25 Febbraio 2021

Euroconference In Diretta: la top 10 dei quesiti della puntata del 22 febbraio

di Lucia RecchioniSergio Pellegrino Scarica in PDF

La 31esima puntata di Euroconference In Diretta si è aperta, come di consueto, con la sessione “aggiornamento”, nell’ambito della quale sono state analizzate tutte le novità della scorsa settimana.

Successivamente l’attenzione si è quindi soffermata sulle modalità di compilazione della Certificazione dei redditi di lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi, mentre, nel corso dello speciale “agevolazioni edilizie” è stata analizzata la disciplina del superbonus “potenziato” per gli interventi nelle zone terremotate.

La sessione approfondimento, infine, è stata dedicata ad una particolare operazione: la scissione proporzionale di una società operativa seguita dalla scissione non proporzionale della holding che la partecipa.

Numerosi sono stati i quesiti ricevuti: le risposte verranno caricate, a partire da oggi, sulla Community di Euroconference In Diretta su Facebook, nonché nella sezione materiali di Euroconference In Diretta sulla piattaforma Evolution.

Anche oggi, come le scorse settimane, pubblichiamo la nostra top 10 dei quesiti che abbiamo ritenuto più interessanti, con le relative risposte.

Sul podio, questa settimana, per noi ci sono:

3. PROPRIETARI RICONDUCIBILI A DUE DIVERSI NUCLEI FAMILIARI

2. COMPENSI AI FORFETTARI E INDICAZIONE NELLA CU

1. MAGGIORAZIONE DEI MASSIMALI DI SPESA NELLE ZONE DANNEGGIATE DAL SISMA

 

Per aderire alla Community di Euroconference In Diretta  https://www.facebook.com/groups/2730219390533531/

# 10

Redditi di lavoro autonomo corrisposti a soggetti esteri


In caso di somme corrisposte a un professionista estero senza codice fiscale, si deve compilare la CU?

F.G.


No, in questo caso i dati devono essere riportati soltanto nel quadro SY del Modello 770/2021, nella sezione IV, riservata al percipiente estero privo di codice fiscale.

 

# 9

Bonus ristrutturazione e cessione del credito


I soli lavori di ristrutturazione anno 2020 possono essere ceduti?

A.G.


L’opzione può essere esercitata soltanto per le spese sostenute negli anni 2020 e 2021; è esclusa questa possibilità, invece, per le spese sostenute in anni precedenti.

 

# 8

Unità funzionalmente indipendente in condominio


L’appartamento funzionalmente indipendente ricompreso in un edificio condominiale cielo-terra, può beneficiare dell’ecobonus al 110% per le spese trainanti su parti comuni? Lo stesso rientra altresì nel conteggio per i limiti di spesa condominiali?

A.G.S.


Sì, il fatto che un’unità possa essere qualificata come “funzionalmente indipendente” non impedisce che la stessa possa far parte anche di un condominio.

 

# 7

Attestazione infedele: le sanzioni


In caso di mancanza di presupposti per accedere al superbonus (errori o asseverazioni fraudolenti) il recupero  dall’Agenzia avviene solo nei confronti di chi ha effettuato la cessione (proprietario) o prima dall’assicurazione del tecnico che ha asseverato?

C.C.S.S.C.


Il quesito merita un’attenta riflessione.

In tutti i casi in cui è accertata la mancata integrazione, anche parziale, dei requisiti che danno diritto alla detrazione d’imposta, l’Agenzia delle entrate provvede al recupero dell’importo corrispondente alla detrazione non spettante, maggiorato di sanzioni e interessi.

Il recupero dell’importo della detrazione non spettante è effettuato nei confronti del soggetto beneficiario (ovverosia colui che ha effettuato l’intervento), ma, in presenza di concorso nella violazione, potrebbe configurarsi una responsabilità solidale in capo al fornitore che ha applicato lo sconto e ai cessionari.

In tutti i casi in cui, invece, non si configuri il concorso, i fornitori e i soggetti cessionari rispondono solo per l’eventuale utilizzo del credito d’imposta irregolare o in misura maggiore rispetto al credito d’imposta ricevuto.

Nel caso in cui, invece, sia stata rilasciata un’attestazione o un’asseverazione infedele si applica la sanzione amministrativa, in capo all’attestatore/asseveratore da euro 2.000 a euro 15.000.

Resta ferma, inoltre, l’applicazione delle sanzioni penali (potrebbero in questo caso configurarsi i reati di falsità ideologica in certificati e/o truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche).

La non veridicità delle attestazioni o asseverazioni comporta la decadenza dal beneficio. A tal fine l’articolo 119, comma 14, D.L. 34/2020 prevede la stipula di apposita polizza assicurativa per garantire ai propri clienti e al bilancio dello Stato il risarcimento dei danni.

 

# 6

Interventi sugli immobili danneggiati dal sisma: termine previsto


Per gli interventi del comma 4-ter (ovvero nelle zone sismiche) vale la proroga per i condomini?

R.A.


La proroga introdotta dalla Legge di bilancio 2021 ha portata generale e riguarda anche gli interventi di efficientamento energetico e miglioramento sismico su immobili danneggiati dal sisma nei comuni richiamati dall’articolo 119, comma 4 ter, D.L. 34/2020 (con riferimento ai quali sono previsti massimali di spesa aumentati del 50%).

Pertanto vige l’ordinario termine del 30.06.2022, portato al 31.12.2022 per gli interventi effettuati sui condomini e sugli edifici composti da 2 a 4 unità di un unico proprietario, se alla data del 30 giugno 2022 sono stati effettuati lavori per almeno il 60 per cento dell’intervento complessivo.

