CRISI D'IMPRESA

Concordato preventivo approvato dai creditori e condotta fraudolenta del debitore

Con la sentenza n. 14552 del 26/6/2014, la Prima Sezione della Corte di Cassazione ha statuito che l’occultamento o la dissimulazione dell’attivo da parte di una società determina sempre la revoca dell’ammissione al concordato preventivo. Nel caso in esame il Tribunale di Busto Arsizio con la sentenza emessa in data 19 giugno 2012 aveva dichiarato…

Continua a leggere...

Doccia fredda sull’IVA in concordato dalla Corte Costituzionale. Sentenza 225/2014

Del resto, le buone notizie si contano sulle dita di una mano. Dopo che l’art.22, co. 7, del D.L. 91/2014, ha corretto lo “sfortunato” intervento legislativo interpretativo dell’art. 111 L.F. operato all’art. 11, co. 3quater del D.L. 145/2013, sul concordato piomba una nuova tegola dalla Corte Costituzionale, che con sentenza n.225 del 15 luglio 2014…

Continua a leggere...

Fallimento non esteso agli ex soci di Snc

Secondo la recente sentenza n.16169 del 15 luglio 2014 della Cassazione Civile, l’estensione del fallimento di cui all’art. 147 R.D. n. 267 del 1942 non è applicabile ai soci illimitatamente responsabili di una Snc che, in epoca antecedente al fallimento, hanno ceduto le proprie partecipazioni, nonostante detto atto di cessione sia stato risolto dal Tribunale….

Continua a leggere...

Fallimento non esteso agli ex soci di Snc

Secondo la recente sentenza n. 16169 del 15 luglio 2014 della Cassazione Civile, l’estensione del fallimento di cui all’art. 147 R.D. n. 267 del 1942 non è applicabile ai soci illimitatamente responsabili di una Snc che, in epoca antecedente al fallimento, hanno ceduto le proprie partecipazioni, nonostante detto atto di cessione sia stato risolto dal…

Continua a leggere...

Dietrofront sulla prededuzione, il D.L. 91/2014 corregge il tiro

Per fortuna, il D.L. 91/2014, cosiddetto decreto competitività, per effetto di quanto disposto dall’art. 22, co. 7 corregge un precedente intervento del legislatore, che con l’art. 11, co. 3quater del D.L. 145/2013 aveva fornito una preoccupante interpretazione autentica dell’art. 111 L.F. così come richiamato dall’art. 161, co. 7, L.F., limitando in modo potenzialmente consistente l’ambito…

Continua a leggere...

Stop all’esecutività della sentenza se il creditore è in concordato? Ordinanza Tribunale di Palermo del 14.4.2014

La recente ordinanza del Tribunale di Palermo del 14.4.2014 ha riaperto un dibattito, mai sopito, sulla rilevanza del requisito dell’insolvenza ai fini della sospensione dell’efficacia esecutiva della sentenza di primo grado, di cui all’art. 283 c.p.c., aggiungendo un elemento ulteriore di incertezza allo sviluppo delle operazioni di liquidazione concorsuale, che già patiscono di diverse ed…

Continua a leggere...

Se sia più sicuro, oggi, promettere di comprare casa. Decreto casa e crisi dell’edilizia non vanno d’accordo

Con il DL 47 del 28.3.2014, convertito con L. 80/2014, è nelle intenzioni stata potenziata la disciplina dell’acquisto di immobili da parte di soggetti privati, così come definiti all’art. 1, co.1, del D.Lgs 122/2005, a suo tempo nata con lo scopo di rendere più sicura la posizione dell’acquirente. Chi si impegni all’acquisto di un immobile…

Continua a leggere...

Per l’Iva in concordato non c’è pace

Una ulteriore questione, non del tutto nuova e tuttavia in consolidamento progressivo apre un nuovo fronte nella gestione del rapporto con l’Amministrazione Finanziaria nei piani concordatari. Si è più volte riferito delle divergenze interpretative sulla falcidiabilità del debito per Iva non corrisposta, in cui giurisprudenza di legittimità e di merito non hanno ancora trovato sintesi….

Continua a leggere...

Per l’IVA in concordato non c’è pace

Una ulteriore questione, non del tutto nuova e tuttavia in consolidamento progressivo apre un nuovo fronte nella gestione del rapporto con l’Amministrazione Finanziaria nei piani concordatari. Si è più volte riferito delle divergenze interpretative sulla falcidiabilità del debito per IVA non corrisposta, in cui giurisprudenza di legittimità e di merito non hanno ancora trovato sintesi….

Continua a leggere...

Banca d’Italia apre, moderatamente, alle imprese in crisi. Ma la via è lunga. Comunicazione del 7 febbraio 2014.

E’ noto come sia intervenuta nel 2012, ad opera del DL 83/2012, convertito con L. 134/2012, una sostanziale modifica della disciplina della crisi di impresa, che ha inciso in particolare sul concordato preventivo. Nasce in quell’occasione, salutata giustamente come una novità dalla portata quasi storica, sia la cosiddetta prenotazione (artt. 161, comma 6, LF e…

Continua a leggere...