25 Febbraio 2020

Apre il bando Disegni +4

di Debora Reverberi Scarica in PDF

Nell’ambito delle misure volte a favorire la valorizzazione e lo sfruttamento economico dei titoli di proprietà industriale rientra il bando Disegni +4, destinato a disegni e modelli industriali singoli o multipli, registrati a decorrere dal 01.01.2018, anteriormente alla presentazione della domanda e in corso di validità.

L’agevolazione è concessa alle Pmi nella forma di contributo in conto capitale, in regime de minimis, per l’acquisto di servizi specialistici esterni finalizzati alla messa in produzione di nuovi prodotti correlati ad un disegno/modello registrato e/o alla commercializzazione di un disegno/modello registrato sui mercati nazionale e internazionale.

A partire dalle ore 9:00 del 27.02.2020 aprirà il bando Disegni+4 secondo una procedura valutativa a sportello gestita da Unioncamere, in cui le domande saranno valutate in ordine cronologico di arrivo fino a esaurimento dei fondi, pari a 13 milioni di euro, nel rispetto della riserva del 5%, pari a 650.000 euro, destinata alle imprese in possesso di rating di legalità.

I soggetti beneficiari del bando sono le seguenti micro, piccole e medie imprese, classificate avendo riguardo ai criteri dimensionali comunitari definiti nella Raccomandazione 2003/361/CE e nel Decreto del Ministro delle Attività Produttive del 18.04.2005 e ss.mm.ii:

  • imprese aventi sede legale e operativa in Italia;
  • imprese regolarmente costituite, iscritte nel Registro delle Imprese e attive;
  • imprese titolari dei disegni/modelli registrati oggetto del progetto di valorizzazione.

Si applicano le seguenti cause di esclusione:

  • imprese in stato di liquidazione o scioglimento o sottoposte a procedure concorsuali;
  • imprese che abbiano nei propri confronti cause di divieto, di decadenza o di sospensione di cui all’articolo 67 D.Lgs. 159/2011 e ss.mm.ii. (normativa antimafia);
  • imprese che abbiano procedimenti amministrativi in corso connessi ad atti di revoca per indebita percezione di risorse pubbliche;
  • imprese escluse dagli aiuti “de minimis, ai sensi dell’articolo 1 Regolamento (UE) 1407/2013.

Oggetto dell’agevolazione sono i progetti finalizzati alla valorizzazione e sfruttamento economico di disegni e modelli industriali, come definiti dall’articolo 31 D.Lgs. 30/2005 e ss.mm.ii. (c.d. Codice di proprietà industriale): “Possono costituire oggetto di registrazione come disegni e modelli l’aspetto dell’intero prodotto o di una sua parte quale risulta, in particolare, dalle caratteristiche delle linee, dei contorni, dei colori, della forma, della struttura superficiale ovvero dei materiali del prodotto stesso ovvero del suo ornamento, a condizione che siano nuovi ed abbiano carattere individuale…omissis…”.

I disegni/modelli oggetto di valorizzazione, singoli o appartenenti al medesimo deposito multiplo, devono essere registrati presso qualsiasi ufficio nazionale o regionale di proprietà intellettuale/industriale:

  • a decorrere dal 01.01.2018;
  • in data antecedente la presentazione della domanda di agevolazione;
  • in corso di validità.

Il  progetto deve concludersi entro 9 mesi dalla notifica del provvedimento di concessione dell’agevolazione, con facoltà di proroga del termine non superiore a 3 mesi, da richiedere in via eccezionale con istanza motivata e soggetta ad approvazione del soggetto gestore Unioncamere.

La domande di agevolazione soggiacciono ai seguenti vincoli:

  • una sola domanda per ogni disegno/modello singolo o multiplo;
  • una solda domanda per ogni impresa.

Le spese ammissibili sono relative a servizi di consulenza specialistici esterni funzionali al progetto, suddivisi nelle seguenti due fasi, alternative o compresenti:

  • FASE 1 – Produzione: destinata all’acquisizione di servizi specialistici esterni volti alla valorizzazione di un disegno/modello per la messa in produzione e l’offerta sul mercato di nuovi prodotti a esso correlati.
  • FASE 2 – Commercializzazione: destinata all’acquisizione di servizi specialistici esterni volti alla  valorizzazione di  un disegno/modello per la commercializzazione del titolo di proprietà industriale.

Sono escluse dal novero delle spese ammissibili quelle per l’acquisizione di servizi prestati da soggetti non terzi rispetto all’impresa beneficiaria, ivi considerando:

  • imprese che si trovino in rapporto di controllo/collegamento con l’impresa richiedente ai sensi dell’articolo 2359 cod. civ., ovvero in caso si riscontri tra i medesimi soggetti, anche in via indiretta, una partecipazione, anche cumulativa, di almeno il 25%;
  • amministratori o soci dell’impresa richiedente o loro prossimi congiunti;
  • società nella cui compagine sociale siano presenti amministratori o soci dell’impresa richiedente.

Il periodo di sostenimento delle spese ai fini della loro ammissibilità è individuato a partire dalla data di registrazione del disegno/modello e in ogni caso a partire dal 03.12.2019, data di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del comunicato relativo al bando Disegni+4.

Le agevolazioni sono concesse nella forma di contributo in conto capitale per la realizzazione del progetto, in misura massima pari all’80% delle spese ammissibili e nel rispetto degli importi massimi previsti per ciascuna fase sopra indicata e per ciascuna tipologia di spesa espressamente prevista dal bando, secondo la tavola sinottica di seguito riportata:

Fase Tipologia di spesa Importo massimo
1 – PRODUZIONE Ricerca sull’utilizzo dei nuovi materiali Euro 5.000
Realizzazione di prototipi Euro 15.000
Realizzazione di stampi Euro 40.000
Consulenza tecnica per la catena produttiva finalizzata alla messa in produzione del prodotto/disegno Euro 10.000
Consulenza  tecnica  per  certificazioni  di  prodotto  o  di  sostenibilità ambientale Euro 5.000
Consulenza specializzata nell’approccio al mercato (es. business plan, piano di marketing, analisi del mercato, ideazione layout grafici e testi per materiale di comunicazione offline e online) strettamente connessa al prodotto/disegno Euro 10.000
Importo massimo agevolabile per fase Euro 65.000
2 – COMMERCIALIZZAZIONE Consulenza  specializzata  nella  valutazione  tecnico-economica  del disegno/modello Euro 5.000
Consulenza  legale  per la stesura  di accordi  di  licenza  del  titolo  di proprietà industriale Euro 2.500
Consulenza legale per la tutela da azioni di contraffazione Euro 2.500
Importo massimo agevolabile per fase Euro 10.000

A partire dalle ore 9:00 del 27.02.2020 e fino ad esaurimento delle risorse disponibili sarà possibile la compilazione del form online, disponibile sul sito www.disegnipiu4.it, che consentirà l’attribuzione del numero di protocollo da indicare nella domanda di agevolazione.

Entro il termine di cinque giorni dalla data del protocollo assegnato in esito alla compilazione del form online le imprese dovranno presentare la domanda per l’agevolazione, esclusivamente tramite Posta Elettronica Certificata al seguente indirizzo: disegnipiu4@legalmail.it.