2 Febbraio 2018

Saldo Iva 2017 al 20 agosto

di Alessandro Bonuzzi Scarica in PDF La scheda di EVOLUTION

Il versamento del saldo Iva 2017 può essere differito fino al 20 agosto 2018 applicando sulla somma dovuta al 2 luglio 2018 – termine per il pagamento del saldo 2017 delle imposte dirette e Irap (il 30 giugno cade di sabato) – l’ulteriore maggiorazione dello 0,40%.

Lo ha chiarito ieri l’Agenzia delle Entrate con una risposta fornita nell’ambito dell’edizione di Telefisco 2018.

Va ricordato che in materia di versamenti Iva è intervenuta di recente la risoluzione 73/E/2017 con cui l’Agenzia ha precisato che:

  • il versamento del saldo Iva può essere differito al 30 giugno, termine per il pagamento delle imposte dirette e Irap, maggiorando le somme da versare degli interessi nella misura dello 0,40% per ogni mese o frazione di mese successivo al 16 marzo;
  • la specifica maggiorazione dello 0,40% del saldo Iva, prevista per ogni mese o frazione di mese tra il 16 marzo e il 30 giugno, si applica solo sulla parte del debito non compensato con i crediti delle imposte dirette/Irap emergenti dalla dichiarazione annuale e riportati in F24. Ciò in quanto, in presenza di crediti d’imposta compensabili già a partire dal 1° gennaio, la scelta di rinviare l’esposizione nel modello F24 della compensazione del debito Iva con tali crediti è solo formale e, quindi, non può produrre interessi corrispettivi;
  • chi si avvale dello slittamento dei termini di versamento del saldo Iva dal 16 marzo al 30 giugno può comunque rateizzare il debito, con decorrenza dal 30 giugno;
  • la rateizzazione del saldo Iva annuale con decorrenza 30 giugno riguarda solo ciò che residua dopo aver compensato il debito Iva con crediti di altre imposte;
  • il versamento del saldo Iva può essere altresì differito al 30 luglio, applicando sulla somma dovuta al 30 giugno – al netto delle compensazioni – gli ulteriori interessi dello 0,40%.

Ebbene preso atto delle regole in gioco e considerato che:

  • quest’anno il termine per il versamento del saldo delle imposte sul reddito e Irap scade il 2 luglio;
  • i 30 giorni successivi al 2 luglio scadono il 1° agosto;
  • i versamenti delle imposte che scadono tra il 1° e il 20 agosto di ogni anno possono essere effettuati entro il giorno 20 dello stesso mese, senza alcuna maggiorazione (articolo 37, comma 11-bis, D.L. 223/2006);

è stata chiesta conferma al Fisco che il saldo Iva 2017 possa essere pagato entro il 20 agosto, beneficando della proroga di ferragosto.

L’Agenzia si è espressa in senso affermativo precisando che il saldo Iva 2017 può essere versato alternativamente:

  • entro il 16 marzo 2018, senza alcuna maggiorazione;
  • entro il 2 luglio 2018, maggiorando la somma da versare (al netto delle compensazioni) degli interessi nella misura dello 0,40% per ogni mese o frazione di mese successivo al 16 marzo;
  • entro il 20 agosto 2018, applicando l’ulteriore maggiorazione dell’0,40% sulla somma dovuta al 2 luglio (al netto delle compensazioni).
La dichiarazione IVA e le novità normative ed interpretative