Massimo Conigliaro

Ultimi articoli a cura di: Massimo Conigliaro
casa1-2

Al sovraindebitato dilazioni fino a 30 anni e prima casa salva

È risaputo che i debiti allungano la vita, ma non tutti pensavano potessero farlo anche di 30 anni. In tema di sovraindebitamento, la possibile durata dei piani del consumatore o degli accordi di ristrutturazione costituisce un elemento dirimente per ottenere il provvedimento di omologazione da parte del Giudice. Le prassi dei Tribunali non sono oggi…

Continua a leggere...
professionista1-1

I commercialisti scommettono sul sovraindebitamento

I professionisti scommettono sul sovraindebitamento e sulla gestione della crisi di imprese e consumatori. È questa l’impressione che si coglie analizzando i numeri a poco più di un anno dall’iscrizione del primo organismo di composizione della crisi (quello dell’Ordine dei Dottori Commercialisti di Roma) nel registro tenuto dal Ministero della Giustizia. Alla fine del mese…

Continua a leggere...
giudice-soldi

Piano del consumatore: revocabile la cessione del 5° dello stipendio

Omologato un piano del consumatore che prevede la revoca della cessione del quinto dello stipendio. È questo l’importante principio stabilito da un decreto del Tribunale di Siracusa del 17 giugno 2016 (Est. Perna), che si è favorevolmente pronunciato a beneficio di un debitore che per sanare la propria posizione ha previsto, tra le altre, la…

Continua a leggere...
stop1-1

Le agognate ferie dei commercialisti tra sospensioni e proroghe

Sappiamo che la giustizia italiana è molto malata ed anche quella tributaria, nello specifico, non si sente tanto bene. Uno dei malanni peggiori –  l’irragionevole durata del processo – ha fatto accorrere al suo capezzale un medico di riguardo (il legislatore) per somministrare un antidoto (la legge Pinto) volto a debellare il male. Non è…

Continua a leggere...
professionista2

Deontologia professionale commercialisti: in vigore il nuovo codice

Da oggi, 1° marzo 2016, entra in vigore il nuovo codice deontologico approvato dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili, dopo un periodo di pubblica consultazione. Il testo aggiorna il precedente del 2008 e la revisione complessiva dei contenuti è stata elaborata dalla Commissione Nazionale Deontologia, coordinata dal Consigliere Nazionale Giorgio Luchetta….

Continua a leggere...
giudice

Sovraindebitamento: la Cassazione fissa la nozione di consumatore

Prima importante pronuncia della Corte di Cassazione in tema di sovraindebitamento. I giudici di legittimità (sentenza n. 1869 del 1.2.2016, Pres. Ceccherini, Est. Ferro) hanno affermato un importante principio sulla dirimente questione del requisito tipologico in capo al soggetto titolato a proporre un piano di sovraindebitamento. In estrema sintesi, si è affermato che ciò che…

Continua a leggere...
agricoltura

Salvataggio di un’impresa agricola applicando il sovraindebitamento

Si diffonde sempre di più l’utilizzo degli strumenti offerti dalla Legge 3/2012 in tema di sovraindebitamento per i soggetti non fallibili. Il Tribunale di Fermo, con decreto del 26 ottobre 2015 ha omologato un accordo di ristrutturazione dei debiti presentato da un’azienda agricola con garanzia di un terzo soggetto, consentendo di abbattere in misura significativa…

Continua a leggere...
giudice

Gol capolavoro del Napoli! Le spese di lite vanno sempre a tariffa

Una vittoria spettacolare, degna del miglior Maradona. La Corte di Cassazione ha accolto un ricorso della curatela fallimentare della Società Sportiva Calcio Napoli (da cui De Laurentiis rilevò il titolo sportivo nel 2004), il cui difensore – una commercialista con evidenti doti di attaccante – lamentava l’importo irrisorio del compenso liquidato dai giudici per i…

Continua a leggere...
professionista2

Novità sul sovraindebitamento: un’opportunità per i commercialisti

Una recente sentenza del TAR Lazio (n. 12457 del 4 novembre 2015) ha acceso i riflettori su quello che qualcuno ha definito il concordato dei consumatori, ovvero dei piccoli imprenditori che non superano la soglia di fallibilità e non sono soggetti alle procedure concorsuali. Le possibilità di iscriversi nell’elenco dei gestori della crisi da sovraindebitamento…

