CRISI D'IMPRESA

Il ruolo dell’ausiliario nel concordato semplificato

Nel nuovo istituto del concordato semplificato, di cui all’articolo 18 D.L. 118/2021, il Tribunale, dopo una prima valutazione di ritualità della proposta presentata, nomina la nuova figura dell’ausiliario. Allo stesso, il Tribunale assegna un termine per il deposito del proprio parere. L’ausiliario deve accettare l’incarico entro tre giorni dall’avvenuta comunicazione della nomina. Il D.L. 118/2021…

Continua a leggere...

Ammissione al passivo fallimentare del credito del sindaco

L’ordinanza della Corte di Cassazione n. 5128 del 16.02.2022 ha respinto il ricorso proposto dal sindaco della società fallita confermando la posizione assunta dal Tribunale di Napoli. Il Tribunale partenopeo aveva ritenuto che, nonostante dovesse “ritenersi pacifica” la posizione di sindaco in seguito al conferimento dell’incarico deliberato dal consiglio di amministrazione, il relativo credito professionale…

Continua a leggere...

L’irrevocabilità dei pagamenti effettuati “nei termini d’uso”

Argomento di peculiare interesse riguarda, in materia fallimentare, l’esenzione dall’azione revocatoria, fattispecie disciplinata dall’articolo 67, comma 3, L.F.. Preliminarmente, si osserva che la ratio dell’azione revocatoria, come regola, è quella di preservare la par condicio creditorum, onde le operazioni poste in essere nel cd. “periodo sospetto” dalla società sottoposta a procedura concorsuale debbano incorrere nella…

Continua a leggere...

La redazione del piano di risanamento nella composizione negoziata

L’articolo 2 D.L. 118/2021, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 202 del 24.08.2021, in vigore dal 25.08.2021, convertito con la L. 147/2021, ha previsto la possibilità, a partire dal 15 novembre 2021, di ricorrere a una nuova procedura di composizione negoziata per la soluzione della crisi di impresa, rivolta all’imprenditore commerciale e agricolo. Per poter ricorrere a…

Continua a leggere...

L’ammissione al passivo dei crediti sorti nel corso del fallimento

Argomento di particolare interesse riguarda, in materia fallimentare, l’applicabilità o meno del termine decadenziale, previsto dall’articolo 101 L.F., ai crediti sopravvenuti alla dichiarazione di fallimento. La questione è stata molto discussa e la giurisprudenza, nel corso del tempo, ha cercato di fare chiarezza sulla faccenda, delineando in sostanza tre orientamenti interpretativi. In prima battuta, la…

Continua a leggere...

Composizione negoziata: un’opportunità in più per le imprese sotto soglia

La L. 3/2012 disciplina i procedimenti di composizione della crisi da sovraindebitamento e di liquidazione del patrimonio, per tutte quelle realtà imprenditoriali (oltre che per i consumatori e per i professionisti) che non sono assoggettabili alle procedure concorsuali perché sotto soglia. Ricordiamo, infatti, che l’articolo 1, comma 2, L.F. detta una serie di requisiti dimensionali,…

Continua a leggere...

Come presentare domanda per la composizione negoziata della crisi

La L. 147/2021, di conversione del D.L. 118/2021, ha introdotto il nuovo istituto della composizione negoziata della crisi d’impresa che consente, all’imprenditore in condizioni di squilibrio patrimoniale o economico-finanziario, di perseguire il risanamento attraverso il supporto di un esperto che agevoli le trattative con i creditori. La richiesta di adesione all’istituto avviene tramite la presentazione…

Continua a leggere...

Presupposti per accedere al concordato semplificato ex articolo 18 D.L. 118/2021

Tra i nuovi istituti previsti dal D.L. 118/2021, convertito con L. 147/2021, uno dei più interessanti è sicuramente quello del concordato semplificato per la liquidazione del patrimonio, disciplinato dall’articolo 18 D.L. 118/2021, peraltro già in vigore. Tale nuova procedura rappresenta una interessante opportunità per le imprese visto che, rispetto alla procedura di concordato preventivo liquidatorio…

Continua a leggere...

Dichiarazione di fallimento anche a seguito di un solo inadempimento

Lo stato di insolvenza è una situazione oggettiva dell’imprenditore, che prescinde dal numero dei creditori; per questo motivo, quindi, è ben possibile che anche un solo inadempimento possa far scattare la dichiarazione di fallimento. È questo il principio richiamato dall’ordinanza della Corte di Cassazione n. 40165, depositata ieri, 15 dicembre. Il caso riguarda una società…

Continua a leggere...

Ruolo degli ordini territoriali nella formazione dell’elenco degli esperti

Con l’informativa n. 102 dell’8.11.2021 il Cndcec ha pubblicato il regolamento sulle modalità di formazione, tenuta e aggiornamento dei dati raccolti dagli Ordini territoriali dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili e comunicati alle Camere di Commercio Industria Artigianato Agricoltura per la formazione dell’Elenco degli esperti, previsto dall’articolo 3, comma 3, D.L. 118/2021 convertito con modificazioni dalla L. 147/2021. In…

Continua a leggere...