Luigi Scappini

Ultimi articoli a cura di: Luigi Scappini
soldi2

I contributi al vitivinicolo della campagna 2016/2017

Agea, con le istruzioni operative n. 6 del 1° marzo 2017, ha offerto chiarimenti relativi all’accesso all’aiuto comunitario, regolamentato a livello nazionale con decreto Mipaaf n. 911/2017 e riservato alle imprese del settore vitivinicolo. A questo punto non rimane che le singole Regioni e le P.A. adottino gli atti necessari per rendere operativa l’agevolazione, individuando,…

Continua a leggere...
agricoltura2

Spese fuori tariffa deducibili salvo prova contraria

Ai sensi dell’articolo 10, comma 1, lettera a), Tuir, si deducono dal reddito complessivo Irpef, se non deducibili in sede di quantificazione dei singoli redditi che concorrono a formarlo, tra gli altri, “i contributi ai consorzi obbligatori per legge o in dipendenza di provvedimenti della pubblica Amministrazione; sono in ogni caso esclusi i contributi agricoli…

Continua a leggere...
agricoltura1-1

Consumo diretto dei prodotti agricoli solo per le vendite nei locali

Il Ministero dello Sviluppo Economico, con la risoluzione n. 10711 del 13 gennaio 2017 è tornato a occuparsi di vendita diretta di prodotti da parte degli imprenditori agricoli. Come noto, in occasione della riforma del settore, con l’articolo 4, D.Lgs. 228/2001, è stato previsto che “Gli imprenditori agricoli, singoli o associati, iscritti nel registro delle…

Continua a leggere...
ambiente2-1

L’acquacoltura tra imprenditore agricolo e ittico

È imprenditore agricolo colui che esercita alternativamente la coltivazione del fondo, la selvicoltura e l’allevamento di animali, attività che, il comma 2 dell’articolo 2135, cod. civ., definisce compitamente come quelle “attività dirette alla cura e allo sviluppo di un ciclo biologico o di una fase necessaria del ciclo stesso, di carattere vegetale o animale, che…

Continua a leggere...
agriturismo

Le caratteristiche dei fabbricati collabenti

Come noto, l’Agenzia delle Entrate, con il comunicato stampa del 16 gennaio 2017, ha ricordato la possibilità di procedere alla regolarizzazione catastale dei fabbricati rurali, utilizzando l’istituto del ravvedimento operoso, con conseguente abbattimento delle sanzioni. Con l’occasione, l’Agenzia delle Entrate, ha ricordato come non abbiano obbligo di iscrizione in Catasto i fabbricati, ai sensi dell’articolo…

Continua a leggere...
ambiente2

Decadenza ppc anche in caso di affitto intercalare del fondo

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 3811 del 14 febbraio 2017 torna sul tema della decadenza dall’agevolazione per l’acquisto di fondi da parte di coltivatori diretti e imprenditori agricoli principali (Iap), la cosiddetta ppc, in caso di affitto del terreno agevolato nel corso del quinquennio. In particolare, i Supremi giudici hanno affermato come “In…

Continua a leggere...
agriturismo

Il valore da dichiarare in successione per il fabbricato rurale

In sede di dichiarazione di successione i fabbricati rurali, come individuati ai sensi dell’articolo 9, commi 3 e 3-bis, D.L. 557/1993, devono essere dichiarati con indicazione della relativa rendita catastale, tuttavia, il valore imponibile da esporre è pari a zero. Questo è lo scenario che si viene a determinare quando erede è un soggetto che…

Continua a leggere...
tempo3

Aliquote Iva per suini e bovini fuori tempo massimo

Per il secondo anno consecutivo, il mondo dell’agricoltura e, in particolare, gli allevatori di suini e bovini, si trovano a navigare in un mare, già tempestoso, senza bussola e con il cielo coperto. Ma vediamo i termini della questione quali sono. Il Legislatore, da sempre, ha riservato al mondo dell’agricoltura un trattamento di favore in…

Continua a leggere...
risparmio-1

Aliquota al 5% anche per il basilico surgelato

L’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione 18/E di ieri è intervenuta per fornire gli opportuni chiarimenti in merito ad alcune delle novità introdotte, in materia di aliquote Iva, dalla L. 122/2016, la cd. legge Europea 2015-2016, concernente gli adempimenti degli obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia all’Unione europea. Si ricorda, infatti, come, per quanto concerne la possibile…

Continua a leggere...
agricoltura1-1

Spazio agli under 40: sgravi contributivi attivi

Uno dei temi centrali dell’agricoltura è sicuramente quello del ricambio generazionale, sia che esso sia diretta conseguenza di un passaggio all’interno della stessa azienda agricola, sia che, al contrario, derivi da nuove iniziative imprenditoriali. Di questo ne è sicuramente conscio il Legislatore che costantemente introduce norme tese a incentivare il ricambio generazionale sia sotto forma…

Continua a leggere...
tempo4

Le variazioni di rendita catastale ancora modificabili

Il 31 gennaio scorso sono scaduti i termini per poter liberamente presentare, a cura dei proprietari dei terreni, la dichiarazione di variazione dei redditi fondiari, con effetto per l’anno precedente e quindi, con decorrenza per il periodo di imposta 2016. Tale facoltà, espressamente dettata per il reddito dominicale con l’articolo 29, Tuir, ma che, per…

Continua a leggere...
soci

Esenzione Irpef solo per i soci di società semplice

Come noto, la Legge 232/2016, la cd. legge di Bilancio per il 2017 ha introdotto alcune previsioni di sicuro favore per il mondo dell’agricoltura, tra cui la previsione contenuta nell’articolo 1, comma 44, ai sensi del quale “Per gli anni 2017, 2018 e 2019, i redditi dominicali e agrari, non concorrono alla formazione della base…

Continua a leggere...
agricoltura-1

Non serve essere CD o IAP per fruire della ppc sui masi chiusi

L’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione 15/E di ieri, 1° febbraio 2017, ha offerto gli opportuni chiarimenti in merito all’estensione dell’agevolazione per la piccola proprietà contadina (articolo 2, comma 4-bis, D.L. 194/2009), per le compravendite di terreni agricoli, ai soggetti proprietari di masi chiusi di cui alla L. 17/2001 della Provincia Autonoma di Bolzano. Come…

Continua a leggere...
casa4-1

Riaperto l’accatastamento dei fabbricati rurali

L’Agenzia delle Entrate, con un comunicato stampa del 16 gennaio 2017, ha riparto i giochi per l’accatastamento dei fabbricati rurali, tipologia immobiliare che pare non trovare pace, in quanto, la possibilità di regolarizzare la posizione in catasto, aveva avuto uno spazio temporale non indifferente, chiusosi lo scorso 30 novembre 2012. L’Agenzia, infatti, ha reso noto…

Continua a leggere...
agriturismo-1

Agevolata la ristrutturazione dell’agriturismo

La Legge 232/2016, la cd. legge di Bilancio per il 2017, è stata sicuramente foriera di importanti novità per il settore dell’agricoltura, che tendenzialmente devono essere lette tutte in senso positivo, infatti, ben note sono l’esenzione Irpef, in riferimento ai redditi fondiari, per il triennio 2017- 2019 prevista in favore dei coltivatori diretti e degli…

Continua a leggere...
agricoltura1

L’utilizzo del marchio in agricoltura

L’imprenditore agricolo, in ragione della sua multidisciplinarità, ma soprattutto dell’evoluzione del mercato che ormai, anche per quanto riguarda l’agroalimentare, deve essere letto in chiave globale, approccia a strumenti, un tempo quasi esclusiva dell’imprenditore commerciale, con l’obiettivo primario di tutelarsi nei confronti dei soggetti terzi. Tale è, ad esempio, il marchio che, assolve alla duplice funzione…

Continua a leggere...
computer

Domanda per il credito web agricolo da presentare entro febbraio

Ultima possibilità, salvo proroghe al momento non previste, per poter fruire del credito d’imposta, istituito con l’articolo 3, comma 2, D.L. 91/2014, convertito con modifiche con Legge 116/2014, per la realizzazione e l’ampliamento di infrastrutture informatiche; infatti, il credito è stato previsto per il triennio 2014-2016 e la relativa domanda di accesso deve essere inviata…

Continua a leggere...
agriturismo

Fitofarmaci accessori alle prestazioni meccaniche

Il settore dell’agricoltura, a seguito della riforma di cui alla legge delega 57/2001, ha subito un consistente restyling che ha portato a un ammodernamento della figura dell’imprenditore agricolo attraverso la riscrittura integrale dell’articolo 2135, cod. civ.. In particolare, per la parte che qui si vuole evidenziare, il Legislatore ha previsto un imprenditore agricolo polivalente che,…

Continua a leggere...
agricoltura2

Esenzione Irpef anche per le società agricole?

La legge di Bilancio per il 2017 è stata foriera per il settore agricolo di norme di indubbio vantaggio e sostegno; tuttavia, non sempre le aperture possono e debbono essere lette obbligatoriamente con favore in quanto, a volte, le stesse si limitano a riconoscere un vantaggio senza offrire una guida o un fine specifico a…

Continua a leggere...
agricoltura1

È la Regione a certificare i requisiti Iap

Permesso che, in un contesto di libera iniziativa economica, è data facoltà ai cittadini di scegliere liberamente quale sia la miglior firma di esercizio di una determinata attività economica, è indubbio che, nel momento in cui si opera in agricoltura, il riconoscimento della qualifica di coltivatore diretto o di Iap (imprenditore agricolo professionale) consente l’accesso…

Continua a leggere...
agricoltura

Anche per il 2017 innalzata l’aliquota compensativa per suini e bovini

Il Governo interviene ancora – per il secondo anno consecutivo – a supporto del settore agricolo attraverso la rimodulazione delle percentuali compensative da applicarsi in sede di liquidazione dell’Iva di periodo. Il comparto agricolo soggiace, per effetto di quanto previsto dalla VI Direttiva comunitaria in materia Iva, trasfusa nella Direttiva 2006/112/CE, che ne concede la…

Continua a leggere...
agricoltura1

Ritorna l’agevolazione per l’acquisto di terreni in zone montane

Le norme di favore per il contribuente devono sempre essere accolte positivamente, tuttavia, a volte, l’eccesso di “bontà” da parte del Legislatore porta a distorsioni che, nella realtà di un complessivo tessuto imprenditoriale di un Paese ma non solo, perché bisogna avere a mente che l’Italia fa parte dell’Unione Europea, possono portare a ingiustificati vantaggi…

Continua a leggere...
firma

Contratto di rete con mandato senza rappresentanza

Il contratto di rete è stato introdotto dal nostro Legislatore nel lontano 2009 con il preciso intento di mettere a disposizione dell’imprenditoria italiana uno strumento aggregativo altamente versatile, con il quale cercare di riuscire a superare il problema dimensionale del tessuto economico italiano che si caratterizza per il cosiddetto “nanismo”. Tale sindrome si manifesta nella…

Continua a leggere...
divieto-1

Niente spesometro solo per i piccoli agricoltori di montagna

La conversione nella L. 225/2016 del c.d. decreto fiscale, il D.L. 193/2016, e in particolare le previsioni contenute nell’articolo 4, rappresenta, calando l’analisi al solo comparto agricolo, un esempio di mancato coordinamento normativo con il quale il professionista deve confrontarsi. L’articolo richiamato, come noto, sostituendo integralmente l’articolo 21, D.L. 78/2010, di fatto, appesantisce gli adempimenti…

Continua a leggere...
mondo-1

Distinta indicazione degli imballaggi nel commercio all’ingrosso?

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 19247/2016 ha ribadito come in tema di Iva, la previsione di cui all’articolo 12 D.P.R. 633/1972, secondo cui l’imballaggio dei beni ceduti, effettuato direttamente dal cedente, non è soggetto autonomamente all’imposta, con la conseguenza che non è necessario che il relativo costo sia indicato separatamente nella fattura, trova…

Continua a leggere...
agriturismo

Società agricole: affitto di immobili con differenze

L’Agenzia delle entrate, con la recente risoluzione 98/E/2016 è ritornata a occuparsi di agricoltura e, nello specifico, delle società agricole in riferimento ai requisiti che debbono avere per poter optare per la determinazione del reddito secondo le regole di cui all’articolo 32, Tuir. Le società agricole hanno trovato una propria definizione con l’articolo 2, D.Lgs….

Continua a leggere...
agriturismo

Pertinenzialità del fabbricato rurale e ubicazione sul fondo

In tema di agevolazione prevista dall’articolo 2, comma 4-bis, D.L. 194/2009, la cosiddetta agevolazione per la piccola proprietà contadina, l’analisi si limita ad affrontare la fattispecie relativa ai terreni, dimenticandosi che, nella realtà, il dato letterale stabilisce che la previsione si applica agli “atti di trasferimento a titolo oneroso di terreni e relative pertinenze” con…

Continua a leggere...
agriturismo-1

Decadenza parziale se si mantiene il compendio unico

Si ha decadenza parziale e non integrale dall’agevolazione prevista per l’acquisto, da parte di coltivatori diretti e imprenditori agricoli a titolo principale (ora Iap), di fondi rustici in zona montana al fine della realizzazione di un compendio unico, fintantoché il soggetto acquirente mantiene comunque la conduzione di un appezzamento di terra qualificabile come compendio unico….

