20 Settembre 2019

Agevolazioni prima casa. Residenza e attività lavorativa: l’una non vale l’altra

di Gianfranco AnticoMaurizio Tozzi Scarica in PDF

Articolo tratto da “Consulenza immobiliare n. 18/2019

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 17200/2019, ha escluso la possibilità di poter godere delle agevolazioni prima casa nell’ipotesi di acquisto dell’immobile nel Comune in cui si svolge l’attività lavorativa, una volta che in atto i contribuenti avevano dichiarato di impegnarsi a stabilire la residenza nel Comune di ubicazione dell’immobile nel termine di 18 mesi dall’acquisto. Continua a leggere…

VISUALIZZA LA COPIA OMAGGIO DELLA RIVISTA >>

Segue il SOMMARIO di “Consulenza immobiliare n. 18/2019″

Iva e indirette

“Agevolazioni prima casa. Residenza e attività lavorativa: l’una non vale l’altra” di Gianfranco Antico e Maurizio Tozzi

 

Irpef-Ires

“I contatti di locazione per studenti universitari” di Leonardo Pietrobon

 

Società immobiliari

“Profili di fiscalità interna per le società di gestione immobiliare estere” di Filippo Bisso

 

Privati

“Come ricostruire nel rispetto delle nuove normative? I limiti di efficacia dello strumento assicurativo” di Nicola Massagrande

 

Legale

“Vendita fallimentare: subentro del curatore nel contratto preliminare e cancellazione dell’ipoteca iscritta” di Alessandro Biasioli

 

Catasto

“Parchi eolici. Stima diretta e non con metodo comparativo” di Luigi Cenicola

 

Tributi minori

“Nuovi accatastamenti: D/10 non retroattivi” di Fabio Garrini

 

Accertamento

“L’obbligo o meno di allegare gli atti comparativi di compravendita immobiliare nelle rettifiche ai fini dell’imposta di registro” di Gianfranco Antico e Maurizio Tozzi

 

Osservatorio