27 Luglio 2018

Irrilevanza dell’identificazione Iva multipla ai fini dell’esenzione per le operazioni triangolari

di Clino De Ieso Scarica in PDF

Articolo tratto da “Iva in pratica n. 31/2018”

La Corte di Giustizia, con la sentenza 19 aprile 2018, causa C‑580/16 (Firma Hans Bühler KG), privilegiando un taglio sostanzialistico, in applicazione del quale viene riconosciuta l’esenzione se sono soddisfatti i requisiti sostanziali, ha stabilito che il promotore dell’operazione triangolare (c.d. acquirente intermedio) non perde il diritto al regime di non imponibilità nel caso di identificazione multipla ai fini Iva in 2 Stati membri, a condizione che per lo specifico acquisto IC non sia utilizzato il numero di identificazione Iva attribuito dallo Stato membro di partenza del bene. Continua a leggere…

VISUALIZZA LA COPIA OMAGGIO DELLA RIVISTA >>

Segue il SOMMARIO di Iva in pratica n. 31/2018

Iva
“La fattura elettronica tra “privati”” di Marco Peirolo 
“Irrilevanza dell’identificazione Iva multipla ai fini dell’esenzione per le operazioni triangolari” di Clino De Ieso
“Detrazione dell’Iva per operazioni all’origine non assoggettate a imposta” di Fausto Capello
“Effetti della tardiva identificazione ai fini del rimborso Iva” di Marco Peirolo 
Il caso risolto
“Regime Iva delle sponsorizzazioni di soggetto extra UE” di Centro studi tributari 
Osservatorio
“L’osservatorio di giurisprudenza” di Alberto Alfredo Ferrario

Footer Iva in pratica