19 Maggio 2022

Nuovi incentivi per l’acquisto di veicoli ibridi o elettrici

di Clara PolletSimone Dimitri Scarica in PDF

In data 6 aprile 2022 il Mise ha annunciato, sul proprio sito istituzionale, la firma del DPCM che finanzia in maniera strutturale l’incentivo per l’acquisto di veicoli, auto e moto, elettrici, ibridi e a basse emissioni. Dopo circa un mese (il 4 maggio) il Decreto è stato registrato dalla Corte di Conti e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 113 del 16.05.2022; si attende l’adeguamento del portale web destinato ai concessionari che dovranno gestire le prenotazioni per l’accesso alle agevolazioni (sarà online dalle ore 10:00 del 25 maggio). Analizziamo i nuovi incentivi a disposizione di persone fisiche ed imprese.

Il provvedimento, firmato dal Presidente del Consiglio Mario Draghi, destina 650 milioni di euro per ciascuno degli anni 2022-2023-2024, che rientrano tra le risorse stanziate dal Governo nel Fondo automotive per il quale è stata prevista una dotazione finanziaria complessiva di 8,7 miliardi di euro fino al 2030.

Nello specifico, la misura prevede quanto segue:

  • per l’acquisto di nuovi veicoli di categoria M1 nella fascia di emissioni 0-20 g/km (elettriche), con un prezzo fino a 35.000 euro + Iva, è possibile richiedere un contributo di 3.000 euro, a cui potranno aggiungersi ulteriori 2.000 euro se è contestualmente rottamata un’auto omologata in una classe inferiore ad Euro 5. Tale categoria di ecobonus è finanziata con 220 milioni nel 2022, 230 milioni nel 2023 e 245 milioni nel 2024;
  • per l’acquisto di nuovi veicoli di categoria M1 nella fascia di emissione 21-60 g/km (ibride plug – in), con un prezzo fino a 45.000 euro + Iva, è possibile richiedere un contributo di 2.000 euro a cui potranno aggiungersi ulteriori 2.000 euro se è contestualmente rottamata un’auto omologata in una classe inferiore ad Euro 5. La richiamata categoria di ecobonus è finanziata con 225 milioni nel 2022, 235 milioni nel 2023 e 245 milioni nel 2024;
  • per l’acquisto di nuovi veicoli di categoria M1 nella fascia di emissioni 61-135 g/km (endotermiche a basse emissioni), con un prezzo fino a 35.000 euro + Iva, è possibile richiedere un contributo di 2.000 euro se è contestualmente rottamata un’auto omologata in una classe inferiore ad Euro 5. Questa categoria di ecobonus è finanziata con 170 milioni nel 2022, 150 milioni nel 2023 e 120 milioni nel 2024.

Gli incentivi per l’acquisto dei veicoli elettrici, ibridi, plug-in ed endotermiche sono concessi soltanto alle persone fisiche. Una piccola percentuale dei fondi è riservata alle società di car sharing per l’acquisto dei veicoli elettrici, ibridi, plug-in.

Per quanto riguarda le piccole e medie imprese, comprese le persone giuridiche, esercenti attività di trasporto di cose in conto proprio o in conto terzi, vengono invece introdotti contributi per l’acquisto di veicoli commerciali di categoria N1 e N2, nuovi di fabbrica, ad alimentazione esclusivamente elettrica. È possibile accedere all’incentivo solo con la contestuale rottamazione di un veicolo omologato in una classe inferiore ad Euro 4.

In tal caso, è possibile richiedere un contributo di:

  • 4.000 euro per i veicoli N1 fino a 1,5 tonnellate,
  • 6.000 euro per i veicoli N1 superiori a 1,5 tonnellate e fino a 3,5 tonnellate,
  • 12.000 euro per i veicoli N2 da 3,5 tonnellate fino a 7 tonnellate.

Per i veicoli N2 superiori a 7 tonnellate e fino a 12 tonnellate è invece riconosciuto un contributo di 14.000 euro.

Questa categoria di ecobonus è finanziata con 10 milioni nel 2022, 15 milioni nel 2023 e 20 milioni nel 2024.

Sono previsti incentivi anche per l’acquisto di ciclomotori e motocicli elettrici e ibridi (categorie L1e, L2e, L3e, L4e, L5e, L6e, L7e): un contributo del 30% del prezzo di acquisto fino al massimo 3.000 euro e del 40% fino a 4.000 mila euro se viene rottamata una moto in una classe da Euro 0 a 3. Questo incentivo è finanziato con 15 milioni di euro per gli anni 2022, 2023 e 2024.

Per i ciclomotori e motocicli termici, nuovi di fabbrica (categorie L1e, L2e, L3e, L4e, L5e, L6e, L7e) è inoltre previsto, a fronte di uno sconto del venditore del 5%, un contributo del 40% del prezzo d’acquisto e fino a 2.500 euro con rottamazione.

Questa categoria di ecobonus è finanziata con 10 milioni nel 2022, 5 milioni nel 2023 e 5 milioni nel 2024.

In analogia agli incentivi preesistenti, il processo per ottenere il contributo si articola come segue: i rivenditori prenotano i contributi relativi ad ogni singolo veicolo ottenendo, secondo la disponibilità di risorse, una ricevuta di registrazione della prenotazione; il contributo viene corrisposto dal venditore all’acquirente mediante compensazione con il prezzo di acquisto.

Le imprese costruttrici o importatrici del veicolo nuovo rimborsano al venditore l’importo del contributo e ricevono da quest’ultimo la documentazione utile per recuperare l’importo dell’incentivo sotto forma di credito d’imposta.

Pertanto, i crediti di cui sono titolari le imprese costruttrici o importatrici sorgono a fronte di una mera anticipazione finanziaria effettuata dalle medesime per conto dello Stato; le stesse non sono le effettive destinatarie dell’agevolazione ma meri soggetti intermediari che intervengono nel rapporto tra l’erario e gli acquirenti dei veicoli.

L’anticipazione sostenuta (erogazione ai clienti di contributi statali) viene recuperata sotto forma di credito d’imposta da utilizzare in compensazione ai sensi dell’articolo 17 D.Lgs. 241/1997 con qualsiasi altro debito tributario, con possibilità di trasferimento del credito in argomento nell’ambito del consolidato fiscale nazionale (Risposta n. 240 del 29.04.2022).