Continua a leggere...
giustizia1-1

Assenza di continuità tra nuova e vecchia ppc

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 19909 del 20 settembre 2016, ha ribadito come l’articolo 1, comma 4, D.Lgs. 99/2004 abbia esteso anche all’imprenditore agricolo professionale (IAP) i benefici fiscali di cui all’articolo 1, L. 604/1954, già previsti per la piccola proprietà contadina, senza richiedere altresì la sussistenza in capo a detto imprenditore…

Continua a leggere...
tempo4

Doppia data per la dichiarazione vendemmiale, ma dal 2017

Agea, con la circolare del 25 ottobre 2016, protocollo n. 39575, detta i tempi per gli adempimenti comunicativi relativi alla vendemmia, nonché alla produzione vinicola, individuando 2 date utili. Si ricorda come i soggetti obbligati alla dichiarazione di vendemmia e alla rivendicazione delle produzioni DO e IG, anche nel caso di produzione, nell’anno di riferimento…

Continua a leggere...
agricoltura2

Riflessi Iva della vendita diretta di prodotti agricoli

In un precedente contributo abbiamo analizzato il credito riconosciuto al comparto agricolo per la realizzazione di siti web, con conseguente possibilità di procedere alla cessione dei prodotti tramite e-commerce, tuttavia, non si può dimenticare come l’imprenditore agricolo fruisca già di una norma di favore, introdotta con l’articolo 4, D.Lgs. 228/2001, con cui, nel caso proceda alla…

Continua a leggere...
agricoltura1-1

L’esercizio esclusivo di attività agricole guarda al civilistico

L’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 98/E di ieri torna, dopo molto tempo, ad affrontare la tematica delle società agricole, affermando come, ai fini della verifica dell’esercizio esclusivo di attività agricole, si deve aver riguardo all’aspetto civilistico. Con il termine di società agricole ex articolo 2, D.Lgs. 99/2004, si definiscono quelle società di persone,…

Continua a leggere...
agricoltura1

Credito per le reti in agricoltura allo sprint finale

Salvo proroghe dell’ultima ora, con il 2016 cala il sipario sull’incentivazione, rappresentata dal riconoscimento di un credito di imposta per le reti di impresa nel comparto agricolo. L’agevolazione, valevole per il triennio 2014-2016, è stata introdotta con l’articolo 3, D.L. 91/2014 e trovato attuazione con il successivo D.M. 13 gennaio 2015. Sul credito è tornato…

Continua a leggere...
2016-1

Ultimo anno (salvo proroghe) per il credito all’e-commerce agricolo

È indubbio che, in un mercato sempre più globalizzato, le aziende che vogliono presentarsi sui mercati internazionali, devono posizionarsi anche nel contesto del cosiddetto e-commerce; tuttavia, se tale forma di commercializzazione dei prodotti non incontra particolari problematiche applicative per la maggior parte dei settori merceologici, qualche difficoltà maggiore viene riscontrata nel contesto del settore primario…

Continua a leggere...
ambiente2

Nuova vita per gli scarti vegetali

La L. 154/2016, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 186 del 10 agosto 2016, nota come Collegato agricolo, ha apportato numerose novità all’insegna dell’obiettivo dichiarato di una semplificazione e razionalizzazione, ma soprattutto ricerca di competitività in un settore che sta attraversando, in determinate aree quali ad esempio quelle del lattiero-caseario, una fase di indubbia crisi. E…

Continua a leggere...
agricoltura2

Il conferimento del fondo in godimento

In un precedente intervento ci siamo occupati di verificare se il conferimento di un terreno agricolo in una società rappresenti o meno un’operazione che rende azionabile, da parte del coltivatore diretto e/o dello Iap (imprenditore agricolo principale), il diritto, a loro riconosciuto, della cd. prelazione agraria, consistente nella facoltà di sostituirsi al promesso acquirente del fondo,…

Continua a leggere...
agricoltura2

È soggetto alla prelazione agraria il conferimento del fondo?

Il cd. collegato agricoltura, che ha visto la luce dopo quasi 1000 giorni, tra le varie misure che ha introdotto, prevede anche l’estensione del diritto alla prelazione agraria, fino a prima prerogativa del solo coltivatore diretto, anche agli Iap, a condizione, tuttavia, che sul fondo oggetto di vendita non vi siano insediati mezzadri, coloni, affittuari,…

Continua a leggere...
team-2

Società semplici che erogano servizi dell’azienda ai soci

L’evoluzione dell’intero sistema produttivo coinvolge anche il settore primario e quindi l’agricoltura, comparto economico originariamente legato a un concetto strettamente terriero, inteso quale mera coltivazione del fondo e successiva raccolta dei frutti. Tale impostazione è venuta meno a partire dalla riforma del 2001 ove il Legislatore, recependo quanto previsto dalla delega di cui alla L….

Continua a leggere...
ambiente2

Le prestazioni di servizio dell’azienda vitivinicola

In un contesto evolutivo dell’agricoltura, non più ancorata a un sistema caratterizzato dalla mera coltivazione del fondo al fine di raccoglierne i frutti, la riscrittura integrale dell’articolo 2135, cod. civ., quale recepimento della legge delega 57/2001, ha comportato, oltre all’introduzione del concetto di ciclo biologico per quanto concerne le attività agricole per definizione (coltivazione del…

Continua a leggere...
ambiente2

La produzione di vino ai fini fiscali – parte seconda

La qualifica di imprenditore agricolo e la susseguente denuncia di un reddito agrario ex articolo 32 Tuir, in ragione di quello ordinario di impresa, presuppone, come noto, l’esercizio di un’attività agricola cd. per definizione, individuata, ai sensi dell’articolo 2135, cod. civ., nella coltivazione del fondo, nella selvicoltura e nell’allevamento di animali. Tutte queste attività devono…

Continua a leggere...
agricoltura1-3

La produzione di vino ai fini fiscali – parte prima

Ben noto è che il settore agricolo, nel quale rientra a pieno titolo anche la produzione di vino, fruisce di un regime impositivo che comporta la dichiarazione di un reddito, in ragione di quello effettivo scaturente dalla contrapposizione tra i ricavi e i costi dell’esercizio, determinato forfettariamente quale espressione della produttività del capitale e del…

Continua a leggere...
agricoltura2

Natura del reddito del settore vitivinicolo

È notizia di questi giorni l’accordo raggiunto tra il Governo italiano e Alibaba per promuovere le eccellenze agroalimentari del nostro Paese tra le quali vi rientra a pieno titolo il vino, settore, quello vitivinicolo, che molto spesso costruisce le proprie fortune proprio sull’export da intendersi sia entro i confini comunitari sia extracomunitari. A questo deve…

Continua a leggere...
agricoltura1-1

La cessione dell’azienda agricola

Una recente sentenza della CTP di Potenza (n. 5/1/2016) ha posto l’accento su di un tema dibattuto in dottrina: quello dell’emersione o meno di plusvalenze imponibili in sede di cessione di un’azienda agricola; infatti, se da un punto di vista di redditività scaturente dalla gestione ordinaria dell’impresa in oggetto la tassazione forfettaria, in ragione di…

Continua a leggere...
approved-3

In Gazzetta la legge per donare gli alimenti in eccesso

Aspettando l’emanazione dell’atteso decreto con cui deve essere chiuso il cerchio in merito all’agricoltura sociale come disciplinata dalla L. 141/2015, il mondo agricolo e quello agro-alimentare si arricchisce di una ammirevole forma di sostegno per i meno abbietti, introdotta con la L. 166/2016, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 202 del 30 agosto 2016, disciplinante le…

Continua a leggere...
ambiente2-1

Pochi giorni per la comunicazione giacenze vino e mosto

L’agricoltura da sempre viene considerata un settore agevolato in quanto viene subito in mente il sistema di tassazione che prevede, in ragione dell’ordinaria contrapposizione costi-ricavi, la dichiarazione di un reddito forfettario determinato su base catastale, la recente sostanziale abrogazione Irap nonché la tanto discussa Imu. Tralasciando volutamente considerazioni in ordine ai reali ed eventualmente giusti…

Continua a leggere...
agricoltura-1

La tutela nella prelazione agraria

Il proprietario di un fondo agricolo inciso dal diritto di prelazione agraria ha l’obbligo, nel caso in cui stia procedendo alla sua alienazione a titolo oneroso o alla costituzione sullo stesso di un diritto di enfiteusi, di procedere alla cosiddetta denunciatio, cioè alla comunicazione, obbligatoriamente in forma scritta ad substantiam, al titolare di tale diritto…

Continua a leggere...
agricoltura1

L’esercizio della prelazione agraria

In precedenti contributi ci siamo interessati di delineare l’istituto della prelazione agraria per quanto concerne il suo perimetro soggettivo e oggettivo di applicazione. Preso atto che coltivatori diretti, Iap e confinanti hanno il diritto di sostituirsi quali acquirenti nel contesto di un trasferimento a titolo oneroso, bisogna comprende quali siano le modalità con le quali…

Continua a leggere...
agricoltura-1

I contratti oggetto di prelazione agraria

La prelazione agraria trova la propria disciplina nella L. 590/1965 e nella successiva L. 817/1971 e consiste nel diritto concesso a determinati soggetti, in caso di cessione di un fondo, di sostituirsi all’originario promesso acquirente, alle medesime condizioni economiche. Testualmente, l’articolo 8, comma 1, L. 590/1965 stabilisce che il diritto sorge quando il proprietario di…

Continua a leggere...
agricoltura-2

L’oggetto della prelazione agraria

Il collegato agricoltura, come noto, ha esteso il diritto di prelazione agraria anche allo Iap, eliminando una delle ultime differenze, in merito alle agevolazioni e ai diritti riservati, esistenti rispetto al coltivatore diretto. La prelazione consiste nella possibilità, da parte del coltivatore diretto e/o dello Iap, di poter acquistare un fondo agricolo, “inserendosi” in una…

Continua a leggere...
agricoltura-1

Prelazione agraria estesa agli Iap – parte terza

La prelazione agraria rappresenta il riconoscimento a coloro che lavorano la terra di un diritto a poter acquistare, nel rispetto dell’autonomia privata della contrattazione tra le parti, un fondo agricolo sostituendosi al compratore. Il collegato agricoltura ha esteso tale diritto, originariamente riservato ai coltivatori diretti, anche agli Iap (imprenditori agricoli professionali). Ma, la prelazione agraria…

Continua a leggere...
agricoltura1-1

Prelazione agraria estesa agli Iap – parte seconda

Come già segnalato, il collegato agricoltura è stato finalmente approvato e, tra le varie misure introdotte, vi è l’estensione della prelazione agraria, una volta prerogativa riservata ai soli coltivatori diretti, anche agli Iap, a condizione, tuttavia, che sul fondo oggetto di vendita non vi siano insediati mezzadri, coloni, affittuari, compartecipanti, enfiteuti coltivatori diretti. Il trasferimento…

Continua a leggere...
agricoltura1-1

Prelazione agraria estesa agli Iap – parte prima

Dopo quasi 1000 giorni di gestazione, è finalmente arrivato il via libera al cd. collegato agricoltura con cui il Governo interviene in un settore che è un traino e un caposaldo di quel made in Italy tanto famoso e pubblicizzato nel mondo. In questo contesto uno dei primi interventi concerne l’estensione della prelazione agraria all’imprenditore…

Continua a leggere...
ambiente2-1

Nuovi incentivi per le rinnovabili

Nuova linfa alle rinnovabili. È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 150 del 29 giugno 2016 il decreto 23 giugno 2016 con cui sono stabiliti, limitatamente al solo 2016, gli incentivi disponibili per le energie rinnovabili, a esclusione del fotovoltaico; quindi, sono interessati rispettivamente gli impianti eolici, idrici, geotermici, a biomassa e biogas e i…

Continua a leggere...
team-1

Le opportunità del “nuovo” pegno non possessorio

Ai sensi dell’articolo 2784 cod. civ. “Il pegno è costituito a garanzia dell’obbligazione dal debitore o da un terzo per il debitore. Possono essere dati in pegno i beni mobili, le universalità di mobili, i crediti e altri diritti aventi per oggetto beni mobili”. In altri termini, il pegno consiste in un diritto reale di…

Continua a leggere...
agricoltura2

Per la lottizzazione è sufficiente l’autorizzazione

La Corte di Cassazione, con la recente sentenza n. 11073 del 30 maggio 2016, torna a occuparsi di plusvalenze derivanti dalla lottizzazione di terreni che, come noto, trovano il loro regime impositivo, nel momento in cui cedente sia una persona fisica, nell’articolo 67, comma 1, lettera a), Tuir. Ben noto è l’indirizzo giurisprudenziale (vedasi sentenze…