Continua a leggere...
giudice-soldi

Gratuito patrocinio: portato a 11.528,41 euro il limite di reddito

Aggiornato il limite di reddito per fruire del patrocinio a spese dello Stato nelle controversie civili, amministrative, penali e tributarie.  Con decreto del Ministero della Giustizia del 7 maggio 2015, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 186 del 12 agosto 2015, il Capo del dipartimento per gli affari di giustizia ed il Ragioniere Generale dello Stato…

Continua a leggere...
contratto1

Tassazione separata: sempre obbligatorio l’avviso bonario

Obbligatorio il preventivo invio dell’avviso bonario in caso di liquidazione di redditi soggetti a tassazione separata, a prescindere dalla sussistenza o meno di condizioni di incertezza sulla pretesa impositiva. È questo il principio ribadito dalla Corte di Cassazione con l’Ordinanza n. 14544 del 13 luglio 2015. Sopita la querelle sull’obbligo della comunicazione di irregolarità nel…

Continua a leggere...
agriturismo

Terreni rivalutati: valore di perizia vincolante per il fisco

La giurisprudenza di merito segna un altro punto a favore del contribuente nella querelle relativa alla vendita di terreni edificabili ad un prezzo inferiore al valore della perizia di rivalutazione. Stavolta è la CTR Milano, Sezione Staccata di Brescia (sezione n. 64, sentenza n. 1064 del 17.3.2015) che, nel riformare la sentenza di primo grado,…

Continua a leggere...
giudice-soldi

Mancati pagamenti della P.A.? Niente sanzioni tributarie

Ancora una pronuncia che annulla le sanzioni tributarie se il mancato pagamento delle imposte è dovuto a ritardi nei pagamenti della Pubblica Amministrazione. Un principio condivisibile ribadito dalla Commissione Tributaria Regionale della Lombardia, Sez. XLIV, con la sentenza n. 6126 del 25 novembre 2014. Nel caso trattato la società contribuente ha evidenziato la difficoltà incontrata…

Continua a leggere...
divieto

Il fermo amministrativo: e chi l’ha visto mai?

L’art. 19 del D.Lgs. n. 546/1992 sul contenzioso è chiaro: il fermo di beni mobili registrati costituisce atto impugnabile. E numerosi sono in giudizi innanzi le commissioni tributarie che riguardano tali provvedimenti. Con una particolarità: che il documento che “certifica” il fermo amministrativo dell’autoveicolo non lo ha mai visto nessuno! Quanto meno al momento dell’iscrizione….

Continua a leggere...
giudice1

Dalla Cassazione apertura all’appello cumulativo-collettivo

Il tradizionale convincimento che ad ogni atto amministrativo sia necessario opporre un singolo ricorso, in virtù dell’autonomia dell’obbligazione tributaria per ogni anno d’imposta, sviluppato in dottrina prima ed in giurisprudenza dopo, ha portato i più a diffidare dalla proposizione di ricorsi cumulativi. E così, a fronte di avvisi di accertamento “fotocopia” nei confronti dello stesso…

Continua a leggere...
giustizia

La mediazione tributaria, uno strumento che ancora non convince

La mediazione tributaria è un istituto molto amato dall’Agenzia delle Entrate – che punta molto su tale strumento deflattivo – e sicuramente meno amato dai contribuenti. Pur tuttavia, è legge. E ciascuno, prima di proporre ricorso giurisdizionale in materia fiscale, per le liti inferiori ai 20 mila euro, deve presentare il reclamo ex art. 17-bis…

Continua a leggere...
giustizia

La riscossione nel processo tributario in attesa dell’attuazione della delega

La delega fiscale si occupa di processo tributario e di norme che riguardano la riscossione in pendenza di giudizio. Ad oggi, però, i decreti delegati non hanno ancora visto la luce ed i contribuenti si confrontano ancora con norme di non sempre univoca interpretazione.La legge 11 marzo 2014 n. 23 prevede l’introduzione, ai sensi dell’art….

