28 Gennaio 2016

Commercial banks and investment banks: come tradurre ‘banca’ in inglese

di Elena VaccariStefano Maffei Scarica in PDF

Il tema di oggi è all’apparenza piuttosto semplice: sappiamo tutti che la traduzione in inglese di banca è bank. E sappiamo anche, credo, utilizzare il termine in numerose espressioni come bank account (conto corrente bancario) o bank guarantee (garanzia bancaria o fideiussione). Capita spesso di informare un cliente straniero dei propri dati bancari in vista (si spera) di un imminente pagamento: please find attached our bank details.

Nonostante le polemiche di questi mesi, parlare di banche dovrebbe essere sempre motivo di orgoglio (pride) per gli italiani, visto che the origins of modern banking can be traced (essere fatte risalire) to medieval Italy and to the rich northern cities like Florence, Lucca, Siena, Venice and Genoa.

In realtà, definire le banche è faccenda piuttosto complicata se si guarda all’attività specifica dell’istituto di credito: con riferimento, per esempio, all’erogazione di prestiti (ricordiamo che dare in prestito si traduce to lend) potrete imbattervi nell’espressione lending institutions. Con riferimento invece alla raccolta di depositi (che tipicamente si distinguono in checking e saving accounts) si parla talvolta di depository institutions.

Un’altra distinzione importante – ma complicata – è quella tra le comuni banche commerciali (commercial banks) e le c.d. investment banks. Queste ultime nascono come soggetti che non prestano servizi a persone fisiche ma a società, istituzioni pubbliche e istituzioni finanziarie, e in particolare servizi volti ad assisterle nella raccolta di capitale, tramite l’emissione di titoli di credito (securities) sia nella forma di azioni (shares) sia nella forma di obbligazioni (bonds). L’attività di investment banking si basa generalmente su servizi di consulenza legale, fiscale e finanziaria e di assistenza nelle operazioni finanziarie di maggior entità, come fusioni e acquisizioni (mergers and acquisitions). La distinzione tra commercial bank e investment bank è storicamente radicata nel fatto che con il Glass-Steagall Act del 1933 la legge statunitense aveva imposto una separazione dei due tipi di banche, perché si riteneva che la commistione dei servizi ordinari di deposito con quelli finanziari/speculativi avesse portato alla grande depressione degli anni ‘20. La legge in questione è stata abrogata da Bill Clinton nel 1999, come ultimo atto formale prima di lasciare la Casa Bianca, e da allora le banche americane possono di nuovo offrire entrambi i servizi. Anche in Italia, oggi, alcune grandi banche commerciali dispongono al loro interno di un dipartimento dedicato proprio all’investment banking.

Chiudiamo con un proverbio piuttosto attuale: if you owe the bank $100 (se devi 100 dollari ad una banca), that’s your problem. If you owe the bank $100M (se devi alla banca 100 milioni di dollari), that’s the bank’s problem.

Per approfondimenti sull’inglese giuridico e commerciale visitate il sito di EFLIT su www.eflit.it

Commercial banks and investment banks