Continua a leggere...
agricoltura1

Stabilite le regole per i fondi di mutualizzazione agricola

Al via i fondi mutualistici per gli aiuti in agricoltura. Con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n. 141 del 18 giugno 2016, del decreto Mipaaf 5 maggio 2016, sono stati individuati i requisiti per la costituzione e le regole per la gestione dei fondi mutualistici, che non devono avere uno scopo di lucro e prevedere…

Continua a leggere...
agricoltura

La cessione dei Tee da parte dell’imprenditore agricolo

Quando si parla di energie rinnovabili quasi sempre il pensiero va al fotovoltaico e ai relativi contributi consistenti nella tariffa incentivante, tuttavia, come noto, vi sono anche altre tecniche di sfruttamento della natura per l’ottenimento di energia pulita, quali le biomasse e l’eolico. Nel momento in cui si allarga l’orizzonte di riferimento, aumentano anche le…

Continua a leggere...
agricoltura1

L’attività di selvicoltura

Come noto, l’articolo 2135, comma 1, cod. civ. definisce l’imprenditore agricolo come colui che esercita alternativamente una delle seguenti attività: coltivazione del fondo, selvicoltura e allevamento di animali. Il successivo comma 2 si premura di delineare compiutamente come debbano essere svolte le suddette attività, introducendo un concetto basilare, quello del ciclo biologico; infatti, il nostro…

Continua a leggere...
agricoltura1

Limiti alla tassazione delle attività agricole per connessione

Si avvicina la scadenza per il versamento delle imposte relative ai redditi prodotti nel corso del periodo 2015 e, in alcuni casi, si possono porre alcuni dubbi interpretativi su quale sia la corretta disciplina fiscale da applicare, soprattutto quando ci troviamo di fronte a fattispecie reddituali particolari, quali possono essere, ad esempio, quelle che si…

Continua a leggere...
agricoltura

La mancata dicotomia perfetta dell’agrarietà civilistica e fiscale

È indubbio che la definizione di imprenditore agricolo quale si ricava dall’articolo 2135, cod. civ., rappresenti il punto di partenza per la successiva disamina delle ricadute in termini di tassazione del reddito dallo stesso prodotto e non solo. A bene vedere, l’intera costruzione del diritto tributario è strettamente collegata agli aspetti civilistici: in assenza di…

Continua a leggere...
flag

La verifica del riconoscimento delle Op

In un precedente intervento sono state individuate le caratteristiche e regole che devono avere le Op (Organizzazioni di produttori) per poter essere riconosciute. Proseguiamo l’analisi analizzando le procedure di richiesta di riconoscimento, nonché le modalità di controllo del rispetto dei requisiti. La richiesta di riconoscimento deve essere presentata alla/e Regione/i competenti e, nell’ipotesi di organizzazioni transnazionali,…

Continua a leggere...
agricoltura2

Caratteristiche e requisiti delle Op

L’unione fa la forza e, per quanto riguarda il mondo agricolo, varie sono le forme attraverso le quali gli operatori del settore possono aggregarsi o federarsi tra di loro per presentarsi sul mercato in maniera maggiormente competitiva e sinergica. In questi ultimi tempi, sicuramente lo strumento che sta suscitando maggiore interesse è il contratto di…

Continua a leggere...
agricoltura1

Nelle consegne con ddt rileva il momento della fatturazione differita?

Il regime Iva per l’agricoltura, delineato con gli articoli 34 e 34-bis, DPR 633/1972, in recepimento del dettato comunitario, risolvendosi in un regime speciale di detrazione dell’Iva, in quanto essa viene determinata in via forfettaria e quindi sterilizzando quella che realmente è stata sostenuta dal contribuente, rappresenta un vero e proprio strumento politico in mano…

Continua a leggere...
agricoltura

La compartecipazione agraria

È noto che i terreni sono produttivi di redditi fondiari, nello specifico di un reddito dominicale e di uno agrario. Principio di carattere generale, applicabile alle suddette tipologie reddituali, è quello per cui esse, indipendentemente dalla percezione, concorrono a formare il reddito complessivo dei soggetti che possiedono gli immobili a titolo di proprietà, enfiteusi, usufrutto…

Continua a leggere...
agricoltura1

La fatturazione delle coop. per conto dei soci

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 5849 del 24 marzo 2016, affronta i rapporti tra cooperativa agricola e soci, con particolare riferimento all’onere della fatturazione con cui viene certificato il passaggio dei beni, affermando, correttamente, il principio di diritto per cui “In caso di cessione di prodotti agricoli a cooperativa da parte dei…

Continua a leggere...
agricoltura1

Sovvenzionata la promozione del vino tramite reti di produttori

Il contratto di rete, introdotto con il datato D.L. 5/2009, inizia a riscontrare un consistente successo anche nel mondo dell’agricoltura. Del resto, lo stesso Governo ha scommesso su questa forma “associativa”, che si caratterizza per la sua snellezza e “flessibilità”, introducendo, ad esempio, a mezzo del D.L. 91/2014, due incentivi, il primo dei quali consistente…

Continua a leggere...
2016

Arriva il piano triennale di sostegno per l’apicultura

L’articolo 2, L. 313/2004 definisce l’apicoltura come la conduzione zootecnica delle api e la riconduce, a tutti gli effetti, tra le attività agricole di cui all’articolo 2135 cod. civ., anche quando non è correlata alla gestione del terreno. Il successivo comma 2, considera prodotti agricoli: il miele, la cera d’api, la pappa reale o gelatina…

Continua a leggere...
partenza

Partita la corsa ai fondi Ismea per l’imprenditoria giovanile

L’11 aprile è ufficialmente partita la nuova corsa ai fondi Ismea messi a disposizione per il subentro dei giovani imprenditori. Nello specifico, Ismea, con la determina n. 230 del 6 aprile 2016 ha pubblicato un nuovo bando diretto all’imprenditoria giovanile, per un importo complessivo di 60 milioni di euro, avente lo scopo di supportare quelle…

Continua a leggere...
agricoltura1

Regime di esonero Iva con dimostrazione a carico del cessionario

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 5409 del 18 marzo 2016, si occupa del regime speciale Iva in agricoltura e, in particolare, delle regole e degli adempimenti da mettere in atto quando si acquista da soggetti in regime di esonero ai sensi dell’articolo 34, comma 6, DPR 633/1972. Il regime di esonero Iva…

Continua a leggere...
agricoltura1

Il registro all’8% resiste all’affitto a terzi del terreno

Anteriormente al taglio lineare delle agevolazioni connesse all’imposta di registro applicabile alle transazioni immobiliari, il settore dell’agricoltura, senza timore di smentita, rappresentava quello per il quale tali strumenti erano plurimi e tutti di indubbio vantaggio. Tra questi sicuramente il più conosciuto, e l’unico rimasto in vigore, è quello dell’agevolazione per la piccola proprietà contadina, di…

Continua a leggere...
tagli

Tempo di spesometro … anche per gli esonerati

È incontrovertibile come uno dei problemi italiani consiste nella burocratizzazione che comporta, da un lato, poca velocità nell’adeguarsi al mercato e, dall’altro, una penalizzazione in termini di carichi adempitivi per il contribuente. Nonostante lo sbandierato intento del Legislatore di semplificare la “vita burocratica” delle imprese, questo spesso non accade, ne è un esempio lampante il…

Continua a leggere...
agricoltura1

Non tassato l’indennizzo per migliorie sul fondo

La riforma dei contratti agrari, attuata a mezzo della L. 203/1982, disciplina anche le ipotesi in cui sui fondi, oggetto di contratti di affitto, vengano eseguite opere di miglioria a cura, alternativamente, del concedente o dell’affittuario; infatti, l’articolo 16, concede tale facoltà di intervento a entrambi i soggetti. Gli interventi, che devono rivestire il carattere…

Continua a leggere...
agriturismo

Agea aggiorna i requisiti dell’agricoltore in attività

Agea, con la circolare n. 121 del 1 marzo 2016, ha ridelineato le caratteristiche che deve avere l’ agricoltore in attività, figura operante nel comparto agricolo di recente introduzione, ma di fondamentale importanza in quanto l’articolo 9 del Regolamento Ue n. 1307/2013 stabilisce che “ Non sono concessi pagamenti diretti a persone fisiche o giuridiche,…

Continua a leggere...
risparmio

Agricoltura under 40: il mutuo a tasso 0

In un precedente intervento ci siamo occupati di delineare i requisiti soggettivi e le caratteristiche dei progetti, nonché delle relative spese, necessari per accedere all’agevolazione prevista dal decreto 18 gennaio 2016 per il subentro in agricoltura e lo sviluppo dell’autoimprenditorialità, agevolazione che consiste nell’erogazione di finanziamenti a tasso 0. In questo secondo intervento analizziamo le…

Continua a leggere...
agricoltura

Vendita diretta di prodotti agricoli … con limiti

Il Consiglio di Stato, V sezione, con la sentenza n. 131 del 18 gennaio 2016 analizza la normativa (agevolativa) riservata all’imprenditore agricolo per poter aprire una vendita diretta di propri prodotti. Tale facoltà è stata concessa nel contesto della riforma del 2001 che ha visto rimodulare integralmente, in un senso moderno, il settore dell’agricoltura, della…

Continua a leggere...
agricoltura

Via alle istanze di rimborso per l’Imu 2014 sui terreni montani

Probabilmente, è solo con la previsione di cui alla Stabilità 2016, e quindi con il ritorno alle vecchie regole, che l’Imu sui terreni montani potrà trovare pace. La norma, infatti, prevede un’esenzione “generalizzata” per i terreni agricoli di cui all’articolo 7, comma 1, lettera h), D.Lgs. 504/1992 nel caso in cui siano ubicati nei Comuni…

Continua a leggere...
agricoltura

Largo ai giovani in agricoltura

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 39 del 17 febbraio 2016, il decreto 18 gennaio 2016 con cui viene prevista, per dare slancio al ricambio generazionale in agricoltura attraverso il sostegno ai giovani under 40, l’erogazione di prestiti a tassi agevolati. L’agevolazione consiste nell’erogazione di mutui agevolati, a un tasso pari a zero, della…

Continua a leggere...
agricoltura

Derogabile l’opzione triennale per il regime Iva

E’ stato firmato, ed è in attesa di essere pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, il decreto con cui vengono recepite le modifiche introdotte con il comma 908 dell’articolo unico della Legge 208/2015 (Legge di Stabilità per il 2016) in merito alle aliquote compensative da applicare in applicazione del regime speciale Iva  per l’agricoltura di cui all’articolo…

Continua a leggere...
agricoltura

Le faq del Mipaaf sul credito per le reti in agricoltura

Il Legislatore, con l’articolo 3, comma 3, DL 91/2014 ha introdotto uno specifico credito di imposta atto a incentivare la creazione di reti di impresa nel comparto agricolo. A tal fine, con l’approssimarsi della scadenza per la presentazione delle relative domande relative alle spese sostenute nel periodo 14 marzo 2015 – 31 dicembre 2015, fissata…

Continua a leggere...
divieto

Certificati verdi non più “esentasse”

I certificati verdi sono stati introdotti nel nostro ordinamento per mezzo del D.Lgs. n. 79/1999, noto anche come decreto Bersani, andando a sostituire il precedente sistema noto come convenzioni CIP 6/92. Ai sensi dell’art.11 del D.Lgs. richiamato “Al fine di incentivare l’uso delle energie rinnovabili, il risparmio energetico, la riduzione delle emissioni di anidride carbonica…

Continua a leggere...
risparmio

Il nuovo regime impositivo per le rinnovabili verdi

L’articolo 1, comma 910 della L. n.208/2015, la Legge di Stabilità per il 2016, interviene a rimodulare la disciplina fiscale applicabile alle attività connesse consistenti nella produzione di energia e di carburanti da fonti rinnovabili esercitate dagli imprenditori agricoli. L’intervento va a riscrivere il comma 423 dell’articolo 1 della Legge n. 266/2005, la Finanziaria per…

Continua a leggere...
risparmio

Nuove % compensative per il comparto lattiero-caseario e non solo

Il Governo offre un sostegno concreto al settore lattiero-caseario, inciso dall’abolizione delle cosiddette quote latte e da una crisi del settore, attraverso la rimodulazione delle percentuali compensative da applicarsi in sede di liquidazione dell’Iva di periodo. Come noto, la VI Direttiva comunitaria in materia Iva, trasfusa nella Direttiva 2006/112/CE, offre la possibilità ai Paesi membri…

Continua a leggere...
IRAP-1

Dal 2016 niente Irap in agricoltura

L’articolo unico della Legge n. 208/2015 (la legge di Stabilità per il 2016) contiene molte previsioni che impattano sul settore agricolo sia per quanto concerne la fiscalità, diretta e indiretta, dei soggetti che vi operano, sia con riferimento agli organismi che ruotano attorno al sistema e che molto spesso rappresentano strumenti di supporto allo stesso….

