17 Maggio 2021

Dogana 4.0: procedure sempre più digitali

di Clara PolletSimone Dimitri Scarica in PDF

Con la circolare 18/D/2021 l’Agenzia delle dogane prosegue il percorso della reingegnerizzazione del sistema informativo interno.

L’adeguamento dei sistemi informativi nazionali ed unionali agli istituti del Codice Doganale dell’Unione (CDU) è definito ed attuato dalla Commissione europea attraverso il Work Programme – programma di lavoro relativo allo sviluppo e all’utilizzazione dei sistemi elettronici doganali – e il Multi-Annual Strategic Plan for electronic Customs (MASP-C).

La Commissione ha previsto una finestra temporale, che si concluderà il 31 dicembre 2022, per l’aggiornamento dei sistemi nazionali di importazione e dei regimi speciali all’importazione. L’amministrazione doganale italiana ha condiviso con la platea degli operatori economici, nell’ambito del tavolo tecnico e-customs, una road map (si veda tabella) per l’aggiornamento dei suddetti sistemi all’importazione, facendo corrispondere a tale necessità una progressiva reingegnerizzazione del proprio sistema informativo.

Data

Descrizione

 20 gennaio 2021

apertura ambiente di addestramento “Import”

 15 aprile 2021

avvio sperimentazione operativa in ambiente di esercizio per i messaggi H1->H6 presso un ufficio pilota del sud Italia

 20 aprile 2021

apertura ambiente di addestramento per “Presentazione merci”, con allineamento ad ultima versione dei tracciati

 10 maggio 2021

avvio sperimentazione operativa in ambiente di esercizio per i messaggi H1->H6 per operatori postali e corrieri aerei, presso qualsiasi ufficio nazionale

 20 maggio 2021

avvio sperimentazione operativa in ambiente di esercizio per “Presentazione merci” presso un ufficio pilota del sud Italia

 27 maggio 2021

avvio sperimentazione operativa in ambiente di esercizio per “Presentazione merci” per operatori postali e corrieri aerei, presso qualsiasi ufficio nazionale

 15 giugno 2021

avvio sperimentazione operativa in ambiente di esercizio del messaggio H7, in “Import”, con operatori postali e corrieri aerei

 1° luglio 2021

avvio in ambiente di esercizio di Import (H1->H6 + H7) con operatori postali e corrieri aerei

 12 luglio 2021

prosecuzione estensione dei messaggi H1->H6, in import, sul territorio nazionale

 30 settembre 2021

termine completamento estensione in ambiente di esercizio “Presentazione merci” su territorio nazionale

 18 ottobre 2021

avvio sperimentazione operativa in ambiente di esercizio “Temporanea custodia” presso un ufficio pilota

 31 gennaio 2022

termine completamento estensione in ambiente di esercizio su territorio nazionale

Vista la necessità di recepire a livello nazionale le modifiche alla Direttiva (CE) 2006/112 ed alla Direttiva (CE) 2009/132, inerenti gli obblighi Iva connessi alle forniture di servizi e alle vendite a distanza di beni (pacchetto “e-commerce” in vigore dal 1° luglio 2021), è stata modificata la priorità di estensione del nuovo sistema, per comprendere nelle procedure reingegnerizzate anche quelle a supporto dei nuovi obblighi derivanti dalla normativa citata.

In linea con tale processo si è provveduto ad introdurre un nuovo sistema per la gestione delle dichiarazioni di importazione, distinguendo temporalmente le diverse fasi di lavorazione di una dichiarazione doganale.

In particolare, il nuovo sistema consente:

  • l’invio incrementale dei dati della dichiarazione (in un’unica soluzione o in più step);
  • un maggiore numero massimo di articoli per dichiarazione (999 singoli);
  • lo svincolo delle merci per articolo;
  • nuove modalità di colloquio con i dichiaranti, basate sui più recenti standard internazionali (scambio di messaggi in formato XML tramite web services);
  • il riconoscimento delle altre Certification authorities per l’identificazione e la firma digitale;
  • il riconoscimento degli utenti tramite SPID o CNS.

Per ogni dichiarazione vengono distinte le fasi di registrazione, accettazione e attribuzione del controllo (esito CDC e svincolo). L’accettazione della dichiarazione è notificata al dichiarante attraverso l’attribuzione del numero di registrazione Master Reference Number (MRN).

Attraverso il servizio Import disponibile nella “Piattaforma di accoglienza” l’operatore economico può presentare una dichiarazione doganale (operazione “invio Dichiarazione”), chiederne la revisione su istanza di parte (operazione “rettifica Dichiarazione”) o l’annullamento (operazione “annulla Dichiarazione”). La presentazione di una dichiarazione avviene per il tramite del servizio “invio Dichiarazione”, valorizzando l’insieme dei dati in base alla tipologia di dichiarazione che si sta inviando.

Si riepilogano in nuovi messaggi per l’importazione:

  • H1 Dichiarazione di immissione in libera pratica e regime speciale – uso specifico – dichiarazione di uso finale
  • H2 Dichiarazione di deposito doganale
  • H3 Dichiarazione di ammissione temporanea
  • H4 Dichiarazione di perfezionamento attivo
  • H5 Dichiarazione di introduzione di merci nel quadro degli scambi con i territori fiscali speciali
  • H6 Dichiarazioni in dogana nel traffico postale per l’immissione in libera pratica
  • H7 Dichiarazioni in dogana per l’immissione in libera pratica di spedizioni che beneficiano di una franchigia dal dazio all’importazione a norma dell’articolo 23, paragrafo 1, o dell’articolo 25, paragrafo 1, del Regolamento (CE) n. 1186/2009
  • I1 Dichiarazione semplificata
  • I2 Notifica di presentazione in dogana delle merci in caso di iscrizione nelle scritture del dichiarante o nel quadro di dichiarazioni in dogana inoltrate prima della presentazione delle merci all’importazione

Si ricorda che trattasi di una fase di sperimentazione operativa, introdotta con la nota prot. n. 68673/RU del 27 febbraio 2020, volta a testare i nuovi servizi adeguando i sistemi aziendali degli operatori economici per il corretto dialogo con il sistema reingegnerizzato.