SOCIETÀ E BILANCIO

L’adeguato assetto organizzativo, amministrativo e contabile nelle Pmi – II° parte

Nel predisporre gli adeguati assetti organizzativi, l’organo amministrativo deve definire: i processi aziendali, intesi come l’insieme delle attività poste in essere con ordine logico ed una sequenza temporale ben definita per il raggiungimento di un obiettivo specifico; le procedure aziendali intese come regole da seguire per lo svolgimento, durante i processi, di determinate attività; la…

Continua a leggere...

Il fallimento del socio illimitatamente responsabile

L’articolo 147 L.F. stabilisce che il fallimento di una società in nome collettivo, società in accomandita semplice e società in accomandita per azioni produce anche il fallimento per estensione dei soci illimitatamente responsabili, anche se non persone fisiche. La dichiarazione di fallimento coinvolge non solo i soci esistenti a quella data, ma anche quelli il…

Continua a leggere...

L’adeguato assetto organizzativo, amministrativo e contabile nelle Pmi – I° parte

Il nuovo codice della crisi di impresa, con l‘introduzione dell’articolo 2086, comma 2, cod. civ., ha introdotto l’obbligo per tutti gli imprenditori che operano in forma societaria o collettiva di istituire un assetto organizzativo, amministrativo e contabile adeguato alla natura e alle dimensioni dell’impresa, anche in funzione della rilevazione tempestiva della crisi dell’impresa e della…

Continua a leggere...

Modalità di correzione degli errori in bilancio secondo l’Oic 29

La correzione degli errori non è disciplinata dalla normativa civilistica: è pertanto necessario fare riferimento a quanto previsto dall’Oic 29 (“Cambiamenti di principi contabili, cambiamenti di stime contabili, correzione di errori, fatti intervenuti dopo la chiusura dell’esercizio”), nella sua versione aggiornata di dicembre 2017. Un “errore” consiste nell’impropria o mancata applicazione di un principio contabile…

Continua a leggere...

La continuità aziendale come finalità del concordato preventivo

Il nuovo codice della crisi e dell’insolvenza interviene in modo organico sulla disciplina del concordato preventivo, con lo scopo di rendere chiara la finalità di attuazione dell’istituto, ribadendo la centralità del concordato in continuità rispetto a quello liquidatorio. L’innovazione legislativa iniziata nel 2012 con l’introduzione dall’articolo 186-bis L.F., mutava la finalità del concordato fino ad…

Continua a leggere...

Contenuto e criticità del concordato di gruppo

L’articolo 284 CCII stabilisce che la domanda di accesso al concordato preventivo di gruppo o di accordo di ristrutturazione può prevedere la predisposizione o di un unico piano, oppure di piani distinti per ciascuna società del gruppo che siano comunque reciprocamente collegati. A tal proposito è ragionevole domandarsi quale debba essere il contenuto del piano…

Continua a leggere...

Procedura di esdebitazione e pagamento parziale dell’Iva

Con ordinanza depositata il 14 maggio 2018, il Tribunale di Udine sollevava, in relazione agli articoli 3 e 97 della Carta, questioni di legittimità costituzionale dell’articolo 7, comma 1, terzo periodo, L. 3/2012 (Disposizioni in materia di usura e di estorsione, nonché di composizione delle crisi da sovraindebitamento), limitatamente alle parole «all’imposta sul valore aggiunto»….

Continua a leggere...

La gestione della crisi e dell’insolvenza nei gruppi di imprese

Il nuovo CCII ha introdotto la nozione di gruppo di imprese in ambito concorsuale venendo, così, a colmare, un vuoto presente nella legge fallimentare, che rendeva particolarmente complessa e articolata la gestione dell’insolvenza dei gruppi societari. Al fine di dare una definizione di gruppo d’imprese, l’articolo 2, lettera h), CCII richiama sia l’articolo 2497 sia…

Continua a leggere...

Il ruolo dei sindaci e dei revisori nella crisi di impresa – III° parte

Continuando ad analizzare il nuovo ruolo del revisore legale, nell’ambito del nuovo codice della crisi di impresa e dell’insolvenza (D.Lgs. 14/2019) è opportuno soffermarsi sulle peculiarità delle funzioni dell’organo di revisione in considerazioni del D.Lgs. 39/2010 (revisione legale) e del codice civile. Il D.Lgs. 14/2019, al fine di assicurare adeguata tutela ai c.d. stakeholders (investitori,…

Continua a leggere...

Il ruolo dei sindaci e dei revisori nella crisi di impresa – II° parte

Analizzando le funzioni dell’organo di controllo previste dal D.Lgs. 14/2019 (codice della crisi di impresa e dell’insolvenza) si sottolinea l’importanza che assume lo scambio di informazioni con il soggetto incaricato della revisione legale come previsto dall’articolo 2409 septies cod.civ., che richiede ai due organi anche la tempestività dello scambio informazioni rilevanti per l’espletamento dei rispettivi…

Continua a leggere...