Continua a leggere...
agricoltura

Ampliati i soggetti che accedono alla ppc

L’articolo 1, commi 906 e 907, Legge 208/2015 (Legge di Stabilità per il 2016) interviene sull’agevolazione cosiddetta della piccola proprietà contadina, allargandone i presupposti soggettivi. La novella è di non poco conto se si tiene presente che con il comma 905 viene modificata l’aliquota dell’imposta di registro applicabile alla transazioni aventi a oggetto terreni agricoli…

Continua a leggere...
computer

Il turismo va in … rete

Tutto pronto per il contributo per le reti di imprese, nonché le ATI, che operano nel settore turistico, infatti il Mibact ha pubblicato il bando con cui vengono specificate caratteristiche e modalità di accesso. Obiettivi dichiarati del bando sono quelli di promuove e sostenere i processi di integrazione, tramite la forma del contratto di rete,…

Continua a leggere...
soldi1

Dal 21 dicembre la richiesta di agevolazione per le ZFU dell’Emilia

Il Mise, con la circolare n. 90178 del 24 novembre 2015 ha offerto alcuni chiarimenti in merito alla modalità e ai termini che debbono essere rispettati per la presentazione dell’istanza di accesso alle agevolazioni previste per le microimprese ubicate nella ZFU, relativa ai territori dell’Emilia colpiti dall’alluvione del 2014 e dai sismi del 2012, istituita…

Continua a leggere...
agricoltura

Impresa agricola con finanziamento a tasso 0

Anche le imprese agricole, aventi la sede legale e operativa nel territorio nazionale, possono accedere alle agevolazioni, consistenti in finanziamenti agevolati, previste dal D.Lgs. 185/2000 e rilanciate con il Decreto regolamentare dell’8 luglio 2015. La data da segnare sull’agenda è quella, come chiarito dal Mise con la Circolare esplicativa n. 75445/2015, del 13 gennaio 2016;…

Continua a leggere...
IRAP-1

Niente più Irap agricola dal 2016

Il D.D.L. di Stabilità per il 2016, nell’attuale versione, all’articolo 5, comma 6, nella versione ante emendamenti, prevede l’introduzione di un’ampia esenzione da Irap per il settore agricolo, esenzione che fino a tutto il 2015 riguarda solamente i soggetti “minimi” che operano in regime di esonero Iva ai sensi dell’articolo 34, comma 6, D.P.R. 633/1972….

Continua a leggere...
firma

Per la lottizzazione è sufficiente l’autorizzazione

La Corte di Cassazione, con la recente sentenza n. 20681 del 14 ottobre 2015, in senso conforme con quanto precedentemente affermato con le sentenze  n.22584/2012, n. 7800/2003 e n.6836/2001, ha avuto modo di affermare che affinché si possa configurare una plusvalenza speculativa tassabile non è necessaria l’esistenza di una lottizzazione attuata con il procedimento previsto…

Continua a leggere...
agricoltura

Terreni tartassati

Tra le pieghe del DDL di Stabilità per il 2016 si trovano alcune norme che interessano gli attuali proprietari di terreni nonché i futuri. In particolare, sono 3 i principali interventi che interessano i terreni: l’ennesima riproposizione della possibilità di procedere alla rivalutazione dei terreni, siano essi edificabili o meno (ma non sarebbe il caso…

Continua a leggere...
agricoltura

Novità Iva bifronti in agricoltura

Il D.D.L. di Stabilità per il 2016, che ha iniziato il suo lungo e periglioso iter approvativo, attualmente affronta non poche novità per quanto riguarda il comparto agricolo, per la maggior parte positive, se è vero che, fino a poco tempo addietro, si parlava di una mannaia legislativa che stava per colpire un settore che…

Continua a leggere...
ambiente2

Agroenergie “aperte a tutti”

Rileggendo la risoluzione n. 86/E del 15 ottobre 2015 in tema di regime fiscale delle energie rinnovabili post Decreto Renzi (D.L. 66/2014), si comprende come spesso i documenti di prassi dovrebbero essere maggiormente soppesati anche da chi li redige, in quanto possono prestare il fianco a interpretazioni, per usare un eufemismo, fuorvianti. E il peggio…

Continua a leggere...
soldi4

Il credito per l’e-commerce agricolo

In quest’ultimo anno il settore dell’agricoltura è stato particolarmente attenzionato da parte del Governo, sia con interventi restrittivi (leggasi ad esempio revisione della tassazione per le agroenergie), sia incentivanti. Tra questi si segnala l’istituzione, a mezzo dell’articolo 3, comma 2, D.L. 91/2014, convertito con modifiche con Legge n. 116/2014, di un credito d’imposta per la…

Continua a leggere...
agricoltura

La mancata prevalenza non travolge l’Srl agricola

L’Agenzia delle entrate, con la risoluzione n. 86/E di ieri, ha analizzato il regime fiscale delle agroenergie derivante dalle modifiche apportate di recente con l’articolo 22, D.L. n. 66/2014, regime che doveva trovare attuazione sin dal 2014 ma che di fatto, salvo proroghe in sede di Legge di stabilità per il 2016 o del consueto…

Continua a leggere...
agricoltura

Iva in agricoltura senza split payment

La Legge n. 190/2014, la cd. Legge di stabilità per il 2015, ha introdotto, al fine di limitare sul nascere l’evasione fiscale, alcune regole specifiche per il comparto Iva. In particolare, le novità introdotte riguardano i soggetti che hanno rapporti con la pubblica Amministrazione le cui regole applicative trovano la propria disciplina compiuta nell’articolo 6,…

Continua a leggere...
agricoltura

Ancora elusiva la trasformazione della Spa agricola?

Anche recentemente ci siamo occupati di società agricole, intendendo con tale termine quelle di cui all’articolo 2 del D.Lgs. n. 99/2004 ma, a bene vedere, non esiste una vera società agricola, o per meglio dire una forma ad hoc, individuata dal nostro Legislatore per contraddistinguere l’esercizio dell’agricoltura in forma associata. Infatti lo stesso articolo 2…

Continua a leggere...
agricoltura

La decadenza delle società agricole dal reddito catastale

È indubbio per gli operatori del settore ma non solo, che la forma societaria più idonea a operare nel settore dell’agricoltura sia quella della società semplice, tuttavia, anche le tipologie più complesse, a partire dalle società di persone, siano esse Snc o Sas, per arrivare alle Srl e Spa trovano a oggi utilizzo. In fin…

Continua a leggere...
iva1

Soccida monetizzata senza diritto alla detrazione Iva

Tra i contratti collaborativi utilizzati nel comparto agricolo e, nello specifico in quello dell’allevamento di animali, trova tutt’ora ampio utilizzo quello della soccida, tipologia rientrante “ nell’ambito dei contratti associativi con comunione di scopo ed ha come precipua ragione pratica quella di realizzare un’attività economica in comune (inquadrabile nell’esercizio di attività agricola ex art. 2135…

Continua a leggere...
agricoltura

L’Iva per le coop agricole

L’articolo 34 del DPR n. 633/1972 delinea il regime naturale Iva per l’agricoltura, richiedendo, nello specifico, il rispetto di un requisito soggettivo, essere produttori agricoli, e uno oggettivo, cedere prodotti agricoli e ittici compresi nella prima parte della tabella A allegata al DPR n. 633/1972. Per quanto attiene il perimetro soggettivo, il comma 2 dell’articolo…

Continua a leggere...
agricoltura

Le prestazioni di servizi in agricoltura

Il regime speciale Iva per l’agricoltura si compone di due articoli, 34 e 34-bis del DPR n. 633/1972, che hanno a oggetto differenti operazioni messe in atto da produttori agricoli e ittici. Nello specifico, si rende applicabile la disciplina delineata all’articolo 34 nel caso di cessione di beni compresi nella prima parte della tabella A…

Continua a leggere...
agricoltura

L’impresa mista

Il regime speciale Iva di cui agli articoli 34 e 34-bis del DPR n. 633/1972, richiede la sussistenza di un requisito soggettivo, essere produttori agricoli, e oggettivo, cedere prodotti agricoli e ittici compresi nella prima parte della tabella A allegata al DPR n. 633/1972. Si ricorda come la prima parte della tabella A) individui prodotti…

Continua a leggere...
agricoltura

Regime speciale Iva in agricoltura: il requisito oggettivo

Il regime speciale Iva delineato dagli articoli 34 e 34-bis del DPR n. 633/1972, che si ricorda rappresenta il regime ordinario per il settore agricolo, prevede, ai fini della sua applicabilità, il rispetto dei requisiti soggettivo e oggettivo. A ben vedere, il Legislatore comunitario prevede un ulteriore requisito di natura quantitativa, infatti, il considerando 49…

Continua a leggere...
pesce

La rettifica nel passaggio dal regime speciale all’ordinario e viceversa – II parte

Il regime speciale Iva in agricoltura, come delineato dall’articolo 34 DPR n. 633/72, rappresenta il regime naturale, tuttavia, il comma 11 prevede la possibilità di optare “per l’applicazione dell’imposta nei modi ordinari dandone comunicazione all’ufficio secondo le modalità previste dal regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 10 novembre 1997, n. 442”. L’opzione…

Continua a leggere...
pesce

Il passaggio dal regime speciale all’ordinario e viceversa – parte I

Il regime speciale delineato dall’articolo 34 DPR n. 633/72 per il mondo agricolo, rappresenta il regime ordinario, volendo intendere che esso opera in modo naturale una volta rispettati i requisiti soggettivi (essere produttori agricoli come definiti ai sensi del comma 2 del medesimo articolo 34) e oggettivi (cedere prodotti agricoli e ittici ricompresi nella prima…

Continua a leggere...
iva3

Il regime Iva in agricoltura e norma antielusiva

In caso di rispetto dei requisiti soggettivo e oggettivo come delineati dall’articolo 34 DPR n. 633/72 si rende a tutti gli effetti applicabile il regime speciale previsto per l’agricoltura, consistente in un regime speciale di detrazione dell’imposta il cui importo viene determinato attraverso l’applicazione, all’ammontare delle cessioni effettuate, di aliquote forfettarie individuate con decreto ministeriale….

Continua a leggere...
agricoltura

Il regime speciale di esonero Iva in agricoltura

Il Legislatore comunitario ha previsto la possibilità di lasciare agli Stati membri la facoltà di applicare un regime speciale che preveda la compensazione forfettaria dell’Iva a monte a favore degli agricoltori che non rientrano nel regime normale (considerando 50 della Direttiva 2006/112/CE). Tale facoltà, come noto, è stata recepita in Italia attraverso l’introduzione dapprima dell’articolo…

Continua a leggere...
agricoltura

Regime speciale Iva in agricoltura: il requisito soggettivo

Il Governo ha nuovamente confermato che a breve arriverà il taglio, o per meglio dire la razionalizzazione, delle anglofone tax expenditures, spese sostenute da parte dello Stato, sotto forma di agevolazioni, per supportare determinati settori o categorie di cittadini. Uno dei settori interessati è sicuramente quello dell’agricoltura che, tuttavia, negli ultimi tempi sta perdendo sempre…

Continua a leggere...
agricoltura

Società agricole che optano per il reddito catastale

Tempo di dichiarazioni dei redditi e, per quei soggetti che non hanno presentato la dichiarazione Iva in via autonoma a febbraio, tempo di optare per i possibili regimi fiscali alternativi di cui possono fruire. Una di queste opzioni riguarda, come noto, le cosiddette società agricole ex D.Lgs. n. 99/2004, che, per effetto di quanto previsto…

Continua a leggere...
tasse1

Classificazione in A/6 e D/10 discriminante ai fini Ici e Imu

La Corte di Cassazione, con la recente sentenza n.13740 del 3 luglio 2015, conferma l’indirizzo consolidato della giurisprudenza di legittimità, apertosi con la sentenza a SS.UU. n. 18565/2009 e ribadito di recente con la sentenza n.5167/2014, affermando come ai fini Ici, per la dimostrazione della ruralità dei fabbricati, che ne comporta l’esenzione da imposta, rileva…

Continua a leggere...
agricoltura

L’agevolazione per il primo insediamento dei giovani agricoltori

Da sempre, quando il legislatore, sia esso quello domestico o quello comunitario, si interessa di agricoltura, introduce alcune norme agevolative per l’inserimento dei giovani nel comparto. Ad esempio, ne è testimonianza la previsione, a regime, di una detrazione Irpef per i giovani agricoltori che prendono in affitto terreni (articolo 16, comma 1-quinquies Tuir). In tale…

Continua a leggere...
agriturismo

Pac: entro il 15 ottobre la domanda per il regime piccoli agricoltori

Agea, con Circolare del 2 luglio 2015 ha offerto alcuni chiarimenti in merito alle modalità di opzione per il regime previsto, nell’ambito dei contributi Pac, per i piccoli agricoltori, regime che si pone l’obiettivo di ridurre gli aspetti di natura burocratica connessi, ad esempio, a pratiche quali la domanda di sostegno e quelle agricole benefiche…

Continua a leggere...
computer

Click day per il tax credit digitalizzazione

Da sempre l’Italia, culla della cultura e del Rinascimento nato dalle ceneri del Medioevo, è chiamato il Bel paese e, a partire dal XVII secolo, è stato destinazione eletta del Grand Tour, testimonianze queste, di come essa sia meta turistica di indubbio prestigio. Anche per questo motivo assume rilevanza l’agevolazione, introdotta con l’articolo 9 del…

Continua a leggere...
agriturismo

Niente tax credit digitalizzazione per l’agriturismo

In un precedente intervento ci siamo interessati di verificare la spettanza o meno, per gli immobili adibiti ad agriturismi da parte di imprenditori agricoli, del cd. bonus alberghi, giungendo a una risposta negativa, salvo gradite smentite da parte dell’Agenzia delle Entrate. Ma, il D.L. n. 83/2014 non ha previsto solo questa agevolazione per rilanciare un…

Continua a leggere...
tasse1

Imu, Tasi, Tari: immobili posseduti da cittadini esteri

Con la risoluzione n.6/DF di ieri il Ministero dell’economia e delle finanze fornisce alcuni chiarimenti in merito al regime della tassazione locale relativo agli immobili posseduti da cittadini italiani residenti all’estero e iscritti all’Anagrafe degli italiani residenti all’estero (AIRE). Chiarimenti resisi necessari a seguito delle novità legislative introdotte in materia di IMU, TASI e TARI,…

Continua a leggere...
catering

Bonus alberghi per la creazione dei centri benessere

In un precedente intervento ci siamo occupati di verificare se gli agriturismi potessero accedere al cd. “bonus alberghi”, l’agevolazione fiscale introdotta con l’articolo 10 del D.L. n. 83/2014, che finalmente ha trovato la sua attuazione per mezzo della pubblicazione, sulla Gazzetta Ufficiale n. 138 del 17 giugno 2015 del decreto 7 maggio 2015. Ma in…

Continua a leggere...
agriturismo

Bonus alberghi anche per l’agriturismo?

