FISCO E PATRIMONIO

Prestito di personale alla controllata: Iva detraibile solo se il rimborso è superiore al mero costo

In tema di Iva, la controllata che riceve dalla controllante il prestito o distacco di personale ha diritto alla detrazione Iva solo nel caso in cui questa rimborsi una somma superiore rispetto alle retribuzioni e agli altri oneri previdenziali e contrattuali gravanti sul distaccante. In difetto di prova, da parte dell’amministrazione finanziaria, dell’esistenza di un…

Continua a leggere...

Credito d’imposta R&S&I&D: pubblicati i codici tributo

Nella mattinata di ieri, 1° marzo, l’Agenzia delle entrate ha pubblicato la risoluzione 13/E/2021 che istituisce i codici tributo per l’utilizzo in compensazione delle quote annuali del credito d’imposta R&S&I&D. All’interno della triade dei crediti d’imposta del Piano Transizione 4.0 mancavano infatti all’appello soltanto i codici tributo della R&S, IT e design, la cui compensazione…

Continua a leggere...

DAC 6: gli elementi distintivi che interessano i trust

La DAC 6 annovera una serie di casistiche che portano alla segnalazione anche in ipotesi di trust. Le casistiche più delicate attengono ai criteri distintivi di cui alla lettera D, ossia a quelli volti a confondere le acque in merito alla trasmissione delle informazioni DAC2 CRS, oppure in tema di corretta individuazione del titolare effettivo….

Continua a leggere...

Le modifiche al regime fiscale dei ristorni delle società cooperative

I commi 42 e 43 dell’articolo 1 L. 178/2020 (legge di bilancio 2021), intervenendo sull’articolo 6, comma 2, D.L. 63/2002, hanno introdotto alcune modifiche al regime fiscale dei ristorni attribuiti ai soci di società cooperative. In particolare, il comma 42 prevede che per le somme attribuite ad aumento del capitale sociale nei confronti di soci…

Continua a leggere...

L’istanza per gli investimenti agevolati in startup e Pmi innovative

Per i soggetti che investono nel capitale sociale di una o più start-up innovative, l’articolo 38, comma 7, D.L. 34/2020, prevede una detrazione dall’imposta lorda sul reddito delle persone fisiche pari al 50% dell’investimento effettuato, nei limiti del Regolamento (UE) n. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013. L’agevolazione è alternativa e prioritaria rispetto a…

Continua a leggere...

La riforma dello sport

Il Consiglio dei Ministri del 26 febbraio, nell’imminenza della scadenza della delega, ha approvato i cinque decreti delegati di riforma dello sport di cui alla L. 86/2019. Come è noto, l’approvazione di questi decreti è stata oggetto di un intenso dibattito che vedeva contrapposte le forze politiche del precedente Governo con le istituzioni sportive (Coni…

Continua a leggere...

Effetti Brexit sull’Ivie

Un effetto della Brexit è rappresentato da un mutamento della base imponibile ai fini Ivie degli immobili detenuti nel Regno Unito. Come espressamente previsto dall’articolo 19, comma 15, D.L. 201/2011, il valore su cui applicare l’aliquota dello 0,76% è costituito dal costo risultante dall’atto di acquisto o dai contratti e, in mancanza, secondo il valore…

Continua a leggere...

Bonus pubblicità 2021: presentazione delle domande al via

La Legge di bilancio 2021 (articolo 1, comma 608, L. 178/2020) ha previsto che, per gli anni 2021 e 2022, il credito d’imposta per le campagne pubblicitarie sia riconosciuto nella misura unica del 50 per cento del valore degli investimenti pubblicitari effettuati sui giornali quotidiani e periodici. Tale credito, come noto, è in vigore dal…

Continua a leggere...

La sanzione per infedele dichiarazione Iva assorbe l’omesso versamento

L’articolo 5 D.Lgs. 471/1997, che disciplina le sanzioni derivanti dalle “Violazioni relative alla dichiarazione dell’imposta sul valore aggiunto e ai rimborsi”, prevede, al comma 4, quelle applicabili nel caso di dichiarazione infedele, disponendo che: “Se dalla dichiarazione presentata risulta un’imposta inferiore a quella dovuta ovvero un’eccedenza detraibile o rimborsabile superiore a quella spettante, si applica…

Continua a leggere...

Il conguaglio Imu in scadenza il 1° marzo

Il 1° marzo scade il pagamento del conguaglio Imu per l’anno 2020, dato dalla eventuale differenza tra l’importo versato entro il 16 dicembre e l’importo dovuto in base alle nuove aliquote approvate dai Comuni. Si tratta di una scadenza che interessa solo ed esclusivamente i soggetti passivi Imu in possesso di immobili siti nei Comuni…

Continua a leggere...