Continua a leggere...
giudice1

L’udienza tributaria tra strategie di difesa e regole non scritte

L’udienza di discussione di una causa è sempre un momento delicato. Soprattutto se, come nei giudizi tributari, si risolve in un unico momento nel quale si illustra per la prima volta il caso alla Commissione Tributaria, si discute il merito, si evidenziano le prove fornite e si precisano le conclusioni. Un’unica udienza nella quale “ci…

Continua a leggere...
grafici1

Terreni rivalutati: nessuna plusvalenza nel caso di vendita al di sotto del prezzo di perizia

Nel caso di vendita del terreno edificabile ad un prezzo inferiore al valore della perizia di rivalutazione, il contribuente mantiene il beneficio dell’ affrancamento della plusvalenza. Il principio è stato ribadito dalla Commissione Tributaria Provinciale di Catania con la sentenza n. 635 depositata il 20 giugno 2014 (Pres. Lo Monaco, Rel. Pallonetto). La controversia tra…

Continua a leggere...
computer

Notifica cartelle di pagamento: occhio alla pec!

Con un comunicato stampa del 26 agosto 2014, Equitalia ha informato i cittadini che dopo le società di persone e di capitali (persone giuridiche), la notifica delle cartelle di pagamento attraverso la Posta Elettronica Certificata (PEC) si estende anche alle persone fisiche titolari di partita iva ( ditte individuali). Tale iniziativa – informa l’Agente per…

Continua a leggere...

Roma batte Palermo 18 a 14!

Non è l’improbabile risultato di un’amichevole estiva di calcio né quello di una partita di pallanuoto. Purtroppo si tratta degli anni di attesa per la trattazione di un ricorso tributario! Qualche settimana fa, su queste colonne (si veda Oltre ogni ragionevole durata: dopo 14 anni in CTP in attesa della prima udienza!), avevamo segnalato quello…

Continua a leggere...

Riforma del catasto: i valori sono da aggiornare, ma la tassazione rimane insostenibile!

Sono ben 63 milioni le unità immobiliari che saranno oggetto di ricognizione per l’annunciata riforma del catasto. L’operazione si preannuncia complessa ed occorreranno sicuramente anni (cinque, secondo le stime del Direttore dell’Agenzia del Territorio) per arrivare alla conclusione, ma in questo momento l’argomento è di attualità per la recente approvazione da parte della Commissione Finanze…

Continua a leggere...

Oltre ogni ragionevole durata: dopo 14 anni in CTP in attesa della prima udienza!

Ben 14 anni per un’udienza tributaria di primo grado! Il triste primato è della Commissione Provinciale di Palermo che ha fissato per il prossimo 23 settembre la trattazione di un ricorso presentato nel 2000! E non è uno scherzo. Vediamo cosa è successo. Correva l’anno del Giubileo del 2000 e l’Ufficio del Registro di Palermo…

Continua a leggere...

Gratuito patrocinio: aggiornato ad € 11.369,24 il limite di reddito annuo per l’ammissione

  E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 169 del 23 luglio 2014 il Decreto del Ministero della Giustizia del 1° aprile 2014 con il quale il Capo del dipartimento per gli affari di giustizia ed il Ragioniere Generale dello Stato stabiliscono l’adeguamento, previsto dall’art. 77 del Testo Unico delle spese di giustizia (D.P.R.115/2002), relativo…

Continua a leggere...

Ilva di Taranto, ambiente e sostenibilità: sappiamo davvero di cosa si parla? Alla ricerca di indici di eco-efficienza

L’Ilva di Taranto: tanti ne parlano, ma non tutti sanno da dove nascono vincoli di legge e criticità ambientali. Le notizie di attualità sottolineano i grandi problemi che affliggono l’ambiente, gli abitanti della città pugliese e la stessa sopravvivenza di una delle più grandi acciaierie d’Europa che dà lavoro a 30 mila persone. Tutto è…

Continua a leggere...

La ristretta base sociale non è sufficiente per la presunzione di distribuzione di utili

La ristretta base societaria ed i vincoli di parentela non sono elementi sufficienti a legittimare la presunzione della distribuzione ai soci del maggior reddito accertato in capo alla società di capitali. Occorrono altri riscontri gravi, precisi e concordanti, a supporto della presunzione semplice di distribuzione degli utili extra contabili. E’ questo il principio ribadito dalla…

Continua a leggere...

La motivazione della cartella di pagamento, questa sconosciuta!

Senza adeguata motivazione la cartella è nulla. Sembra un’affermazione scontata, ma ancora oggi, troppo spesso, le ragioni della pretesa tributaria faticano a trovare spazio negli atti della riscossione. Lo ha ribadito di recente la Corte di Cassazione con l’Ordinanza n. 8934 del 17 aprile 2014 in tema di recupero del credito d’imposta. I giudici del…

Continua a leggere...