“Gli ultimi saranno i primi e i primi gli ultimi” – Matteo 20, 1-16. Ha finalmente trovato attuazione il credito di imposta, introdotto con l’articolo 10 del D.L. n. 83/2014, concesso, in prima approssimazione, alle strutture alberghiere, in riferimento a interventi di ristrutturazione. Infatti, il decreto 7 maggio 2015, attuativo del credito, è stato pubblicato…

Continua a leggere...
ambiente2

Ammessa la forestazione parziale

La cosiddetta “forestazione” consisteva in un’agevolazione riconosciuta al mondo agricolo per l’acquisto in proprietà di fondi rustici idonei ad aumentare l’efficienza dell’azienda e il relativo reddito attraverso il miglioramento quantitativo e qualitativo delle colture forestali. Si ritiene che si potessero considerare agevolabili anche gli acquisti di fondi rustici comprensivi di “fabbricati rurali” a condizione, ovviamente,…

Continua a leggere...
agricoltura

L’orto-florovivaismo e il quadro RD – parte II

L’articolo 2135 codice civile, norma cui rimanda l’articolo 32 Tuir per individuare quali siano le attività che, nel rispetto di determinati parametri, producono un reddito agrario, prevede che “… Si intendono comunque connesse le attività, esercitate dal medesimo imprenditore agricolo, dirette alla manipolazione, conservazione, trasformazione, commercializzazione e valorizzazione che abbiano ad oggetto prodotti ottenuti prevalentemente…

Continua a leggere...
agricoltura

L’orto-florovivaismo e il quadro RD – parte I

Tra le attività che possono dare origine a un reddito agrario vi sono anche quelle di coltivazione di vegetali, infatti, ai sensi dell’articolo 2135 codice civile “è imprenditore agricolo chi esercita una delle seguenti attività: coltivazione del fondo, selvicoltura, allevamento di animali e attività connesse. Per coltivazione del fondo, per selvicoltura e per allevamento di…

Continua a leggere...
agriturismo

Unico 2015: i quadri RL e RM per gli agricoltori – parte III

Proseguiamo la rassegna dei fenomeni reddituali che, se imputabili a un imprenditore agricolo, possono determinare l’emersione di un imponibile tassato quale reddito diverso e come tale da esporre in dichiarazione nel quadro RL di Unico 2015. La norma di riferimento è l’articolo 67 del Tuir ove vengono individuate svariate fattispecie reddituali il cui manifestarsi determina…

Continua a leggere...
agricoltura

Unico 2015: i quadri RL e RM per gli agricoltori – parte II

In un precedente contributo abbiamo iniziato l’analisi dei fenomeni reddituali che, se imputabili a un imprenditore agricolo, determinano l’emersione di un imponibile tassato quale reddito diverso e come tale da esporre in dichiarazione nel quadro RL di Unico 2015. Prima di proseguire nell’analisi delle fattispecie individuate dal Legislatore, è importante ricordare come, ai sensi dell’articolo 32…

Continua a leggere...
agricoltura

Unico 2015: i quadri RL e RM per gli agricoltori – parte I

In un precedente contributo abbiamo analizzato la disciplina fiscale applicabile alle indennità percepite dagli imprenditori agricoli per l’occupazione temporanea dei terreni, fattispecie che, in alcune circostanze può determinare un’imposizione delle somme percepite quali redditi diversi. Infatti, anche l’imprenditore agricolo può generare delle componenti reddituali che vengono ricondotte nella categoria dei redditi diversi e in quanto…

Continua a leggere...
agriturismo

L’indennità di occupazione sconta l’Irpef per zone A, B, C, D

In un precedente intervento abbiamo analizzato, giungendo a conclusioni positive, la possibilità di procedere, da parte delle persone fisiche, alla rideterminazione del valore dei terreni, siano essi agricoli o edificabili, oggetto di esproprio per pubblica utilità. A bene vedere, similare a tale fattispecie è quella dell’occupazione temporanea per pubblica utilità che incontra anch’essa un regime…

Continua a leggere...
agricoltura

Pubblicità dichiarativa dell’imprenditore agricolo – parte II

In un precedente intervento ci siamo occupati di indagare gli effetti che la previsione di cui all’art.2 del D.Lgs. n.228/01 esplica nei confronti del cosiddetto statuto speciale previsto per l’imprenditore agricolo, verificando l’abrogazione o meno dell’art.2136 codice civile. Ma, a ben vedere, l’evoluzione della rilevanza dell’iscrizione alla sezione speciale del registro delle imprese da mera pubblicità…

Continua a leggere...
agricoltura

Pubblicità dichiarativa dell’imprenditore agricolo – parte I

Il codice del ’42 ha introdotto un regime, il cd. regime speciale dedicato in via esclusiva ai soggetti operanti nel comparto agricolo, regime che trovava il proprio incipit nell’articolo 2136 codice civile, ai sensi del quale “Le norme relative all’iscrizione nel registro delle imprese non si applicano agli imprenditori agricoli, salvo quanto è disposto dall’articolo…

Continua a leggere...
agricoltura

L’agricoltore in attività

Da sempre il comparto agricolo è stato oggetto di agevolazioni, o per meglio dire di aiuti, sotto forma di contributi, erogati a vario titolo, sia di provenienza nazionale che comunitaria. In quest’ultimo caso ci si riferisce alla Pac (Politica agricola comunitaria) che, a decorrere dal 1° gennaio di quest’anno si rende applicabile nella nuova “versione”…

Continua a leggere...
agricoltura

Il Governo dà “credito” alle reti in agricoltura

Con il D.M. 13 gennaio 2015, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 48 del 27 febbraio 2015 è stata data attuazione al credito di imposta, introdotto con l’art. 3 del D.L. n. 91/2014, per le reti di impresa nel comparto agricolo. L’agevolazione in oggetto, al pari di quella prevista per la realizzazione di siti e-commerce, già…

Continua a leggere...
agricoltura

Le “nuove” attività connesse

È stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 62 del 16.03.2015, il decreto del Ministero dell’Economia e delle finanze 13 febbraio 2015 con cui vengono individuati i beni che possono essere oggetto delle attività agricole connesse di cui all’art. 32, comma 2, lettera c) Tuir, con conseguente assoggettamento al reddito catastale in caso di rispetto del…

Continua a leggere...
online

L’agricoltura investe nell’e-commerce

Come spesso purtroppo accade, l’attuazione di agevolazioni previste da normativa primaria viene demandata all’emanazione di decreti e regolamenti secondari, rinviando, nel migliore dei casi, l’effettiva entrata in vigore della norma, mentre, nel peggiore, è possibile che detti decreti non vengano mai emanati. Con l’art. 3 del D.L. n. 91/2014, il c.d. “Decreto crescita”, è stato…

Continua a leggere...
firma

Il registro di carico-scarico

In un precedente intervento abbiamo introdotto la disciplina fiscale applicabile all’attività di allevamento animali, evidenziando come, a secondo del rispetto o meno dei parametri richiesti dall’articolo 32 Tuir, si possa ricadere nel reddito agrario o in quello di impresa, sia esso determinato in via di favore secondo quanto previsto dall’articolo 56, comma 5 Tuir o…

Continua a leggere...
agriturismo

Il reddito da allevamento di animali

Il Legislatore civilistico, a seguito della riforma attuata ai sensi del D.L. n. 57/2001, riscrivendo l’articolo 2135 del codice civile, ha, sulla falsariga di quanto già previsto, individuato alcune attività considerate come agricole in quanto tali, pur con alcune peculiarità e innovazioni rispetto al passato. Ci stiamo riferendo, in primis, all’introduzione della previsione della cura…

Continua a leggere...
agricoltura

L’imprenditore ittico è parificato a quello agricolo

La Legge delega n. 57/2001 si poneva quali obiettivi primari quelli, da un lato, di modernizzare la figura dell’imprenditore agricolo e, dall’altro, di razionalizzarne le fonti normative che risultavano alquanto segmentate, avendo a mente il contesto comunitario che, sebbene non offra una definizione univoca di agricoltura, apporta comunque un criterio cosiddetto “agroalimentare” nell’individuazione dei prodotti…

Continua a leggere...
agricoltura

Quer pasticciaccio brutto dell’Imu terreni montani

E alla fine, come nella miglior tradizione italiana, per l’ennesima volta, a discapito della certezza del diritto nonché della semplificazione, solamente in extremis si è intervenuti per dirimere una questione che si stava trascinando da tempo e che certamente non si era presentata all’ultimo momento. Ci stiamo riferendo all’esenzione da Imu per i terreni siti…

Continua a leggere...
agricoltura

Regime fiscale delle società agricole

È indiscutibile che le principali forme utilizzate per l’esercizio dell’attività agricola siano quella individuale e, per quanto attiene le società, quella semplice. Indubbia sul punto è l’influenza dalla struttura proprietaria italiana, che è passata da un latifondismo spinto a una parcellizzazione accentuata della proprietà terriera. Tuttavia, da sempre, il regime fiscale previsto, rappresenta il volano…

Continua a leggere...
ambiente2

Rinnovabili: Milleproroghe di nome e di fatto

Il D.L. n. 192/2014, meglio noto come Milleproroghe, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 392 del 31.12.2014, ha portato una lieta notizia per quanto concerne il comparto agricolo che, a ben vedere, pian piano, in quest’ultimo periodo si è visto erose gran parte di quelle prerogative stratificatesi nel tempo. Infatti, il Legislatore, salvo ripensamenti in sede…

Continua a leggere...
agriturismo

In Gazzetta il decreto sull’allevamento

L’art. 32, comma 2 del Tuir, in conformità a quanto previsto civilisticamente dall’articolo 2135 Cod. Civ., stabilisce che si considera attività agricola a titolo principale l’allevamento di animali con mangimi ottenibili per almeno un quarto dal terreno. Il dato letterale della norma deve essere interpretato nel senso che, se da un lato è vero che…

Continua a leggere...
semaforo-verde

Esproprio con rivalutazione

La legge di Stabilità 2015, offre, per la dodicesima volta, la possibilità di procedere alla rideterminazione del valore dei terreni agricoli ed edificabili, nonché delle partecipazioni in società non quotate posseduti da persone fisiche non esercenti attività di impresa, società semplici, società ed enti ad esse equiparate di cui all’art.5 Tuir, enti non commerciali (per…

Continua a leggere...
agricoltura

Le reti in agricoltura

In passato ci siamo ripetutamente interessati del contratto di rete, forma aggregativa tra imprese che il Governo nel passato recente ha supportato e sostenuto anche prevendendo incentivi di natura fiscale. Con il recente decreto Sviluppo (il D.L. n. 91/2014) il Legislatore è tornato nuovamente a interessarsi di reti con specifico riferimento al comparto dell’agricoltura, da…

Continua a leggere...
agricoltura

Non sempre la prevalenza è sinonimo di reddito agrario

In un precedente intervento ci siano occupati di analizzare i requisiti che la disciplina fiscale richiede affinché un’attività possa essere considerata quale connessa a quelle agricole, con conseguente tassazione del reddito su base catastale ai sensi dell’art. 32 e seguenti del Tuir. L’analisi prendeva spunto da quanto affermato dall’Agenzia delle Entrate nella Circolare n. 25/E/2014…

Continua a leggere...
ambiente2

Zone verdi plusvalenti?

