12 Ottobre 2021

Bonus “Tessile e moda” e “Teatro e spettacoli”: pubblicati i provvedimenti delle Entrate

di Lucia Recchioni Scarica in PDF La scheda di EVOLUTION

Nella giornata di ieri, 11 ottobre, sono stati pubblicati i due attesi provvedimenti con i quali sono state definite le modalità, i contenuti e i termini di presentazione delle comunicazioni da inviare per usufruire dei bonus “Teatro e spettacoli” e “Tessile e moda”: il provvedimento prot. n. 262278/2021 e il provvedimento prot. n. 262282/2021.

Con specifico riferimento al bonus “Tessile e moda” si ricorda che l’articolo 48 bis D.L. 34/2020 ha riconosciuto ai soggetti esercenti attività d’impresa operanti nell’industria tessile e della moda, della produzione calzaturiera e della pelletteria un contributo, nella forma di credito d’imposta, nella misura del 30% del valore delle rimanenze finali di magazzino nel periodo d’imposta in corso al 10.03.2020, data di entrata in vigore del D.P.C.M. 09.03.2020, e a quello in corso al 31.12.2021, eccedente la media del medesimo valore registrato nei tre periodi d’imposta precedenti.

Con il provvedimento prot. n. 262282/2021, pubblicato ieri, è stato quindi definito il modello, con le relative istruzioni, per l’invio della comunicazione da trasmettere all’Agenzia delle entrate per poter beneficiare dell’agevolazione. Con un successivo provvedimento, da emanare una volta intervenuta l’autorizzazione della misura da parte della Commissione Europea, saranno definiti i termini per l’invio della comunicazione.

Le istruzioni approvate con il provvedimento pubblicato ieri richiedono l’indicazione, nell’apposito campo, del codice Ateco corrispondente all’attività (prevalente o non prevalente) nella quale opera il richiedente. Il suddetto codice Ateco deve essere uno di quelli elencati nell’articolo 2, comma 2, D.M. 27.07.2021, ovvero:

13.10.00 Preparazione e filatura di fibre tessili

13.20.00 Tessitura

13.30.00 Finissaggio dei tessili, degli articoli di vestiario e attività similari

13.91.00 Fabbricazione di tessuti a maglia

13.92.10 Confezionamento di biancheria da letto, da tavola e per l’arredamento

13.92.20 Fabbricazione di articoli in materie tessili nca

13.93.00 Fabbricazione di tappeti e moquette

13.94.00 Fabbricazione di spago, corde, funi e reti

13.95.00 Fabbricazione di tessuti non tessuti e di articoli in tali materie (esclusi gli articoli di abbigliamento)

13.96.10 Fabbricazione di nastri, etichette e passamanerie di fibre tessili

13.96.20 Fabbricazione di altri articoli tessili tecnici ed industriali

13.99.10 Fabbricazione di ricami

13.99.20 Fabbricazione di tulle, pizzi e merletti

13.99.90 Fabbricazione di feltro e articoli tessili diversi

14.11.00 Confezione di abbigliamento in pelle e similpelle

14.12.00 Confezione di camici, divise ed altri indumenti da lavoro

14.13.10 Confezione in serie di abbigliamento esterno

14.13.20 Sartoria e confezione su misura di abbigliamento esterno

14.14.00 Confezione di camicie, T-shirt, corsetteria e altra biancheria intima

14.19.10 Confezioni varie e accessori per l’abbigliamento

14.19.21 Fabbricazione di calzature realizzate in materiale tessile senza suole applicate

14.19.29 Confezioni di abbigliamento sportivo o di altri indumenti particolari

14.20.00 Confezione di articoli in pelliccia

14.31.00 Fabbricazione di articoli di calzetteria in maglia

14.39.00 Fabbricazione di pullover, cardigan ed altri articoli simili a maglia

15.11.00 Preparazione e concia del cuoio e pelle; preparazione e tintura di pellicce

15.12.01 Fabbricazione di frustini e scudisci per equitazione

15.12.09 Fabbricazione di altri articoli da viaggio, borse e simili, pelletteria e selleria

15.20.10 Fabbricazione di calzature

15.20.20 Fabbricazione di parti in cuoio per calzature

16.29.11 Fabbricazione di parti in legno per calzature

16.29.12 Fabbricazione di manici di ombrelli, bastoni e simili

20.42.00 Fabbricazione di prodotti per toletta: profumi, cosmetici, saponi e simili

20.59.60 Fabbricazione di prodotti ausiliari per le industrie tessili e del cuoio

32.12.10 Fabbricazione di oggetti di gioielleria e oreficeria in metalli preziosi o rivestiti di metalli preziosi

32.12.20 Lavorazione di pietre preziose e semipreziose per gioielleria e per uso industriale

32.13.01 Fabbricazione di cinturini metallici per orologi (esclusi quelli in metalli preziosi)

32.13.09 Fabbricazione di bigiotteria e articoli simili nca

32. 50. 50 Fabbricazione di armature per occhiali di qualsiasi tipo; montatura in serie di occhiali comuni

32.99.20 Fabbricazione di ombrelli, bottoni, chiusure lampo, parrucche e affini

La Comunicazione contiene, altresì, il quadro A, nel quale sono elencati gli altri aiuti di Stato ammissibili nell’ambito delle Sezioni 3.1 e 3.12 della Comunicazione della Commissione europea, nonché il quadro B per l’indicazione dei codici fiscali delle altre imprese con le quali il dichiarante si trova in una relazione di controllo, rilevante ai fini della definizione di impresa unica, secondo la nozione europea di impresa utilizzata ai fini degli aiuti di Stato. Il Quadro C, infine, deve essere compilato solo se il credito d’imposta richiesto è superiore a 150.000 euro, ai fini della verifica antimafia.

Dopo aver ricevuto le comunicazioni dell’incremento del valore delle rimanenze finali di magazzino con l’indicazione del credito teorico, l’Agenzia delle entrate determinerà la quota percentuale dei crediti effettivamente fruibili, in rapporto alle risorse disponibili. La percentuale sarà resa nota con successivo provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate, da emanare entro 10 giorni dalla scadenza dei termini di presentazione della comunicazione.