019.

Le domande presentate dai managers qualificati devono soddisfare i seguenti requisiti:

 

Forma

Domanda secondo lo schema dell’allegato 1 al decreto 29.07.2019.

Curriculum vitae secondo schema dell’allegato 2 al decreto 29.07.2019.

Contenuto Requisiti ex lege: dichiarazione di possesso del/dei requisito/i di accesso previsti all’articolo 5, commi 2 e 3, D.M. 07.05.2019.
Competenze: dichiarazione di specializzazione in uno o più ambiti di cui all’articolo 3, commi 1 e 2, D.M. 07.05.2019.
Area geografica: dichiarazione dell’area territoriale nazionale (Regioni) in cui intende erogare le prestazioni.
Dichiarazione della modalità operativa di svolgimento dell’incarico: autonoma oppure attraverso una società di consulenza, nel qual caso essa deve confermare la dichiarazione del manager.

Le domande presentate dalle società di consulenza devono soddisfare i seguenti requisiti:

Forma Domanda secondo lo schema dell’allegato 3 al Decreto 29.07.2019.
Contenuto Requisiti ex lege: dichiarazione di possesso del/dei requisito/i di accesso previsti all’articolo 5, commi 4 e 5, D.M. 07.05.2019.
Indicazione di massimo 10 nominativi di managers qualificati, scelti tra quelli che abbiano presentato la domanda di iscrizione all’elenco.

Per l’accesso alla procedura informatica è necessario il possesso della seguente strumentazione:

  • Pec attiva, corrispondente a quella comunicata al registro delle imprese o agli albi ed elenchi istituiti con Legge dello Stato;
  • firma digitale.

L’iter di presentazione dell’istanza di iscrizione dell’innovation manager si articola a sua volta in 5 fasi:

  • accesso alla procedura informatica;
  • immissione delle informazioni e dei dati richiesti per la compilazione della domanda e caricamento, ove previsti, dei relativi allegati;
  • generazione del modulo di domanda di iscrizione sotto forma di documento immodificabile, contenente le informazioni e i dati forniti dal soggetto richiedente e successiva apposizione della firma digitale;
  • caricamento del modulo di istanza firmato digitalmente e trasmissione entro il termine finale del 25.10.2019;
  • rilascio dell’attestazione di avvenuta presentazione dell’istanza da parte della procedura informatica.

All’inserimento dei dati consegue l’elaborazione automatica dalla piattaforma e la creazione del profilo manager per il sito vetrina.

L’elenco Mise, valevole esclusivamente ai fini del voucher innovation manager, verrà pubblicato nell’apposita sezione del sito istituzionale del Ministero dello sviluppo economico all’indirizzo https://www.mise.gov.it/index.php/it/incentivi/impresa/voucher-consulenza-innovazione trascorsi i termini per la trasmissione delle istanze (quindi prevedibilmente a fine ottobre).

 

Fase 2: vetrina delle competenze

Una volta formato e pubblicato l’elenco dei managers, sarà reso pubblico, presumibilmente dagli inizi di novembre, un sito vetrina di consultazione dei consulenti qualificati.

L’impresa potrà verificare per ciascun manager i requisiti, le competenze, l’area geografica, il soggetto giuridico attraverso il quale eventualmente opera, le associazioni presso cui il manager è eventualmente già accreditato.

Direttamente sulla piattaforma informatica verrà stipulato un accordo tra impresa e manager per lo svolgimento di un progetto di innovazione, che sarà parte integrante della domanda.

Il contratto, di durata non inferiore a 9 mesi, verrà stipulato direttamente con l’innovation manager, oppure indirettamente con il soggetto giuridico iscritto nel medesimo elenco (con un massimo di 10 managers per soggetto giuridico).

 

Fase 3: domande delle imprese per la richiesta dei voucher

Dal mese di novembre è prevista l’apertura della piattaforma per la compilazione guidata delle istanze da parte delle imprese che intendono beneficiare del voucher.

In questa fase l’impresa dovrà indicare il manager prescelto e gli estremi del progetto controfirmato tra le parti in termini di descrizione, costo e durata.

L’accesso al voucher avverrà tramite click day (previsto nel mese di novembre), con elenco delle domande per ordine cronologico di presentazione.

La definizione puntuale di termini e modalità di presentazione delle domande di ammissione al contributo, nonché dei criteri di valutazione delle domande e di assegnazione prioritaria delle risorse disponibili, sarà contenuta in un decreto di prossima pubblicazione.

 

Fase 4: istruttorie e concessioni dei voucher

In sede di istruttoria si procederà alla verifica dei requisiti per le imprese beneficiarie (tra cui verifiche “de minimis”, verifiche di regolarità contributiva e fiscale, assenza di procedure concorsuali in corso) e della verifica del rispetto delle previsioni di Legge in termini di ambiti di consulenza e di dimensione d’impresa.

Si procederà, poi, alla concessione e all’erogazione del contributo, in base all’ordine cronologico di ricevimento delle domande e agli esiti delle verifiche in sede di istruttoria, con avvio delle concessioni presumibilmente dal mese di dicembre.

Dalla presentazione della richiesta di erogazione fino all’effettiva erogazione sono previsti due stati avanzamento lavori. 

 

Le PMI innovative