L’articolo 36, comma 2, del D.L. n. 223/2006, la c.d. Visco – Bersani, ha uniformato il concetto di terreno edificabile ai fini fiscali, prevedendo che, per tutti i comparti impositivi (imposizione diretta, iva, registro e tributi locali), un’area sia da considerarsi fabbricabile se utilizzabile a scopo edificatorio, in base allo strumento urbanistico generale adottato dal…

Continua a leggere...
ambiente2

E in zona Cesarini arriva il decreto sui Comuni montani

Era circa metà ottobre quando, su queste pagine, scrivevamo che ormai era in dirittura di arrivo l’atteso decreto interministeriale, previsto con l’articolo 22, comma 2 del D.L. n. 66/2014 (il cosiddetto Decreto Renzi”), avente lo scopo di rimodulare la delimitazione dell’esenzione Imu per i terreni ubicati nei cosiddetti Comuni montani e avente il fine dichiarato…

Continua a leggere...
agricoltura

Usucapione agevolabile

Nel recente passato, ripetutamente ci siamo interessati, forse perché l’unica che è resistita alla “falcidia” messa in atto con l’articolo 10, comma 4 della Legge n. 23/2012, dell’agevolazione prevista, in tema di imposta di registro, per il comparto agricolo, meglio nota come piccola proprietà contadina. Ma, oltre che per il fatto di essere restata l’ultimo…

Continua a leggere...
agricoltura

Imponibile il terreno edificabile ceduto dal contadino

Il comparto agricolo da sempre è stato considerato, a torto o a ragione, a seconda dei punti di vista, un settore cui è riservato, da parte del nostro Legislatore, un trattamento fiscale di favore, sia per quanto concerne la fiscalità diretta che indiretta. La ragione di tale approccio legislativo trova una ragione storica nella circostanza…

Continua a leggere...
agricoltura

Non invocabile la subordinazione delle agevolazioni

L’Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione n.100/E di ieri torna a occuparsi dell’agevolazione tributaria, ai fini dell’imposta di registro da applicare sulle compravendite di terreni agricoli, di cui all’articolo 2, comma 4-bis, del DL n. 194/2009, convertito in Legge n. 25/2010, conosciuta come piccola proprietà contadina. L’agevolazione, richiamata rappresenta l’ultima, per quanto attiene il comparto…

Continua a leggere...
mani

Deroghe alla decadenza dalla ppc

Nel contesto della riforma dell’imposizione indiretta per quanto attiene la compravendita di immobili, intendendo come tali sia i fabbricati che i terreni, che ha portato, da un lato alla rimodulazione delle aliquote applicabili, e dall’altro all’eliminazione di tutta una serie di agevolazioni, tra le forme agevolate è rimasta in vigore quella prevista per la piccola…

Continua a leggere...
soluzioni

Il secondo livello di deducibilità degli interessi passivi

In un precedente intervento, cui rinviamo per eventuali approfondimenti, abbiamo analizzato il cosiddetto primo livello di deducibilità degli interessi passivi dato dall’ammontare degli interessi attivi presenti generati dall’impresa. L’eventuale eccedenza non coperta può, comunque, essere dedotta nel limite del 30% del Rol (reddito operativo lordo) generato dall’impresa nel medesimo esercizio. Il Rol individuato dalla normativa…

Continua a leggere...
soldi4

Il primo livello di deducibilità degli interessi passivi

Il finanziamento delle attività di impresa attraverso il reperimento delle risorse finanziarie presso soggetti terzi ha sempre rappresentato per le imprese il canale prioritario, con indubbia creazione di cospicui interessi passivi. Negli ultimi tempi, vuoi a causa della contrazione, o per meglio dire della selezione, dell’offerta da parte degli istituti bancari e finanziari, vuoi a…

Continua a leggere...
contratto

In successione il valore contabile della partecipazione

L’Agenzia delle Entrate, con la recente Risoluzione n.91/E del 17 ottobre, al cui commento si rimanda, è tornata a occuparsi della tematica relativa alla possibilità di procedere alla rideterminazione del valore delle partecipazioni sociali e dei terreni che il Legislatore propone ormai con cadenza quasi annuale. Il tema specifico trattato è stato quello delle partecipazioni…

Continua a leggere...
sveglia

In arrivo il decreto sui Comuni montani

Nel contesto di un rapporto il più cristallino possibile tra contribuente e Amministrazione finanziaria, se al primo spetta il compito di ottemperare diligentemente e correttamente ai doveri impartiti dal Legislatore, la seconda deve mettere il contribuente nelle condizioni ottimali per poter adempiervi. Purtroppo spesso questo non accade, ne è una testimonianza l’adempimento Tasi scaduto ieri, e,…

Continua a leggere...
soci

Start up innovative: rilevano i soci lavoratori

L’Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione n. 87/E di ieri torna a occuparsi di start up innovative, forma societaria introdotta a mezzo dell’articolo 25 del DL n. 179/2012, offrendo ulteriori chiarimenti in merito ai requisiti richiesti perché una società possa essere considerata come tale. Preliminarmente si ricorda come le partecipazioni al capitale sociale delle start…

Continua a leggere...
passaporto

Attività e passività in valuta estera

Ad agosto, l’ Oic,  nell’ambito dell’ampio progetto di revisione e modernizzazione dei principi contabili nazionali,  ha pubblicato la versione definitiva aggiornata del   Principio contabile 26 che analizza la corretta rappresentazione contabile delle attività e delle passività espresse in valuta estera per le società che redigono il bilancio d’esercizio secondo le disposizioni del codice civile….

Continua a leggere...
agricoltura

Reddito catastale e base imponibile Irap

L’imprenditore agricolo appartiene al genus dell’imprenditore di cui all’art.2082 cod. civ., ragion per cui, in linea generale, sono soggetti a Irap coloro che operano nel comparto agricolo in forma di società di capitali e di persone, nonché in forma individuale, a esclusione dei soggetti, persone fisiche, società semplici ed enti non commerciali con un volume…

Continua a leggere...
soldi1

Deducibili per cassa le spese per l’emissione delle obbligazioni

Con l’articolo 32 del D.L. n.83/12, convertito con modifiche dalla L. n. 134/12, e il successivo D.L. n.179/12, il Legislatore è intervenuto apportando rilevanti cambiamenti per quanto concerne le regole relative agli strumenti cui le Pmi possono attingere per reperire capitali e cercare di contrastare l’ormai annosa problematica relativa al credit crunch. L’intervento si sviluppa…

Continua a leggere...
contratto

Contratto di rete sempre in evoluzione

In varie occasioni siamo intervenuti per parlare del contratto di rete, forma contrattuale introdotta dal Legislatore per incentivare le aggregazioni e per creare sinergie sia verticali che orizzontali. Tale forma contrattuale sta riscontrando un indubbio successo alla luce della sua flessibilità, ne sono testimonianza le oltre 1.300 reti create con il coinvolgimento di più di…

Continua a leggere...
agriturismo

Agriturismi sotto la lente di ingrandimento del Fisco

Lo sviluppo degli agriturismi nel corso dell’ultimo biennio è stato perseguito attraverso una politica di tutela e di valorizzazione. Dapprima con il D.M. 13 febbraio 2013 è stato istituito il marchio “ Agriturismo Italia” e poi, più di recente, sempre il MIPAAF (Ministero delle politiche agricole alimentarie forestali), con il D.M. 13 giugno 2014, ne…

Continua a leggere...

La verifica della prevalenza nelle attività connesse

Come di consueto, l’Agenzia delle Entrate, con la  circolare n. 25/E del 6 agosto 2014, ha ufficializzato l’indirizzo che gli Uffici devono seguire nell’ attività di  contrasto all’ evasione e all’ elusione fiscale in merito al  periodo di imposta  2014. Per quanto riguarda il  comparto  agricolo, l’Agenzia anticipa come l’azione di controllo sarà focalizzata “ tenendo conto prioritariamente delle imprese che…

Continua a leggere...

Gli incentivi all’imprenditoria giovanile in agricoltura

  In un precedente intervento ci siamo interessati degli strumenti introdotti dal Legislatore con il Decreto Crescita per quanto riguarda l’incremento occupazionale nel settore agricolo (dato che, stando alle notizie di questi giorni è già di per sé di segno positivo e quindi in controtendenza rispetto all’andamento generale). Ma, come anticipato, il decreto contiene anche…

Continua a leggere...

Gli incentivi all’imprenditoria giovanile in agricoltura

In un  precedente intervento ci siamo interessati degli strumenti introdotti dal Legislatore con il  Decreto Crescita per quanto riguarda l’incremento occupazionale nel settore agricolo (dato che, stando alle notizie di questi giorni è già di per sé di segno positivo e quindi in controtendenza rispetto all’andamento generale). Ma, come anticipato, il decreto contiene anche  interventi tesi a  incentivare l’…

Continua a leggere...

Gli incentivi all’occupazione nel settore agricolo

Con la conversione in legge del cosiddetto Decreto Crescita (DL n. 91/2014), avvenuta a mezzo della L. n. 116, pubblicata sul S.O. n. 72/L della Gazzetta Ufficiale n.192 del 20 agosto 2014, il Legislatore è intervenuto sul comparto agricolo con il preciso scopo da un lato di incentivare l’imprenditoria giovanile e, di conseguenza, il ricambio…

Continua a leggere...

L’affitto intercalare comporta decadenza dalla ppc

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 6688 del 21 marzo 2014, è intervenuta nuovamente sull’agevolazione per la piccola proprietà contadina in tema di imposta di registro concessa agli imprenditori agricoli stabilendone la decadenza anche nel caso di concessione in affittointercalare dei terreni acquistati in via agevolata. Nonostante la norma agevolativa abbia originato nel…

Continua a leggere...

Cala il sipario sul business delle rinnovabili?

Il settore relativo alla produzione dell’energia da fonti rinnovabili, in quest’ultimo anno è stato oggetto di interventi chiarificatori (forse tardivi) e, di recente, di un corposo restyling sia per quanto attiene gli aspetti strettamente fiscali che quelli relativi ai contributi garantiti dallo Stato a supporto di coloro che investono in energia pulita. In un precedente…

Continua a leggere...

In arrivo le start up turistiche

Con Legge n. 106 del 29 luglio, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n.175 del 30 luglio 2014, è stato convertito il D.L. n. 83/14, ribattezzato Decreto cultura con cui sono state previste diverse agevolazioni per la conservazione e la tutela del patrimonio artistico italiano, in primis il cd. Art-bonus, ma anche il rilancio del settore turistico…

Continua a leggere...

Mini-bond per le Pmi

Si è spesso sentito parlare in quest’ultimo biennio di mini-bond quale strumento per l’accesso delle imprese al credito in risposta all’annoso problema, esploso in tutta la sua pienezza in questi ultimi anni a causa della congiuntura economica che si è determinata e che non stenta a virare verso una ripresa, del cd. credit crunch. Tuttavia,…

Continua a leggere...

Viene meno la riduzione del reddito per mancata coltivazione volontaria

Proseguiamo l’analisi degli interventi relativi al comparto agricolo contenuti nel DL n. 91/2014, il cosiddetto Decreto crescita ove di fatto è confluito il decreto dedicato al settore e a suo tempo ribattezzato Campolibero. Uno degli interventi penalizzanti per il settore e sicuramente l’abrogazione del comma 1 dell’art.31 Tuir ai sensi del quale “Se un fondo…

Continua a leggere...

La Cassazione contraddice le Entrate sul diritto di superficie

La Corte di Cassazione, con la recente sentenza n.15333 depositata in cancelleria il 4 luglio 2014, disconosce l’indirizzo fornito dall’Agenzia delle Entrate nella Circolare n. 36/E/2013 in tema di disciplina fiscale applicabile alle cessioni del diritto di superficie, prassi utilizzata moltissimo nell’ultimo decennio, in conseguenza soprattutto dell’espansione delle energie rinnovabili. Con la cessione del diritto…

Continua a leggere...

Sempre valido il brocardo “do ut des”

Tempo addietro, in vista dell’appuntamento per il versamento degli acconti di novembre 2013, ci eravamo occupati della rivalutazione dei redditi dominicale e agrario effettuata, per il triennio 2013-2015, da parte dell’allora Governo Monti con l’articolo 1, comma 512 della Legge n. 228/2012 (Legge di stabilità 2013), pensando che l’intervento, a distanza di più di un…

Continua a leggere...

Il Governo rilancia le reti in agricoltura

In modo quasi schizofrenico, il Governo continua a produrre decreti legge (ma ai sensi dell’articolo 77 della Costituzione non dovrebbe essere adottato in casi straordinari di necessità e d’urgenza”?) che a volte lasciano alquanto perplessi per quanto attiene il coordinamento o per meglio dire la logica consequenzialità degli stessi, testimonianza di una visione organica di…

Continua a leggere...