Conciliazione giudiziale: senza pagamento nessun effetto estintivo della lite

Solo il pagamento dell’intero o della prima rata legittima il giudice alla declaratoria di cessata materia del contendere per intervenuta conciliazione ex art. 48 D. Lgs. 546/92. In assenza della prova del versamento, il giudice tributario può adottare, quale unico provvedimento, quello del rinvio dell’udienza di trattazione ad una data successiva alla scadenza del termine…

Continua a leggere...

Omessi versamenti: nessuna sanzione nel caso di mancato incasso di crediti

Mancati incassi? Niente sanzioni sul mancato pagamento delle imposte! L’esimente dalle sanzioni nei casi di omessi versamenti per causa imputabile ai ritardati pagamenti della pubblica Amministrazione (e non solo) prende quota nelle Commissioni Tributarie. In un precedente intervento (Lo Stato paga in ritardo? Niente sanzioni sugli omessi versamenti) avevamo segnalato il caso della C.T.R. Roma,…

Continua a leggere...

Ristretta base di società estinta: nullo l’accertamento nei confronti dei soci

Nel caso di presunzione di distribuzione di utili di società ormai estinta, è nullo l’accertamento notificato ai soci. La cancellazione dal Registro delle Imprese comporta non solo l’invalidità degli atti emessi nei confronti del soggetto “estinto” ma anche di quelli riguardanti i soci. È questo il principio contenuto nella sentenza n. 86 del 12.11.2013 resa…

Continua a leggere...

Terreni rivalutati e vendita al di sotto del prezzo di perizia: il contribuente mantiene il beneficio dell’affrancamento

Ad un’interpretazione del Fisco che sta provocando veri e propri disastri pone rimedio la giurisprudenza. E’ il caso da ultimo della Commissione Tributaria Regionale, Milano, Sez. XIX Sentenza n. 449 del 28 gennaio 2014, che ha accolto la tesi difensiva della parte contribuente, annullato l’atto impugnato e condannato l’erario alle spese di giudizio. L’Agenzia delle…

Continua a leggere...

Omessa denuncia Tarsu per gli anni successivi al primo: riduzione o non applicabilità delle sanzioni?

Nel caso di omessa denuncia Tarsu, per gli anni successivi a quello della violazione si applica la sanzione ridotta in virtù del principio della continuazione. E’ quanto stabilito dalla Commissione Tributaria Regionale della Sicilia, Sezione n. XXIV, con la sentenza n.203 del 21 ottobre 2013 che ha sancito l’illegittimità delle sanzioni irrogate ogni anno, in…

Continua a leggere...

Rottamazione ruoli, altra proroga …Al 31 maggio il termine per una sanatoria senza appeal

Eravamo stati facili profeti. Che la sanatoria dei ruoli – così come strutturata – non avrebbe incontrato il favore dei contribuenti lo avevamo scritto il 3 marzo su queste colonne (Ancora una proroga! E’ la volta della rottamazione dei ruoli che va al 31 marzo) allorquando con italica abitudine, all’ultimo giorno, era stato prorogato il…

Continua a leggere...

Omessi versamenti Iva per crisi di liquidità: condannato il contribuente che non dimostra la forza maggiore

La sentenza di qualche giorno fa della Sezione Penale della Corte di Cassazione sul tema degli omessi versamenti dell’Iva dichiarata (n. 14953/14, depositata il 1° aprile 2014) ci consente di fare il punto sulla situazione a livello giurisprudenziale su questa delicata tematica, con indicazioni che appaiono spesso confliggenti fra loro. Nel caso affrontato, la Cassazione…

Continua a leggere...

Inattendibilità delle scritture contabili: presupposti per l’accertamento induttivo

Tra i presupposti più ricorrenti per poter procedere all’accertamento induttivo vi è sicuramente il disconoscimento delle scritture contabili. I casi pratici per i quali una contabilità può essere dichiarata inattendibile sono molteplici. La legge già con il D.P.R. n. 570 del 16 settembre 1996 aveva identificato le fattispecie che, inequivocabilmente, statuiscono ex lege l’inattendibilità delle…

Continua a leggere...

