LAVORO E PREVIDENZA

Obbligo di comunicazione dei lavoratori autonomi occasionali: prime istruzioni operative

Come noto, la Legge di conversione del Decreto fiscale ha introdotto un nuovo obbligo di comunicazione preventiva nel caso di impiego di lavoratori autonomi occasionali a decorrere dal 21 dicembre 2021. Più precisamente, l’articolo 13 D.L. 146/2021, modificando l’articolo 14 D.Lgs. 81/2008, ha previsto un obbligo di preventiva comunicazione all’Ispettorato territoriale del lavoro competente, mediante…

Continua a leggere...

Il secondo acconto per l’anno 2021 dei contributi alla Gestione Ivs

Entro il prossimo 30 novembre i contribuenti iscritti alla Gestione Ivs artigiani e commercianti dovranno effettuare il versamento della seconda rata dell’acconto per l’anno 2021 dei contributi previdenziali. Per la determinazione degli importi dovuti dai soggetti iscritti alla Gestione Ivs, ovvero: titolari di imprese individuali artigiane; titolari di imprese individuali commerciali; soci di società artigiane…

Continua a leggere...

Il secondo acconto per l’anno 2021 dei contributi alla Gestione separata dell’Inps

Entro il prossimo 30 novembre i contribuenti iscritti alla Gestione separata dovranno effettuare il versamento della seconda rata dell’acconto per l’anno 2021 dei contributi previdenziali dovuti. Per quanto riguarda le aliquote da applicare per la determinazione dell’acconto, è necessario fare riferimento alla circolare Inps n. 12/2021. Anche per il 2021 sono confermate le differenziazioni delle…

Continua a leggere...

Sanzioni dovute se il professionista non riceve risposta dalla Cassa sui contributi dovuti

Il dubbio del professionista in merito alla debenza dei contributi alla Cassa di previdenza nel caso di esercizio dell’attività in forma societaria, con soci che non svolgono attività di commercialista, non è idoneo ad escludere l’applicazione delle sanzioni previste in caso di omesso versamento delle somme previste. Sono questi i principi ribaditi dalla Corte di…

Continua a leggere...

Snc che loca immobili: escluso l’obbligo di iscrizione alla gestione commercianti

Il socio e amministratore di una Snc che loca immobili propri non è obbligato all’iscrizione alla gestione commercianti, non sussistendo il presupposto dello svolgimento dell’attività commerciale; in ogni caso è comunque onere dell’Istituto provare la partecipazione personale al lavoro aziendale, con carattere di abitualità e prevalenza. Sono questi i principi ribaditi dalla Corte di Cassazione…

Continua a leggere...

Le nuove regole per l’accesso ai servizi dell’Inps

Con la circolare n. 87 del 17.07.2020, l’Inps aveva comunicato che, in linea con le disposizioni del D.L. 76/2020 (“Misure urgenti per la semplificazione e l’innovazione digitale” – c.d. decreto Semplificazioni 2020), dal 1° ottobre 2020 non avrebbe rilasciato più nuovi PIN, per favorire il passaggio verso gli strumenti di autenticazione previsti dal D.Lgs. 82/2005…

Continua a leggere...

Esonero contributivo per i soggetti iscritti all’Inps: gli ultimi chiarimenti

Come noto la Legge di bilancio 2021 ha previsto un esonero parziale, nel limite massimo individuale di 3.000 euro su base annua, dal pagamento dei contributi previdenziali dovuti dai lavoratori autonomi e dai professionisti iscritti alle gestioni previdenziali dell’Inps e dai professionisti iscritti alle Casse private. Possono beneficiare del parziale esonero contributivo i seguenti soggetti:…

Continua a leggere...

Esonero contributivo e termini di versamento dei contributi: quadro di sintesi

Come noto, in considerazione degli effetti della crisi connessa all’emergenza da Covid-19, l’articolo 1, comma 20, L. 178/2020 (Legge di bilancio 2021) ha previsto un esonero parziale, nel limite massimo individuale di 3.000 euro su base annua, dal pagamento dei contributi previdenziali dovuti dai lavoratori autonomi e dai professionisti iscritti alle gestioni previdenziali dell’Inps e…

Continua a leggere...

L’iscrizione Inps dell’incaricato alle vendite

Il soggetto incaricato alle vendite a domicilio, quale venditore porta a porta, che opera con contratto di lavoro autonomo, deve essere iscritto alla gestione separata Inps. In particolare, dal punto di vista previdenziale, si applicano le norme previste per i lavoratori con contratto di collaborazione coordinata e continuativa, a decorrere dalla data di apertura della…

Continua a leggere...

Il reddito esiguo non esclude l’iscrizione alla gestione separata Inps

I redditi esigui percepiti da un professionista, inferiori alla soglia dei 5.000 euro, non escludono l’obbligo di iscrizione alla gestione separata Inps; tuttavia possono essere un indice della non abitualità dell’attività svolta. Sono questi i chiarimenti offerti dalla Corte di Cassazione con la sentenza n. 10267 depositata ieri, 19 aprile. Il caso riguarda un avvocato…

Continua a leggere...