28 Marzo 2017

Regole di trasmissione per le nuove comunicazioni Iva

di Alessandro Bonuzzi Scarica in PDF

Il provvedimento AdE n. 58793 di ieri definisce le regole e i termini delle nuove comunicazioni Iva. Le previsioni riguardano la comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute (cd. nuovo spesometro), la comunicazione delle liquidazioni periodiche Iva e la trasmissione telematica su opzione (ex D.Lgs. 127/2015).

Ma andiamo con ordine.

Relativamente alla comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute, il provvedimento informa che vanno trasmessi per ogni fattura emessa, ricevuta e registrata (comprese le bollette doganali e le note di variazione) nel corso del periodo d’imposta, i seguenti dati:

  • i dati identificativi del cedente/prestatore;
  • i dati identificativi del cessionario/committente;
  • la data del documento;
  • la data di registrazione (per le sole fatture ricevute e le relative note di variazione);
  • il numero del documento;
  • la base imponibile;
  • l’aliquota Iva applicata e l’imposta ovvero, ove l’operazione non comporti l’annotazione dell’imposta nel documento, la tipologia dell’operazione.

Le regole di compilazione della comunicazione con cui sono trasmessi i dati sono contenute nell’allegato al provvedimento denominato “Specifiche tecniche e regole per la compilazione dei dati delle fatture – versione 1.1” e devono essere adottate a decorrere dal 10 luglio 2017.

Fino ad allora, infatti, i dati possono essere trasmessi secondo le regole di compilazione riportate nell’allegato “Specifiche tecniche dati fattura” al provvedimento AdE del 28.10.2016 n. 182070.

Il provvedimento di ieri, poi, approva il modelloComunicazione liquidazioni periodiche Iva” con le relative istruzioni, composto da:

  • il frontespizio, contenente anche l’informativa relativa al trattamento dei dati personali;
  • il quadro VP. 2.2.

Le informazioni da trasmettere sono definite nell’allegato “Specifiche tecniche e regole per la compilazione della comunicazione”.

Il provvedimento si occupa anche dei termini di trasmissione. Sul tema la novità consiste nell’uniformità, per il primo anno di applicazione, dei termini per l’invio opzionale dei dati delle fatture rispetto ai nuovi termini per lo spesometro stabiliti da Milleproroghe. Nella tabella seguente viene schematizzato il nuovo scenario delle scadenze per i tre adempimenti.

Tipo di comunicazione

1° anno di applicazione (2017)

A regime

Comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute

1° semestre entro il 18 settembre 2017

2° semestre entro febbraio 2018

1° trimestre entro il 31 maggio

2° trimestre entro il 16 settembre

3° trimestre entro il 30 novembre

4° trimestre entro febbraio

Comunicazione opzionale dei dati delle fatture

1° semestre entro il 18 settembre 2017

2° semestre entro febbraio 2018

1° trimestre entro il 31 maggio

2° trimestre entro il 16 settembre

3° trimestre entro il 30 novembre

4° trimestre entro febbraio

Comunicazione dei dati delle liquidazioni periodiche Iva

1° trimestre entro il 31 maggio

2° trimestre entro il 18 settembre

3° trimestre entro il 30 novembre

4° trimestre entro febbraio

1° trimestre entro il 31 maggio

2° trimestre entro il 16 settembre

3° trimestre entro il 30 novembre

4° trimestre entro febbraio

Da ultimo si evidenzia che, secondo il provvedimento, i dati acquisiti dal Fisco saranno messi a disposizione dei contribuenti che li hanno inviati nella sezione Consultazione dell’area autenticata dell’interfaccia webFatture e Corrispettivi”.

Il fine è quello di consentire un dialogo pre-dichiarativo tra l’Agenzia e i contribuenti per i quali emergano potenziali incoerenze tra i dati delle fatture e quelli delle liquidazioni Iva.

Dottryna