Accertamenti immobiliari: valori OMI non applicabili all’immobile in costruzione

  I valori OMI costituiscono, di per sé, un dato di mero riferimento per gli accertamenti immobiliari e diventano inapplicabili qualora al momento della vendita il bene sia ancora in fase di arretrata realizzazione. E’ il principio stabilito dalla Commissione Tributaria Regionale di Genova, Sezione III, con la sentenza n. 87 del 10 dicembre 2013….

Continua a leggere...

L’Agenzia fa il punto sui risultati della mediazione

Onestamente avevamo un percezione diversa. Girando l’Italia in lungo ed in largo con il Master Breve, ascoltando i colleghi di diverse città, la sensazione era che la mediazione tributaria non avesse avuto un grande appeal tra i contribuenti. I dati dell’Agenzia delle Entrate dicono il contrario e non possiamo che prenderne favorevolmente atto. La scommessa…

Continua a leggere...

Nullo l’accertamento che recepisce acriticamente il PVC

L’obbligo di motivazione non si può eludere. E se un avviso di accertamento richiama un PVC, tale circostanza non esime l’ufficio da una propria valutazione autonoma dei presupposti impositivi. L’Agenzia delle Entrate ha quindi l’onere di un attento e puntuale esame dei rilievi contenuti nel processo verbale di constatazione e di tale percorso logico valutativo…

Continua a leggere...

Ancora una proroga ! È la volta della rottamazione dei ruoli che va al 31 marzo

Dopo un tira e molla in Parlamento, è arrivata all’ultimo giorno (vedi che novità!) la proroga del termine per fruire della rottamazione dei ruoli dei debiti iscritti a ruolo. Tra le pieghe del decreto “Salva Roma” è stato inserito infatti differimento al 31 marzo 2014 di quanto previsto dalla Legge di Stabilità (L. 27 dicembre…

Continua a leggere...

Atto di classamento e motivazione: un obbligo che non si può eludere

Troppe volte il classamento immobiliare risulta privo di concreta motivazione e rinvia a formule stereotipate che non lasciano realmente comprendere le ragioni per le quali sarebbe cambiato il valore fiscale di un’abitazione. Ed in questi casi l’atto è nullo. Lo ha ribadito la Corte di Cassazione con la sentenza n. 2386 del 4 febbraio 2014…

Continua a leggere...

Contributo unificato e fantasie interpretative: ma si può andare avanti così?

Con le vecchie marche da bollo si discuteva, al più, sulla necessità o meno di inserire una marca supplementare per la procura alle liti. La maggior parte dei difensori – per evitare contestazioni – la apponeva, ma non è mancata qualche pronuncia a favore dei contribuenti (CTR Sicilia, Sentenza n. 42/16/08). L’introduzione del contributo unificato…

Continua a leggere...

Il gratuito patrocinio nel processo tributario: limiti di reddito e modalità di accesso

Tutti i contribuenti hanno diritto ad una difesa, anche se non se la possono permettere. Sulla base di questo elementare principio, le disposizioni sul gratuito patrocinio assicurano ai non abbienti il diritto, garantito dall’art. 24 della Costituzione, di agire e difendersi anche davanti alle Commissioni Tributarie. Attualmente il limite di reddito per fruire di tale…

Continua a leggere...

Lo Stato paga in ritardo? Niente sanzioni sugli omessi versamenti

  Nessuna sanzione in caso di omessi versamenti dovuti al mancato incasso di crediti verso la Pubblica Amministrazione. L’interessante quanto condivisibile principio è stato di recente sancito dalla Commissione Tributaria Regionale di Roma, Sezione XI, sentenza n. 575 del 10 dicembre 2013 applicando i principi sanciti nel D. Lgs. 472/97. E’ noto che l’art. 5…

Continua a leggere...

Agevolazioni prima casa: gli strani controlli di un Comune…

Ben “32 sopralluoghi effettuati dalla polizia locale ad ogni ora del giorno e della notte” ed un Comune che discetta sui consumi di acqua per la doccia o per lo sciacquone del water (!) per valutare la sussistenza o meno dei requisiti prima casa. E’ lo strano caso affrontato dalla Commissione Tributaria Provinciale di Brescia,…

Continua a leggere...

Mentire al Fisco può costare sino a 3 anni di reclusione!

Fino a 3 anni di reclusione per chi fornisce all’Agenzia delle Entrate documenti falsi o notizie non veritiere. E’ questa la pena prevista dall’art.11, primo comma, del D.L. 201/2011 (c.d. “decreto salva Italia”), che assimila la produzione di documenti falsi o le risposte non veritiere ai casi di falsità delle autodichiarazioni. La norma punisce “chiunque”…

Continua a leggere...

