CONTABILITÀ

Come contabilizzare il risarcimento dei danni

Nel corso del periodo di imposta può accadere che la società ottenga il risarcimento di un danno ad essa causato da terzi. Il risarcimento, a seconda della natura, può generare: ricavi, nel caso in cui a essere risarcite siano merci, materie prime, semilavorati, ecc., plusvalenze o minusvalenze a seconda che il risarcimento riguardi beni ammortizzabili,…

Continua a leggere...

La contabilizzazione dell’Iva indetraibile e del trattamento Iva della cessione gratuita di beni

In questo intervento ci occuperemo di due casistiche entrambe rilevanti ai fini iva: la contabilizzazione dell’iva indetraibile, il trattamento Iva della cessione gratuita dei beni. Iva indetraibile Nel caso di iva indetraibile occorre distinguere le seguenti diverse fattispecie: Iva oggettivamente indetraibile, come previsto dall’art. 19 del dpr 633/72, Iva indetraibile per opzione ex art. 36bis,…

Continua a leggere...

Come contabilizzare il “bonus 80 euro”

Come sappiamo il decreto n. 66 del 24 aprile 2014 dispone l’erogazione di un bonus fiscale in misura fissa pari a 80,00 euro al mese per i lavoratori dipendenti e assimilati con reddito lordo complessivo tra 8.174,00 e 26.000,00 euro. In particolare, la norma ha previsto che, per il solo periodo d’imposta 2014, venga riconosciuto…

Continua a leggere...

Il riaddebito dei costi sostenuti per conto di terzi

Mandato senza rappresentanza Spesso accade che un soggetto, mandatario, operi, con mandato senza rappresentanza, a favore di altra società, mandante, riaddebitando poi a questa ultima i costi sostenuti. Il sostenimento di spese a favore di altri, ed in particolare il riaddebito, ha un particolare trattamento sia ai fini delle imposte dirette che Iva. Prima di…

Continua a leggere...

I criteri contabili di imputazione delle provvigioni

Come sappiamo ogni ricavo e costo di esercizio soggiace al principio della competenza. Con riferimento al rapporto di agenzia il problema della corretta imputazione dei costi e dei ricavi deve essere analizzato sotto sue diversi profili: la corretta individuazione del momento in cui l’agente deve assoggettare a tassazione le provvigioni maturate; l’individuazione del momento in…

Continua a leggere...

La rilevazione dei canoni di leasing

Il leasing è un’operazione intercorrente tra una società di leasing (locatore o concedente) e un altro soggetto (locatario) con la quale il locatore si impegna a concedere in uso, contro pagamento di un canone, al locatario un bene mobile o immobile, acquisito o costruito, con la facoltà del locatario di acquistarne la proprietà al termine…

Continua a leggere...

La contabilizzazione degli imballaggi

Contabilmente la gestione degli imballaggi dipende dalla natura dell’imballaggio stesso e dal suo utilizzo, ci sono difatti imballaggi che generano costi e ricavi, che sono o meno compresi nel prezzo, che possono essere o meno riutilizzati. In linea generale quindi essi troveranno allocazione tra: le rimanenze se trattasi di imballaggi venduti insieme alla merce, le…

Continua a leggere...

La rilevazione degli interessi impliciti

Il tema degli interessi impliciti attivi e passivi è affrontato, rispettivamente, dal documento OIC 15 al § D.III e dal documento OIC 19 al § M.XI. L’assunto di partenza è il seguente: se un credito (leggasi anche debito), derivante da una normale transazione commerciale, ha una scadenza di pagamento insolitamente lunga rispetto a quella definita…

Continua a leggere...

La rilevazione contabile di ratei, risconti, costi e ricavi anticipati – parte II

Riprendiamo il nostro approfondimento dai ratei. In particolare i ratei attivi misurano quote di proventi la cui integrale liquidazione avverrà in un successivo esercizio, ma di competenza, per la parte da essi misurata, dell’esercizio a cui si riferisce il bilancio. Al contrario i ratei passivi misurano quote di costi la cui integrale liquidazione avverrà in…

Continua a leggere...

La rilevazione contabile di ratei, risconti, costi e ricavi anticipati

Alla data odierna i bilanci approvati nei 120 giorni, entro cioè il 30 aprile, risulteranno essere tutti depositati. Per le società per le quali si è applicato, secondo le disposizioni di legge, il termine più ampio dei 180 giorni, il bilancio dovrà essere approvato entro il prossimo 30 giugno. Sicuramente, anche in questo ultimo caso,…

Continua a leggere...