Per la lottizzazione sufficiente il provvedimento autorizzativo

  La Corte di Cassazione, con la recente sentenza n.13434 del 13 giugno 2014, in aderenza ad un consolidato indirizzo giurisprudenziale, ha avuto modo di affermare che “la lottizzazione (di un terreno n.d.A.) si realizza con l’emissione del provvedimento autorizzativo … essendo evidente che il vantaggio economico da lottizzazione tassabile si realizza, infatti, nel momento…

Continua a leggere...

Rivaluto e ci guadagno?

E’ noto che con l’articolo 1, comma 156 della Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014), il Legislatore abbia “riaperto” i termini per la rivalutazione del valore delle partecipazioni sociali e dei terreni detenuti non in regime d’impresa, dalle persone fisiche, società semplici, associazioni professionali ed enti non commerciali. Ecco che allora il 30 giugno…

Continua a leggere...

Assonime torna sull’ammortamento degli impianti fotovoltaici

Assonime, con la circolare n.20 del 12 giugno 2014 offre, come di consueto, i propri chiarimenti in vista del versamento delle imposte sui redditi che, come ormai consuetudine, hanno ricevuto in extremis la proroga. Tra gli aspetti affrontati vi sono anche quelli connessi alle energie rinnovabili e, in particolare, vengono analizzate le conseguenze derivanti dalle…

Continua a leggere...

Diventa opzionale la sostitutiva sui finanziamenti

Il decreto legge n. 145/2013 ha, da un lato reso opzionale l’applicazione dell’imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio-lungo termine e, dall’altro, allargato l’ambito di applicazione della stessa anche alle operazioni di finanziamento strutturate, in primis, l’emissione di prestiti obbligazionari, lasciandone tuttavia irrisolta la vexata questio inerente il presupposto territoriale. Preliminarmente ricordiamo come per finanziamenti a…

Continua a leggere...

Il rating di legalità agevola l’accesso al credito bancario

L’articolo 5-ter del D.L. n. 1/2012, convertito con modificazioni dalla Legge n. 27/2012 ha introdotto nel nostro sistema l’istituto del rating di legalità che si va a innestare in un quadro di norme che hanno lo scopo di contrastare fenomeni di illegalità delle imprese. Tale sistema consiste in un regime premiale in sede di concessione…

Continua a leggere...

Gli aiuti “de minimis” per l’agricoltura

In un precedente intervento ci siamo occupati del Regolamento della Commissione Europea, il n.1407/2013, disciplinante, per il periodo 2014-2020, i cd. “aiuti de minimis”, precisando in quell’occasione come, per espressa previsione normativa di cui al relativo articolo 1, sono esclusi gli aiuti concessi alle imprese operanti tra gli altri nei seguenti settori: pesca e acquacoltura…

Continua a leggere...

Giochi ancora aperti per la Tremonti ambientale

L’articolo 6, commi 13-19 della Legge n. 388/00, abrogato a mezzo del DL n. 83/2012, prevedeva un’agevolazione fiscale, subito ribattezzata “Tremonti ambientale”, per tutte le Pmi che mettevano in atto investimenti ambientali, tra i quali potevano considerarsi anche gli impianti fotovoltaici destinati a ridurre il consumo di energia elettrica convenzionale da parte delle imprese. Tuttavia,…

Continua a leggere...

Il controllo di tesoreria tramite il cash pooling

La contrazione nell’erogazione dei crediti da parte degli istituti di credito che, a oggi, rappresentano il maggior canale di approvvigionamento delle imprese, e il mancato decollo delle forme alternative introdotte dal Legislatore, i minibond su tutti, fanno sì che, per cercare di migliorare la liquidità di un gruppo di imprese, in modo da poter ridurre…

Continua a leggere...

Imponibili le vendite del collezionista?

La cessione di una collezione d’arte da parte di un soggetto privato configura un reddito tassabile? E se la risposta è positiva, esso va ascritto tra i redditi diversi o quelli di impresa? Se è fuor di dubbio che la cessione isolata, da parte di un persona fisica, di un bene qualificabile come antichità non…

Continua a leggere...

Rinnovabili: stop alla tassazione catastale

E alla fine la scure sul settore agricolo è arrivata. L’articolo 22, comma 1 del DL n. 66/201, il cosiddetto “Decreto Renzi”, infatti, è intervenuto sull’articolo 1, comma 423 della Legge n. 266/05 (Finanziaria per il 2006), come modificato dall’articolo 2-quater del D.L. n.2/06 che, in recepimento della Direttiva n.2001/77/CE inerente la promozione dell’energia elettrica…

Continua a leggere...

Il nuovo Regolamento per gli aiuti “de minimis”

L’articolo 107, paragrafo 1 del TFUE limita la possibilità degli Stati comunitari di procedere all’erogazione di forme agevolative nei confronti di determinati settori, con il preciso fine di non permettere alle singole sovranità di incidere sulla libera concorrenza e sugli scambi all’interno dell’Unione Europea. In questo contesto si collocano i cd. aiuti “de minimis” che,…

Continua a leggere...

Scade il 30 aprile la comunicazione delle SSP

  Il prossimo 30 aprile scade il termine per l’invio telematico, da parte delle SSP (strutture sanitarie private), della comunicazione degli incassi relativi alla cd riscossione accentrata dell’anno 2013. L’adempimento è stato introdotto con la Finanziaria per il 2007 (L. n. 296/2006) con il preciso intento di monitorare l’ammontare complessivo dei compensi derivanti dall’esercizio delle…

Continua a leggere...

È reddito agrario la cessione dei diritti di impianto dei vigneti

È di questi giorni la notizia che la Commissione europea non abbia preso posizione sull’introduzione, a sorpresa, nel contesto della riforma dell’Ocm (Organizzazione comune di mercato) unica, del divieto di commercializzazione dei diritti di impianto dei vigneti per i Paesi che opteranno per la proroga, fino al 2020 del regime attualmente vigente. Il sistema dei…

Continua a leggere...

Start up: raccolta di capitali on-line

In un precedente intervento abbiamo analizzato i tratti principali dell’agevolazione prevista per gli investimenti nelle cd. start up innovative, finalmente disciplinati con il D.M. 30 gennaio 2014. L’investimento, si ricorda, può essere effettuato sia da soggetti Irpef che Ires ma, quello che si intende evidenziare, è come il Legislatore, con l’articolo 30 del D.L. n….

Continua a leggere...

Obbligo di tenuta della contabilità di magazzino

  In prossimita della chiusura dei Bilanci relativi all’esercizio 2013, SI ah L’occasione per verificare, l’Eventuale Obbligo di tenuta della cosiddetta “Contabilità di Magazzino”. Stante l’Assenza di ONU Obbligo di natura civilistico di Tali scritture, al Fine di Una Loro Tenuta I Parametri Che dovranno Essere verificati Sono Quelli di cui all ‘ Articolo 14…

Continua a leggere...

E alla fine il decreto start up arrivò

E alla fine è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 66 del 20 marzo 2014 il decreto ministeriale del 30 gennaio 2014 con cui viene disciplinata l’agevolazione applicabile agli investimenti, da parte di soggetti Irpef e Ires, nelle c.d. start up innovative, introdotta con il DL n. 179/2012 e consistente in una detrazione nella misura…

Continua a leggere...

Sempre deducibili gli omaggi autoprodotti se di valore normale inferiore a 50 euro

  L’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 27/E di ieri è tornata sul tema delle spese di rappresentanza e ha affermato come siano sempre deducibili dal reddito di impresa, ai sensi dell’articolo 108, comma 2 Tuir, gli omaggi autoprodotti il cui valore normale, ai sensi dell’articolo 9 sempre Tuir, sia inferiore ai 50 euro….

Continua a leggere...

Disciplina dell’indennità per la perdita dell’avviamento commerciale

Con una recente norma di comportamento, la n. 190, l’Associazione italiana dottori commercialisti di Milano ha affermato come le somme che il locatore deve corrispondere al locatario a titolo di indennità da avviamento, in occasione del rilascio dell’immobile commerciale, non rilevano ai fini Iva per carenza del requisito. In senso contrario, l’Agenzia delle entrate, con…

Continua a leggere...

Addio all’agevolazione per il compendio unico

In un precedente intervento abbiano anticipato come il comparto agricolo, a seguito del restyling effettuato dal Legislatore in materia di imposta di registro e ipocatastali nelle compravendite aventi ad oggetto beni immobili, abbia, da un lato mantenuto la cd. agevolazione per la piccola proprietà contadina ma dall’altro perso altre agevolazioni di settore tra cui quella…

Continua a leggere...

Va in pensione l’agevolazione per la forestazione

Come noto, l’articolo 10 del D.Lgs. n. 23/2011 ha apportato importanti novità, con decorrenza 1° gennaio 2014, per quel che concerne l’imposta di registro applicabile, tra le altre, alle cessioni di terreni. Con la copiosa circolare n. 2/E del 21 febbraio 2014, l’Agenzia delle Entrate ha offerto i primi chiarimenti in merito al nuovo quadro…

Continua a leggere...

Fatture soggettivamente inesistenti: costi deducibili ai fini delle dirette

In una recente sentenza della CTR di Venezia 58/31/13 è stato riaffermato il principio per cui i costi relativi a fatture ritenute soggettivamente inesistenti, possono comunque ritenersi deducibili ai fini delle imposte sui redditi e dell’Irap se inerenti rispetto all’attività di impresa, certi nella loro esistenza, obiettivamente determinabili nel loro ammontare e, naturalmente, documentati. Nella…

Continua a leggere...

Imponibile la lottizzazione fai da te

La Corte di Cassazione, con la sentenza n.16083 del 26 giugno 2013 ha affermato l’imponibilità della plusvalenza derivante dalla cessione di terreni oggetto di una lottizzazione abusiva tale da rendere gli appezzamenti derivanti, inutilizzabili ai fini agricoli, pur rimanendone tale la destinazione. Nello specifico, la Suprema Corte ha avuto modo di affermare che l’articolo 81,…

Continua a leggere...

Risoluzione di donazione per mutuo consenso con imposte fisse

L’Agenzia delle entrate, con la risoluzione n.20/E di ieri è tornata ad analizzare l’imposizione indiretta degli atti di risoluzione con mutuo consenso, tematica già affrontata e risolta nella precedente risoluzione n.329/E del 14 novembre 2007 ma da cui si differenzia per il fatto di non essere previsto un corrispettivo. Il documento di prassi nasce nell’ambito…

Continua a leggere...

Comunione ma non troppo

Con l’articolo 1, comma 156 della Legge n.147/2013 (la Legge di stabilità per il 2014), il Legislatore ha riproposto la possibilità di procedere alla rideterminazione, previa predisposizione di una perizia asseverata e versamento di un’imposta sostitutiva, del valore delle partecipazioni sociali e dei terreni detenuti da parte dei soggetti che, in caso di cessione o…

Continua a leggere...

Per la Sabatini manca solo la circolare MiSE

È stato pubblicato sulla Gazzetta Uffiicale n.19 del 24 gennaio 2014 il Decreto ministeriale del 27 novembre 2013 con cui è stata data attuazione alle previsioni di cui all’art.2 del D.L. n. 69/13 con cui l’attuale Governo, ha riproposto l’agevolazione meglio conosciuta come Legge Sabatini e consistente nell’erogazione da parte dello Stato di un contributo…

Continua a leggere...

Ammortamento dei diritto di superficie capitalizzato

In un precedente intervento abbiamo analizzato quanto affermato, in maniera non condivisibile, da parte dell’Agenzia delle entrate con la circolare n. 36/E/2013 in tema di corretto trattamento della cessione del diritto di superficie da parte del soggetto alienante. In questo intervento ci occuperemo di come il soggetto acquirente debba trattare contabilmente e fiscalmente il costo…

Continua a leggere...

Rivalutazione terreni: la perizia deve indicare la data cui si riferisce

La Legge di Stabilità per il 2014 (Legge n. 147/2013) ha reintrodotto la possibilità di procedere alla rideterminazione del valore di terreni e partecipazioni sociali detenuti non in regime di impresa ai fini del calcolo dell’eventuale plusvalenza da assoggettare a tassazione quale reddito diverso ai sensi dell’articolo 67 Tuir. L’istituto non rappresenta una novità dal…

Continua a leggere...

Confermata l’agevolazione per la PPC

In un precedente intervento ci siamo occupati del ripristino, avvenuto con il comma 36 della Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità per il 2014) della possibilità, per le Srl, le cooperative e le società di persone, per la tassazione su base catastale del reddito prodotto. Ma, come evidenziato, con la Legge si stabilità 2014 il…

Continua a leggere...

Società agricole: salva l’opzione per la tassazione su base catastale

Il settore agricolo esce dalla legge di Stabilità per il 2014 rinforzato in termini di agevolazioni, infatti viene ripristinata l’agevolazione per la piccola proprietà contadina, ulteriormente ridotto il moltiplicatore per la determinazione della base imponibile ai fini Imu dei terreni agricoli posseduti da coltivatori diretti e IAP che da 110 passa a 75 e per…

Continua a leggere...

La natura della cessione del diritto di superficie dipende dall’acquisto originario?