Raddoppio dei termini solo in presenza di ipotesi di reato riscontrate prima dello spirare dei termini ordinari di accertamento

  Interessante pronuncia della seconda sezione della Commissione Tributaria Provinciale di Ravenna in tema di raddoppio dei termini dell’accertamento in caso di violazioni che comportano l’obbligo di denuncia all’Autorità Giudiziaria. I giudici tributari nella sentenza n. 191 del 11.9.2013 affermano il condivisibile principio che “fin dall’inizio della verifica tributaria devono emergere chiari ed obiettivi elementi…

Continua a leggere...

Delega di firma degli avvisi di accertamento da provare in giudizio: onere in capo all’erario

  La delega di firma negli avvisi di accertamento è tema che continua a interessare la giurisdizione tributaria. Da ultimo la CTP di Reggio Emilia, sez. n. 3, n. 204 del 15 novembre 2013 ha ribadito che l’avviso di accertamento è nullo se non reca la sottoscrizione del capo dell’ufficio o di altro impiegato della…

Continua a leggere...

La notifica del ricorso in busta chiusa

Il ricorso spedito in busta chiusa è inammissibile se giunge a destinazione oltre la scadenza del termine. E’ questo il principio sancito dalla Commissione Tributaria Regionale di Roma, sezione Staccata di Latina, Sezione n. 39, con la sentenza n. 697 del 14 novembre 2013. E’ noto che la notifica dei ricorsi tributari, ai sensi dell’art….

Continua a leggere...

Ratezioni sino a 120 rate: condizioni ed elementi dell’istanza

La dilazione dei debiti iscritti a ruolo è uno degli strumenti di maggior successo del momento! La diffusa crisi economico finanziaria, l’applicazione pratica del detto che “per pagare c’è sempre tempo” e la mai sopita speranza di un condono – in qualunque modo denominato, anche nella forma della rottamazione dei ruoli – spingono quotidianamente i…

Continua a leggere...

In caso di accertamento con adesione spetta sempre il maggior termine di 90 giorni per impugnare

Il problema sembrava ormai risolto, ma l’insidia è sempre dietro l’angolo. L’art. 6, comma 3, del D. Lgs. 218/97 prevede che nel caso di presentazione dell’istanza di accertamento con adesione, i termini per impugnare l’atto sono sospesi per 90 giorni. In tal modo la parte contribuente, ai fini della proposizione del ricorso, avrà a disposizione…

Continua a leggere...

Redditometro: assist del Garante della Privacy per la difesa del contribuente

La difesa dal redditometro ha trovato un assist importante e, forse, inaspettato. Riprendendo il condivisibile ” Inno al Garante per la protezione dei dati personali” riportato su Ecnews del 22 novembre, si rende utile qualche altra considerazione sul tema. Il documento n. 2765110 reso dall’Autorità posto a tutela della Privacy offre non pochi spunti, anche…

Continua a leggere...

Vecchio redditometro: moltiplicatore mutui poco ragionevole. Il giudice tributario può disapplicarlo

Il nuovo accertamento sintetico – e con esso il redditometro – applicabile a partire dall’anno d’imposta 2009 può riverberare effetti positivi per il contribuente anche per gli anni precedenti. E’ quello che è accaduto, nei fatti, in una controversia decisa dalla Commissione Tributaria Provinciale di Firenze (Sezione n. 10, sentenza n. 70 del 19.2.2013) nel…

Continua a leggere...

Il redditometro tra giustificazioni e nesso eziologico: ancora una pronuncia di merito a favore del contribuente

Due principi interessanti ribaditi dalla C.T.R. Friuli Venezia Giulia con la sentenza n. 50 del 10.7.2013, Sez. X, (Pres. Tito, Rel. Friso) che dirime alcune questioni assai dibattute, con riferimento al c.d. nesso eziologico tra spese sostenute e giustificazioni addotte dal contribuente nonché con riguardo alla impossibilità di “spalmatura” degli incrementi patrimoniali a ritroso, anche…

Continua a leggere...

