24 Giugno 2017

Fondimpresa: nuovi finanziamenti per percorsi formativi

di Giovanna Greco Scarica in PDF

In arrivo per le PMI e le grandi imprese aderenti a Fondimpresa nuovi finanziamenti destinati alla realizzazione di percorsi formativi. Difatti, le PMI e le grandi imprese potranno richiedere un contributo aggiuntivo per la realizzazione di percorsi formativi presenti nei Cataloghi qualificati tramite la modalità voucher”. Nel caso delle PMI, il contributo aggiuntivo può arrivare fino a 10 mila euro e interviene laddove le risorse del conto formazione aziendale non siano sufficienti a finanziare i voucher formativi. Nel caso delle grandi imprese, invece, il contributo aggiuntivo può arrivare fino a 20 mila euro ed pari al 50% del valore del costo del piano formativo.

Ma andiamo con ordine. Con l’Avviso 3/2017 Fondimpresa ha stanziato 6 milioni di euro per la formazione dei lavoratori delle imprese aderenti, PMI e grandi imprese, da svolgersi con la partecipazione a corsi presenti nei Cataloghi qualificati dal Fondo. Le tipologie di costi finanziabili riguardano le spese di gestione del piano formativo e l’erogazione della formazione. Il piano formativo può essere presentato a partire dalle ore 9:00 del 26 giugno 2017 fino alle ore 13:00 del 27 ottobre 2017.

I finanziamenti dell’Avviso riguardano esclusivamente i Piani formativi presentati sui seguenti Ambiti.

1.Formazione a Catalogo PMI (micro, piccole, medie imprese)

A. Piano aziendale PMI, con utilizzo esclusivo di voucher formativi per la partecipazione di lavoratori della PMI titolare dell’intervento ad uno o più corsi presenti nei Cataloghi qualificati da Fondimpresa.

B. Piano interaziendale PMI, presentato e gestito direttamente dal soggetto titolare del Catalogo qualificato da Fondimpresa che coinvolge esclusivamente PMI aderenti che intendono partecipare ad uno o più corsi (voucher) del suo Catalogo. Il Piano interaziendale deve prevedere la partecipazione di almeno due PMI aderenti. Tutte le aziende coinvolte nei Piani dell’Ambito 1, lettera A o B, devono rispondere alla definizione comunitaria di PMI (contenuta nell’Allegato 1 del Reg. UE n. 651/2014).

2.Formazione a Catalogo GI (grandi imprese)

A. Piano aziendale GI, con utilizzo esclusivo di voucher formativi per la partecipazione di lavoratori della grande impresa titolare dell’intervento ad uno o più corsi presenti nei Cataloghi qualificati da Fondimpresa. Ciascun Piano può fare riferimento ad un solo Ambito e sotto ambito (1A o 1B o 2A) e deve prevedere esclusivamente l’erogazione di azioni formative (corsi) presenti nei Cataloghi qualificati dal Fondo. I Cataloghi qualificati da Fondimpresa, con i soggetti che ne sono titolari, e il Regolamento istitutivo per la qualificazione dei predetti Cataloghi sono pubblicati sul sito web www.fondimpresa.it, nella sezione Avvisi del Conto Formazione.

 Possono accedere al finanziamento i Soggetti di seguito indicati nelle modalità previste dall’Avviso:

  • singole aziende aderenti a Fondimpresa, in possesso dei requisiti richiesti nell’articolo 4 dell’Avviso, che presentano un Piano aziendale che prevede l’utilizzo esclusivo di voucher formativi per partecipare a corsi presenti in Cataloghi qualificati dal Fondo, compresi quelli di cui sono titolari operatori non aderenti a Fondimpresa.
  • operatori aderenti a Fondimpresa, titolari di un Catalogo qualificato dal Fondo, che presentano Piani interaziendali, in ciascuno dei quali realizzano uno o più corsi presenti nel loro Catalogo qualificato, destinati alla formazione dei lavoratori di due o più imprese aderenti coinvolte, in possesso dei requisiti richiesti.

La partecipazione ai Piani finanziati nell’ambito dell’Avviso è riservata ai lavoratori dipendenti delle imprese aderenti al Fondo, compresi gli apprendisti, in possesso di tutti i requisiti di accesso previsti dall’Avviso, per i quali esista l’obbligo del versamento del contributo integrativo di cui all’articolo 25 della L. 845/1978.

La piattaforma informatica FPF di gestione dei piani Conto Formazione consentirà la scelta degli Ambiti, nonché di definire la competenza/il ruolo del soggetto proponente.

Per ciascuna azione formativa (“corso a catalogo”) sarà inoltre possibile ricercare il corso di formazione scelto tra quelli disponibili nei Cataloghi formativi qualificati vigenti, anche mediante l’apposito motore di ricerca presente nella sezione ‘Azioni formative’ del formulario online.

La dotazione finanziaria stanziata è suddivisa tra i seguenti Ambiti di applicazione.

Ambito Tipologia Piani Stanziamento
(euro)
1. Formazione a Catalogo PMI: micro, piccole e medie imprese A. Piani aziendali
B. Piani interaziendali
3.600.000,00
2. Formazione a Catalogo GI: grandi imprese A. Piani aziendali 2.400.000,00

Ciascuna impresa aderente, in possesso di tutti i requisiti, può ricevere il contributo aggiuntivo di Fondimpresa anche in più piani formativi, aziendali o interaziendali, nel limite del massimale per azienda.

Possono beneficiare le imprese aderenti che non hanno presentato dopo il 31 dicembre 2015 alcun Piano a valere sugli Avvisi di Fondimpresa che prevedono la concessione di un contributo aggiuntivo al Conto Formazione, fatto salvo il caso in cui il Piano sia stato annullato o respinto.

Inoltre, è richiesta la presenza di un saldo attivo sul proprio Conto Formazione, risultante dalla somma degli importi effettivamente disponibili su tutte le matricole INPS per cui l’azienda ha aderito al Fondo (somma degli importi della voce “Disponibile” su tutte le matricole del conto aziendale).

Per il piano presentato sull’Ambito 1 (A o B), le PMI interessate devono aver maturato sul proprio Conto Formazione, nel periodo di adesione, un accantonamento medio annuo, al lordo degli eventuali utilizzi per piani formativi, non superiore a euro 10.000,00 (voce “Totale maturando”).

Il contributo aggiuntivo è concesso ai piani presentati sul “Conto Formazione” sulla base delle condizioni previste per ciascun Ambito dell’articolo 2 dell’Avviso.

Il Piano formativo deve essere presentato a Fondimpresa con le modalità stabilite nell’Avviso e nelle “Istruzioni e modelli dell’Avviso 3/2017“. Per poter usufruire di questa opportunità è essenziale che l’azienda abbia effettuato le procedure di registrazione che le consentono di controllare online il proprio conto.

Start up e pmi innovative