FISCO E PATRIMONIO

Rimborso chilometrico o auto aziendale? Scelte di convenienza – II° parte

Riprendendo i valori descritti nella prima parte, entriamo nel vivo della simulazione partendo dal caso standard, che, lo ricordiamo, è caratterizzato dalle seguenti variabili: costo della vettura € 60.000 + Iva corrispettivo di cessione € 20.000 + Iva spese di gestione annue € 2.500 + Iva percorrenza annua Km 20.000 utilizzo per 4 anni Procediamo…

Continua a leggere...

Approvati “salvo intese” il Decreto fiscale e il disegno di Legge di bilancio

Si è concluso ieri mattina, 16 ottobre, poco prima delle 5 del mattino, il Consiglio dei Ministri che  ha approvato il Decreto fiscale e il disegno di Legge di bilancio “salvo intese”. I due provvedimenti (ancora in via di definizione) compongono la manovra finanziaria e trovano la loro traduzione, sul piano contabile, nel Documento programmatico…

Continua a leggere...

Rimborso chilometrico o auto aziendale? Scelte di convenienza – I° parte

Che l’autovettura venga considerata un bene con una spiccata propensione all’utilizzo personale è convinzione fatta propria anche dal Legislatore fiscale. È, infatti, indubbio che l’autovettura costituisca un bene che i contribuenti utilizzano anche al di fuori della sfera professionale o imprenditoriale, con la conseguenza che parte del costo sostenuto per la sua acquisizione e/o utilizzo…

Continua a leggere...

Leasing in costruendo e scorporo del valore del terreno

L’articolo 36, comma 7, D.L. 223/2006 dispone che il costo ammortizzabile dei fabbricati strumentali deve essere assunto al netto di quello riferibile alle aree occupate dalla costruzione e alle aree che ne costituiscono pertinenza. Anche se l’introduzione di tale obbligo era stato giustificato con la circostanza che i principi contabili già prevedono lo scorporo in…

Continua a leggere...

La gestione delle perdite derivanti dalla partecipazione in società di persone

La Legge di Bilancio 2019 (L. 145/2018) ha modificato profondamente, con effetto dall’anno d’imposta 2018, la disciplina delle perdite conseguite in regime d’impresa dai soggetti Irpef, contenuta nell’articolo 8 Tuir. In particolare vi è stato un allineamento rispetto alla disciplina delle perdite prevista per le società di capitali, eliminando ogni differenziazione tra imprese in contabilità…

Continua a leggere...

Importazione rottami: reverse charge su dichiarazione dell’operatore

L’acquisto di rottami è soggetto ad inversione contabile, pertanto occorre ordinariamente integrare la fattura ricevuta priva di Iva, ai sensi dell’articolo 74, commi 7 e 8, D.P.R. 633/1972. L’operazione è soggetta a doppia registrazione negli acquisti e nelle vendite. Cosa succede se i rottami arrivano da un paese extra-UE? Costituiscono importazioni le operazioni aventi per…

Continua a leggere...

Moratoria e-fatture: l’interpretazione dell’Agenzia non convince

Sempre sanzionabili, ancorché in misura ridotta dell’80%, le tardive emissioni/trasmissioni delle fatture elettroniche relative alle operazioni poste in essere dai soggetti mensili nel periodo dal 1° luglio al 30 settembre 2019. Questa, diciamolo con fermezza, la non condivisibile interpretazione dell’Agenzia delle entrate che sembra emergere dalla circolare 14/E/2019, paragrafo 4.1. Vediamo il perché, ricordando –…

Continua a leggere...

Modello 770/2019: correzione errori e compilazione quadro ST

Il termine ultimo di presentazione del modello 770, da parte dei sostituti di imposta, rimane fissato al 31 ottobre 2019 nonostante la proroga del termine di presentazione delle dichiarazioni dei redditi al 30 novembre 2019. Nel modello 770 occorre indicare i dati relativi ai versamenti delle ritenute operate sui compensi o somme corrisposte dal 1°…

Continua a leggere...

I centri sportivi scolastici e il terzo settore

I centri sportivi scolastici nascono formalmente con le “linee guida per le attività di educazione fisica, motoria e sportiva nelle scuole secondarie di primo e secondo grado” emanate dal Miur con nota prot. n. 4273 del 4 agosto 2009. Ciò in quanto si riteneva necessario dotarsi di una struttura organizzativa interna idonea a gestire le…

Continua a leggere...

Il visto di conformità nel Modello Redditi SC e Modello Irap

L’utilizzo in compensazione “orizzontale” di crediti superiori a 5.000 euro risultanti dal Modello Redditi SC o dalla dichiarazione Irap, richiede, come noto, l’apposizione del visto di conformità sulle singole dichiarazioni dalle quali emerge il credito. Tuttavia, dal 2018 i soggetti che applicano gli Isa e che conseguono un livello di affidabilità fiscale almeno pari ad…

Continua a leggere...