6 Settembre 2021

Nuova disciplina sulle note di variazione: da quando trova applicazione?

di EVOLUTION Scarica in PDF La scheda di EVOLUTION

Da quando trova applicazione la nuova disciplina in materia di emissione delle note di credito in ipotesi di debitore sottoposto a procedure concorsuali?

La nuova disposizione esplica i suoi effetti anche con riferimento alle note di credito già emesse alla data della sua entrata in vigore?


L’articolo 26 D.P.R. 633/1972 è stato profondamente modificato, per ciò che attiene l’emissione delle note di credito nell’ipotesi in cui il debitore sia sottoposto a procedure concorsuali, dall’articolo 18 del Decreto Sostegni-bis (D.L. n. 73/2021).

In particolare, il legislatore, al fine di anticipare il recupero dell’Iva non corrisposta dai cessionari o committenti sottoposti a procedure concorsuali, ha anticipato il termine a decorrere dal quale è possibile emettere la nota di credito da parte dei fornitori.

Ai sensi del nuovo comma 3-bis dell’articolo 26 D.P.R. 633/1972, i fornitori possono recuperare l’imposta non riscossa mediante l’emissione di una nota di credito con relativa detrazione dell’Iva:

  • a decorrere dalla data in cui il cessionario o committente è assoggettato a una procedura concorsuale o dalla data del decreto che omologa un accordo di ristrutturazione dei debiti di cui all’articolo 182-bis L.F., o dalla data di pubblicazione nel registro delle imprese di un piano attestato ai sensi dell’articolo 67, terzo comma, lettera d), L.F.. Il successivo comma 10-bis dell’articolo 26 D.P.R. n. 633/1972 ha stabilito che il debitore si considera assoggettato a procedura concorsuale dalla data:

CONTINUA A LEGGERE SU EVOLUTION…