REDDITO IMPRESA E IRAP

Adempimenti a seguito del decesso del professionista

In caso di  decesso di un professionista ci sono una serie di  adempimenti che gli eredi dello stesso devono porre in essere per “concludere” l’attività di lavoro autonomo esercitata e per dichiarare i relativi redditi. Poiché l’attività professionale, a differenza di quella imprenditoriale, cessa con la morte del professionista, innanzitutto  entro 30 giorni dalla morte del professionista, gli…

Continua a leggere...

Svalutazione dello 0,5% deducibile anche per i crediti relativi a SAL in corso di esecuzione

La Corte di Cassazione con la sentenza n. 3940 del 14 febbraio 2014 ha risolto positivamente per il contribuente una controversia con l’Amministrazione Finanziaria che si riferiva alla contestata inclusione nel montante assunto come riferimento per il calcolo della svalutazione crediti deducibile ai sensi dell’articolo 71 del Tuir, nei limiti dello 0,5% dell’ammontare complessivo dei…

Continua a leggere...

Non c’è pace per la deducibilità degli interessi passivi relativi a tributi

Il tema della deducibilità degli interessi passivi collegati al ritardato versamento dei tributi (fenomeno assolutamente frequente anche e soprattutto per la possibilità di fare ricorso allo strumento del ravvedimento operoso) è stato nel tempo oggetto di interpretazioni non sempre univoche da parte dell’Amministrazione finanziaria. Dopo che negli ultimi anni la situazione pareva – anche in…

Continua a leggere...

Cessione d’azienda: per la Cassazione non c’è plusvalenza senza incasso

Negli ultimi tempi si è spesso sottolineata l’attenzione dimostrata dai Giudici della Corte di Cassazione ad attenuare la rigidità formale di alcune norme con l’obiettivo di fronteggiare la nota situazione di crisi di liquidità delle imprese. Caso tipico, quello del reato di omesso versamento IVA: anche all’interno di questo quotidiano si sono più volte commentate…

Continua a leggere...

La mancata indicazione dei costi black list in dichiarazione e il regime sanzionatorio

Abbiamo visto nei precedenti contributi dedicati al regime di (in)deducibilità dei costi black list come, in presenza di operazioni realizzate con soggetti “paradisiaci”, sia necessario indicare i componenti negativi in dichiarazione effettuando una variazione in aumento nel quadro RF per poi eventualmente, se sussistono le esimenti, apportare una variazione in diminuzione per dedurre il costo….

Continua a leggere...

La ricerca delle esimenti per la deduzione dei costi black list

Nel contributo della scorsa settimana abbiamo evidenziato quelli che sono gli elementi essenziali del regime di indeducibilità delle spese e degli altri componenti negativi derivanti da operazioni con soggetti black list. Oggi ci concentriamo invece sulle esimenti, che consentono all’impresa residente che sostiene il costo di operarne la deduzione e di effettuare “serenamente” quella variazione…

Continua a leggere...

La gestione (attenta) dei costi black list

Quando ci troviamo di fronte a clienti che hanno rapporti con soggetti black list, sappiamo bene come le spese e gli altri componenti negativi correlati alle operazioni poste in essere debbano essere analizzati con grande attenzione. Vanno innanzitutto “evidenziati” nella compilazione del quadro RF del modello Unico attraverso una variazione in aumento (da effettuare nel…

Continua a leggere...

La gestione (attenta) dei costi black list

Quando ci troviamo di fronte a clienti che hanno rapporti con soggetti black list, sappiamo bene come le spese e gli altri componenti negativi correlati alle operazioni poste in essere debbano essere analizzati con grande attenzione. Vanno innanzitutto “evidenziati” nella compilazione del quadro RF del modello Unico attraverso una variazione in aumento (da effettuare nel…

Continua a leggere...

Le rettifiche di consolidamento nel quadro GN: gli interessi passivi “eccedenti”

Il consolidato fiscale è una modalità di tassazione concessa ai gruppi societari la cui disciplina è regolata negli artt. 117-129 del Tuir., che si perfeziona con specifica opzione su modello dell’Agenzia delle Entrate (D.M. 9 giugno 2006) con validità triennale. Il consolidato consente di far sorgere un’unica obbligazione tributaria a fronte di una moltitudine di…

Continua a leggere...

Le spese di sponsorizzazione costituiscono spese di rappresentanza o spese di pubblicità?

Non è facile tracciare un confine di demarcazione rigido nel caso in cui ci si approcci alla sempre più delicata questione della corretta qualificazione delle spese di sponsorizzazione nelle DIVERSE categorie delle spese di rappresentanza da un lato, e delle spese di pubblicità e di propaganda dall’altro. Da tale qualificazione, come noto, ne deriva un…

Continua a leggere...