L’Agenzia delle Entrate, con la circolare n. 36/E/2013, incentrata sostanzialmente sulla individuazione dei parametri per poter qualificare un impianto fotovoltaico quale bene mobile o immobile, ha analizzato anche la disciplina fiscale da applicare alle cessioni dei diritti di superficie, fattispecie in ampio uso nel settore, effettuata da parte di soggetti persone fisiche. Le soluzioni cui…

Continua a leggere...

La circolare Assonime sulle cambiali finanziarie

Assonime, con la circolare n.39 del 16 dicembre 2013 analizza le novità introdotte con i decreti legge n.83/2012 e n.179/2012 in tema di emissione di cambiali finanziarie e obbligazioni. L’intervento del Legislatore ha il preciso scopo di incentivare l’utilizzo di canali alternativi per il reperimento dei capitali, in sostituzione di quello bancario. Nel presente intervento…

Continua a leggere...

La risoluzione n.98/E sul trattamento fiscale della svalutazione di immobilizzazioni materiali

Dopo la circolare n. 26/E/2012, che aveva già trattato il tema del trattamento da riservare da un punto di vista fiscale alla svalutazione delle immobilizzazioni materiali, l’Agenzia ritorna ad affrontare questa tematica con la risoluzione n. 98/E del 19 dicembre 2013. La circolare n.26/E/2012 aveva precisato come l’impresa che ha effettuato una svalutazione civilistica può…

Continua a leggere...

Regime Iva delle prestazioni socio-sanitarie delle cooperative sociali in funzione della data di stipula del contratto

L’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n.93/E di ieri ha offerto chiarimenti in merito al corretto trattamento Iva delle prestazioni a carattere sanitario effettuate dalle cooperative sociali alla luce delle modifiche alla disciplina introdotte con la L. n.228/12. In particolare, l’interpello nasceva dal dubbio in merito alla corretta aliquota Iva da applicare alle prestazioni erogate….

Continua a leggere...

La risoluzione 92/E sul regime IVA delle cessioni di beni di oro usato

L’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n.92/E di ieri è intervenuta a dirimere i dubbi in merito a una tematica che, alla luce dell’attuale congiuntura economica, è di sicuro interesse visto l’espandersi dell’attività dei c.d. compra oro. Nello specifico, l’interpello aveva a oggetto il corretto trattamento da riservare ai fini Iva alle operazioni consistenti nella…

Continua a leggere...

In consultazione la bozza di Oic 12 sugli schemi di bilancio

Prosegue senza soste l’attività dell’Oic mirata all’aggiornamento dei principi contabili nazionali. Sul sito dell’Organismo è a disposizione la bozza del nuovo Oic 12 “Composizione e schemi di bilancio d’esercizio”. La consultazione terminerà il 28 febbraio 2014. Il principio contabile n. 12 ha quale finalità quella di definire la composizione e gli schemi del bilancio di…

Continua a leggere...

La rete di impresa quale sviluppo del comparto agricolo

Già in un precedente intervento ci siamo occupati delle reti di impresa, forma aggregativa con cui “più imprenditori perseguono lo scopo di accrescere, individualmente e collettivamente, la propria capacità innovativa e la propria competitività sul mercato e a tal fine si obbligano, sulla base di un programma comune di rete, a collaborare in forme e…

Continua a leggere...

Il maxi-emendamento alla stabilità manda in pensione l’esenzione start up

È durata un lustro e qualche mese l’agevolazione consistente nell’esenzione da tassazione dei capital gain in ipotesi di reinvestimento in aziende in fase di start up, costituite da non più di tre anni, svolgenti la medesima attività della società le cui quote o azioni sono state dismesse. L’esenzione è ammessa nel limite il quintuplo del…

Continua a leggere...

Pronto anche l’ultimo tassello per gli aiuti all’innovazione nel Sud

Il Ministero dello sviluppo economico, Dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica, ha emanato il decreto mancante per la concessione e l’erogazione delle agevolazioni in favore dei programmi di investimento aventi l’obiettivo di innovazione e miglioramento competitivo previste per le regioni Calabria, Campania, Puglia e Sicilia, ultimo tassello mancante, dopo la pubblicazione sulla Gazzetta…

Continua a leggere...

Applicazione del regime Iva agricolo su prova del contribuente

In precedenti interventi abbiamo visto come, a parte i recenti interventi, non da ultimo la “minacciata” debenza della seconda rata Imu sui terreni e i fabbricati rurali, da sempre il legislatore abbia prestato particolare attenzione al comparto agricolo, affermazione confermata anche in campo Iva dalla previsione di un regime speciale, disciplinato rispettivamente dagli articoli 34…

Continua a leggere...

Acconti di novembre con terreni più pesanti

In vista degli acconti di fine novembre, per quanto riguarda i redditi dominicale e agrario, bisogna prendere in considerazione gli aumenti introdotti con l’art.1, comma 512 della Legge n. 228/2012 che, per il triennio 2013-2015, ha previsto la rivalutazione dei redditi dominicali e agrari nella misura del 15%, aliquota da applicarsi sul valore risultate dalla…

Continua a leggere...

Valida la perizia successiva alla vendita del terreno

Con la recente ordinanza n.23660 del 17 ottobre 2013 viene confermata la discrasia di interpretazione tra giurisprudenza di legittimità e Agenzia delle Entrate in merito al momento di effettuazione della perizia giurata di stima per la rivalutazione dei terreni ex L. n. 448/2001. I supremi giudici, infatti, proseguendo nel filone giurisprudenziale apertosi con la sentenza…

Continua a leggere...

Crescono gli organismi per l’asseverazione dei contratti di rete

Le reti di impresa sono state introdotte nel nostro ordinamento l’art. 3, co.4-ter, del D.L. n. 5/2009, ai sensi del quale contratto di rete è quello con cui “più imprenditori perseguono lo scopo di accrescere, individualmente e collettivamente, la propria capacità innovativa e la propria competitività sul mercato e a tal fine si obbligano, sulla…

Continua a leggere...

Derogabili le regole della soccida

Di recente la Corte di Cassazione, con due sentenze, la n. 19738 del 28 agosto e la n. 24914 del 6 novembre si è occupata del contratto di soccida, disciplinato dall’art. 2170 e seguenti del codice civile, in termini di abuso del diritto. Preliminarmente definiamo il contratto in oggetto che, ai sensi del sopra richiamato…

Continua a leggere...

La trasformazione delle imposte anticipate in crediti di imposta

L’art. 2, commi da 55 a 59 del D.L. n. 225/2010, nella versione vigente a seguito delle modifiche e integrazioni introdotte con il successivo art. 9 del D.L. n.201/2011 prevede la possibilità di trasformare le imposte differite attive (Dta) iscritte in bilancio in crediti di imposta spendibili da parte delle società. La norma, come affermato…

Continua a leggere...

Applicabile l’agevolazione PPC anche per i terreni agricoli non montani

L’Agenzia delle Entrate, con al risoluzione n.77/E di ieri, in rettifica di quanto affermato con la datata circolare n.267/E del 16 ottobre 1997, ha ammesso l’applicabilità del beneficio fiscale previsti per la formazione e l’arrotondamento della piccola proprietà contadina dall’articolo 1 della Legge 6 agosto 1954, n.604 per i terreni agricoli pervenuti per intervenuta usucapione…

Continua a leggere...

R.M. 76/E/2013: deducibile dal risultato maturato della gestione l’imposta di bollo sui rendiconti

L’Agenzia delle entrate, con la risoluzione n. 76/E del 6 novembre ha offerto gli opportuni chiarimenti in merito alla deducibilità o meno dell’imposta di bollo, di cui all’articolo 13, commi da 2 a 2-ter della Tariffa, parte prima, allegata al D.P.R. n. 642/1972, dovuta sui rendiconti relativi alle gestioni, per le quali è stata esercitata…

Continua a leggere...

Cedere cubatura è come cedere un terreno edificabile

L’Associazione Dottori Commercialisti di Milano, con la norma di comportamento n. 189, è intervenuta in merito al corretto trattamento da riservare alla cessione di volumetria, contratto tipizzato dal Legislatore con il D.L. n. 70/2011, giungendo a conclusioni pienamente condivisibili. Con l’art. 5, comma 1, lettera c) del decreto,il legislatore ha previsto, al fine di liberalizzare…

Continua a leggere...

Spesometro anche per il piccolo agricoltore (ma dal 2013)

A quanto pare, il regime di indubbio favore che il comparto agricolo ha sempre avuto da parte del Legislatore fiscale pare stia crollando come un castello di sabbia. In un precedente intervento abbiamo visto come il federalismo fiscale preveda il venir meno del regime di favore per la compravendita di terreni agricoli (il riferimento va…

Continua a leggere...

Investimenti in start-up innovative in cerca di certezze

In un precedente intervento ci siamo soffermati ad analizzare uno dei requisiti richiesti dal Legislatore affinché una società possa considerarsi quale start up innovativa e come tale accedere a tutta una serie di agevolazioni che sono state previste per incentivare in primis la ricerca e lo sviluppo, che come purtroppo è ormai evidente, se è…

Continua a leggere...

Tutto pronto o quasi per gli aiuti all’innovazione nel Sud

Con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n. 236 dell’8 ottobre 2013 del D.M. 29 luglio 2013 sono stati definiti termini, modalità e procedure per la concessione e l’erogazione delle agevolazioni in favore dei programmi di investimento aventi l’obiettivo di innovazione e miglioramento competitivo previste per le regioni Calabria, Campania, Puglia e Sicilia. I fondi messi…

Continua a leggere...

Il Mise allarga l’accesso alle start up innovative

Il Ministero dello Sviluppo Economico, con la nota protocollo n.164029 dell’8 ottobre 2013, in risposta a un caso sottoposto dalla CCIAA di Rimini, ha allargato l’accesso al regime agevolato previsto per le cosiddette start up innovative anche alle Srl unipersonali costituite tramite cessione o conferimento di una ditta individuale. Tale interpretazione estensiva della normativa prevista…

Continua a leggere...

Il decollo delle ZFU attende solo i bandi

È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale 9.10.2013, n. 237, la Circolare Mise 30.9.2013, n. 32024 con la quale sono stati forniti chiarimenti in merito al rifinanziamento, avvenuto ai sensi dell’articolo 37 del D.L. 18.10.2012, n. 179 (c.d. “Decreto Crescita-bis”) convertito con la L. 17.12.2012, n. 211, del regime di favore previsto per l’esercizio di attività…

Continua a leggere...

Il Governo sostiene la cultura

Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n.236 dell’8 ottobre la legge n.112 del 7 ottobre 2013 di conversione del DL n. 91/13, il cosiddetto decreto “Valore cultura” con cui il Governo ha dato slancio, da un lato al settore musicale prevedendo, per il triennio 2014-2016, un credito di imposta a sostegno dei “nuovi talenti”, dall’altro impegnandosi, nel…

Continua a leggere...

Determinazione del diritto di opzione

In caso di aumento di capitale nelle Spa, l’articolo 2441 del Codice civile prevede che le nuove azioni “devono essere offerte in opzione ai soci in proporzione al numero delle azioni possedute”: ne deriva che l’azione ha “in pancia” un valore rappresentato dal diritto di opzione che può essere oggetto di cessione. La compravendita, se…

Continua a leggere...

Morosità dell’inquilino e “disequilibrio” normativo

In un contesto di crisi economica quale quello attuale, non è infrequente che un investimento da sempre considerato sicuro quale il mattone si rilevi un vero e proprio boomerang per il contribuente che si trova a dover fronteggiare un inquilino moroso. In tal caso, oltre a dover adire le vie processuali con la (in)certezza degli…

Continua a leggere...

La Ppc dice addio alle agevolazioni

In un precedente intervento abbiamo analizzato l’impatto delle modifiche apportate all’articolo 1, comma 1 della Tariffa, Parte prima, allegata al D.P.R. n. 131/1986 (TUR), per effetto delle quali, a decorrere dal 1° gennaio 2014, le compravendite immobiliari, e quindi anche quelle aventi a oggetto terreni agricoli, sconteranno l’imposta di registro al 9%, in ragione della…

Continua a leggere...

Terreni agricoli: registro al 9% senza drammi

A prima vista, le modifiche apportate all’articolo 1, comma 1 dell’articolo 1 della Tariffa, Parte prima, allegata al D.P.R. n. 131/1986 (TUR), per effetto delle quali, a decorrere dal 1° gennaio 2014, le compravendite immobiliari, e quindi anche i terreni agricoli, sconteranno l’imposta di registro al 9%, potrebbero portare a una corsa contro il tempo…

Continua a leggere...

Revisori: percorso a ostacoli per la comunicazione

Entro il 23 settembre dovrà essere trasmessa, esclusivamente per via telematica, la comunicazione al MEF per l’aggiornamento e l’integrazione dei dati contenuti nel vecchio registro dei revisori contabili, operazione necessaria per l’adeguamento del registro dei revisori alle nuove disposizioni derivanti dalla riforma attuata con il D.Lgs. n. 39/2010. Sebbene il Codice dell’Amministrazione Digitale preveda che…

Continua a leggere...