15 Giugno 2021

La cessione del credito è esente da Iva

di Laura Mazzola Scarica in PDF La scheda di EVOLUTION

La cessione di un credito d’imposta a titolo oneroso rappresenta un’operazione avente finalità e natura finanziaria esente da Iva.

Tale operazione, infatti, rientra tra quelle indicate al n. 1, comma 1 dell’articolo 10 D.P.R. 633/1972: “le prestazioni di servizi concernenti la concessione e la negoziazione di crediti, la gestione degli stessi da parte dei concedenti e le operazioni di finanziamento; l’assunzione di impegni di natura finanziaria, l’assunzione di fideiussioni e di altre garanzie e la gestione di garanzie di crediti da parte dei concedenti; le dilazioni di pagamento, le operazioni, compresa la negoziazione, relative a depositi di fondi, conti correnti, pagamenti, giroconti, crediti ed assegni o altri effetti commerciali, ad eccezione del recupero di crediti”.

Così, l’Agenzia delle entrate, con la risposta all’istanza di interpello n. 369 dello scorso 24 maggio, ha evidenziato che ogniqualvolta l’operazione di cessione del credito ha una finalità di finanziamento, l’operazione rientra tra quelle esenti dall’applicazione dell’Iva, ai sensi dell’articolo 10, comma 1 n. 1, del Decreto Iva.

In particolare, la cessione dei crediti d’imposta di cui all’articolo 14 (c.d. “ecobonus”) e all’articolo 16 (c.d. “sismabonus”) del D.L. 63/2013, rientra tra le operazioni esenti da Iva, se effettuata tra le parti dietro corrispettivo e con finalità e natura finanziaria.

Ai sensi, poi, del combinato disposto dell’articolo 22, comma 1, n. 6, D.P.R. 633/1972, dell’articolo 2, comma 1, lettera n), D.P.R. 696/1996, e dell’articolo 1, comma 1 lettera a), D.M. 10.05.2019, le cessioni dei crediti in esame non sono soggette ad alcun obbligo di certificazione.

L’Amministrazione finanziaria ricorda, però, che rimane in capo al cessionario la facoltà di fatturare, anche a richiesta della controparte, l’operazione in esenzione d’imposta, ai sensi dell’articolo 10, comma 1 n. 1), del Decreto Iva, indicando in fattura l’ammontare del corrispettivo pattuito nell’accordo contrattuale per la cessione.

In particolare, nell’ipotesi di cessione del credito, il corrispettivo è rappresentato dall’ammontare della commissione pattuita tra le parti, quale compenso per l’anticipo dell’importo del credito.

Infine, l’Agenzia delle entrate ricorda che occorre tener presente il principio di alternatività tra Iva e imposta di registro, di cui all’articolo 40 D.P.R. 131/1986 (Tur).

Tuttavia, la fattispecie, avendo ad oggetto la cessione di un credito di imposta, è riconducibile alla disciplina recata per gli atti per i quali non sussiste l’obbligo di chiedere la registrazione, in riferimento a “atti e documenti formati per l’applicazione, riduzione, liquidazione, riscossione, rateazione e rimborso delle imposte e tasse da chiunque dovute”, come previsto dall’articolo 5 Tur.