27 Marzo 2020

Decreto Cura Italia: oggi l’ultimo speciale dedicato ai partecipanti di Master Breve e agli abbonati Evolution

di Sergio Pellegrino Scarica in PDF La scheda di EVOLUTION

Dopo la pubblicazione dei primi 7 video per spiegare le novità più significative del decreto Cura Italia, oggi gli ultimi 3 video che abbiamo predisposto per i partecipanti di Master Breve e per gli abbonati di Evolution.

Questi i temi trattati.

 

LA SOSPENSIONE DELL’ATTIVITÀ DEGLI UFFICI

Nel primo video vengono analizzate le misure di sospensione dell’attività degli uffici, disciplinata nell’ambito dell’articolo 67 del decreto Cura Italia.

L’intera attività degli uffici viene sospesa nel periodo che va dall’8 marzo 2020 al 31 maggio 2020, con la sospensione dei termini relativi all’attività di liquidazione, controllo, accertamento, riscossione e contenzioso da parte degli uffici degli enti impositori (così come i termini per le risposte agli interpelli).

Nel contempo è stato previsto, inopinatamente, un allungamento dei termini di prescrizione e decadenza di due anni.

 

LA SOSPENSIONE DELLE CARTELLE ESATTORIALI

Nel secondo video viene analizzata la sospensione delle cartelle esattoriali e più in generale dell’attività dell’Agenzia delle Entrate Riscossione.

La disposizione sospende i pagamenti che riguardano cartelle esattoriali, accertamenti esecutivi, avvisi di addebito Inps, ingiunzioni di enti locali con scadenze nel periodo che va dall’8 marzo 2020 al 31 maggio 2020: i relativi versamenti dovranno essere effettuati entro il 30 giugno 2020.

Non sembrerebbero invece oggetto di differimento i versamenti relativi agli avvisi bonari.

È importante sottolineare come, durante il periodo di sospensione, l’Agenzia delle Entrate Riscossione non potrà notificare nuove cartelle o attivare procedure cautelari o di natura esecutiva, mentre proseguirà regolarmente l’esame delle nuove istanze di rateazione presentate da parte dei contribuenti.

Il periodo di sospensione riguarda anche la rata della rottamazione-ter scadente il 28 febbraio e quella del saldo stralcio con scadenza 31 marzo, che slittano al 1° giugno.

 

LA SOSPENSIONE DEL CONTENZIOSO TRIBUTARIO

Nell’ultimo video, infine, vengono passate in rassegna le misure di sospensione che interessano il contenzioso tributario.

Le udienze sono spostate d’ufficio a dopo il 15 aprile, mentre i termini processuali sono sospesi dalla data del 9 marzo alla data del 15 aprile.

Nell’ambito della circolare 5/E/2020 e della circolare 6/E/2020 troviamo i primi chiarimenti forniti dall’Agenzia delle Entrate in relazione all’applicazione delle disposizioni per il pagamento degli importi dovuti a seguito di accertamenti esecutivi e per la sospensione dei termini nel caso di accertamento con adesione.