 

# 5

Dichiarazione Iva e versamenti 2019 con ravvedimento


Omessi versamenti lipe 2019, che quindi mi congelano un potenziale credito iva 2019.

Tali lipe sono state poi versare nel 2020 ma SENZA avvisi di irregolarità  e/o cartelle quindi NON vanno riportati nel quadro VQ, quindi dove si indicano tali versamenti?

G.N.


Con la risposta all’istanza di interpello n. 449/2019 l’Agenzia delle entrate aveva escluso la possibilità di recuperare l’importo oggetto di versamento tardivo tramite la presentazione della  dichiarazione integrativa a favore: questo chiarimento, però, fu offerto con riferimento ai versamenti non spontanei, mentre nulla venne affermato in relazione ai versamenti spontanei, ovvero quelli effettuati a seguito di ravvedimento operoso.

D’altra parte, nel quadro VQ devono essere accolti soltanto i crediti Iva maturati a seguito di versamenti non spontanei.

L’unica soluzione praticabile pare quindi quella di presentare una dichiarazione integrativa Iva2020 (riferita all’anno 2019), facendo confluire detti importi nella colonna 3 del rigo VL30: a seguito dell’indicazione di tali versamenti verrebbe consentito l’utilizzo del credito Iva, indicato nel rigo VL33.

 

#4

Compensi sportivi e termine presentazione CU


Ma i redditi percepiti da uno sportivo sotto i 10.000 euro devono essere inviati all’Ade entro il 16-3-2021 o il 2-11-2021?

M.M.


I compensi percepiti per attività sportive possono essere indicati nel modello 730, e l’importo complessivo dell’anno potrebbe essere superiore a quello corrisposto dal singolo soggetto che ha erogato le somme. L’invio deve essere dunque effettuato entro il 16.03.2021.

 

# 3

Proprietari riconducibili a due diversi nuclei familiari


Buongiorno, per gli interventi legati al 110% quando si parla di unità immobiliari unifamiliari bisogna tener conto dello stato di famiglia? In pratica se due persone sono comproprietarie ma non sono nello stesso stato di famiglia non spetta?

S.M.


L’articolo 119 D.L. 34/2020 richiama il concetto di “edificio unifamiliare” (e non di “unità unifamiliare”), riferendosi ai casi di “un’unica unità immobiliare di proprietà esclusiva, funzionalmente indipendente, che disponga di uno o più accessi autonomi dall’esterno e destinato all’abitazione di un singolo nucleo familiare” (articolo 1, comma 3, lettera i, D.M. 06.08.2020).

Il richiamo ai concetti di “proprietà esclusiva” pare essere quindi riferito al requisito della mancanza di “parti comuni”.

Da ciò ne discende, dunque, che, se i proprietari sono riconducibili a due diversi nuclei familiari ciò non impedisce la detrazione, se l’edificio è comunque destinato ad abitazione del singolo nucleo familiare.

 

# 2

Compensi ai forfettari e indicazione nella CU


I redditi derivanti da contribuenti in regime forfettario ancorché redditi d’impresa devono essere certificati?

S.N.B.D.S.


Devono essere riportati nella Certificazione Unica soltanto i compensi corrisposti ai contribuenti forfettari che, pur essendo assoggettabili a ritenuta, sono stati corrisposti senza la suddetta ritenuta in forza delle previsioni di cui all’articolo 1, comma 67, L. 190/2014.

I compensi che, invece, ordinariamente non sarebbero soggetti a ritenuta non devono essere accolti nella Certificazione Unica, pur se il percipiente è un contribuente che ha aderito al regime forfettario.

 

# 1

Maggiorazione dei massimali di spesa nelle zone danneggiate dal sisma


Quindi anche per i comuni colpiti dal sisma Emilia 2012 possono godere della maggiorazione dei massimali per interventi Sismabonus?

G.A.


Ai sensi dell’articolo 119, comma 4 ter, D.L. 34/2020, così come riformato dalla Legge di bilancio 2021, i limiti delle spese ammesse alla fruizione degli incentivi fiscali ecobonus “potenziato” e sismabonus “potenziato” sono aumentati del 50 per cento per gli interventi di ricostruzione riguardanti i fabbricati danneggiati dal sisma nei comuni di cui agli elenchi allegati al D.L. 189/2016 e di cui al D.L. 39/2009, nonché nei comuni interessati da tutti gli eventi sismici verificatisi dopo l’anno 2008 dove sia stato dichiarato lo stato di emergenza.

Gli incentivi, in questi casi, sono alternativi al contributo per la ricostruzione e sono fruibili per tutte le spese necessarie al ripristino dei fabbricati danneggiati, comprese le case diverse dalla prima abitazione, con esclusione degli immobili destinati alle attività produttive.

Il successivo comma 4 quater della stessa disposizione prevede invece che, nei comuni dei territori colpiti da eventi sismici verificatisi a far data dal 1° aprile 2009 dove sia stato dichiarato lo stato di emergenza, gli incentivi previsti spettano per l’importo eccedente il contributo previsto per la ricostruzione.

Alla luce di quanto appena esposto, dunque, può ritenersi spettante la maggiorazione dei massimali di spesa se l’immobile è stato danneggiato dal sisma.

 

Per aderire alla Community di Euroconference In Diretta, gli interessati possono cercarci su Facebook o utilizzare il link https://www.facebook.com/groups/2730219390533531/