Definizione dei PVC, un’opportunità tra cautele da adottare e possibili rimedi

Al termine di una verifica fiscale, dopo la consegna del processo verbale di constatazione, il contribuente è chiamato a valutare con rapidità un paio di alternative che hanno scadenze ravvicinate: La possibilità di definizione prevista dell’art. 5-bis del D. Lgs. 218/97; La possibilità di presentare memorie difensive, ex art. 12 L. 212/2000. La prima delle…

Continua a leggere...

Processo tributario: termini perentori per il deposito di memorie e documenti e rilevanza della sospensione feriale

Interessante pronuncia della CTP di Siracusa che ha fissato alcuni paletti procedurali invalicabili nell’attività processuale. In particolare, con la sentenza n.296/02/13 del 25.9.2013 (Pres. Tamburini, Rel. Valenti) la commissione tributaria provinciale ha ribadito che la tardività della costituzione in giudizio determina per la parte la decadenza dalla facoltà di chiedere o svolgere attività processuali precluse…

Continua a leggere...

L’accertamento anticipato nello Statuto del Contribuente: scivolone della Cassazione e spregio delle regole

Non c’è pace per i diritti dei contribuenti! Con un’Ordinanza depositata il 18 ottobre 2013, la n.23690 (Pres. Cicala, Rel. Bognanni), la Corte di Cassazione ignora il pronunciamento delle Sezioni Unite di soli tre mesi addietro – sentenza n. 18184/2013 (Pres. Luccioli, Rel. Virgilio) – e stabilisce che la violazione dello Statuto del Contribuente in…

Continua a leggere...

S.R.L. semplificate: difficoltà di costituzione in attesa del D.M. Giustizia

Basterebbe l’emanazione da parte del Ministero della Giustizia del nuovo modello standard e non ci sarebbero più troppe discussioni: come noto, in questi mesi è difficile trovare un notaio disposto a rogare l’atto pubblico per la costituzione di una SRL Semplificata. La legge è chiara: dal 29 agosto 2012, in seguito all’entrata in vigore del…

Continua a leggere...

Congrua motivazione anche nel caso di nuovo classamento

  Il tema della adeguata motivazione degli atti amministrativi è sempre di grande attualità. Accade spesso che gli avvisi di accertamento, di liquidazione o le cartelle di pagamento, contengano formule stereotipate che non assolvono alla funzione di illustrare in modo puntuale l’iter logico argomentativo alla base della richiesta di pagamento erariale. E’ pacifico che un…

Continua a leggere...

Diniego liti fiscali pendenti legittimo nel caso di cartelle di pagamento che “assolvono a funzione impositiva”

Alla cartella di pagamento va negata natura di atto impositivo autonomo, direttamente impugnabile come tale, allorchè essa faccia seguito ad un avviso di accertamento, ma non anche nei casi in cui essa costituisca l’unico atto che consente al contribuente di mettere in discussione la debenza del tributo: in tali casi, infatti, l’atto deve essere qualificato,…

Continua a leggere...

La compensazione delle spese di giudizio solo per gravi ed eccezionali ragioni

Ancora oggi, frequentemente, si assiste ad una immotivata compensazione delle spese di giudizio da parte del giudice tributario ovvero ad una stereotipa motivazione sul punto: la recente Sentenza della CTR Lazio, Sezione 1^ (Pres. Lauro, Rel. Tozzi), n. 175/01/13 del 3.4.2013, offre lo spunto per una disamina dell’argomento. E’ noto che la novella legislativa portata…

Continua a leggere...

La responsabilità di soci e componenti del Consiglio Direttivo per i debiti delle associazioni culturali

I soci delle associazioni culturali non sono responsabili dei debiti dell’ente anche se sono componenti del Consiglio Direttivo, a condizione che non abbiano operato. E’ questo l’importante principio stabilito dalla Corte di Cassazione, V sezione Tributaria, con la sentenza n. 20485 del 6 settembre 2013 (Pres. Adamo, Rel. Valitutti). I Giudici di legittimità hanno precisato…

Continua a leggere...

Società tra professionisti (STP): nuova opportunità per il mondo ordinistico

Se ne parlava da molti anni ed alla fine anche il nostro legislatore ha concesso alle professioni ordinistiche la possibilità di costituire società tra professionisti, con ciò colmando una lacuna normativa del nostro paese e consentendo all’Italia di adeguare il sistema alla Direttiva n. 2006/123/CE. Con la L. 12 novembre 2011, n.183 il Legislatore ha…

Continua a leggere...