8 Marzo 2019

La (non) rinunciabilità preventiva del diritto di prelazione legale agraria

di Samuele Cantini Scarica in PDF

Articolo tratto da “Rivista per la consulenza in agricoltura n. 35/2019”

È ormai noto che il diritto di prelazione agraria sia diritto di prelazione legale a effetto reale. Il diritto sorge in virtù del ricorrere dei presupposti previsti per legge, sicché il trasferimento del diritto di proprietà del fondo in violazione del diritto di prelazione riconosciuto al titolare ne legittima il riscatto (lo strumento del riscatto, azionabile in fase succedanea rispetto all’intervenuta violazione del diritto di prelazione, è imprescindibile per garantire in termini di effettività il sistema di tutela degli interessi che il Legislatore ha considerato prevalenti rispetto alla discrezionalità di scelta della parte contraente).  Continua a leggere…

VISUALIZZA LA COPIA OMAGGIO DELLA RIVISTA >>

Segue il SOMMARIO di “Rivista per la consulenza in agricoltura n. 35/2019″

Normativa e prassi in sintesi 
Fiscalità agricola
“Il caso di un fabbricato rurale abusivo non dichiarato in Catasto” di Luigi Cenicola 
“Ulteriori chiarimenti della Cassazione sull’accettazione dell’eredità con beneficio d’inventario” di Luigi Cenicola
“Il contratto di affiancamento” di Luigi Scappini 

Contratti
“La (non) rinunciabilità preventiva del diritto di prelazione legale agraria” di Samuele Cantini 

Leggi
“Il microcredito per le imprese agricole” di Fabrizio Rosatella 

Lavoro & previdenza
“L’aumento delle sanzioni in materia di lavoro previste per il 2019” di Francesco Bosetti 

Il caso risolto
“Le condizioni alle quali si può applicare il regime pex alle cessioni di partecipazioni di società agricole” di Alberto Rocchi

Osservatorio 

Footer Consulenza Agricoltura